La teoria del tutto

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Theory of Everything
Anno: 2014
Genere: drammatico (colore)
Note: La storia del cosmologo inglese Stephen Hawking. Il film è la trasposizione del libro di memorie scritto da Jane Wilde, prima moglie di Stephen Hawking.
Numero commenti presenti: 24
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Poco importava, agli autori, dello Stephen Hawking illustre mente dal QI tra i più alti sulla Terra, e men che meno delle sue teorie sul principio dell'universo e i buchi neri. Per quello esistono libri e saggi, chi è interessato se li cerchi e s'informi. E così chi guarda e non conosce i meriti del grande cosmologo britannico a fine film si chiederà cosa diavolo abbia mai scoperto quest'uomo, che di tanto in tanto riceve premi non si sa bene perché ed è apprezzato per aver detto che l'universo è infinito. Insomma, è evidente che ai fini dell'opera conta il fatto che sia malato, che abbia resistito tanti anni nelle condizioni che tutti conosciamo, che sua moglie l'abbia amato finché ha potuto. Una storia straziante, senza dubbio, carica...Leggi tutto di un'umanità non comune ma tesa al melodramma strappalacrime, con un protagonista (Redmayne) davvero bravo nell'imitare la condizione limite di Hawking: una performance destinata a lasciare il segno, indubbiamente. Molto più del film, che invece segue i canoni di un certo cinema di largo consumo senza trovare mai gli spunti per rendere unico il racconto. Azioni e reazioni nei dialoghi sono quelle che ci si aspetta, così come per le situazioni che si vengono a creare, compresa la comparsa dell'amico di buon cuore (Cox) al quale la moglie frustrata (Jones) inevitabilmente tende ad avvicinarsi. Fortunatamente l'ammirevole recitazione del cast, la raffinatezza incontestabile della confezione, la buona scelta delle location permettono di apprezzare comunque il lavoro del regista, che in ogni caso fatica nel trovare la giusta incisività nella messa in scena dei momenti chiave. Che non sono poi molti a dire il vero, visto che esiste un chiaro degenerare della malattia alla quale non possono opporre barriera né la medicina né la scienza. Per questo le due ore appaiono un po' eccessive, un dilungarsi inutile in momenti che avrebbero meritato una sintesi più efficace. Il porre l'accento continuamente sulle crescenti difficoltà motorie e muscolari del protagonista cataloga il film con chiarezza in una dimensione che ha poco o niente a che fare con un vero biopic in grado di descrivere a tuttotondo il personaggio. Si apprezza il tocco ironico di qualche risposta via sintetizzatore vocale, si riconosce sotto la perenne smorfia di sofferenza la vivacità intellettuale che Redmayne è bravo a rendere nel migliore dei modi, più in generale si intuisce la volontà di esaltare meritoriamente l'abusata massima (citata dallo stesso Hawking) secondo la quale la speranza è comunque l'ultima a morire. Dimostrare quanto anche in condizioni di vita terribili ci si possano togliere grandi soddisfazioni è un chiaro manifesto contro l'eutanasia, focalizzare l'attenzione sull'amore incondizionato di una moglie che sposa il suo uomo pur sapendo a cosa va incontro è comprensibile, dare la giusta visibilità a un genio qui in Italia poco noto è operazione stimabile; semplicemente, forse, sarebbe stato bene porre l'accento anche sulle sue conquiste in ambito scientifico.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/01/15 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 17/01/15
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tomastich 10/02/15 18:57 - 1225 commenti

I gusti di Tomastich

Incommentabile biopic che sfrutta nulla della teoria di Hawking e mostra solo un Redmayne che inciampa, cade e fa smorfie (potevano prendere qualcuno del Bagaglino a questo punto)! Penso d'essere di fronte al peggior film in corsa per una mole di Oscar... forse farà compagnia a Il paziente inglese.

Saintgifts 23/02/15 11:53 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Come si può parlare di Stephen Hawking ignorando o mettendo in secondo piano la sua malattia? Non si può. Lo scienziato e l'uomo sono troppo legati da straordinarietà. Io ammetto la mia ignoranza e tramite questo film ho conosciuto non solo l'uomo, ma soprattutto lo scienziato e l'apertura verso interessanti e infinite (ed esaltanti) discussioni sulla formazione dell'universo, tra scienza e certe religioni. La patina hollywoodiana c'è tutta e qualcosa di stucchevole qua e là, ma non inficiano troppo un biopic che tiene conto di tutto.
MEMORABILE: Per una volta Redmayne giustamente calato nel personaggio.

