La fine del mondo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The World's End
Anno: 2013
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 19
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/10/13 DAL BENEMERITO DANIELA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 30/01/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 1/10/13 18:50 - 4509 commenti

I gusti di Puppigallo

L'inviasione degli "ultrarobot" dovrà fare i conti con un gruppetto di amici capeggiati dal Re dei dementi (vuole fare a tutti i costi il giro dei pub, che non aveva completato molti anni prima). Nel complesso, questa allegra fantacavolata non è male, grazie ai protagonisti, che riescono quasi sempre a riempire i vuoti di una sceneggiatura che ha ben poche cartucce da sparare (il tutto è solo un pretesto per permettere loro di dare il meglio-peggio). Qua e la si sorride e, se non altro, la pellicola scorre abbastanza fluidamente. Nota di merito per l'assurda cocciutaggine del protagonista.
MEMORABILE: Il rombo delle Bermuda, perchè per il vecchio sono due triangoli isosceli; La bibbia l'ha scritta Gesù; "La nostra è una civiltà fondata sui cazzoni".

Blutarsky 1/10/13 12:02 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Capitolo finale della “Cornetto Trilogy”. La coppia Wright-Pegg destruttura il classico film alla Invasione degli ultracorpi rielaborandolo secondo il proprio collaudato humor britannico e aggiungendovi i temi a loro cari (l'amicizia, i pub, la provincia inglese, la sindrome di Peter Pan). Il risultato ottenuto è su alti livelli, il personaggio interpretato da Penn è grandioso e il cast è ottimo. Il ritmo è alto e la regia di Wright inventiva ed eccellente nel dosare i giusti tempi comici. Chiusura perfetta e complementare della "trilogia".
MEMORABILE: L'esilarante dialogo con l'entità aliena; Penn alla sorella di Freeman: "Ci resterà il gabinetto degli invalidi".

Daniela 1/10/13 09:19 - 9402 commenti

I gusti di Daniela

Cinque amici d'infanzia si ritrovano molti anni dopo per portare a termine il giro dei 12 pub della loro città natale, ma la notte di sbronze è complicata da eventi imprevisti... Dopo aver fronteggiato zombi e paesani pro-loco, la Premiata Ditta Wright-Pegg-Frost affronta una invasione aliena stile baccelloni replicanti, con risultati assai gradevoli anche se non altrettanto memorabili a causa di un ritmo singhiozzante. Divertimento comunque assicurato: che il luppolo sia con voi!

Rullo 29/11/13 00:16 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Capitolo finale della "Trilogia del cornetto", riunisce nuovamente il vulcanico trio Pegg, Frost, Wright. Il risultato è un altro scanzonato film con una premessa non troppo originale, ma che di ciò fa la sua forza con un inaspettato punto di svolta che rende il minestrone molto più succulento. L'umorismo inglese tipico del regista non manca, sebbene le battute siano forse più deboli rispetto agli altri due capitoli. Molto simpatici e bravi gli attori. Fantastico come sempre il montaggio.

Mickes2 31/12/13 13:13 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Sollazzante ma non troppo, specie quando la svolta fantascientifica s’infittisce appesantendo un po’ il tutto fra ridondanze narrative e derivatività di fondo. Nel complesso meglio la prima parte, scanzonata e goliardica, con Pegg mattatore assoluto a far da traino per un ritorno alle origini dove contava solo il rimanere se stessi nell’allegra genuinità spartana della provincia. Non conquista mai davvero nemmeno il lato puramente registico (estetica stravista, montaggio fiacco) e l’humour british non è affilato come in passato.

Didda23 16/01/14 09:57 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

Lo stile di Edgar Wright si confà perfettamente con il mio personale gusto cinematografico e questo "La fine del mondo" è riuscito a mandarmi nuovamente in brodo di giuggiole, grazie a una regia dinamica che mette in scena gustosissime lotte in stile wrestling e a una sceneggiatura brillante colma di dialoghi divertenti. Pegg è un mostro di bravura e recita con naturalezza, ma anche l'ottimo Frost non scherza. Peccato per il finale, che non mi ha convinto fino in fondo. Edgar, ora attendiamo con ansia il tuo lavoro marveliano...

