La cosa da un altro mondo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The thing from another world
Anno: 1951
Genere: fantascienza (colore)
Numero commenti presenti: 35
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il tempo ha trasformato questo piccolo low-budget movie in un cult da cineteca ideale della fantascienza. Carpenter ne ha girato il remake nel 1982 (con esiti sorprendenti), ma tracce di questo primo THE THING sono presenti anche nel classicissimo ALIEN di Ridley Scott. In realtà LA COSA DA UN ALTRO MONDO riprende alcune tematiche tipiche del cinema horror (il vampirismo, la paura dell'uomo nero) e la rielabora in un contesto fantascientifico apprezzabile. La “cosa” del titolo risulta infatti essere un alieno dalle forme molto umane (e una chiara parentela coll mostro di Frankenstein) ma dalla composizione chimica interna...Leggi tutto più completa e accostabile a un vegetale (o un legume, come qualcuno fa notare alla base polare dove è ambientato l’intero film). Ciò che più piace è la sceneggiatura (peccato il brutto doppiaggio italiano), pungente e non scevra di un umorismo quasi raffinato, che meglio si gode nei frequenti momenti di tensione, quando la presenza del mostro è palpabile ma non sappiamo precisamente dove questi si nasconda (proprio come in ALIEN). Il finale, con effetti speciali contenuti, è piuttosto deludente, quindi le sequenze migliori vanno cercate all'inizio, come quando la spedizione Individua la forma dell'oggetto precipitato dal cielo e sprofondato nel ghiaccio: perfettamente circolare. Per il resto abbiamo il solito antagonismo tra la scienza, propensa a studiare e addomesticare l'alieno, e l'apparato militare, deciso a sterminarlo senza mezze misure. Girato con un senso del ritmo della suspense notevoli, resta ancora oggi un piccolo classico da vedere e studiare.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 13/03/07 09:06 - 4591 commenti

I gusti di Puppigallo

Sembra il mostro di Frankenstein versione vegetale. Eppure fa la sua figura questo inarrestabile e smontabile (tanto gli ricresce tutto) alieno venuto dal pianeta dei “tuberi”. Il film ha poche pause, un’ottima ambientazione (perfetta per intrappolare gli sventurati di turno), dialoghi decenti, qualche ingenuità e scene degne di nota (sui ghiacci a misurare l’astronave; la coltivazione speciale con fertilizzante mooolto “particolare”; l’irruzione in magazzino sfasciando tutto e l’epilogo). Da vedere, anche come documento di un fantacinema che fu e che ancora oggi può insegnare qualcosa.

Caesars 14/03/07 10:01 - 2934 commenti

I gusti di Caesars

Firmato da Christian Niby ma, pare, da accreditarsi in effetti ad Howard Hawks che non volle essere accostato al genere fantascienza (che all'epoca era considerato decisamente di serie B). Sicuramente uno dei migliori film di fantascienza degli Anni Cinquanta, girato con un gran senso del ritmo: racconta la lotta per la sopravvivenza, nei ghiacci del Polo Nord, tra uno sparuto gruppo di umani e un alieno. Visto oggi è forse un po' ingenuo, ma resta un grandissimo film.

Sadako 15/03/07 22:06 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Tratto da un racconto abbastanza famoso ai tempi, il film ne rispecchia pochissimo la trama, recuperata in parte nel remake di Carpenter. Ispiratore di innumerevoli film, resta un ottimo prodotto della fantascienza dell'epoca d'oro, con scene cariche di tensione, invidiabili anche ai giorni nostri. Gli attori, forse famosi a quei tempi, sono stati tutti un po' dimenticati... tranne il carotone assassino, diventato famoso in seguito come lo Zio Zeb Macahan in una famosa serie televisiva.