Puppigallo 17/01/15 00:49 - 4681 commenti

I gusti di Puppigallo

Storia della lenta, lunga agonia, con brevi sprazzi di luce abbagliante (le intuizioni, che portano Hawking a elaborare nuove, rivoluzionarie teorie sul tempo) di un uomo che la vita riesce comunque a viverla, in barba alla malasorte. I due protagonisti sono all'altezza dell'arduo compito, soprattutto lui, che ha decisamente studiato la parte. Il tutto (gli eventi), come nella teoria, va però accettato sulla fiducia; e la malattia degenerante è così invasiva, che finisce per togliere spazio alla parte scientifica, elargitaci a spizzichi e bocconi. Più una prova d'attore, ma in quanto tale riuscita.
MEMORABILE: "Ma oltre al cervello, ti funziona ancora...quello, hai capito?". Hawking conferma; e l'amico "Ora mi è più chiaro come funzioniamo noi uomini".

Didda23 20/01/15 09:03 - 2324 commenti

I gusti di Didda23

Avrei di gran lunga preferito un biopic che si soffermasse maggiormente sulle intuizioni e sugli studi cosmologici di Hawking. Purtroppo gli sceneggiatori puntano - invece - quasi esclusivamente sulla degenerazione della malattia, pescando nei dettami del lacrima movie con risultati non del tutto soddisfacenti. Ottima la prova di Redmayne (e del doppiatore Davide Perino) in un personaggio non certo facile; la Jones colpisce più per l'eterea bellezza che per il talento recitativo. Un film che raggiunge la sufficienza soprattutto per la cura della confezione.

Deepred89 18/01/15 17:18 - 3407 commenti

I gusti di Deepred89

Patetico filmetto che mette insieme tutti i luoghi comuni di due sottogeneri gettonatissimi della Hollywood contemporanea: il biopic sullo stramboide geniale e lo strappalacrime politicamente corretto. La banalità affiora fin dalle prime inquadrature e quando pure le idee banali scarseggiano si butta dentro una love story con musicista religioso che pare François Truffaut, una badante che a ogni frame si mangia con gli occhi il nostro eroe e risibili elucubrazioni teologiche. Ottimo il protagonista, caruccia lei, meglio sorvolare sul resto.
MEMORABILE: Luce divina irradia la vetrata della chiesa durante l'agognato bacio.

Xamini 21/01/15 22:08 - 1069 commenti

I gusti di Xamini

È possibile spiegare alcune delle brillanti teorie della fisica moderna al grande pubblico? Il rischio è quello del film didascalico e Marsh sceglie di non correrlo, investendo invece sulla sofferenza dietro alla vicenda personale del grande Hawking. Viene raccontato, dunque, l'aspetto umano legato alla sua malattia, assieme alla sua inarrestabile pulsione alla vita, al suo entusiasmo per la scienza e, naturalmente, al suo humour. Ne risulta un film incompleto ma gradevole.

Markus 19/01/15 09:06 - 3439 commenti

I gusti di Markus

Se da una parte eccelle l’interpretazione di Redmayne nei panni del cosmologo Hawking (purtroppo condannato all'immobilità a causa di una grave malattia cronico/degenerativa), dall'altra il regista Marsh fallisce totalmente nell'intento di far conoscere il personaggio e le sue scoperte in ambito scientifico al grande pubblico. La pellicola insiste quasi morbosamente nel mostrare la problematica convivenza del disgraziato con la sua spaventosa menomazione costringendo lo spettatore a una facile lacrima francamente stucchevole.

Capannelle 13/03/15 16:09 - 3928 commenti

I gusti di Capannelle

Un biopic narrato secondo capisaldi classici, con molto spazio lasciato al lato umano (soprattutto quello legato della malattia degenerativa) a scapito delle conquiste scientifiche a cui quest'uomo ha portato. Confezione buona, attori bravi ma pathos che va e viene, perché se non mancano dettagli interessanti, molti passaggi sono invece scontati; per fortuna almeno non sono troppo ruffiani (volendo essere pignoli si può solo imputargli di aver edulcorato la vita familiare e il doppio divorzio).

