La grande illusione

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/10/07 DAL BENEMERITO MFISK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mfisk 3/10/07 18:47 - 127 commenti

I gusti di Mfisk

Un Jean Renoir in stato di grazia realizza un film militante, pacifista e internazionalista di rara bellezza. Il plebeo Gabin e il nobile Fresnay sono due ufficiali francesi della Grande Guerra, prigionieri. Scopriranno di avere molta più affinità con i tedeschi della loro stessa estrazione sociale (rispettivamente Dita Parlo e Stroheim) che, tra loro, sono pur connazionali. Una rifessione sulla vita e sulla società, che fotografa con classe finissima la fine di un'epoca. Due anni dopo, i cavalieri polacchi affrontavano i carri di Hitler con le nude sciabole.
MEMORABILE: I soldati 'en travesti' che interrompono lo spettacolo e cantano la Marsigliese.

Cotola 12/07/08 13:12 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

Capolavoro assoluto della storia del cinema ma anche il più bel film pacifista ed antimilitarista di tutti i tempi. La guerra è una grande e sporca illusione come recita il titolo e Renoir non manca di sottolinearlo più volte. Molto coinvolgente dal punto di vista emozionale, raggiunge il suo climax nello struggente finale per il quale è praticamente impossibile non commuoversi. Indispensabile ed indimenticabile, andrebbe visto e rivisto per gustarlo ad ogni visione.

Pigro 22/08/08 09:40 - 8629 commenti

I gusti di Pigro

Ufficiali francesi in fuga da un campo di prigionia tedesco, durante la Grande Guerra. La dignità dell’uomo e l’orrore della violenza sono le chiavi di volta di un film accorato che sonda l’intima umanità sotto le divise militari. Il film va in crescendo, a partire dal travestimento femminile dei soldati per uno spettacolino (da brivido la scena in cui cantano la Marsigliese), attraverso i dialoghi sofferti con Rauffenstein (uno strepitoso Stroheim) fino all’incontro con la contadina tedesca, vero inno laico alla pace e alla fratellanza.

Deepred89 21/01/09 18:42 - 3458 commenti

I gusti di Deepred89

Grande film pacifista che nell'epoca del Fronte popolare tenta di tramandare il concetto di uguaglianza al di là di qualsiasi nazionalità. Il film è in crescendo, decolla definitivamente con la bellissima scena della Marsigliese e raggiunge vette strordinarie nella parte con Von Stroheim (assolutamente straordinario), senza calare eccessivamente in seguito. Alcune sequenze sono di una bellezza unica. Ottimo cast.

Pau 12/05/10 19:34 - 125 commenti

I gusti di Pau

Splendido ibrido di realismo e utopia, colmo di rispetto verso chi mette la propria vita al servizio di un ideale ritenuto "alto" (non è un fim contro il mestiere di soldato, anzi, ne sottolinea sofferenza e dignità). Quello di von Stronheim è un personaggio indimenticabile: riassume in sè il dolore muto della "finis Austriae" e l'orgoglio gentile di chi sa avvertire l'affinità tra due anime, al di là dell'incidente esteriore di una divisa. L'amicizia come ancora di salvezza, l'amore come ragione di vita; forse è questa la grande illusione.
MEMORABILE: "Dì là dei ragazzi che giocano ai soldati. Di qua dei soldati che giocano come ragazzi".

Belfagor 25/06/10 20:58 - 2647 commenti

I gusti di Belfagor

Capolavoro assoluto del realismo e uno dei migliori film di guerra mai realizzati. Renoir mette al bando la retorica e l'idealizzazione per concentrarsi sulla mera condizione umana e sulle illusioni (fra cui la grande illusione, ovvero la guerra) che la accompagnano. Il cast eccellente, con un Von Stroheim in stato di grazia, disegna dei personaggi indimenticabili. Realizzato sul finire di un'epoca, a soli due anni prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, mantiene tuttora la validità del proprio messaggio.
MEMORABILE: "Forse il mondo non ha più bisogno di noi"; i soldati che cantano la Marsigliese.

