Le mani di una donna sola

Media utenti
Anno: 1979
Genere: erotico (colore)
Note: Distribuito in VHS (Shendene & Moizzi - ciclo "Malizia")
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/05/08 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 6/05/08 18:09 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Saffica benestante e tenutaria di un albergo corteggia e seduce la piacente moglie di uno scrittore. I rapporti omoerotici (!?) tra donne proseguono sino all'inatteso tragico arrivo: dal locale manicomio alcuni pazzi trovano la libertà di compiere azioni efferate ai danni della lesbica. Più volte detto (lo faremo), Nello Rossati merita d'esser rivalutato, per la commistione di vari generi (qua eros, dramma e quasi horror) all'interno dei film che ha diretto. Non fatevi trarre in inganno dal cast: la Hedman è bravuccia ed il film è ben svolto.

Ronax 29/03/12 20:17 - 898 commenti

I gusti di Ronax

Delirante melodramma psicoerotico con un'ancor più delirante virata finale horror, firmato da un regista che, pur nei suoi limiti, ha comunque fatto di meglio. Girato con pochi quattrini e attori di quarta mano, fra cui una prosperosa Marina Hedman (qui ancora Frajese), il film snocciola una serie di insensatezze che i dialoghi pseudo-letterari e la musica ridondante rendono ancor più ridicole. La determinante presenza di un gruppo di pazzi evasi da un manicomio rende più che mai pregnante l'assegnazione al film della qualifica di "demenziale".
MEMORABILE: I vari movimenti del gruppo di pazzi, molto più simili in realtà agli zombie di Romero e di Fulci che a degli umani con problemi psichici.

Fauno 23/05/12 10:59 - 1907 commenti

I gusti di Fauno

Non è di serie zeta, a meno che non ci si limiti ad apprezzarne solo le nudità. Ci sono i risvolti drammatici di un aborto non voluto e un fermo ammonimento a non giocare imprudentemente con chi ha un cervello da neonato e una forza da adulto! E non è il primo film nel quale viene descritta e sottolineata la reazione assolutamente esagerata al tradimento da parte degli omosessuali, lesbiche in particolare. Se 30 anni fa la segregazione poteva in parte far capire il perché della violenza, oggi sarebbe abominevole, quindi spero sia una moda passata...

Rufus68 26/12/17 21:34 - 3049 commenti

I gusti di Rufus68

Massimo rispetto per la libertà di questi autori che, seppur inconsapevolmente, muovono nella più ampia accezione di "scorrettezza politica" (oggi un film come questo sarebbe impossibile, almeno da noi). Purtroppo il raccolto estetico è men che magro: una serie di scenette softcore più imbarazzanti che sexy (per tacere dello stereotipo maior: lo scrittore alcolizzato). La svolta drammatica, poi, lascia il tempo che trova (oltre che essere psicologicamente gratuita). Graziose le tre signore.

Ciavazzaro 26/05/18 01:10 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Interessante. Parte come erotico psicologico salvo poi sconfinare, nella parte finale, nel puro thriller, quasi horror nelle sequenze conclusive. Low budget, ma pone tematiche interessanti e i personaggi sono variegati. Notevole la Hedman viziosa lesbica, discreto Materassi, così così il resto del cast. Molto bella l'ambientazione, sia quella esterna (spiaggia, mare) che quella interna (la grande casa della Hedman). Doppiaggio di qualità, tocchi gore nel finale. Commistione di generi affascinante.
MEMORABILE: Il sanguinoso finale; La Lotar punzecchia Materassi sul promontorio; Il rapporto saffico d'apertura; Le torture sessuali al pazzo; L'ascia.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.