Galbo 1/05/15 16:52 - 11698 commenti

I gusti di Galbo

Un film ben fatto ma poco capace di emozionare perché pare costruito a tavolino, puntando sulla disabilità del protagonista, filtrata dalla storia d'amore nei confronti della moglie ma tagliando o minimizzando (questa la pecca maggiore) l'attività scientifica (e di divulgazione) del personaggio. Un intrattenimento che porta il marchio del cinema britannico, curato in tutte le componenti ed interpretato da un buon gruppo di attori (a partire ovviamente da Redmayne) ma di cui poco rimane nella memoria. Edificante.

Ryo 11/08/15 19:20 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Biografia semiromanzata (ma molto vicina alla realtà a quanto pare) dell'astrofisico Stephen Hawking. Un lavoro strabiliante quello di Eddie Redmayne, che riesce a donare al suo personaggio una struggente interpretazione da Oscar (che infatti vincerà), dalla mobilità completa sino a tutte le fasi intermedie del declino della malattia. Più che incentrato sulle teorie astrofisiche parla della vita privata, lasciando ai libri che Hawking ha scritto il compito di approfondire tali temi.

James Marsh HA DIRETTO ANCHE...

Lou 25/09/15 22:13 - 1046 commenti

I gusti di Lou

Impostazione tradizionale per un film biografico su un personaggio eccezionale, lo straordinario scienziato Stephen Hawking, famoso per la teoria sui buchi neri, tutt'ora in vita nonostante una malattia muscolare degenerativa per la quale negli anni sessanta gli erano stati diagnosticati pochi anni di vita. È proprio sull'incredibile percorso umano di Hawking, più che sulle sue scoperte scientifiche, che si concentra la sceneggiatura, tratta dal libro dell'ex-moglie. Molto bravo Redmayne in questa difficile interpretazione. Doveroso.

Furetto60 2/11/15 10:21 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Dedicato al ricercatore Stephen Hawking, il film si concentra sul lato umano evidenziando le notevoli difficoltà incontrate sia dallo studioso stesso, minato nel fisico da una malattia fortemente invalidante, sia dalla sua famiglia. Gli accenni alla sua ricerca sono riportati in modo minimo, tanto per completare il quadro e la scelta appare giusta ché già così il film è piuttosto lungo e ne sarebbe risultato appesantito. Drammatico ma senza scadere nel melenso.

Scarlett 28/02/16 01:07 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Stratosferico Redmayne in questa interpretazione che ha davvero studiato per offrire alla pelicola. Film incentrato al novanta per cento sulla disabilità di Hawking e sulle difficoltà che essa ha comportato nella vita mentre in secondo piano decisamente entra la scienza e anche la fantomatica teoria descritta nel titolo. Va visto per l'interpretazione del protagonista.

Nando 8/03/16 16:52 - 3583 commenti

I gusti di Nando

La vita del cosmologo Hawkins raccontata in film ben realizzato che affronta sia le questioni scientifiche che quelle sentimentali con buona miscellanea. Redmayne è egregio nella sua interpretazione e regala non pochi momenti di commozione, altrettanto valido il resto del cast. Forse il lato sentimentale appare maggiormente delineato, ma ciò non inficia assolutamente la narrazione.

Thedude94 30/12/16 18:50 - 730 commenti

I gusti di Thedude94

Alla fine di Hawking scienziato c'è molto poco, nel film; la storia si concentra sull'amore tra i due protagonisti e sulla forza di volontà che li fa vivere di speranza. Per me è davvero poco; si salvano soltanto la prova di Redmayne (da Oscar) e quella della Jones, brava nel raffigurare l'animo e la figura di una moglie alle prese con non poche difficoltà. Prendendo in confronto, però, altri film di questo genere relativi alle genialità scientifiche, sembra quest'ultimo essere lontano anni luce dai migliori.