Homesick 20/03/11 18:45 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

A soli due anni dallo scoppio della Seconda Guerra mondiale l’ecumenismo senza barriere di nazionalità, lingua, classe e gradi militari indicato da Renoir suona proprio come una «grande illusion»; oggi lo si ascolta come un rinnovato appello senza retorica e una trenodia ai valori dell’umanesimo più nobile professato dai cavallereschi Fresnay e Stroheim. Impeccabile per realismo, essenzialità ed immediatezza, la regia impregna di autentico pathos sia gli episodi più buffi e camerateschi (la cassa con gli abiti femminili) che quelli più tragici e toccanti. Semplicemente straordinario.
MEMORABILE: La Marsigliese; il sacrificio di Fresnay; il fiore colto da Stroheim; la permanenza dalla contadina tedesca; l’arrivo in Svizzera.

Mdmaster 29/03/11 09:23 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Splendida pellicola sull'inutilità della guerra, la somiglianza tra tutti gli uomini e la tragedia di chi sarà per sempre legato a una divisa. A un intrigante Gabin si contrappone un enorme von Stroheim nella toccante parte di un capitano trasformato in sofferente e inutile burocrate. Renoir divide il film in vari movimenti, aumentando lentamente il ritmo, inserendo piccole dosi di humour e bilanciando espertamente la dura realtà della guerra con personaggi straordinariamente umani. Lo dico raramente, ma sì, va fatto vedere ai giovani.
MEMORABILE: Rauffenstein coglie il suo solo e ultimo fiore; il commiato tra Maréchal e Rosenthal.

Mark 10/05/11 13:49 - 264 commenti

I gusti di Mark

La fotografia e la narrazione sono i punti forti di questa pellicola, il coraggioso oggetto della sua narrazione in tempi non sospetti, anzi decisamente ostili: il pacifismo, l'orrore della guerra, l'assurdità del rigore militarista reo di mandare al macello milioni di vite umane. In lingua originale è ancora più accattivante, specie nelle battute di Rosenthal, così musicali e surreali. Un capolavoro!

Luchi78 16/08/11 11:43 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Film fondamentale della cinematografia francese, fine e romantico, come quando la guerra si combatteva con "cavalleria", nel rispetto di codici militari tra gentiluomini, ma anche ricco di ideali e principi di pace e fratellanza. Non una goccia di sangue, ma solo un desiderio di amore e libertà che trascende dalle tantissime scene indimenticabili della pellicola. Profonda ed essenziale l'interpretazione del cast, segnalo l'ironia di Julien Carette che in realtà amplifica il tono drammatico della pellicola.

Jean Gabin HA RECITATO ANCHE IN...

Enzus79 29/09/11 15:15 - 2178 commenti

I gusti di Enzus79

Il film pacifista per eccellenza. La prima guerra mondiale fa da sottofondo alla storia di prigionieri francesi in cerca di fuga da un campo di prigionia tedesca. Ottima regia per ottimi interpreti, su tutti Jean Gabin, che risulta pure simpatico. Capolavoro.

B. Legnani 4/01/12 19:09 - 5063 commenti

I gusti di B. Legnani

Mai titolo fu più azzeccato, per un film del 1937. Non si può non citare sùbito Erich von Stroheim, che è enorme anche quando si limita a bere un bicchiere di cognac, e il fatto che "La Marsigliese" è l'inno nazionale più bello (e accapponante) di tutti. Film poetico, ottimistico, che segna il passaggio di un'epoca (vedi "momento memorabile"). Ha momenti retorici, ma funzionali, ed una narrazione che non cede mai alla tentazione della scena madre.
MEMORABILE: "Forse il mondo non ha più bisogno di gente come noi" "E non trovate che sia un peccato?"

Mickes2 31/12/12 22:33 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Straordinario inno pacifista e antimilitarista, elegia dell’onore e dell’umanità, opera sull’uomo che parla di uomini e valori veri, sulla parità di diritto al di là dello stato di appartenenza, sulla follia e sull’inutilità dello scontro a fuoco. Disilluso, romantico, drammatico e sofferto passaggio di consegne tra la vecchia e rispettabile aristocrazia e la giovine gente interclassista; per la grande illusione di un futuro migliore, la grande illusione di una pace fraterna, o la speranza che la guerra sia solamente una grande illusione.

