La tempesta perfetta

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The perfect storm
Anno: 2000
Genere: avventura (colore)
Note: Soggetto dal libro "The Perfect Storm" del giornalista statunitense Sebastian Junger, pubblicato nel 1997, in cui viene raccontato un fatto di cronaca avvenuto nel 1991: il naufragio del peschereccio "Andrea Gail".
Numero commenti presenti: 25
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un ottimo esempio di come fare un buono spettacolo senza preoccuparsi molto della sceneggiatura e partendo da un soggetto praticamente inesistente. La prima mezz'ora introduttiva, nella quale ci viene descritto l'equipaggio della Andrea Gail (la barca attrezzata per la pesca al pescespada sulla quale si svolge gran parte del film) è raffazzonata, tirata su alla bell'e meglio per non cacciare subito tutti in mare senza presentazioni. La seconda parte ci racconta la vita sull'imbarcazione, con i primi magri pescaggi e qualche vago presagio (un'onda anomala e uno squalo che finisce a bordo). Poi, finalmente, la tempesta si scatena ed entrano in gioco gli effetti speciali. Che però, al di là di qualche raro momento in cui l'ampiezza delle onde...Leggi tutto mostra uno spettacolo indubbiamente suggestivo, si limita a grandi innaffiate d'acqua da ogni parte, qualche rovesciamento della chiglia, un elicottero precipitato tra i marosi e non troppo d'altro. Il resto lo fa il gran mestiere di Wolfgang Petersen, che per tutta la durata del film, pur ripetendosi all'infinito, riesce a non stancare o perlomeno a coinvolgere. Complici frastornanti effetti sonori trasporta lo spettatore nell'occhio del ciclone (il termine “perfetta” viene attribuito a una tempesta in cui più cicloni si incontrano provocando disastri) sballottandolo con ondivaghi e fluidi movimenti di macchina. Anche se il ricorso alle grida continue è un po' facile e abusato, il clima catastrofico è ben ricreato e gli attori lo assecondano con una certa bravura (anche se Clooney pescatore inizialmente convince ben poco). Un blockbuster commerciale senza pretese e senza storie, ma complessivamente godibile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 27/03/07 18:08 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Film dalla trama praticamente inesistente. E' incredibile come si possano pensare di proporre al pubblico due ore di cinema senza una storia che ne giustificherebbe 10 minuti. L'intento forse era quello di usare una storiella di pescatori per rappresentare il mistero della potenza della natura e del mare, ma purtroppo il film non ci riesce. Anche gli effetti speciali sono fini a se stessi (tranne nella scena finale).

Caesars 3/05/07 16:55 - 2862 commenti

I gusti di Caesars

Discreto film, diretto con mestiere da Wolfgang Petersen, che si lascia seguire con discreto interesse per tutta la sua durata. Tutta la prima parte serve per introdurre i personaggi e per preparare e prepararci alla sezione dedicata alla tempesta, come uso nei film catastrofici. George Clooney riesce a essere abbastanza convincente nel ruolo del capitano dello sfortunato peschereccio. Classico film d'intrattenimento ben realizzato ma senza molta anima.

Sadako 5/06/07 16:26 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Più che tempesta, possiamo parlare di noia perfetta. Non è un film catastrofico, essendo troppo concentrato sull'imbarcazione dei poveri sfortunati, e il tentativo di coinvolgere nel disastro altri personaggi risulta in un certo modo sviante. Non è un film d'avventura, visto che oltre alla lotta contro le onde non c'è molto. Si passa più della metà del film ad aspettare la tempesta, scommettendo (ma senza troppo entusiasmo) su chi si salverà e chi no. Il fatto che sia una storia vera non aggiunge o toglie nulla alla suspence della vicenda.

Puppigallo 30/06/07 14:06 - 4563 commenti

I gusti di Puppigallo

La prima parte è piuttosto pesante, con un’interminabile scena al bar dove vengono presentati i personaggi (e soprassediamo sui dialoghi...va bene che sono marinai, ma non son mica dementi). In più, se si fa un film basato sulla forza dell’oceano e la scena che dovrebbe essere più spaventosa (l’onda enorme che ribalta il peschereccio) sembra troppo finta, esagerata e messa lì solo per far fare “OOOOOHH”, allora qualcosa non va. Meglio quella della barca a vela in difficoltà (più vera). Clooney se la cava, mentre i due che litigano sono logorroici. Belle scene di pesca. Vedibile.
MEMORABILE: Uno squalo mako a bordo; Uomo preso all'amo.