Giacomovie 17/07/17 14:45 - 1368 commenti

I gusti di Giacomovie

Biografia del grande fisico Stephen Hawking, affetto da seri problemi neurologici che non gli hanno impedito di compiere studi importanti. Il triplice binario del lato scientifico, delle conseguenze invalidanti della malattia e dell'aspetto romantico è condotto con un'umanità che favorisce la partecipazione emotiva. La tristezza di diverse situazioni si trasforma in ammirazione per come un uomo è saputo andare oltre le limitazioni. Eddie Redmayne recita con intensità ammirevole il ruolo di Stephen, una prova coinvolgente che gli è valsa l'Osc.
MEMORABILE: “Finchè c’è vita c’è speranza” (Stephen Hawking fu il primo a pronunciare questo comune modo di dire).

Nancy 21/05/18 14:41 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Il film racconta la vita dello scienziato Hawking e soprattutto del decorso della sua malattia alla muscolatura. E' un peccato che la storia di uno scienziato brillante, che poteva essere raccontata attraverso la sua ricerca scientifica, venga esposta alla lacrima facile della malattia e della deformità. Interessante comunque l'onesto racconto della vita coniugale. Ottima prova di Redmayne, premiato con l'Oscar. Il film nel suo complesso funziona, ma fa leva su troppe "facilonerie" narrative per potersi considerare un bel film; a tratti banale.
MEMORABILE: La scena del congresso scientifico con la penna che cade: lacrime a fiumi, ma zero scienza.

Mco 10/06/18 23:30 - 2215 commenti

I gusti di Mco

Una delle menti più eccelse in un corpo malato, Hawking si rilegge in questa storia che unisce buchi neri e conferenze, sedie a rotelle e voci computerizzate. Nulla quaestio sulla splendida interpretazione del premiato Redmayne, sulla grazia nell'affrontare un ruolo così delicato e sulle difficoltà di rendere cinematografica una materia così impegnativa. Forse non avrebbe guastato dare maggior risalto all'elemento tecnico (cioè la fisica), ma nel complesso Marsh ha ben diretto regalando anche attimi di puro romanticismo. Deliziosa la Jones.

Magi94 13/08/18 18:05 - 770 commenti

I gusti di Magi94

Come nelle aspettative. La cinematografia più o meno commerciale è da sempre innamorata di scienziati e persone malate, due categorie viste nell'ottica rispettivamente del "anche loro provano sentimenti" e "anche loro possono essere geniali". Qui, insomma, si fa il colpo doppio: sentimentalismo a gogò, sceneggiatura ben costruita e momenti sia di pathos che di commedia riusciti. Come da previsioni, assolutamente assente ogni approfondimento scientifico.

Anthonyvm 30/01/19 22:53 - 3118 commenti

I gusti di Anthonyvm

Buon biopic che riesce a far emozionare, ma non sembra essere ben bilanciato nel raccontare il protagonista: l'Hawking genio è adombrato dall'Hawking uomo, dato che il focus del film cade proprio sulla sua storia d'amore e sul dramma della malattia, mentre l'aspetto scientifico è marginale, quasi di troppo. Tanto per fare paragoni facili, A beautiful mind era molto meglio dosato sotto questo punto di vista. Se presa come dramma personale, comunque, si può dire una pellicola riuscita e che ispira ottimismo e amore per la vita. Una buona visione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Bubobubo 3/10/18 13:26 - 1537 commenti

I gusti di Bubobubo

Emerge poco il vero Hawking (che, pare, fosse scorbutico, spesso scostante e immodesto) in questo biopic che sembra piuttosto legare la scoperta della precoce e devastante disabilità alla forza d'animo di un ragazzo divenuto genio scientifico della contemporaneità. Rimane un film inglese nel vero senso della parola: elegante, formalmente ineccepibile, recitato ottimamente anche se a tratti un po' retorico e non scientificamente profondo (anche se qualche suggestione qui e lì c'è). Nel genere, meglio il Cumberbatch-Turing di The imitation game.

Daniela 12/12/19 02:12 - 10766 commenti

I gusti di Daniela

La matrice letteraria è il libro di memoria scritto dalla prima moglie di Hawking, quindi era prevedibile che venisse dato molto peso alla vita sentimentale del personaggio, scandita dalle tappe della lunga malattia degenerativa che ne colpisce il fisico lasciando intatte le facoltà mentali, lasciando in secondo piano la sua attività come scienziato e divulgatore. Tuttavia, se tale approccio era messo in conto, colpisce l'estrema convenzionalità di sceneggiatura e messa in scena: tutto corretto dal punto di vista di confezione e interpretazioni, ma anche edificante in modo scontato e banale.