Didda23 28/09/13 00:10 - 2343 commenti

I gusti di Didda23

Nnon c'è che dire, la sceneggiatura è proprio grandiosa: mescolare momenti di ilarità con riflessioni taglienti e ficcanti sull'inutilità della guerra, sulla differenza di classe e sul rispetto delle regole (con convinzioni di stampo cavalleresco) non è cosa di tutti i giorni. Erich von Stroheim recita talmente bene da rendere il proprio personaggio indimenticabile, supportato da uno straordinario Gabin (l'incarnazione perfetta dell'uomo medio). Bellissimo.

Raremirko 12/03/14 01:09 - 551 commenti

I gusti di Raremirko

Vista anche la versione italiana da 102 minuti, più corta di 7 minuti rispetto all'originale francese; paradossalmente e incredibilmente più lenta, lascia comunque intatta le maestria tecnica e contenutistica, con uno stile moderno strabiliante (il film ha quasi 80 anni e pare essere stato girato il mese scorso!) e dovute critiche antimilitariste. Bravissimi tutti gli attori, finale speranzoso, ma il titolo dà al tutto un grande alone per l'appunto illusorio. Capolavoro precursore dei tempi.

Bizzu 10/03/14 20:11 - 210 commenti

I gusti di Bizzu

Un grandissimo film! Parla della guerra senza mai farla vedere, è assolutamente apolitico, pacifista e antimilitarista ma senza essere stucchevole o esageratamente retorico: solo una storia di uomini, ognuno col suo bagaglio personale di dignità. Particolare e azzeccata la sceneggiatura, senza un vero e proprio protagonista ma dei micro gruppi di individui che si formano e riformano a seconda dei momenti. Oltretutto, non so spiegarmi il perché, ma il film non risente del peso degli anni.

Jandileida 16/11/14 11:57 - 1368 commenti

I gusti di Jandileida

Uno di quei film che non si deve aver timore a definire capolavori universali: il più grande film sulla mattanza del 14-18 che non mostra una scena di guerra ma si addentra nell'animo umano. Eccezionali le riflessioni sul tramonto del (quasi medievale) mondo nobiliare, intimo e tenero l'intermezzo a casa della Parlo, divertente e ritmata la prima parte all'interno del campo di concentramento. Renoir dirige con gentilezza, senza essere mai intrusivo, e il resto lo fanno il faccione di Gabin, la maestosità di von Stroheim e la classe di Fresany. Eterno.
MEMORABILE: "Per un uomo del popolo morire in guerra è una cosa terribile, ma per noi è una buona soluzione".

Daniela 26/04/16 12:50 - 11076 commenti

I gusti di Daniela

Due anni prima dell'inizio del nuovo massacro, Renoir gira uno dei film più belli sulla follia della guerra mostrandone non le atrocità ma i momenti di umanità, come il rispetto reciproco o l'amore tra nemici, e nello stesso tempo riflette sulla fine di un mondo, quello aristocratico dei cui valori sono portatori i personaggi interpretati splendidamente da Fresnay e von Stroheim, per i quali la guerra è ancora una faccenda da affrontare con spirito cavalleresco. Una illusione, come illusione ancora più grande fu sperare che quella guerra potesse essere l'ultima. Capolavoro umanista.
MEMORABILE: La Marsigliese con i soldati che si levano in piedi; Il flauto fra le rocce; L'ultimo colloquio sul letto d'ospedale

Bubobubo 14/12/19 23:59 - 1601 commenti

I gusti di Bubobubo

Dentro un mondo dilaniato dalla follia del primo conflitto mondiale, un altro mondo sta per giungere al tramonto: quello di chi, per lignaggio o educazione, sa riconoscere nel nemico una persona di pari dignità, cui tributare il giusto rispetto. Gigantesca, a tal proposito, la multiforme e profonda prova di Stroheim. Nostalgico - ma non certo revisionista - è il potente sguardo di Renoir, cui si devono semplici e acute osservazioni sull'insensatezza delle ragioni che innescano spirali di violenza e odio reciproco. L'appello cadrà nel vuoto.
MEMORABILE: La natura non osserva i confini inventati dall'uomo.