Lovejoy 24/02/08 18:08 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Basato sull'omonimo libro scritto da Sebastian Junger (a sua volta ispirato a una storia vera). Petersen dirige quello che, a tutt'oggi, rimane il suo film migliore insieme a Nel Centro Del Mirino. Grazie soprattutto ad un bel copione, a personaggi ben delineati, agli effetti speciali che, pur bellissimi, almeno stavolta non dominano la scena. Cast perfetto nei rispettivi personaggi. Da ricordare: un intenso Clooney, un Whalberg in palla e quella solita faccia da duro che risponde al nome di Michael Ironside. Splendida colonna sonora.
MEMORABILE: L'intensa parte finale.

Capannelle 23/02/08 16:45 - 3801 commenti

I gusti di Capannelle

Basato su un fatto realmente accaduto nel 1991 è un film a metà tra il catastrofico e l'avventura. Interessanti i caratteri dei marinai, bravi Clooney e Wahlberg, resa bene l'angoscia che monta quando scelgono di affrontare la tempesta. Gli effetti sono progettati con cura anche se la realizzazione digitale è ben visibile e l'onda finale esagerata. Per non parlare dell'elicottero dentro la tempesta. Film che si lascia vedere ma non rivedere.

Galbo 25/02/08 18:42 - 11543 commenti

I gusti di Galbo

Discreto prodotto di intrattenimento, La tempesta perfetta è realizzato con la massima professionalità hollywoodiana: storia piuttosto avvincente, sceneggiatura che costruisce con sapienza una certa tensione e regia che possiede il giusto ritmo per un film del genere. Buoni effetti speciali (la tempesta del titolo è ricostruita indubbiamente bene) ed attori che possiedono la giusta carica di simpatia per permettere al pubblico di parteggiare per loro.

Ciavazzaro 18/11/08 14:28 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Insomma. George Clooney questa volta come attore protagonista non convince più di troppo e il resto del cast non lo aiuta più di tanto, salvo giusto la Mastrantonio e Dianne Lane. Castrofico così così; sentimentalismi a non finire, interpretazioni stereotipate... Pollice verso.

Cotola 18/05/09 00:23 - 7741 commenti

I gusti di Cotola

Discreto e abbastanza piacevole intrattenimento che si lascia guardare senza affanni e che ha il coraggio di finire in modo non banale. Il tutto condito dal massiccio uso di effetti speciali (tecnicamente ineccepibili). Nulla di eccezionale ma in ogni caso non malvagio.

Disorder 16/12/09 22:37 - 1412 commenti

I gusti di Disorder

Abbastanza noioso. La trama è davvero povera, sopratutto è un continuo crescendo di tensione che non porta a nulla (nel senso che davvero non succede mai praticamente nulla). Il film è poi annacquato da sentamentalismi che ne sviliscono ogni possibile serietà o messaggio di fondo; la "tempesta perfetta" è ben realizzata ma tutto intorno c'è il vuoto. Un film vuoto quindi, privo di qualsiasi intuizione ma sopratutto di un suo perché.

Wolfgang Petersen HA DIRETTO ANCHE...

Daniela 16/12/09 16:40 - 9959 commenti

I gusti di Daniela

Meno peggio del previsto, anche se ci mette un pò per salpare. La parte introduttiva è lenta, la cocciutaggine con cui i pescatori si cacciano dei guai appare irritante, il tentativo di "coralizzare" il disastro narrando le vicende di un'altra imbarcazione è poco felice e, anche se le facce sono giustamente ruvide e inaspettatamente credibili, manca una storia in grado di tenere a galla l'interesse per i personaggi. A salvare però il film dal naufragio ci pensa una fine inaspettata, non allineata con l'andazzo corrente dei blockbusters.

Cangaceiro 17/12/09 15:24 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Solito film della stagione hollywoodiana di Petersen: un blockbuster americanissimo in tutto e per tutto. Certi passaggi e soprattutto taluni personaggi sono fin troppo scontati e stereotipati ma la spettacolarità delle scene marinare, la suspence costante ed un epilogo non consolatorio compongono un menù piuttosto ricco e accettabile. La retorica a stelle e strisce sugli eroi del mare si fa eccessiva nella parte finale ma non disturba molto. Clooney in buona forma tiene bene la rotta così come i suoi comprimari. La Mastrantonio è smunta e mascolina.

Greymouser 8/05/11 22:03 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Per chi ama (e teme) il mare, riempie gli occhi per le ambientazioni oceaniche e marinaresche, di sicuro fascino spettacolare, anche se le scene della tempesta appaiono un po' artificiali. La storia è lineare, quasi monocorde, e la regia onesta di Petersen se la cava senza cadute ma anche senza guizzi. Poteva essere qualcosa di molto meglio, ma ci si può accontentare di una visione di puro intrattenimento.

