Le colline bruciano

Media utenti
Titolo originale: The Burning Hills
Anno: 1956
Genere: western (colore)
Note: Soggetto dal romanzo "The Burning Hills" pubblicato nel 1956, opera dello scrittore statunitense  Louis L' Amour, pseudonimo di Louis Dearborn LaMoore.

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/03/11 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 24/03/11 18:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Un piccolo classico, esemplare per lo sviluppo di molti western successivi, anche italiani. La semplice trama (il malvagio latifondista, la caccia all’uomo, la vendetta) è rielaborata con una cura particolare per le psicologie dei personaggi (il ruolo chiave della donna, le dialettiche tra i “cattivi”), la tensione emotiva sempre alta e per la spettacolarità dei paesaggi e delle scene d’azione, lunghe ed avvincenti in special modo nel furibondo redde rationem finale tra i due uomini, raro caso in cui al “buono” che si vendica sia concessa anche un po’ della dovuta ferocia. Notevole.
MEMORABILE: La lunga scazzottata finale - tra le rocce prima, e nel fiume poi - sotto lo sguardo apprensivo della Wood.

Saintgifts 17/10/13 23:30 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Nei western le tracce sono sempre state elementi importanti e gli specialisti per eccellenza, nel trovarle e seguirle, i pellerossa. Qui, fin dall'incipit, le tracce sono trovate e analizzate come meglio non saprebbero fare moderni investigatori, dal protagonista Tab Hunter che scopre in un batter d'occhio chi ha ucciso suo fratello a tradimento. Una giovane Natalie Wood, unica donna del film, interpreta bene la parte di una meticcia battagliera e coraggiosa. Western classico, ma con alcune trovate che lo rendono interessante e piacevole.

Puppigallo 31/01/18 09:49 - 4858 commenti

I gusti di Puppigallo

Western modello base, dove il proprietario terriero carogna abbatte tutti gli ostacoli umani, che gli si frappongono, il pistolero buono, ma vendicativo vuol fare giustizia e la bella meticcia ribelle lo supporta, perchè zio e fratello sono codardi, ma soprattutto perchè il belloccio le piace. Detto ciò, il ritmo è discreto, la narrazione, piuttosto fluida, l'ambientazione, appropriata; e se non ci si sofferma troppo sulla semplicità della sceneggiatura, il risultato non è male, dopotutto.
MEMORABILE: Il personaggio della guida, che il figlio del cattivo vorrebbe uccidere ogni cinque minuti, grazie alle sue risposte sarcastiche e alla sua logica.

Nicola81 15/01/20 22:53 - 2394 commenti

I gusti di Nicola81

Western di stampo classico che racconta una storia tutt'altro che originale (altrimenti non sarebbe di stampo classico...), ma lo fa con un buon ritmo, un certo gusto per i paesaggi e una discreta attenzione alle psicologie dei personaggi, in particolare sul versante dei cattivi. All'epoca idoli della gioventù, Tab Hunter e Natalie Wood esteticamente formavano una bella coppia, ma sul piano recitativo è lei, nei panni di una combattiva e orgogliosa meticcia, a guadagnarsi la scena. Epilogo interessante nella sua prevedibilità.

Daniela 9/09/20 00:38 - 11449 commenti

I gusti di Daniela

Costretto alla fuga per aver sparato per legittima difesa a uno spietato latifondista che gli ha fatto uccidere il fratello, un cowboy trova insperato aiuto in una ragazza mezzosangue... Western dignitoso ma di routine in quanto sceneggiatura e regia non si discostano dagli stereotipi del genere e la presenza della coppia Hunter-Wood, più belli che convincenti, poco aggiunge a una trama tanto prevedibile. Acquista un poco di grinta solo nel finale con una interminabile scazzottata sulle rocce e poi a mollo nel fiume, ma è troppo poco per andare oltre la risicata sufficienza.

Stuart Heisler HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.