Giufox 17/04/21 12:13 - 236 commenti

I gusti di Giufox

Immortale come l'"illusione" che veicola, a distanza di anni continua a distillare soluzioni visive/narrative che hanno ispirato generazioni, da Visconti a Bresson, da Becker a Darabont. Tra sardine, corde e monocoli, un agglomerato di soldati/volti di un mondo che non esiste più, forgiati dalla vita e dal teatro, e grazie ai quali questo saggio umanista non fu semplice cinema, ma materia viva; territorio ideale e "reale" per la disamina di un corollario di dottrine pacifiste (amicizia), popolari (solidarietà) e anti-borghesi (senso dell'onore), a fronte dei nazionalismi dilaganti.
MEMORABILE: Iconici Gabin, Fresnay e Von Stroheim e il cast tutto; L'uso di tempi e spazi filmici perfetto; La colazione iniziale tra vincitori e vinti.

Jean Renoir HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Noir • 19/11/09 22:01
    Galoppino - 575 interventi
    Dal 03/12/2009 per Ermitage Cinema/Medusa Video.
    Dovrebbe essere la versione originale restaurata

  • Homevideo Cotola • 19/11/09 23:39
    Consigliere avanzato - 3698 interventi
    Speriamo!!
  • Homevideo Rebis • 20/11/09 08:23
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    La versione che passa in tv (La7) immagino non sia integrale, giusto?
  • Curiosità Columbo • 16/07/11 09:49
    Magazziniere - 1101 interventi
    Circolano versioni tagliuzzate: la Rai, a suo tempo, mandò in onda la versione integrale, dove le sequenze espunte vengono reintegrate in originale con i sottotitoli.
  • Discussione Didda23 • 28/09/13 00:48
    Comunicazione esterna - 5767 interventi
    @ buono
    D'accordo su tutta la linea (inno compreso). Erich fa qualcosa di veramente meraviglioso, buca letteralmente lo schermo e ti entra dentro. Concordo pure sul voto, manca qualcosa per considerarlo un capolavoro (almeno per me) . Grazie di avermelo consigliato ( mi ha dato il coraggio di affrontarlo)
  • Discussione B. Legnani • 28/09/13 13:50
    Consigliere - 14458 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    @ buono
    D'accordo su tutta la linea (inno compreso). Erich fa qualcosa di veramente meraviglioso, buca letteralmente lo schermo e ti entra dentro. Concordo pure sul voto, manca qualcosa per considerarlo un capolavoro (almeno per me) . Grazie di avermelo consigliato ( mi ha dato il coraggio di affrontarlo)


    Mi fa piacere. Ciao.
  • Discussione Tarabas • 27/02/14 17:45
    Formatore stagisti - 2071 interventi
    Per chi fosse interessato, la Cineteca di Bologna cura il ritorno del film in sala, dopo il restauro. Qui trovate il calendario delle proiezioni.

    http://www.ilcinemaritrovato.it/la-grande-illusion
  • Homevideo Lucius • 18/05/14 10:40
    Scrivano - 8833 interventi
    Il ministro della propaganda nazista Goebbels, considerando Renoir il nemico cinematografico numer uno, mise al bando il film e ne confiscò il negativo.
    Per alcuni anni si pensò che tutte le copie europee del film fossero state distrutte dai nazisti, ma nel 1958, a Monaco, gli americani trovarono una pellicola de La grande illusione, conservata - ironia della sorte - proprio dai tedeschi.

    Fonte: Ciak, Un secolo di grandi capolavori, supplemento riservato ai lettori di Ciak n.3
    Ultima modifica: 18/05/14 13:16 da Zender
  • Homevideo Zender • 1/11/17 17:23
    Consigliere - 45275 interventi
    In bluray per Eagle dal 15 novembre:

    https://www.dvd-store.it/DVD/Blu-Ray/ID-62260/La-Grande-Illusione.aspx