Mdmaster 11/05/11 08:28 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Petersen firma un catastrofico con buon mestiere, dirigendo un cast con palesi alti e bassi: Clooney se la cava, Wahlberg decisamente meno, Ironside si conferma e così via. Il problema è che non c'è gran storia di cui interessarsi né personaggi profondi; gli effetti speciali son limitati a un'enorme vasca in cui galleggia la barca e alla CG per costruire le onde tutto intorno. Non c'è molto altro in effetti: da una parte è apprezzabile per l'asciuttezza (ha ha!) della vicenda, dall'altra la noia è in agguato. Vedibile comunque.

Nando 8/04/12 18:13 - 3511 commenti

I gusti di Nando

Ispirato da una storia vera, il film parte da un prologo di sofferenza lavorativa per arrivare al culmine del disaster-movie con discreti effetti speciali che non tengono in considerazione interpreti comunque sufficienti. Tutto punta alle immagini drammatiche della tempesta, ma alla fin fine non si possono comunque sottovalutare le interpretazioni degli attori.

Ducaspezzi 10/11/12 00:06 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Un filmetto onesto che - anche quando ancora il tempaccio è lontano dal rappresentare i suoi immani spettacoli - si lascia discretamente seguire già nella fase di conoscenza dei personaggi e delle loro relazioni, tra chi resta a terra nelle trepidanti preghiere e chi si fa attendere per mare, chi ha tratto profitti dalle battute di pesca e chi è in rosso ma irriducibilmente speranzoso. Cercando così di attivare, innanzi alle diverse imminenti sfighe (procellose e non), maggiori quote emotive nell' attenzione che l'effettistica catalizzerà.
MEMORABILE: Meteo o non meteo, si tratta comunque di avversità pelagiche, per cui poteva mai dar forfait lo squalo?

Rambo90 22/01/13 00:22 - 6595 commenti

I gusti di Rambo90

Catastrofico trainato da un bel ritmo e ottimi effetti speciali (in alcune scene c'è davvero da provare freddo insieme ai personaggi), più che dalle interpretazioni, buone ma non straordinarie. Clooney col suo comandante regna sovrano, mentre il resto del cast si limita soprattutto ad intrecciare varie sottostorie. La durata è lunga, ma grazie all'azione praticamente non stop si regge bene.

Furetto60 16/07/13 10:46 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Drammone marittimo iperadrenalinico con parte iniziale propedeutica che crea ad arte una tensione d’attesa. Gli atteggiamenti dei protagonisti sono generalmente molto sopra le righe, spavaldi e sbruffoni, perdendo in realismo ma comunque efficaci ai fini della rappresentazione. La tempesta impazza, acqua e vento spazzano e spezzano acciaio e uomini, vite e speranze: certo non ci si annoia fino alla cnclusione, che riscatta parte delle esagerazioni precedenti.
MEMORABILE: Il peschereccio affronta disperatamente il muro d’acqua che la sovrasta: ricorda Achab e la balena bianca!

Trivex 16/07/13 12:34 - 1529 commenti

I gusti di Trivex

Buon film, anche se rivisto perde qualche cosa rispetto alla prima (notevole) visione. C'è il gusto del mare e della sua gente e l'assaggio del sale, pur attraverso un ottica commerciale, si sente e un paio di volte brucia pure. Avventura, sentimento e ovviamente il catastrofico (inconsueto però). I "cavalloni" fanno ballare gli uomini e la natura, magari non così contenta della pesca industriale d'alto mare, spesso si ribella e si prende la vita degli uomini che la sfidano per mestiere. ***
MEMORABILE: L'uncino che trascina; Il finale.

Viccrowley 17/07/13 01:20 - 804 commenti

I gusti di Viccrowley

Ennesima variazione sul tema del conflitto tra uomo e natura, in questo caso impersonata da una tempesta di proporzioni apocalittiche. E la furia della natura ha valenze simboliche anche se abbastanza elementari, nel punire un gruppo di pescatori tosti e caparbi nel giorno della loro battuta più importante. Per il resto siamo davanti a un onesto film d'avventura con un cast tutto sommato in parte (ottima la Mastrantonio, un po' meno Wahlberg) e una regia di mestiere dello specialista Petersen. Mezzo pallino in più per il coraggioso finale.

John C. Reilly HA RECITATO ANCHE IN...

Jandileida 30/11/13 23:14 - 1289 commenti

I gusti di Jandileida

Onestissimo avventuroso firmato dal fino ad allora dignitoso Petersen, che poi si perderà miseramente all'entrata dell'Ellesponto. Gli ingredienti giusti per godersi un buon prodotto di genere ci sono proprio tutti: cast affiatato (con un plauso per il tormentato Clooney e la Lane, senza un vero motivo ma sono segretamente innamorato), personaggi schematici ma con una loro rispettabilità, effetti speciali non troppo invadenti, storia ipercollaudata. Un po' appiccicaticcia la vicenda parallela della barca a vela, ma altrimenti sarebbe durato mezz'ora.

