Le malizie di Venere

Media utenti
Titolo originale: Venus im Pelz
Anno: 1975
Genere: erotico (colore)
Note: Aka "Venere nuda". Tratto da "Venere in pelliccia", di Leopold Masoch. Il film è composto da "Venere in pelliccia" più venti minuti di cornice processuale girati da Paolo Heusch.
Numero commenti presenti: 18

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/06/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 9/06/07 00:40 - 4893 commenti

I gusti di B. Legnani

Film costruito con le scene di Venere in pelliccia (bocciato dalla censura tricolore) e altre (istruttoria e fasi processuali) girate appositamente da Huesch per questa edizione, destinata al mercato italiano, richiamando solo il protagonista maschile e la Kasche. Purtroppo si nota fin troppo che è un film Frankenstein, con palesi assurdità (processo in Italia per fatti chiaramente avvenuti in Spagna). Antonelli bellissima, anche se con dentatura non perfetta. Dal massacro della censura si salvano un paio di spunti interessanti, ma il film resta debolissimo.
MEMORABILE: “Cornuto e contento!”

Deepred89 10/06/07 12:57 - 3368 commenti

I gusti di Deepred89

Versione rimontata di "Venere in pelliccia", film del '69 bloccato dalla censura italiana: davvero niente male. Rispetto alla versione originale c'è molto meno sesso e un finale diverso (ma migliore), ma la nuova struttura a flashback rende il film curioso e intrigante. Laura Antonelli comunque è indimenticabile e, nonostante la presenza di qualche punto morto e un protagonista non proprio memorabile, la confezione è ottima, con buona regìa, bella fotografia e musiche spassosissime.

Il Gobbo 12/06/07 10:35 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Dopo la visione dell'originale non si può che incattivire verso questo rimaneggiamento, malgrado rimangano Laura Antonelli e un certo clima malsano. Ma il trait d'union processuale con cast ultra-trash (Venantini insostenibile hippy, Furia e Paul Muller) e le musichette disco, indegne della precdente prova dei Reverberi, sono irredimibili. Un delitto, riscattato in parte dal recupero della versione primigenia. Un pallino e tre quarti, con un pizzico d'indulgenza per chi veda prima (o solo) questa versione.

Homesick 19/11/07 12:01 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’estenuante esercitazione sado-maso della versione orginale del '68, nel '75 si converte in più ordinario dramma erotico-giudiziario a finale tragico (ma almeno così lo sventurato Vallée si fa furbo!), ferma restando una Laura Antonelli biondissima e ninfomane. La parte di ambientazione lacustre è intervallata dalle sequenze aggiunte del processo, che ricostruiscono la vicenda scremandola degli aspetti più scabrosi e violenti. In tribunale compaiono Furia, Muller, Venantini e la Horowitz. Al solito ottime le cangianti ed appropriate musiche di Reverberi.
MEMORABILE: La testimonianza di Venantini, in tenuta hippy e doppiato in esilarante bolognese.

Fauno 21/09/09 15:25 - 1981 commenti

I gusti di Fauno

Questo è un superfilm che non mi stancherò mai di rivedere. Andiamo a raffica nella sua hit parade... Venantini che recita con l'accento bolognese meglio di Gassmann; il protagonista non psicopatico ma debole e mite fino al prossenetismo; le deliranti fantasie di un'Antonelli stupenda e abominevole allo stesso tempo; la scena integrale del fatto di sangue, da annali del cinema; nessuno degli attori che fa cilecca. Mi è parso di esserci anch'io. Massimo, hai fatto un capolavoro!!!
MEMORABILE: Tutto, ma su tutti il racconto della testimone chiave...

Bruce 9/12/09 12:05 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Laura Antonelli al suo massimo: bella, intrigante, perversa e crudele. Dallamano dirige con stile la vicenda dell'amante sottomesso e disposto a tutto per non perderla. Niente di così scandaloso né, in verità, di straordinario. Vedibile, ma nulla di più.

Capannelle 29/12/09 09:01 - 3838 commenti

I gusti di Capannelle

Pellicola dalla storia e dai contenuti particolari: due versioni differenti causa censura, titolo e anno di uscita modificati, qualche parallelo con un contemporaneo lavoro di Jess Franco. Elementare in alcuni passaggi e forse criticabile come insieme (complice il rimontaggio), offre però godibilissimi accenti romantico-sexy grazie alla Antonelli e al complesso rapporto tra lei e il protagonista. Meritevole anche la "scena del crimine" che si rivela nel finale.

