LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/09/14 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 8/09/14 00:35 - 2260 commenti

I gusti di Buiomega71

Sospesa, intensa, peculiare, visivamente ricercata fiaba d'amore e bizzarro corteggiamento, impreziosita dalla magnifica fotografia di Acácio de Almeida (che dona atmosfere argentiane nella bottega delle maschere). Delicatissima e densa di particolari pittorici la regia della Infascelli, tra umori favolistici avatiani e leggiadre sinfonie di un Neil Jordan. Attimi quasi horror (il minaccioso temporale, la palude, la maschera gettata nel fango), poesia e un happy end che non smorza il fascino dell'insieme. Bellissimo l'omaggio al Fantasma dell'Opera. Ammaliante.
MEMORABILE: Il primo incontro al fiume, con la maschera a forma di foglia ed elfo dei boschi; Il prefinale magico e poetico al gazebo; L'arlecchinesca Bonham Carter.

Lucius 4/05/17 21:04 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Probabilmente ispirata a Gothic, la pellicola della Infascelli ha dal canto suo una location pazzesca che gronda architettura e storia da ogni suo angolo e una fotografia degna di nota. Al contempo è pregna di leggerezze, infantilità e una teatralità puerile che stemperano la magica, evocativa atmosfera, pur presente nel film. La sceneggiatura è il punto debole dell'opera: non decolla perché vola troppo basso. Movimenti di regia indovinati per un'occasione comunque sprecata...
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 8/09/14 10:07
    Pianificazione e progetti - 21883 interventi
    Seducente, affascinante, raffinata, avvolgente e ipnotica fiaba d'amore e bizzarri giochi di seduzione ambientata in una magica e sospesa italia del settecento

    Il nobiluomo Leonardo passa le sue giornate di assoluta dissolutezza nella sua villa con il padre (il Feodor Chaliapin di Inferno), tra sbronze e il demone del gioco che stà lapidando i tesori di famiglia. Vince al gioco una compagnia di teatranti (destinati ad un bambino), e in una sera d'estate, nel suo giardino, si esibiscono nello spettacolo. Leonardo viene colpito dalla bellezza ammaliante di Iris (una stupefacente Helena Bonham Carter di pre-burtoniana meraviglia). La seduce, ma il suo fare è rozzo e volgare, e la fanciulla ne rimane schifata e orripilata

    Per conquistare l'amata, il nobiluomo interpella un creatore di maschere (un mefistofelico Roberto Herlitzka), che le commissiona particolari e bizzarre maschere, che lui indosserà (celando la sua identità) per rubare il cuore della sfuggente Iris...

    Opera più unica che rara nel panorama del cinema italiano ottantesco, che rammenta arcane atmosfere fiabesche avatiane e sinfonie romantiche/fantastiche di un Neil Jordan

    Impreziosito dalla straordinaria fotografia di Acacio De Almeida (che regala atmosfere e sussurri argentiani nella bottega delle maschere), dalla melodica sinfonia musicale di Luis Bacalov, dalle incantevoli location, speziato da lievi sfumature quasi horror (la bottega delle maschere, appunto, il primo incontro al fiume con lo sguardo della maschera in soggettiva, il minaccioso temporale all'orizzonte, la maschera stile kabuki gettata nel fango), dalla regia raffinata, suadente, pittorica e densa di particolari della Infascelli

    Lento nel narrato, ma ammaliante, ricercato visivamente, romanticheggiante ma non melenso (anche l'happy end, con un arlecchinesca Bonham Carter, non intacca il fascino del film), penetrante, con alcuni momenti davvero intensi (l'incontro al fiume con la maschera a forma di foglia e elfo dei boschi, il bellissimo omaggio al Fantasma dell'Opera durante le prove a teatro, tutta la magica parte nel prefinale al gazebo che mi ha riportato alla mente atmosfere sospese alla Invenzione di Morel, la maschera che galleggia nell'acqua) e una narrazione rarefatta e surreale che imprime un fascino che rapisce nonostante la lentezza dello svolgimento

    La Infascelli dimostra un talento visivo non comune e un gusto per l'immagine davvero seducente, nonchè l'originalità del soggetto, che non assomiglia a nessun altro film

    C'è pure Maria Tedeschi, la vecchiaccia di Bestialità !

    Piccola gemma da riscoprire e custodire con amore, perchè "Niente accade per caso"
    Ultima modifica: 8/09/14 12:42 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 8/09/14 10:16
    Pianificazione e progetti - 21883 interventi
    A dir poco straordinario il dvd editato dalla Istituto Luce nella collector's edition, versione restaurata e rimasterizzata in digitale con la supervisione del direttore della fotografia Acacio De Almeida

    Schermo panoramico: formato 1.66:1

    Audio : Italiano, inglese e francese (italiano per non udenti)

    Comparto extra corposo: Backstage, "first cut" del film, trailer cinematografico, sinfonie della colonna sonora di Luis Bacalov, galleria fotografica, bozzetti dei costumi e delle scenografie (dell'argentiano Antonello Geleng), booklet di 8 pagine.

    Durata effettiva: 1h, 26m e 47s
  • Discussione Buiomega71 • 8/09/14 10:20
    Pianificazione e progetti - 21883 interventi
    Fiorella Infascelli, figlia del produttore e regista Carlo Infascelli, da assistente di Pasolini in Salò a attrice per Emidio Greco ne L'invenzione di Morel. Un importante tassello in più nella dinastia cinematografica degli Infascelli

    http://www.nonsolocinema.com/IMG/jpg/fiorella_infascelli.jpg
    Ultima modifica: 8/09/14 10:22 da Buiomega71