Modo 25/03/14 22:25 - 841 commenti

I gusti di Modo

Mi è piaciuta l'atmosfera marinara che si avverte, quasi palpabile in certe inquadrature sia in mare che a terra. Questa è la cosa migliore. Il film comunque, a parte qualche lungaggine, si dimostra dignitoso. Un mare così inquieto nel finale rasenta l'inimmaginabile, efffetti speciali discreti. Attori nella norma che non saranno certo ricordati per particolari meriti. Così così.

Rigoletto 18/10/14 12:06 - 1626 commenti

I gusti di Rigoletto

Petersen è regista dal solido mestiere e sa come far attraccare in tutta sicurezza l'imbarcazione che gli è stata affidata. Il cast è composto da nomi affidabili che trattati con un minimo di decenza possono garantire un buon risultato; senza nemmeno sforzarsi troppo ha confezionato un buon catastrofico nel quale la parte migliore è proprio la tempesta perfetta. Era invece il caso di spingere di più sull'introspezione dei personaggi piuttosto che aggiungere una sezione fine a se stessa come quella dei velisti con tutto ciò che ne consegue.

Saintgifts 22/10/14 00:29 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Tempesta perfetta contro uomini... non perfetti. Orgoglio, caparbietà, autostima alle stelle, sono alla base di tutto. C'è senz'altro anche una morale che poi cede il passo alle paurose immagini di una natura scatenata che fa il suo mestiere (come del resto fanno il loro mestiere i pescatori, ma non bene fino in fondo). Anche il profitto fa la sua parte; insomma, gli elementi (e non solo quelli naturali) ci sono tutti, comprese "storielle" più o meno grandi d'amore, per rispettare le tradizionali angosce di chi aspetta in terraferma.

Piero68 18/05/18 09:10 - 2799 commenti

I gusti di Piero68

Non mi ha convinto questo film, che reca come peccati originali una sceneggiatura piatta e noiosa e caratterizzazioni tagliate con l'accetta. Senza dimenticare il sempre presente (e irritante) commento sonoro, troppo didascalico per essere apprezzabile: il cambio della sua modulazione fa capire in anticipo cosa succederà nella scena successiva. Anche gli effetti non sempre sono all'altezza: in alcuni casi sembrano i modellini della serie di Godzilla. Insomma, un prodotto con troppi bassi che finiscono con l'annullare anche i pochi alti.
MEMORABILE: L'assurda scena del salvataggio dei piloti: possibile che su una nave della Guardia Costiera nessuno abbia una cima da lanciargli per poi issarli su?
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 23/07/09 11:00
    Scrivano - 5618 interventi
    Nicolas Cage fu considerato per il ruolo di Bobby.
  • Homevideo Galbo • 10/04/12 16:57
    Consigliere massimo - 3814 interventi
    Disponibile in BR per Warner HV con le seguenti specifiche tecniche (fonte dvd-store.it)

    Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
    Formato audio 5.1 EX Dolby Digital: Italiano Inglese Frncese Tedesco Spagnolo
    Dolby TrueHD 5.1: Inglese
    Sottotitoli Italiano Inglese Francese Tedesco Spagnolo Svedese Olandese Finlandese Norvegese Danese Portoghese Cinese Coreano
    extra
    Speciale HBO: Creating the Perfect Storm
    - Testimoni della Tempesta: ricordi degli eventi che hanno ispirato il libro
    - Creare emozioni: il compositore James Horner al lavoro
    3 Commenti:
    - Il regista, Wolfgang Petersen
    - L'autore del libro, Sebastian Junger
    - Il supervisore degli effetti speciali Stefen Fangmeier e la produttrice degli effetti visivi, Helen Ostenberg Elswit
    Per sempre - Montaggio fotografico
    Trailer
  • Discussione Raremirko • 10/07/18 23:31
    Addetto riparazione hardware - 3571 interventi
    Fondamentalmente d'accordo con Disorder e Magnetti; è vero, attorno alla tempesta finale c'è poco o nulla, e comunque ci si arriva pieni di noia.

    Petersen ha di sicuro fatto di meglio; la confezione è ok, il cast ottimo e variegato (diverte veder menarsi Reilly e Fichtner) e gli sfx finali han il loro perchè.

    Ma gran parte del film poteva esser però resa meno banale, scontata prevedibile.


    Medio/mediocre.
  • Curiosità Daniela • 11/07/18 04:11
    Gran Burattinaio - 5407 interventi
    Soggetto dal libro "The Perfect Storm" del giornalista statunitense Sebastian Junger, pubblicato nel 1997, in cui viene raccontato un fatto di cronaca avvenuto nel 1991: il naufragio del peschereccio "Andrea Gail".

    Sulla vicenda si può leggere qui o anche qui.