Trivex 6/01/11 14:58 - 1548 commenti

I gusti di Trivex

Visionata la versione italiana censurata, con processo e finale violento. Comunque il film è morboso e neanche poco, nelle immagini e nel linguaggio (patinato ma esplicito). Girato con grande mano, presenta la mitica e qui biondissima Laura, bella come non mai, seducente ed alcune volte patetica nella sua ricerca continua della felicità (che ovviamente non trova). La villa delle orge, qui poco visibili, è adatta al sostanzioso avanzo di sesso che deve per forza trovare luogo di espressione. Le due donne ed il vizioso drogato, sono il complemento ideale.

Ciavazzaro 8/12/11 21:09 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Un capolavoro. Titolo essenziale per gli amanti del cinema bis e non solo. Laura Antonelli nella sua migliore interpretazione: bellissima e spietata, convincente anche il buon Duval, da citare Renate Kasche rossa cameriera lesbica. Gli ultimi 10 minuti (soprattutto il violento flashback rivelatore) sono superbi. La seconda versione risulta molto inquietante e sporca (anche grazie alle stupende musiche), più della prima nonostante essa sia più generosa nelle scene di nudo. Indispensabile.
MEMORABILE: La scena col pittore che nella seconda versione assume un notevole senso di marciume; Il flashback finale in bianco e nero; Stracult Muller e Venantini.

Daidae 15/01/12 17:25 - 2829 commenti

I gusti di Daidae

Non quel capolavoro di cui parlano molti in rete e nei siti specializzati, ma comunque un ottimo film. La parte del leone la fa ovviamente la Antonelli, che non per niente fu il sogno erotico degli italiani per molto tempo. Bel film che con la storia del processo aggiunto e nonostante la censura, risulta intrigante e erotico. Da vedere.
MEMORABILE: Il finale, l'omicidio.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Stefania 19/01/12 00:45 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Inevitabile il confronto con la versione originale: la cornice "processuale" non giova alla fluidità del racconto e ne banalizza il senso: il masochismo del protagonista è qui meno cerebrale, quindi meno morboso, inoltre nell'originale il mood era a tratti quasi onirico, da fantasy erotico, nebuloso il confine tra immaginazione e realtà, mentre qui ci sono troppi... riscontri oggettivi! Finale melodrammatico, noiosamente risolutorio, meglio quello dell'originale: assolutorio! Non un brutto film, ma si nota lo sforzo di rassicurare i censori, risultando... accomodante!
MEMORABILE: I testimoni al processo: il campeggiatore bolognese e la signora pettegola, che risate! Il flash back del delitto, la furia selvaggia dell'Antonelli.

Dusso 24/01/12 10:20 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Visto alcuni mesi dopo l'originale del 1968, è un film che lascia il tempo che trova. L'inizio è anche promettente, ma poi inevitabilmente i confronti con l'originale non fanno che rendere l'opera poco riuscita stravolgendo il tutto e rendendola poco riuscita. Finale scontato.

Saintgifts 29/01/12 15:13 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Quando la censura ottiene il contrario di quello che si prefigge. Nella versione "castigata" si è aumentata la morbosità: tutti voglione vedere tutti vogliono sapere (il compagno di cella, gli avvocati, i giudici, le cameriere... tutti guardoni e falsi moralisti). Costruito naturalmente sul corpo della Antonelli e sulla sua capacità di apparire dolce, casta e assatanata di sesso allo stesso tempo; ma è l'unica nota di merito di questo lavoro...

Lucius 13/03/12 00:42 - 2885 commenti

I gusti di Lucius

Anche se può sembrare cosa non facile bisognerebbe visionare il film senza cercare di fare il paragone con Venere in pelliccia, per carpirne la personalità. La Antonelli, beh... mai visto un'attrice interpretare una ninfomane con tanta eleganza e classe; l'impronta è quello di un giallo morboso, non solo nei dialoghi. Nonostante lo sforzo della produzione di togliere gli elementi scabrosi presenti nella versione originale, restano immutati l'eleganza, la perversione, il vouyerismo. Poco sfruttata la location della villa. Perverso.

Samdalmas 15/06/15 14:19 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Film travagliato girato da Massimo Dallamano nel '69 e rieditato sei anni dopo con una nuova parte processuale. Laura Antonelli è la ninfomane e libertina Wanda. Rivive nei flashback in tutta la sua bellezza accanto all'amante/schiavo Régis Vallée. Questa versione rimaneggiata punta di più sul thriller ma resta un dramma erotico a tinte forti imperdibile per gli amanti della divina Laura.
MEMORABILE: L'orgia nella villa e il tragico epilogo.