B. Legnani 7/05/07 00:19 - 4908 commenti

I gusti di B. Legnani

Film di grande importanza storica (La cosa di Carpenter ne è il rifacimento modernizzato), che risente in maniera pesante degli anni che sono passati e di una messa in scena che oggi non è poi così spettacolare. Ma ciò che colpisce non positivamente è che il complesso degli attori non va mai oltre una normale, risicata sufficienza. Dialoghi così così. Invecchiato male, ma imperdibile.

Fabbiu 31/05/07 15:06 - 2003 commenti

I gusti di Fabbiu

Anche se l'alieno vegetale somiglia troppo a Frankenstein, poco importa. Il film è talmente ben sceneggiato ad articolato da intrattenere lo spettatore con altri mezzi (vedi i dialoghi forse non poi tanto banali per l'epoca e le interpretazioni molto valide dei vari attori). Prima la voglia di scoprirlo, poi quella di annientarlo, e il ghiaccio è l'ambiente che ingabbia i protagonisti. Il mostro-carota è solo uno sfondo, io ci ho visto un'analisi puntata sugli uomini e sul loro sapersi organizzare in una società. Da vedere.
MEMORABILE: "Tutti voi che ascoltate la mia voce, dite al mondo, ditelo a tutti ovunque si trovino: attenzione al cielo!"

Tomslick 11/05/08 11:55 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Classico della fantascenza classica, troppo spesso dimenticato. Un susseguirsi d'avvenimenti concentrati in pochissimo tempo, senza un attimo di tregua e senza mai una caduta di tensione. A tratti frenetico, con dialoghi serratissimi, ha ritmo ed idee da vendere, molte delle quali saltano fuori, nuove, ad ogni visione. Molto spesso lascia immaginare, più che far vedere e così si resta in ogni istante incollati allo schermo, com'era del resto nell'intento del film. Intramontabile.
MEMORABILE: Il momento della scoperta della forma "circolare" dell'enorme oggetto intrappolato sotto il ghiaccio: tanto semplice quanto efficace.

Undying 12/05/08 20:37 - 3833 commenti

I gusti di Undying

La storia è quella ripresa (a parere di chi scrive: molto meglio) da Carpenter nel felice remake (La Cosa) degli Anni Ottanta. Il clima di fantascienza presente nel film di Nyby e Hawks è fortemente sfumato, a causa del doppio senso attribuibile al genere: il nemico, l'alieno, l'entità che invade è -inevitabilmente- quella russa (e comunista). Tema riscontrabile in una nutrita partita di pellicole nate sull'onda della "guerra fredda" e della contrapposizione tra le due super-potenze. Al di là di tutto, il bianco e nero gioca a favore e gli attori sono bravi...

Jurgen77 29/04/16 08:26 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Un must per gli appassionati di sci-fi anni 50, nonché di tutto il filone fantascientifico da lì a venire. Ispirato al celebre racconto di Lovecraft il film, pur con pochi mezzi ed effetti speciali "datati", è una pietra miliare del genere e non può mancare nelle collezione di ogni appassionato. Il bianco e nero regala poi un fascino ancora più retrò e cupo a tutta la vicenda...

Flazich 16/08/08 16:04 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Prima versione del film; Carpenter poi ne trasse un remake, nel quale una spedizione al Polo trova un'astronave aliena. Da qui iniziano i guai. Infatti l'alieno riesce a prendere le sembianze di chiunque. Il film, seppur datato, è ancora godibilissimo e solo alcuni dialoghi e scene stonerebbero agli occhi del pubblico smaliziato. Un classico del genere fantascientifico.

Matalo! 21/12/08 10:31 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Sorprenderà sentirmi dire che anch'io preferisco il Carpenter all'Hawks, chiamato d'urgenza a salvare un film che Nyby non riusciva a dirigere. Non ho mai trovato così cult questo piccolo film con scene spesso interessanti ma abbastanza immobile per la gran parte. Ovvio che Carpenter aveva tecnologie superiori, ma anche la volontà di fare un film che finisce male, che è cupo.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Ciavazzaro 22/12/08 15:09 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Cult. Purtroppo ho dovuto vedere la versione colorizzata e questo toglie senza dubbio valore al film, da cui Carpenter trasse il suo La cosa. Cast azzeccato, buona tensione, ambientazione claustrofobica. Non è uno dei migliori esempi di fantascienza americani, ma sicuramente merita un posto nella videoteca di ogni appassionato perché di buona fattura. Avercene così...

