La palla n° 13

Media utenti
Titolo originale: Sherlock Jr.
Anno: 1924
Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Note: Aka "La palla numero 13", "La palla nr. 13".
Numero commenti presenti: 13

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 13/05/07 11:45 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Un ragazzo sogna di diventare un grande detective e gira portando sempre con sè un libro sull'investigazione, che gli creerà tanti grattacapi, ma alla fine... Capolavoro di Keaton che parecchi decenni prima di altri celebrati campioni inventa il meta-cinema facendo entrare il suo personaggio (addormentatosi in cabina di proiezione) dentro il film proiettato, per risolvere il mistero. Tutti amano il populista e demagogo Chaplin, ma fu l'uomo dalla faccia di pietra il più geniale innovatore linguistico. Basilare.

Cotola 12/12/07 18:56 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

Il più bel film di Buster Keaton oltre che uno dei più bei film comici (e non solo) della storia del cinema. Una sarabanda ininterrotta di emozioni ma soprattutto risate che scaturiscono dall'imbranataggine del personaggio interpretato dal grande regista. Impossibile non ridere di gusto in alcune scene. Imitatissimo da tantissimi registi specie perché qui si mescola, forse per la prima volta, in maniera magistrale, la finzione filmica e quella reale. Assolutamente da non perdere!

Ercardo85 16/12/08 18:12 - 81 commenti

I gusti di Ercardo85

È il film comico più geniale della storia del cinema, 45 minuti di buffoneria irresistibile, sequenza ininterrotta di gag surreali e efficacissime che ancora una volta tendono ad esaltare le doti atletiche e mimiche del grande Keaton; il punto più alto sua carriera assieme a Il cameraman e Come vinsi la guerra.

Pigro 14/01/09 09:33 - 8629 commenti

I gusti di Pigro

Proiezionista sogna di diventare detective. Keaton è davvero straordinario non solo come attore, con notevoli doti interpretative e atletiche, ma anche come regista. Il film (col titolo malamente tradotto in italiano) ha una grazia, una felicità creativa, una poetica fantasia davvero impareggiabili. Non solo gag, ma una divagazione onirica dove realtà e fantasia si trasformano e intrecciano lasciando sempre stupefatti e leggeri come bambini. Bellissima la lunga sequenza di Keaton dentro allo schermo del cinema che cambia sempre film.

Enricottta 29/10/09 16:44 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Film geniale! Keaton è il più grande regista di film muti. Sherlock Jr. è un lungometraggio che da spunti per discussioni sul cinema, sulla tecnica narrativa, sugli effetti speciali, sulle suggestioni, che nemmeno si potevano immaginare nel lontano 1924. Le scene bellissime sono tante, ma la cosa che sorprende è la modernità di Keaton, che sulla pellicola appare così "avanti" da fare impressione. Memorabile la scena di lui che entra nello schermo, forse per farci capire che il cinema e la realtà sono la stessa cosa, come la sua vita da attore di vaudeville.
MEMORABILE: Trova un dollaro e a turno una donna, una vecchina, un ladro gli chiedono se lui ha trovato un dollaro.... Scena di un umorismo sublime!

Belfagor 19/07/12 14:45 - 2647 commenti

I gusti di Belfagor

Proiezionista aspirante detective entra in un film giallo e s'improvvisa investigatore. Non è solo una sequenza ininterrotta di gag surreali e geniali, ma anche l'atto di nascita del meta-cinema, del film nel film, espediente qui sfruttato in modo tuttora difficile da imitare. Regista brillante e attore straordinario, Keaton affronta peripezie sempre più improbabili dotato di una grande capacità acrobatica e della sua leggendaria impassibilità. Gli effetti speciali e i giochi visivi colpiscono per la loro resa perfetta. Una vetta del cinema.
MEMORABILE: L'ingresso nello schermo; La lunga corsa in motocicletta.

Delpiero89 29/01/14 21:39 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Caposaldo assoluto della cinematografia di Buster Keaton e del cinema comico in assoluto, questo divertente film di circa trequarti d'ora riesce tutt'oggi a divertire. Certamente le scene più d'azione, con gli inseguimenti, viste oggi non hanno lo stesso effetto dell'epoca e risultano forse le più "indigeste", ma la mimica di Keaton, la genialità di certe trovate, la purezza matematica del tutto ancora oggi rimangono impressionanti. Essenziale.

