Legend

Media utenti
Titolo originale: Legend
Anno: 2015
Note: Dalla biografia "The Profession of Violence: The Rise and Fall of the Kray Twins", scritta nel 1972 da John Pearson. Le vicende dei gemelli Kray, figure di rilievo nella storia criminale londinese degli anni '50 e '60, già portate sullo schermo nel 1990 con "The Krays - I corvi".
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/01/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ugopiazza 14/11/16 01:20 - 118 commenti

I gusti di Ugopiazza

Parte letteralmente con la quinta ingranata: sino al termine della prima metà di potrebbe pensare di assistere a un nuovo Quei bravi ragazzi. I problemi cominciano con la seconda: la narrazione diventa più rarefatta e il film dimostra tutte le sue difficoltà nel narrare una storia di ascesa e discesa in maniera fluente e credibile. Ma può contare su un'ancora di salvezza non da poco: la duplice interpretazione di Tom Hardy è qualcosa di impeccabile e magistrale e basta da sola a compensare per tutti i difetti. Da vedere anche solo per questo.
MEMORABILE: La scazzottata nel bar con la gang rivale a base di martelli e tirapugni; Reggie in carcere; La schizofrenia di Ron; Kray contro Kray.

Daniela 20/01/16 08:49 - 8964 commenti

I gusti di Daniela

Per raccontare ascesa e caduta dei gemelli Kray, H. può contare su un attore duttile come Hardy, eccellente nelle vesti del fascinoso Reggie e soprattutto dello psicopatico Ron. La sua prestazione giustifica ampiamente la visione di un film che però, per il resto, sa di occasione mancata. La narrazione, che viene affidata quasi sempre al punto di vista della donna amata da Reggie, privilegia il lato sentimental/matrimoniale rispetto a quello criminale. Troppo glamour e troppo poco sangue ed è un peccato perché è proprio nelle scene di violenza che il film risulta più caustico e convincente.
MEMORABILE: La rissa al night fra i due fratelli; Lo sguardo di Ron durante il confronto con la testimone dell'omicidio

Capannelle 7/03/16 00:52 - 3667 commenti

I gusti di Capannelle

Tom Hardy sdoppiato, seducente come fratello "normale" ma forse si ricorderanno di più alcune battute e sguardi di quello schizzato. Una regia attenta e un buon lavoro di ambientazione che fanno passare le due ore pur non riuscendo a smarcarsi completamente dai tanti gangster movie già visti (anche perché l'affermarsi delle bande malavitose segue passi simili sulle due rive dell'Oceano).

Saintgifts 7/03/16 19:38 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Londra Anni Sessanta, riconoscibili dalle auto, da qualche minigonna (poche) e da una buona colonna sonora dalla quale sono assenti i Beatles (in compenso c'è la strafamosa soundtrack di Scandalo al sole). Tom Hardy fa senz'altro un ottimo lavoro, mentre resta qualche perplessità sul doppiaggio di Ron, che giudico poco riuscito rispetto all'originale. Buona invece la ricostruzione dell'ambiente malavitoso anglosassone e del diverso modo di agire: si nota soprattutto nel paragone con quello americano cui il cinema ci ha più abituati.

Belfagor 16/05/16 09:02 - 2617 commenti

I gusti di Belfagor

Il proteiforme Hardy si sdoppia per interpretare i due gemelli Kray, gangster londinesi con personalità contrastanti: l'ambizioso e ipocrita Reggie e l'instabile ma, a modo suo, onesto Ron. Le buone performance e l'atmosfera tragicomica conferiscono al film una discreta identità rispetto alle svariate pellicole dello stesso genere, ma la storia si diluisce inutilmente a causa di una durata eccessiva. Ben calcolate e per questo efficaci, le scene violente.
MEMORABILE: "Uno schizofrenico paranoide entra in un bar..."

Jandileida 30/10/16 08:32 - 1220 commenti

I gusti di Jandileida

Tolta la doppia solida interpretazione di Hardy (meglio il fascinoso malandrino del mattocchio, troppo carico) rimane ben poco: si è puntato tutto sulle differenze caratteriali dei due gemelli dimenticando la storia che è praticamente inesistente e quel poco che c'è è un cumulo di situazioni già viste molto spesso altrove. In più l'ultima mezz'oretta più che un film di gangster sembra una soap uruguaiana e tramortisce lo spettatore con una durata improponibile per il poco che la storia aveva d'offrire. Buona la ricostruzione ambientale ma non basta.

Galbo 15/11/16 05:50 - 11271 commenti

I gusti di Galbo

La storia dei Kray, gemelli criminali nella Londra degli anni ’60. Film tecnicamente ben fatto e con una pregevole ricostruzione ambientale, si avvale della “camaleontica” interpretazione di Hardy, nel doppio ruolo di Ronnie e Reggie. L’attore da il meglio di se nella parte del primo, personalità disturbata e vera e propria “scheggia impazzita” criminale. Purtroppo il film non ha una cifra narrativa e stilistica propria e finisce per ricordare molte pellicole simili forse per scarsa personalità del regista. E’ comunque meritevole di visione.

Redeyes 13/03/17 08:57 - 2122 commenti

I gusti di Redeyes

Ormai divento poco attendibile sul mio pupillo Hardy ma anche questa pellicola non delude affatto. Il macho Tom si sdoppia, vestendosi perfettamente da fascinoso e forse caricando un po' troppo lo schizzato Ron, che comunque offre ottimi passaggi. La storia ha un buon ritmo che scema leggermente nel finale. Si apprezza un approccio che non cela la violenza ma che nemmeno ne fa un passe-partout per la riuscita; parallelamente la figura di Francis è centrale ma non fa virare la storia nel mieloso. Ottimo gangsta-movie londinese.

Kinodrop 18/10/17 18:32 - 1387 commenti

I gusti di Kinodrop

Alcune vicende della storia criminale di due gemelli malavitosi nella Londra degli anni '60 interpretati con disinvoltura dal medesimo attore Tom Hardy. Un gangster movie tirato per le lunghe senza che nessun evento emerga, se non la ripetizione di cliché ampiamente sfruttati sullo sfondo di una grossolana psicologia con contorno di adeguata storia sentimentaloide. Unici elementi d'interesse le location e la ricostruzione ambientale, inutilmente accurate per l'esiguità della trama. Snervante la durata e dialoghi sovrabbondanti. Senza personalità.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.