Ford 18/01/14 22:38 - 582 commenti

I gusti di Ford

I botteghini sorridono timidamente e premi e festival non si fanno vivi, ma il cinema di puro intrattenimento di Wright è il più pirotecnico e attuale che si possa trovare in circolazione. Qui chiude la famigerata trilogia del Cornetto con un film sull'amicizia tra uomini maturi ai tempi dell'(imprevista) apocalisse aliena, una strizzatina d'occhio a Spielberg e una a Douglas Adams per un geniale sci-fi etilico con un cast in palla e la solita fracassona cifra di Wright condita da una sottile vena nostalgica per gli anni '90.

Capannelle 21/01/14 14:47 - 3721 commenti

I gusti di Capannelle

Ormai Wright, Pegg e Frost costituiscono una garanzia e anche questa parodia di horror e science fiction è notevole e fa sbellicare dalle risate. Da lodare i dialoghi, ficcanti e che spaziano su diversi soggetti, l'abilità del montaggio e il sonoro, in grado di imprimere forza alle immagini. Volendo essere pignoli qualche effetto visivo nel finale è discutibile, ma non è questo il film dedicato ai fanatici degli effetti speciali.
MEMORABILE: Gli arti rotanti; Tutti i dialoghi tra Pegg e Frost ma in particolare quelli nell'ultima birreria.

Galbo 22/01/14 05:45 - 11387 commenti

I gusti di Galbo

Un po' "buddy movie", molto commedia demenziale fantascientifica, La fine del mondo è un film difficilmente inquadrabile. La storia dei cinque amici che festeggiano un inusuale anniversario di bevute al pub punta su una sceneggiatura ricca di dialoghi e situazioni paradossali. Un limite è la durata eccessiva, compensata da un riuscito finale. Attori molto affiatati e buon doppiaggio italiano.

Redeyes 7/05/14 07:50 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

Ecco ancora Pegg e Wright assieme, ancora dementi, ancora divertenti. Questa volta è una sorta di viaggio con Jack al luppolo la scusa e gli ultraRobot l'elemento a sorpresa. Pegg nelle vesti del cialtrone, ottuso ed eterno adolescente funziona bene e Frost e co. sono eccellenti sparring partners. Unica nota leggermente dolente è l'effetto novità che va pian piano scemando finendo per rendere un po' faticosa la visione degli ultimi minuti. Rispetto ai lavori precedente siamo un gradino sotto, ma il duo/trio funziona eccome!

Gestarsh99 15/05/14 16:30 - 1322 commenti

I gusti di Gestarsh99

Essi vivono in Una notte da leoni. A 10 anni di distanza dal procelloso zombailamme di L'alba dei morti dementi, i due compari di bevute Pegg e Frost si ritrovano a tener testa a un'altra invasione nociva, questa volta contro malfidi occupanti di sangue blu animati da ecumenici ukase interspaziali. Wright rinfocola come un piromane segni e temi del film del 2004 (spirito cameratesco, spersonalizzazione, sindrome di Peter Pan) riproponendone il montaggio strattonante e i dialoghi divertiti e schiumanti di nonsense. Verso la fine si perde nell'ordinarietà retorica e annacquata ma lo spasso è garantito.
MEMORABILE: La comitiva di protagonisti che si scervella per selezionare un nome alternativo da dare ai robot alieni ("Robot che non sono robot", "Falsibot", "Nobot").

Pumpkh75 20/08/14 13:18 - 1314 commenti

I gusti di Pumpkh75

Giudizio positivo: anche se con il canovaccio utilizzato hanno pulito già altre pellicole, i Big Jim smontabili dal sangue blu e il duo Pegg/Frost non tradiscono le attese e riempiono quelle pinte di pura goduria che speranzoso ti aspettavi. Non è però come dice il titolo ed è inferiore ai Morti dementi: la lunghezza si fa sentire, specie nel mezzo e il finale è un po’ così (così...). Di sicuro mette una gran sete di luppolo e spinge a graditi revival alcolici con gli amici di un tempo.