Paulaster 1/06/16 10:21 - 3415 commenti

I gusti di Paulaster

Il provetto investigatore riesce a divertire basandosi su giochi visivi ed evoluzioni spettacolari e, nella sua mimica glaciale e impacciata, il proiettarsi in un sogno ci fa entrare in un mondo dove tutto diventa possibile. Prima parte nell’appartamento che introduce il personaggio e séguito dove il film esprime al meglio il metacinema (l’entrata nello schermo) e le trovate scenografiche. Poco dal punto di vista emozionale, tranne per le acrobazie sempre a un pelo dall’incidente.
MEMORABILE: L’uscita dalla finestra infilandosi il vestito; Il percorso in moto da solo; La capotte che diventa una vela.

Tarabas 24/01/17 14:25 - 1824 commenti

I gusti di Tarabas

Mettere insieme tutte le raffinate suggestioni contenute nei 60 minuti di questo gioiello è impossibile. Scegliamone una: il cinema è meglio della vita, a volte. E' tanto meglio che si vorrebbe saltare dentro un film e viverci, senza le costrizioni del mondo reale. Ma anche i film, come i sogni, possono essere pericolosi. E comunque la vita poi ti viene a riprendere, ma un occhio sullo schermo possiamo continuare a tenerlo, per prendere spunto su come baciare una ragazza. Play it again, Buster.

Rambo90 17/10/18 15:35 - 6952 commenti

I gusti di Rambo90

Forse il primo esempio assoluto di cinema nel cinema, con un Keaton in stato di grazia sia come attore (e stuntman) che come regista. Dopo un inizio convenzionale, il film decolla con l'inizio del sogno e cominciano sequenze divertentissime animate da un ritmo scatenato e senza soste. Alcune scene sono davvero geniali (soprattutto per l'epoca), come quella in cui Keaton viene sballottato da un frame all'altro ritrovandosi in paesaggi sempre diversi. Ancora oggi mantiene intatta la sua freschezza e l'originalità delle sue invenzioni.

Buster Keaton HA RECITATO ANCHE IN...

Rufus68 5/11/18 22:00 - 3421 commenti

I gusti di Rufus68

Se l'afflato metacinematografico ha fatto (giustamente) versare fiumi di inchiostro, è anche nella classica gestione dello slapstick che Buster si rivela ineguagliato. Sogno, realtà e cinema (ovvero il sogno del sogno) si rincorrono con originalità sorgiva e ammaliante nella sua ingenua potenza; e però anche la folle corsa in moto (con quelle miracolose coincidenze che evitano il disastro), la partita di biliardo o la gag dei dollari nella spazzatura sono momenti memorabili. Uno dei picchi del muto.

B. Legnani 24/11/18 00:59 - 5063 commenti

I gusti di B. Legnani

Delizioso mediometraggio di Keaton, che inanella trovate divertenti, il cui culmine si rivela nella corsa in moto (inconsapevolmente spericolata), quando il caso è sistematicamente salvifico. Celebre il meccanismo di metacinema ma, forse, la cosa più interessante è, ragionando ora, quanti siano gli altri debiti del cinema successivo. Due, a caso: il protagonista di Provaci ancora, Sam, che prende lezioni dal divo del cinema e quel treno che scorre in mezzo ai cactus...
MEMORABILE: "Ho perso un dollaro!"

Aco 28/11/21 20:14 - 154 commenti

I gusti di Aco

Keaton, celebre per la sua imperturbabilità espressiva che non conosce né stupore né gioia, in questo film presenta un utilizzo molto raffinato dei trucchi (impressione multipla, sovrimpressione, fermo macchina con sostituzione, scavalcamento dello schermo). Inoltre, mette in scena il rapporto fra cinema, sogno e realtà e demistifica il lieto fine: dubbi sulla bontà dei valori proposti dalla morale dominante e sanciti dal cinema classico hollywoodiano.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Tarabas • 24/01/17 14:27
    Formatore stagisti - 2071 interventi
    Come ho fatto ad arrivare al 2017 senza avere visto questo film?
  • Discussione Rebis • 24/01/17 14:35
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    :D vero che è un capolavoro totale?
  • Discussione Tarabas • 24/01/17 16:53
    Formatore stagisti - 2071 interventi
    Strabiliante.

    1924

    1 9 2 4

    M I L L E N O V E C E N T O V E N T I Q U A T T R O

    Il cinema e la vita.

    Il cinema meglio della vita.

    Il cinema al posto della vita.

    Il cinema come scuola per la vita.

    Dritto nel mio pantheon.
  • Discussione Rebis • 24/01/17 17:53
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    Concordo, lo vidi molti anni fa assieme ad altri film di Keaton, rimasi sbalordito, un genio: non c'è nulla che lo renda inferiore Chaplin, è solo una questione di fama...