Redeyes 2/11/20 09:44 - 2268 commenti

I gusti di Redeyes

Forse, e un po' spiace affermarlo, il vanto maggiore del film è l'ottima interpretazione di Redmayne e non solo per l'incredibile somiglianza fisica. Non ci si aspettava con questo film di venire edotti sull'immenso contributo scientifico di Hawking, ma neppure che tutto venisse lasciato così nebuloso. Ancora più grave è, tuttavia, che con una messa in scena fin troppo curata si sia quasi annichilito l'impatto emotivo, fulcro della pellicola, che non ci dona quel senso di empatia necessario.
MEMORABILE: L'interpretazione di Redmayne.

Enzus79 15/03/21 17:56 - 2109 commenti

I gusti di Enzus79

Biopic sul fisico Stephen Hawking. Film che analizza in profondità più il privato dello scienziato che quello che ha scoperto nel campo della relatività e dei buchi neri. Pur avendo pochi spunti e ritmi bassi, non si può dire che la pellicola non emozioni. Ottime le interpretazioni di Redmayne (premiato con l'Oscar) e di Felicity Jones. Colonna sonora efficace.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Galbo • 23/02/15 05:59
    Consigliere massimo - 3865 interventi
    Premio Oscar a Eddie Redmayne come migliore attore protagonista
  • Discussione Raremirko • 9/12/16 02:18
    Addetto riparazione hardware - 3750 interventi
    Più che buona biografia di Hawking con un notevolissimo Redmayne (che, a 'sto punto, sono curiosissimo di vedere in versione trans in The danish girl).

    Come per un The iron lady ci si concentra più sulla vita che sulla carriera (praticamente solo accennata e/o comunque non approfondita) ma più di un momento sincero, così come l'atmosfera, colpisce.

    Hawking viene fuori come un genio bonario ed autoironico, positivo ed instancabile.

    Thewlis ed Emily Watson (questa soprattutto) potevan essere usati meglio, qualche semplificazione c'è e qua e là si banalizza, ma due ore passano bene e senza intoppi.

    Regia professionale di Marsh per un film elegante, ottimista e curato.
  • Discussione Lucius • 9/12/16 11:25
    Scrivano - 8730 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Più che buona biografia di Hawking con un notevolissimo Redmayne (che, a 'sto punto, sono curiosissimo di vedere in versione trans in The danish girl).

    Un'interpretazione che ti stupirà: ha dell'incredibile.
  • Discussione Capannelle • 9/12/16 14:35
    Scrivano - 2646 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Più che buona biografia di Hawking con un notevolissimo Redmayne (che, a 'sto punto, sono curiosissimo di vedere in versione trans in The danish girl).

    Un'interpretazione che ti stupirà: ha dell'incredibile.

    Confermo
    Ultima modifica: 9/12/16 14:35 da Capannelle
  • Discussione Raremirko • 10/12/16 22:23
    Addetto riparazione hardware - 3750 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Più che buona biografia di Hawking con un notevolissimo Redmayne (che, a 'sto punto, sono curiosissimo di vedere in versione trans in The danish girl).

    Un'interpretazione che ti stupirà: ha dell'incredibile.



    si, come Leto in Dallas buyers club dai
  • Discussione Ruber • 14/03/18 22:05
    Contratto a progetto - 9078 interventi
    E' morto l'astrofisico Stephen Hawking, sulla cui biografia si basa il film.
  • Curiosità Daniela • 12/12/19 02:30
    Gran Burattinaio - 5648 interventi
    Il film è la trasposizione del libro di memorie scritto da Jane Wilde, prima moglie di Stephen Hawking.
    Il libro è stato pubblicato per la prima volta nel 1999 col titolo "Music to Move the Stars: A Life with Stephen". Nel 2008 ne è uscita una versione rielaborato dal titolo "Verso l'infinito" (Travelling to Infinity: My Life With Stephen), che è stato utilizzato come base per il soggetto cinematografico.

    Il film ha ricevuto 5 candidature all'Oscar e si è aggiudicato 1 statuetta: Miglior attore protagonista a Eddie Redmayne.