Viccrowley 17/10/14 02:22 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Nuovo lavoro per il trio Wright/Pegg/Frost che torna dopo aver fatto gli ammazzazombi e i super sbirri. Il furore iconoclasta della regia e degli esplosivi protagonisti è al servizio di un'assurda storia fatta di birre, pub, nostalgia e invasioni trash da parte di robot dal sangue blu. Gag a raffica e citazioni a ruota libera, dai baccelloni di Don Siegel al "dannatissimo villaggio" di Wolf Rilla. Un lavoro egregio che perde qualche colpo per colpa di un minutaggio esagerato e di qualche giro a vuoto. Comunque divertentissimo.
MEMORABILE: Il primo scontro nei bagni e quello contro le gemelle.

Hackett 1/03/16 07:57 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Divertente e demenziale al punto giusto anche se sottotono e inferiore ai due precedenti capitoli della celebre trilogia del cornetto. Il cast eterogeneo e di talento supporta splendidamente una sceneggiatura brillante ma con qualche lungaggine di troppo. Finale scoppiettante ma forse esageratamente fracassone. Ci si diverte, abbastanza.

Kinodrop 27/09/17 17:31 - 1502 commenti

I gusti di Kinodrop

Commedia fracassona e strabordante che unisce cinque famosi protagonisti all'insegna dell'idiozia intergalattica. La strampalata idea di King di ripercorrere il "miglio dorato" non completato durante l'adolescenza, si complica via via e rende ardua e scoppiettante l'impresa. Pur nei suoi limiti (durata un po' eccessiva e discontinuità tra prima e seconda parte), siamo di fronte a qualcosa di più del semplice intrattenimento, tra battute fulminanti ed effetti speciali a sorpresa e grazie anche alla iperbolica performance di Pegg e compagni.
MEMORABILE: La scazzottata nel bagno pubblico e l'effetto sorpresa.

Il Dandi 12/01/18 21:52 - 1777 commenti

I gusti di Il Dandi

Una rimpatriata fra ex-compagni di scuola si trasformerà in una lotta senza tregua contro creature replicanti che stanno sostituendo gli umani. Wright recupera Pegg e Frost (ma invertendo i caratteri abituali dei due) e torna ai suoi temi più cari (l'amicizia e la crescita personale) per mettere le sue allegorie fantascientifiche (e i suoi consueti combattimenti visionari da videogame) al servizio di una non scontata critica alla globalizzazione dei prodotti, alla standardizzazione delle menti, all'annullamento delle differenze locali.
MEMORABILE: Lo scenario post-apocalittico della "scomparsa della connettività".

Zardoz35 18/11/18 11:42 - 249 commenti

I gusti di Zardoz35

Solo ed esclusivamente per gli amanti del genere. L'idea di partenza di mescolare comicità ultra demenziale a fantascienza e un pizzico di horror non era niente male, ma L'alba dei morti dementi resta parecchio superiore. Pegg si muove come un invasato sparando battute spesso incomprensibili e i suoi amici non fanno granché meglio. L'unico a salvarsi è Frost, che sembra il classico ciccione destinato a finire in pasto agli alieni al primo colpo e invece rivela insospettate doti di leader. Non manca il pistolotto sociale suoi "Vuoti" emarginati.
MEMORABILE: Ma non ci aveva già pensato Jena Plissken a "spegnere" il mondo?

Pigro 28/05/19 15:15 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Il patetico amarcord di 5 uomini maturi tra i pub del villaggio natìo si trasforma in un incubo, costellato di ultracorpi simil-zombi pronti a invadere il mondo. Ovvero, il disordine cialtrone contro l’armonia universale: chi vincerà? Inizia come commedia, scivola nell’horror, finisce nella fantascienza, ma sempre con intelligenza, ironia e buon ritmo: film curioso, a tratti calzante e gustoso, a tratti (l’ultimo quarto d’ora) pretenzioso. Con buoni effetti speciali e qualche sorpresa (la scoperta del primo alieno).