Capannelle 26/12/08 21:01 - 3855 commenti

I gusti di Capannelle

Trama interessante ma messa in scena deludente. Meglio le parti ragionate, l'investigazione sul ghiaccio e il contrasto tra l'approccio scientifico e quello militare. Per il resto, un copione da dimenticare che non riesce ad alimentare la tensione: troppa verbosità e tutta uguale. Personaggi baldanzosi modello "texano che aspetta la carovana indiana" che non danno l'idea di persone alle prese con un pericolo ignoto. Non migliora nel finale, piuttosto sbrigativo, che si conclude con il singolare messaggio del giornalista improvvisato eroe.

Enzus79 11/02/09 17:35 - 1972 commenti

I gusti di Enzus79

Purtroppo ho visto questo film solo dopo aver visto il capolavoro di Carpenter. Con un po' di pregiudizi. Però devo dire che nonostante i suoi limiti (scene mielose, scene al di là del razionale) è salvabile. Contando l'epoca in cui è stato fatto può risultare uno dei meno peggio. Anche se Carpenter è Carpenter...
MEMORABILE: Il gruppo si mette in cerchio e scopre l'esistenza di un'astronave sotto la neve.

Pigro 24/05/09 10:20 - 8350 commenti

I gusti di Pigro

Spedizione al Polo Nord è attaccata da un mostro spaziale che si nutre di sangue. La storia è tutta concentrata sul rapporto tra gli uomini della spedizione, dove la scienza fa la figura della pura-idealista-incosciente, la stampa quella della utilitarista-sciocca-ma alla fine funzionale, e l'esercito rifulge per senso pratico e successo. Agli aspetti più fantastici è riservato ben poco spazio, e piuttosto grossolano. Ancorché cult, il film (verbosissimo) è poca cosa, e l'appello finale è pateticamente antisovietico.

Daniela 16/06/09 17:04 - 10202 commenti

I gusti di Daniela

Devo alla lontana visione di questo classico una "fissa" per la fantascienza, scritta e filmata, che ha praticamente segnato tutta la mia adolescenza: per questo mi riesce difficile considerarlo un "oggetto filmico" come gli altri. Ad una visione recente i miei ragazzi, grandi estimatori de La cosa carpenteriana, ne sono rimasti delusi. Il carotone gigante vampiro è sembrato loro più patetico che terrorizzante, mentre io continuo a vederlo con gli occhi dei miei dieci anni: essere strano e spaventoso, di cui è bello avere paura.
MEMORABILE: Il "girotondo" sulla superficie, che disegna il veicolo sepolto nel ghiaccio.

R.f.e. 1/07/09 13:06 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Non importa da chi sia firmato: questo film è "di" Howard Hawks. I personaggi, l'amicizia virile, il classico "overlappin' dialogue", il personaggio femminile (Nikki) sufficientemente forte da tenere testa a eroe e comprimari... Primo film di "space invasion" degli Anni Cinquanta, dallo stile atipico (ma non c'è da stupirsi, considerando che le "regole" dell'intergenere citato le stabilì Destinazione Terra solo nel 1953). L'edizione colorizzata della ElleU Multimedia non è così male e in ogni caso nel dvd c'è anche quella in bianco e nero.

Galbo 3/07/09 07:23 - 11587 commenti

I gusti di Galbo

Piccolo classico della fantascienza statunitense, rifatto nel 1982 da Carpenter, ma ispiratore di parecchi film del genere realizzati negli anni successivi. Girato con attori non notissimi ma molto efficaci, ha nel ritmo e nella sapiente costruzione della tensione le sue armi vincenti. Probabilmente il merito va, più che al regista, alla produzione e supervisione generale di Hawks, che si dimostra autore straordinariamente duttile e versatile.