Herrkinski 3/07/15 04:03 - 5622 commenti

I gusti di Herrkinski

L'originale aveva la sua - seppur discutibile - ragione d'essere nelle ripetute performance sessuali della Antonelli e nel patetismo esilarante del personaggio di Vallée (memorabili i suoi dialoghi off-screen), ma in fin dei conti si salvava per la psichedelica mezz'ora finale; questo rimontaggio, epurato di molte scene "scabrose", guadagna in ritmo ma finisce per annoiare ugualmente, se non di più; se infatti i dialoghi vengono migliorati e Vallée non passa per un fesso, il lato trash così latita e la parte finale non vale quella del prototipo.

Giacomovie 19/09/17 19:36 - 1361 commenti

I gusti di Giacomovie

Non male l'idea di rielaborare il materiale del film del 1969 per aggirarne gli ostacoli censori. Ne è uscita una pellicola di diversa impostazione a causa dell'introduzione delle parti processuali. Anche se l'alterazione del montaggio lo fa sembrare un altro film, è comunque un'operazione interessante se si ha la possibilità del confronto con la pellicola originale, rispetto alla quale è un po' più noioso, meno erotico e a tratti più teso.

Faggi 16/09/18 18:32 - 1513 commenti

I gusti di Faggi

Al netto delle avversità censorie (quindi produttive) - e pur affascinati dai movimenti di macchina di Dallamano, dal fulgore di Laura Antonelli, dai bei colori e dalla notevole musica - il film, purtroppo, è crivellato da difetti. La cornice processuale è più un mero espediente per rieditare l'oggetto che un efficace valore formale (o, più semplicemente, narrativo). Va anche detto che l'ascendenza da Masoch appare se non campata in aria almeno superficiale. Ma come resistere all'attrazione dell'aura d'epoca? Impossibile; e la visione scorre.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 4/11/12 15:56
    Addetto riparazione hardware - 3629 interventi
    Se c'eran scene giudiziarie allora ho visto automaticamente quella del 1975?


    Perchè in quella del 1969 non c'erano?


    L'ho visto ieri su Italia 53...
  • Discussione Raremirko • 4/11/12 15:57
    Addetto riparazione hardware - 3629 interventi
    Avrei forse a dispozione anche una, credo del 1969, che si chiama Venus in furs

    Che casino però eh
  • Discussione Ciavazzaro • 4/11/12 16:56
    Scrivano - 5621 interventi
    Si le giudiziarie furono girate apposta per la seconda versione 6 anni dopo.
  • Musiche Lucius • 23/01/17 09:14
    Scrivano - 8447 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 23/01/17 13:40 da Zender
  • Homevideo Mco • 14/07/17 00:41
    Scrivano - 9713 interventi
    La vulgata Capri TelevisiON consta di 83 minuti di durata.
  • Discussione Caesars • 5/09/18 10:54
    Scrivano - 12438 interventi
    Vedo che tra i registi figura anche (n.c.) Paolo Heusch. Nella scheda Imdb non è indicato (ma per i film italiani non è che sia attendibile al 100%), siamo però sicuri della cosa?
  • Discussione Buiomega71 • 5/09/18 11:08
    Pianificazione e progetti - 22536 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Vedo che tra i registi figura anche (n.c.) Paolo Heusch. Nella scheda Imdb non è indicato (ma per i film italiani non è che sia attendibile al 100%), siamo però sicuri della cosa?

    Heusch girò le parti processuali nella versione rimaneggiata VENERE IN PELLICCIA ( è scritto pure nelle note della scheda)
    Ultima modifica: 5/09/18 11:09 da Buiomega71
  • Discussione Caesars • 5/09/18 12:04
    Scrivano - 12438 interventi
    Grazie della risposta Buio. Non mi ero proprio accorto che la cosa fosse già stata inserita nelle note (l'eta avanza...)
  • Discussione Zender • 5/09/18 15:28
    Consigliere - 44329 interventi
    Sì, sempre bene guardare prima nelle note, comunque se ne è discusso anche in homevideo. Una vecchia storia insomma :)
  • Discussione Caesars • 5/09/18 15:42
    Scrivano - 12438 interventi
    Prima di domandare mi ero letto tutto quanto scritto qui in Discussione Generale, ma non ho pensato a guardare in altre discussioni e (grave lacuna da parte mia) nelle note. Chiedo venia.