LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Terry Gilliam, ex Monty Python dalla fantasia vulcanica, continua a far film controversi: da una parte scenografie grandiose, lodevoli slanci visionari e architetture da capogiro, dall'altra una regia puerile, sceneggiature infelici e spunti interessanti bruciati in un delirio confusionario che quasi sempre finisce per annoiare. E così avviene per questo THE ADVENTURES OF BARON MUNCHAUSEN, in cui gli ingentissimi mezzi produttivi vengono quasi interamente impiegati per dare forma alle visioni di Gilliam attraverso scenografie monumentali. Non sono un caso le nomination agli Oscar per il nostro Dante Ferretti, per i costumi e i trucchi. Un personaggio come il barone del libro di Rudolf Erich Raspe (già apparso al cinema tre volte, da Méliès...Leggi tutto alla riduzione a cartoon di Zeman), con le sue avventure impossibili sulla Terra e sulla luna, rappresenta una sfida stimolante per Terry Gilliam, che si imbarca in quest'operazione fallimentare (perlomeno dal punto di vista degli incassii) dando al barone il volto di John Neville e inserendo nel cast star del calibro di Robin Williams (il re della Luna, la regina è Valentina Cortese), Oliver Reed (Vulcano), Uma Thurman (la Venere di Milo), Sting (una comparsata) e il suo vecchio sodale dei tempi dei Python Eric Idle (l'accompagnatore del barone). Alcune immagini sono fenomenali (il suolo lunare, la discesa dal nostro satellite con una corda appesa a una estremità dello spicchio, la nave mongolfiera, le corse folli di Idle...) ma il film, nel suo insieme, non possedendo la genialità di BRAZIL, risulta tremendamente pesante, sovraccarico, eccessivo e, soprattutto nel finale, quasi insostenibile. Bisognava dare una forma più compiuta alla sceneggiatura, non metterla semplicemente al servizio degli effetti speciali e dello spettacolo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mancho 2/04/07 03:53 - 28 commenti

I gusti di Mancho

Un film su cui non posso essere neutrale. Ha forgiato la mia fantasia e ha contribuito a caratterizzare il mio senso dell'umorismo. Gilliam sa di essere un genio visionario e per una volta ha abbastanza soldi per assecondare il suo straordinario gusto scenografico e decorativo. Con tecnici (italiani) di prim'ordine (scenografie di Ferretti, costumi di Pescucci, fotografia di Rotunno) crea un ribollente marasma di piccole e grandi fissazioni personali, stupidate, battute, atti di terrorismo cinematografico, critica dei generi e degli stereotipi, fantasia.

Galbo 7/03/08 07:29 - 11590 commenti

I gusti di Galbo

Mirabolante trasposizione cinematografica delle avventure del celebre barone, già più volte portate sul grande schermo e che trovano nella fantasia cinematografica (e nello spirito umoristico) del regista Terry Gilliam il migliore "traduttore" possibile. Coadiuvato da un cast tecnico ed artistico di primissimo livello (scenografie ed effetti speciali magnifici) il regista inglese confeziona uno spettacolo godibilissimo e raffinato, pieno di riferimenti e di grande eleganza formale.

Renato 10/09/08 12:50 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Fantasiosa e divertentissima favola alla maniera di Terry Gilliam, che mette il suo notevole talento visivo al servizio di una storia già piuttosto originale di suo. Sicuramente la sceneggiatura è frammentaria, ma il film merita comunque una visione anche solo per alcune singole sequenze che non si dimenticano più (l'inizio a teatro, la visita al palazzo del Sultano). Peccato che, dopo una prima mezzora scintillante, il film si incarti un pochino. Sfortunatamente, fu un fiasco al botteghino.
MEMORABILE: Il passaggio dal teatro al palazzo del Sultano, girato senza stacchi.

Daidae 27/04/09 19:20 - 2839 commenti

I gusti di Daidae

Bello e dimenticato film fantastico, condito con parecchio humour. Nel variegato cast compare anche una giovane e non ancora famosa Uma Thurman. Scenografie, effetti speciali e sceneggiatura non si discutono, sono ben messe contando che ci troviamo alla fine degli 80. Bello, 3 pallini meritati.