Jandileida 15/09/19 17:48 - 1253 commenti

I gusti di Jandileida

Divertente commedia che parte dall'ennesima, tristissima reunion di amici dopo tanti, troppi, anni e finisce per sfociare nella fantascienza con incursioni nello splatter. Il punto forte sono senz'altro le interpretazioni del quintetto di protagonisti, tutti in parte. Non dispiacciono nemmeno certe battute, abbastanza argute. Qualche momento meno riuscito non inficia la qualità di questo buon film che ha come messaggio di fondo una spassionata ode alle imperfezioni degli essere umani.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 2/10/13 12:32
    Consigliere massimo - 5134 interventi
    Il film costituisce il terzo capitolo della cosiddetta "Trilogia del cornetto". Infatti, come accadeva nei precedenti L'alba dei morti dementi e Hot Fuzz, ad un certo punto compare un cornetto gelato Wall's (da noi Algida) - anche se qui si tratta di una comparsata proprio "volante"...
  • Discussione Didda23 • 2/10/13 17:58
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Penso che bluto si sia sbagliato. Intendeva pegg e non penn.
  • Discussione Blutarsky • 2/10/13 18:09
    Servizio caffè - 327 interventi
    in realta parlavo della ex moglie di Sean Penn, Robin Wright-Penn che è il vero deus ex machina dei film di Edgar Wright, è una cosa che sanno in pochi...praticamente solo io!! :)
  • Discussione Zender • 2/10/13 19:09
    Consigliere - 43526 interventi
    Temo che dovrò sostituirla con Pegg, Bluto... Ma naturalmente se lei protesta e mi chiede di reintegrarla nel tuo commento lo farò ben volentieri.
  • Discussione Capannelle • 22/01/14 15:59
    Scrivano - 2505 interventi
    Daniela nelle curiosità:
    Il film costituisce il terzo capitolo della cosiddetta "Trilogia del cornetto". Infatti, come accadeva nei precedenti L'alba dei morti dementi e Hot Fuzz, ad un certo punto compare un cornetto gelato Wall's (da noi Algida) - anche se qui si tratta di una comparsata proprio "volante"...

    Per capire la genesi di questo alto concetto: http://www.badtaste.it/articoli/la-fine-del-mondo-la-trilogia-del-cornetto-spiegata-una-featurette
  • Discussione Gestarsh99 • 17/05/14 17:21
    Scrivano - 14499 interventi
    Sarà pure una trilogia ma per me il secondo episodio della serie (Hot Fuzz), oltre a centrare poco con gli altri due capitoli, non ne è nemmeno all'altezza.

    Con questa fanta-commedia mi son fatto le stesse grasse risate che mi ero fatto con L'alba dei morti dementi: ci sono dialoghi, atteggiamenti e situazioni assurde davvero irresistibili.

    Le affinità col primo film di Wright sono parecchie e le due opere corrono sulla stessa frequenza d'onda empatica, interconnessi a un fil-rouge di corrispondenze molto robusto, un po' come i benignani Johhny Stecchino e Il mostro, o come i verdoniani Un sacco bello e Bianco rosso e verdone.
  • Discussione Zender • 17/05/14 18:12
    Consigliere - 43526 interventi
    Mah, io ritengo quest'ultimo non all'altezza degli altri due, e nessuno all'altezza dei morti dementi, a dire il vero. E' vero che come tematiche questo sia più facilmente avvicinabile al primo, non credo possano esserci dubbi su questo, in effetti.
  • Discussione Didda23 • 17/05/14 19:37
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Il primo è superiore agli altri due. Hot fuzz e la fine del mondo sono più o meno sullo stesso livello. Rimane una trilogia indimenticabile. Ora sono curioso di vedere che combina con Ant-man in uscita il prossimo anno.
  • Discussione Gestarsh99 • 17/05/14 19:57
    Scrivano - 14499 interventi
    Sulla superiorità del primo capitolo la penso alla stessa maniera.

    Assieme a 28 giorni dopo, Resident evil e al remake di Dawn of the dead, L'alba fu uno dei film che dopo il 2000 reinaugurò con successo il filone morto e sepolto degli zombi.
  • Discussione Didda23 • 17/05/14 20:05
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    28 giorni dopo è un mio cult, pur non amando particolarmente il genere.