LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/04/17 DAL BENEMERITO XAMINI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Hackett 23/05/18 07:52 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

Film di vendetta asciutto, ottimamente fotografato e recitato da un pugno di attori splendidamente in parte. Ciò che convince maggiormente è l'approccio schietto, viscerale del racconto che non si sofferma sul melodramma ma scatta nei momenti di rabbia con naturale ferocia. La vicenda viene affrontata con sguardo asettico e lucido regalando una reale immersione a chi guarda.

Cotola 14/04/17 12:35 - 7456 commenti

I gusti di Cotola

Notevole esordio che pur raccontando una storia non proprio originale (si tratta di una vendetta), riesce ad incollare lo spettatore alla sedia. Merito di una regia sobria, secca e nervosa e soprattutto di una sceneggiatura che sa dosare benissimo la tensione, tenendola sempre alta, e gestire ancor meglio i suoi tempi. Il tutto impreziosito da un colpo di scena che è davvero tale senza essere balordo e fraudolento. Epilogo bello e non consolatorio. Buone anche le prove degli attori. Da vedere.

Xamini 5/04/17 10:45 - 1000 commenti

I gusti di Xamini

Nel nervosismo (e nella tecnica) della scena d'apertura c'è già tutto: questo film è il racconto di un dramma estremo calato nel quotidiano e adagiato sui toni del thriller. Camera a mano, spesso agitata, recitazione mai sopra le righe, ping-pong psicologico in particolare sui due personaggi maschili principali e tensione in crescendo sino alla fine. Raúl Arévalo, non senza fatica (8 anni per trovare i fondi), esordisce ottimamente. Bel cinema spagnolo.

Fromell 12/04/17 19:37 - 60 commenti

I gusti di Fromell

L'unica cosa che detesto di questo film è che non sia italiano. Il resto è vigore narrativo e maturità stilistica nonostante il regista Raul Arevalo abbia solo trentasei anni. Gira la sua opera prima stando attaccato agli attori come Aronofsky in The wrestler. La storia è cruda (Premio Goya per la miglior sceneggiatura originale) e la sporcizia di certe inquadrature è voluta come il realismo dei personaggi. Otto anni di ricerca fondi gli hanno valso una standing ovation di otto minuti a Venezia. Dalla Spagna con furore!
MEMORABILE: La tensione accumulata durante il primo omicidio in palestra.

Deepred89 8/05/17 19:15 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Riuscito noir spagnolo che si avvale di un efficace tratteggio dei personaggi principali, sostenuti - almeno nel caso dei due protagonisti - da mirabili performance attoriali. Una fotografia tendente al poveristico (non giustificata dagli ormai scontati traballamenti) e una chiusa corretta ma non esaltante non inficiano particolarmente su un meccanismo narrativo notevole, moralmente accativante e sovente spiazzante. Lineare (nonostante la struttura a capitoli) ma mai banale. Troppo facile l'escamotage delle cassette rivelatrici.

Daniela 21/05/17 01:40 - 9214 commenti

I gusti di Daniela

Otto anni: tanto attende il protagonista prima di potersi vendicare degli uomini che gli hanno rovinato la vita. Sono quattro rapinatori di una gioielleria, dei quali uno solo è stato arrestato ed è finito in carcere, mentre gli altri sono rimasti senza volto... Esordio alla regia di un attore spagnolo che da una parte va sul sicuro declinando uno dei temi di maggiore presa, d'altra riesce a farlo in modo non banale, mostrando la fatica di uccidere, anche quando le morti avvengono fuori campo. Buona la prova del cast, confezione sobria ed efficace, un poco debole il finale.
MEMORABILE: La sequenza iniziale della fuga dopo la rapina; L'omicidio in palestra, brutale

Capannelle 26/06/17 00:28 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Storia di vendetta raccontata in modo teso e sporco, con particolari e flashback che di certo non lasciano tranquilli e una rinuncia voluta a derive di disperazione programmatica proprie di tanta filmografia. Funziona abbastanza, si avvale di bravi attori, facce scavate e ambienti veraci. Tra i protagonisti Callejo si propone come la versione iberica dello sguardo spiritato di Joe Pesci e c'è pure il sosia di Salvini (Font Garcia).

Galbo 9/08/17 07:34 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Noir spagnolo che parte dalla contrapposizione tra due uomini dopo un breve episodio che introduce l’evento criminale centrale nel racconto. Il regista contrappone le due figure dipanando progressivamente il racconto e incrementando la tensione mediante riprese “nervose” e una colonna sonora efficacemente ossessiva. L’ambientazione è volutamente anonima. Montaggio serrato e buone prove degli attori. Buon film.

