La religiosa

Media utenti
Titolo originale: La religieuse
Anno: 2013
Genere: drammatico (colore)
Note: Dal romanzo di Denis Diderot già trasposto sugli schermi nel 1966 da Jacques Rivette col titolo "Suzanne Simonin la religiosa".
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/10/13 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 7/10/13 13:19 - 9218 commenti

I gusti di Daniela

Sedicenne, costretta a prendere i voti contro la sua volontà, pur sottoposta ad angherie e maltrattamenti non rinuncia al suo diritto a poter scegliere il proprio destino. Nuova trasposizione del celebre romanzo settecentesco, declina queste "sventure della virtù" fra accenni sadiani e soprassalti lesbo, con eleganza formale e rispetto sostanziale del testo, ma anche una certa freddezza calligrafica. Buona la scelta di Etienne, il cui volto minuto ben riflette la determinazione della giovane protagonista. Impeccabile Huppert.
MEMORABILE: Costretta a camminare a piedi nudi lungo un corridoio cosparso di frammenti di vetro

Myvincent 4/07/20 20:09 - 2524 commenti

I gusti di Myvincent

Il solito film sugli interni monacali, vissuti pesantemente da una giovane donna costretta nel XVIII secolo a prendere i voti per sostenere economicamente sé stessa, abbandonata al volere di chi ha deciso tutto per lei. Prima bene accetta, poi è maltrattata sadicamente e infine morbosamente oggetto di desideri saffici. La descrizione fredda delle vicende va in armonia con le candide, fresche di bucato, vesti monacali, inappuntabili e senza neanche una piega, tanto da sembrare finte. Il finale ce lo siamo immaginato da metà tempo in poi. Plauso alla protagonista Pauline Etienne.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.