La verità negata

Media utenti
Titolo originale: Denial
Anno: 2016
Genere: drammatico (colore)
Note: Tratto da una vicenda realmente accaduta, scritta da Deborah Lipstadt nel libro "Denial: Holocaust History on Trial", del 2005.
Numero commenti presenti: 6
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/11/16 DAL BENEMERITO GRADA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Grada 26/11/16 17:28 - 26 commenti

I gusti di Grada

La storia (vera) di un processo per diffamazione intentato da un negazionista nei confronti di una scrittrice che lo accusava di "essere un mentitore". Fan da contrappunto alle emozioni e alla rabbia dell'imputato le strategie processuali dei suoi difensori. Particolare è la scelta di mostrare il punto punto di vista del giurista: far emergere la verità da prove materiali e non tanto dai racconti dei sopravvissuti, facilmente confutabili da una difesa agguerrita. Rigoroso, solido, senza concessioni a sentimentalismi di comodo.
MEMORABILE: I momenti in cui la protagonista appare spiazzata dalle scelte dei propri stessi difensori.

Saintgifts 12/12/16 10:26 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il film mostra a quale tipo di sofismi processuali e a quali strategie di difesa si è dovuti ricorrere per rintuzzare le tesi negazioniste di un tipo come David Irving (interpretato da un Timothy Spall veramente in parte) nelle vesti di accusatore, per diffamazione, verso la scrittrice Deborah Lipstadt e la casa editrice Penguin Books. Storia vera dove, almeno nel film, si lascia intuire che, se le scelte difensive fossero state altre, il risultato del processo avrebbe potuto anche ribaltarsi. Il film si regge sulle buone prove attoriali.

Capannelle 27/12/16 00:50 - 3856 commenti

I gusti di Capannelle

Racconto abbastanza solido e scevro da ogni drammatizzazione come lo fu la strategia del collegio difensivo della Lipstadt, anche se personalmente qualcosa del processo o della storia di Irving lo avrei approfondito volentieri. Perché alla fine ti rimane impresso Spall invece che una Weisz che non sembrava potesse offrire molto di più e vorresti vederlo ancora in azione per capire quanto Irving ci fosse o ci facesse, in questa mossa giudiziaria più grande di lui.

Daniela 19/03/17 09:38 - 10206 commenti

I gusti di Daniela

Ad un certo punto la protagonista, una studiosa costretta a difendersi dall'accusa di diffamazione intentata da un collega che nega la realtà storica dell'Olocausto, accenna a Kafka. Ed in effetti, risulta arduo comprendere la necessità di ricorrere ad una strategia processuale puntigliosa ma anche tanto prudente ed "omissiva" rispetto alle sofferenze di vittime e sopravvissuti, per cui, anche se l'esito del giudizio finale è positivo, l'impressione dominante resta quella dello sconcerto. Regia diligente che molto punta sul cast: convincono Wilkinson e soprattutto Spall, meno Weisz.

Dusso 1/04/17 09:41 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Tratto da una storia vera, sconta il fatto di raccontare una vicenda importante ma che appare scontata (io non conoscevo il fatto e non sapevo come finisse il film ma ho immaginato già tutto prima); non c'è quasi mai la sensazione che "i nostri eroi" possano crollare. Ritmo un po' troppo blando nella parte centrale. Attori e cast molto in gamba (per me il migliore non è Spall ma Wilkinson). In ogni caso abbastanza emozionante il finale.

Piero68 23/04/18 09:45 - 2812 commenti

I gusti di Piero68

Questa volta si parte dall'antitesi ma l'obiettivo è sempre lo stesso: ricordare l'Olocausto. E se per farlo bisogna tirar fuori addirittura David Irving e la vicenda giudiziaria che lo vide contrapposto alla Lipstad come al solito va bene lo stesso. La qualità del film è innegabile. Wilkinson e Spall sono davvero molto bravi, ma il tanfo di operazione politica purtroppo, molto spesso, annebbia anche l'ottima regia di Jackson e tutto il resto. Stranamente è proprio la Weisz la parte debole dell'impianto.

Andrew Scott HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.