Ira72 19/08/17 19:00 - 920 commenti

I gusti di Ira72

Decisamente un buon film, che utilizza una trama abusata rendendola originale sia per merito della regia che del cast. Scorre piacevolmente, senza tanto buonismo e con molto realismo, crudo, asciutto, nervoso ma sensibile. I protagonisti sono ottimi attori: calibrati, energici, carismatici. C'è tanto da imparare da questa produzione spagnola che dosa sapientemente dolore, vendetta, disperazione e amore senza strafare. "In medio stat virtus" (scomodare Aristotele qui è quasi d'obbligo): bravi!

Kinodrop 20/08/17 18:32 - 1461 commenti

I gusti di Kinodrop

Una vendetta a lungo meditata e programmata ai danni di un gruppo di rapinatori maldestri e senza scrupoli. Nonostante l'alone western vecchio stampo si colga immediatamente, questo noir iberico riesce ad attualizzarlo grazie a una tecnica nervosa e "ravvicinata" che ci rende fisicamente vicini alle varie azioni e alle emozioni forti dei protagonisti. Un'ottima sceneggiatura, parca ed essenziale, si tiene ben lontana dagli stereotipi che il tema potrebbe riservare, lasciando "parlare" le immagini nella loro crudezza. Finale non scontato, ottimo il cast.
MEMORABILE: L'omicidio nei sotterranei della palestra; La "mutazione" di Curro.

Redeyes 19/09/17 07:55 - 2130 commenti

I gusti di Redeyes

La vendetta va servita fredda, ma talvolta è comunque una buona pietanza, come in questo caso. Arévalo ci fa camminare sullo sguardo dei protagonisti per farci vivere appieno lo scorrere delle scene e non ci risparmia una Spagna di periferia, un po' anonima, un po' disadattata e inetta come i suoi delinquenti. Il pregio di questa pellicola è sapere andar oltre la mera "revenge" statunitense e farci conoscere il dolore e il disagio, oltre alla rabbia.

Il ferrini 19/12/17 20:22 - 1665 commenti

I gusti di Il ferrini

Incetta di premi in Spagna per questo thriller che ci porta fin dai primissimi minuti nel vivo dell'azione, con camera a spalla e lunghi piani sequenza durante la cruenta rapina che sta alla base della storia. De la Torre, già diretto più volte da de la Iglesia e Almodóvar è uno spietato e silenzioso vendicatore molto credibile e si muove sicuro tra consumati criminali. La parte più interessante è il rapporto di forza con Callejo (che nel film ha appena scontato otto anni di galera), destinato a rovesciarsi completamente. Consigliato.

Giùan 7/07/18 14:38 - 2929 commenti

I gusti di Giùan

Film in cui la richiesta sospensione dell'incredulità (la vita del "vendicatore" prima e dopo l'omicidio della ragazza) non è appropriatamente risarcita dal magistero cinematografico. Arevalo impacchetta un thriller corretto pur se ben condotto, cadenzato ma mai sferzante, afflitto senza esser appassionato. Lontano dalla convulsa (ri)scrittura classica di Oriol ma distante anche dal passato panico de La isla minima, resta un discreto prodotto medio. Tra gli attori: pasoliniano El Curro di Callejo, torrida la Diaz, ostinatamente attonito de la Torre.
MEMORABILE: La stridula voce di Santi: "...ma che è muto?"

Nando 11/05/18 11:50 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Pellicola accattivante realizzata da un regista esordiente che si cimenta con un genere che mescola thriller e noir. La lunga attesa vendicativa di uomo comune si rapporta con la vita di uno dei carnefici in un viaggio alla ricerca dei complici. Qualche veritiera scena di violenza, un buon accompagnamento musicale e soprattutto un cast appropriato. Finale di presunta speranza.

Pinhead80 4/09/18 20:24 - 3891 commenti

I gusti di Pinhead80

Quello che sembra partire con un film lento e dal finale abbastanza telefonato, si rivela invece essere una piccola chicca da recuperare. Non c'è nulla di più pericoloso che costringere un "buono" a dover tirare fuori il peggio di sé per riportare giustizia all'interno della propria vita. Tutto è studiato alla perfezione, quasi maniacalmente, anche se alla fine rabbia e vendetta hanno la meglio su qualsiasi altro sentimento.

Bruce 31/10/19 09:29 - 1002 commenti

I gusti di Bruce

Drammatico thriller spagnolo, originale e ben girato. Piace il singolare modo nel quale viene sviluppata la trama, che procede per gradi coinvolgendo sempre più lo spettatore. Pare evidente il richiamo al Cane di paglia di Peckinpah, tanto che lo stesso protagonista ricorda nella sua totale imperturbabilità il personaggio magistralmente interpretato da Dustin Hoffman. Da vedere, tutto d'un fiato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.