Cotola 13/09/10 22:28 - 7837 commenti

I gusti di Cotola

Era prevedibile che il romanzo di Raspe fosse congeniale a Gilliam. Ne è, infatti, venuto fuori una pellicola molto bella e decisamente riuscita dal punto di vista visivo in cui il regista, coadiuvato da un cast tecnico di prima grandezza (Ferretti alle scenografie, Rotunno alla fotografia, Pescucci ai costumi), mostra tutto il suo estro visionario. Meno bene la sceneggiatura che non funziona del tutto, ma alla fine il risultato è una gioia per gli occhi tutta da gustare.

Mutaforme 15/04/14 15:53 - 398 commenti

I gusti di Mutaforme

Non tutti i libri sono adatti per una trasposizione cinematografica e probabilmente Il Barone di Munchausen rientra tra questi. L'opera di Terry Gilliam non solo sembra una pomposa e noiosa recita teatrale, ma soprattutto fa viaggiare davvero poco la fantasia, che invece è fondamentale quando si legge un libro per ragazzi come questo. Noioso.

Daniela 17/09/17 13:32 - 10217 commenti

I gusti di Daniela

Oltre ad aver fornito spunto all'antenato Melies, le avventure del barone erano già state oggetto di due meravigliose pellicole dirette da Josef Von Baky e Karel Zeman: questa di Gilliam, a cui il soggetto è congeniale, regge bene il confronto, anche se è evidente la discrepanza fra la messa in scena - una festa per i sensi, ammaliati e talvolta storditi da tanta magnificenza di scene, colori, costumi - e la struttura debole del racconto, così che il film è da gustare a pezzi e bocconi. Nel ricco cast, impressionano Thurman, incantevole Venere botticelliana, e Reed, sanguigno Vulcano.

Buiomega71 19/09/17 21:51 - 2386 commenti

I gusti di Buiomega71

La chincaglieria tronfia gilliamiana in tutto il suo splendore. Più di due ore di pachidermiche avventure dal peso di una mattonata. Non si può negare a Gilliam la sua poetica visionaria (sulla Luna con Robin Williams, la morte che scenderà leggera e minacciosa anche nel Soavi di Dellamorte Dellamore) ma è arduo arrivare fino in fondo, tra ragazzine insopportabili, parafellinate spocchiose ed eccessive, baracconate e pagliacciate (la mongolfiera fatta di sottane) dure da digerire. Tanto barocco quanto fastidiosamente ridondante. Tedioso.
MEMORABILE: L'apparizione del tristo mietitore, immagine potentissima e visivamente superlativa.

Modo 28/02/20 15:43 - 848 commenti

I gusti di Modo

Film fantastico abbastanza rindondante che miscela opulenza scenografica con situazioni eccessivamente visionarie. Terry Gilliam lascia libero sfogo alla fantasia senza però essere molto lineare nel raccontare la storia. Il tutto crea una pesantezza di fondo che non giova alla pellicola. Con i suoi difetti è comunque un film da vedere per la bravura degli attori e certe invenzioni del regista.

Oliver Reed HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 17/06/11 01:06
    Scrivano - 16529 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 20/09/2011 per Cecchi Gori Home Video:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Schermo Anamorfico 1080p High Definition B/n
    * Audio Dolby Digital 5.1 Dts Hd
  • Curiosità Buiomega71 • 17/10/16 19:51
    Pianificazione e progetti - 22637 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo"La Rai e il cinema italiano", martedì 22 settenbre 1992) di Le avventure del Barone di Munchausen:

  • Discussione Kanon • 16/09/17 23:04
    Fotocopista - 820 interventi
    È sempre un piacere rivedere questo film, pur se non privo di lungaggini e nonostante quella bimbetta odiosa.
  • Discussione Buiomega71 • 17/09/17 11:16
    Pianificazione e progetti - 22637 interventi
    All'epoca lo trovai terrificante (ho sempre mal sopportato Gilliam in realtà, tranne, forse, che nell'Esercito delle 12 scimmie)

    A parte qualche sprazzo visivo (sulla luna, la morte) una mattonata incommensurabile
    Ultima modifica: 17/09/17 11:17 da Buiomega71