LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 11/05/07 10:57 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Aiutato da mastro Bava, che regala al film un aspetto visuale stupefacente (e, dicono i maligni, gira molte sequenze mentre il regista fa la pennichella), Pietro Francisci salva il cinema italiano dalla bancarotta in arrivo e avvia la fase più bella e rimpianta della sua storia. Classicissimo, seminale, ovviamente disinvolto (diciamo) nella rivisitazione della mitologia. Steve Reeves sarà il miglior muscolone, forse anche per il fascino del capostipite. Fondamentale.

G.Godardi 28/05/07 18:49 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Cicli e ricicli d'Italia: si prende un genere di cui eravano i campioni nel periodo del muto (il peplum), se ne estrapola il personaggio simbolo (là era il dannunziano Maciste, simbolo del fascismo assieme al suo "alter ego" Mussolini dei cinegiornali luce) e lo si riveste di una patina d'allegro espressionismo metafisico. Grazie ad un'abile e ironica sceneggiatura (De Concini) che riesce a schivare lo schematismo del film, a prove e soprattutto ad un apparato iconografico di prim'ordine: gli effetti speciali di Bava e le scenografie di Mogherini. Apripista.
MEMORABILE: Il combattimento col leone e quello finale col simil godzilla: due esempi degli straordinari effetti speciali caserecci di Bava.

Homesick 10/01/12 17:47 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dopo la morta stagione degli eroi del muto partoriti da Cabiria, ecco l’archetipo del kolossal italiano degli anni Cinquanta-Sessanta, che trae libero spunto dalla mitologia greca – le “Argonautiche” di Apollonio Rodio e tre delle dodici fatiche di Ercole – per creare un genere nuovo conciliante avventura, romanticismo e fantasy, destinato ad ottenere vasta popolarità. In mezzo ai colori pastosi e agli effetti speciali di Bava si stagliano alcuni attori simbolo del peplum come il forzuto Reeves, il tracotante Palmara, l’usurpatore Garrani e l’ammaliatrice Canale.
MEMORABILE: Ercole che abbatte i nemici con le catene che lo tenevano prigioniero.

B. Legnani 30/07/12 18:05 - 4856 commenti

I gusti di B. Legnani

Fantasmagoria di colori, trionfo della cartapesta, sagace uso di luoghi laziali. Si frullano vincende e personaggi della mitologìa con accostamenti sorprendenti. Azzeccato il forzuto (il doppiaggio di Cìgoli aiuta molto). I dialoghi sono tonitruanti, ma hanno almeno una certa coerenza nella costanza. Personaggi spesso monodimensionali, anche con involontario effetto umoristico (Palmara). Spettacolosa la Koscina. Facce amabili nelle seconde e terze linee (la Rovere, la Quattrini bimbetta - in compagnia dell'onnipresente Martufi - la Paluzzi!). Non funzionano i gruppi di persone, che si muovono come Qui, Quo e Qua. Facendo la tara al tempo, si può dare **½

Galbo 12/07/13 21:59 - 11543 commenti

I gusti di Galbo

Peplum all'italiana per eccellenza e grande successo commerciale, rielabora la mitologia molto liberamente. Il risultato è ovviamente molto ingenuo narrativamente (e oggi definitivamente superato) ma non male visivamente grazie ad un apparato tecnico di prim'ordine. Ben scelto il cast.

Jdelarge 2/01/14 00:03 - 895 commenti

I gusti di Jdelarge

Ottimo peplum diretto da Francisci, il quale si avvale della sicurezza di una storia di per sé bellissima come quella de "Le Argonautiche" di Apollonio Rodio. Il film scorre bene e il maestro Mario Bava, che si occupa delle luci e degli effetti speciali, riesce a regalare perle di cinema, soprattutto nelle sequenze notturne (su tutte quella nell'isola delle amazzoni). La pellicola perde un po' di credibilità per colpa di alcuni attori non proprio di prim'ordine, ma nel complesso il risultato è decisamente buono.
MEMORABILE: Gli argonauti nell'isola delle amazzoni.

Panza 23/05/14 19:58 - 1531 commenti

I gusti di Panza

Pietra miliare del peplum che ne diventa anche tombale imponendo in pratica tutti i crismi del genere. Abbastanza dilatato nel primo tempo, si riprende nel secondo con l'entrata vera e propria nell'azione, che mescola senza ritegno la vicenda delle dodici fatiche e la vicenda delle Argonautiche. I dialoghi hanno il difetto di risultare poco naturali (forse potremmo dare colpa al tempo), ma si riducono saltuariamente a battute telefonate deprecabili. Impeccabile la fotografia di Bava e anche gli SFX seppur caserecci non sfigurano.
MEMORABILE: La bellezza della Koscina.

Maik271 14/10/14 18:28 - 436 commenti

I gusti di Maik271

La fotografia curata da Mario Bava è il solo motivo che mi ha spinto a vedere questa pellicola e che mi ha convinto. Pur non essendo il mio genere sono rimasto positivamente colpito, vuoi per le belle scenografie del cinema italiano di allora, vuoi per il cast dignitosissimo. Un bel mix di azione, amore e fantasia. Leggero ma gradevole.

Jurgen77 29/12/15 11:34 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Peplum italico girato con buoni mezzi e un ottimo cast. Belle le scenografie (di cartapesta) e gli esterni dei dintorni laziali. Un po' sonnacchiosa la storia, che si risolleva grazie anche allo splendido tocco alle atmosfere che solo Bava riesce a conferire. A mio avviso non il migliore della "saga" in fatto di trama, ma sicuramente quello più curato per scenografie, fotografia e ambientazioni.

Faggi 29/12/15 18:46 - 1512 commenti

I gusti di Faggi

Implausibile (e chi se ne frega, in questo caso) ma spettacolare. Vero laboratorio di esperimenti fotografici e trucchi di vario tipo per Bava, che ci regala autentiche visioni in celluloide. Dialoghi come sentenze scolpite nel marmo funzionali alla trama. Gli si perdonanano le ingenuità e anche l'enfasi e il clangore (tarati, forse, sul gusto dell'epoca).

Fabrizio Mioni HA RECITATO ANCHE IN...

Myvincent 30/12/15 08:37 - 2708 commenti

I gusti di Myvincent

Il forzuto per antonomasia, semidio dotato, ma anche molto osteggiato, consuma qualcuna delle sue impressionanti fatiche lasciando poi il podio a Giasone con la sua mitica impresa. La storia classica si stempera in derive narrative romanticoidi, dove il mastodontico eroe si barcamena, granitico e "ingessato" più che mai. Ma lo sforzo per farne un prodotto al di sopra della media è qui evidente e anche piuttosto riuscito.

Reeves 24/02/21 15:06 - 382 commenti

I gusti di Reeves

Il mitologico per eccellenza: scanzonato, roboante, pieno di situazioni da favola, tutto incentrato sulla muscolatura straordinaria di Steve Reeves. Nonostante gli anni siano trascorsi rimane sempre un film piacevole a vedersi, un prototipo nel quale si notano molte cose che saranno replicate e altre che invece non funzionano e verranno abbandonate (il cantore che esegue canzoni mentre la ciurma deve vogare): La Koscina mai così sexy.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Il Gobbo • 27/07/10 14:36
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Pubblicato in dvd prima da Fabbri per le edicole e poi dalla Passworld
  • Discussione Mauro • 1/06/16 10:19
    Disoccupato - 9790 interventi
    Film uscito il 20-02-58 (imdb)
    censura: 26179 del 07-02-1958 (anica)
    Ultima modifica: 1/06/16 10:21 da Mauro