Kowalski 17/04/10 20:14 - 40 commenti

I gusti di Kowalski

Piccolo classico che contribuì a dare forma alla fantascienza anni '50. Ci troviamo dentro la paura degli eccessi della scienza (dopo Hiroshima), le classiche teorie cospirazioniste, allora agli albori, sul governo che nasconde le prove dell'esistenza degli Ufo, il riflesso delle paure legate alla guerra fredda. Hawks non firma la regia, affidandola al suo collaboratore Christian Nyby, ma nel film si ritrovano sue tematiche tipiche, come il gruppo che fronteggia una minaccia esterna o il corteggiamento-duello che conduce al matrimonio finale.

Supercruel 6/04/10 14:00 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Grande film di fantascienza, poggiato su una solida sceneggiatura senza cali o pause eccessive e sull'ottimo utilizzo delle location, sia interne che esterne. La storia è affascinante e oltre all'aspetto intrattenitivo emergono discorsi sul ruolo e il potere della scienza affatto banali, successivamente ripresi come spunto per tantissimi altri film sci-fi. Davvero notevole, da riscoprire.

Gestarsh99 17/08/10 21:43 - 1379 commenti

I gusti di Gestarsh99

Se escludiamo Uomini sulla luna, questo fu il primo fantascientifico Usa a trattare il tema dell'invasione aliena, dando la stura a tutto il vivace filone che si sviluppò in quel decennio. Una sperduta base antartica, due mondi differenti (scienziati e militari) ed un mostruoso essere (forse troppo frankensteiniano): un cocktail perfetto! Hawks condisce il film con la sua innata vena ironica e sdrammatizzante, per mezzo di dialoghi a raffica ed incalzanti, suo inconfondibile marchio di fabbrica. Un classico, incastonato tra suspense e rigore formale.
MEMORABILE: Scienziati e militari che si dispongono in cerchio sul ghiaccio, restituendoci le dimensioni effettive del disco volante. Da brivido...!

James Arness HA RECITATO ANCHE IN...

Cotola 2/10/10 23:15 - 7833 commenti

I gusti di Cotola

Uno dei rari casi in cui, a mio avviso, l'originale è inferiore al remake Non brutto, per carità, ma gli anni si fanno sentire molto più che in altri casi e a tratti risulta goffo nello svolgimento narrativo e nei dialoghi: su tutto si pensi che la "cosa" risulta "simile" ad un vegetale. In ogni caso un classico del genere.

Belfagor 5/01/11 13:31 - 2635 commenti

I gusti di Belfagor

Spicca nettamente fra i film di fantascienza degli anni '50 per il ritmo spigliato e la finezza con cui viene trattato l'elemento della paranoia (come ne L'invasione degli ultracorpi, viene prestato il fianco ad entrambe le interpretazioni). Un giallo a camera chiusa con mostro-carota che ogni tanto tralascia l'alieno per concentrarsi sulle reazioni umane di fronte al pericolo e all'ignoto. L'influenza di Hawks si nota nei dialoghi brillanti e nella caratterizzazione della segretaria. Lo stile particolare gli fa meritare lo status di classico.

Mdmaster 7/04/11 07:34 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Per quanto universalmente riconosciuto come classico sci-fi dell'epoca, il film di Nyby rivisto oggi non risulta particolarmente efficace. Sicuramente è un low budget grazioso e ben recitato, però fin troppo verboso, che preferisce comunque evitare di mostrare troppi effetti speciali (e questo è sicuramente un bene). C'è da dire anche che ormai la tematica dell'estraneo/straniero come alieno è fin troppo invecchiata, ma la storia ha ispirato comunque tante pellicole e mi sembra giusto rispettare i classici. Solo per appassionati.

Homesick 21/12/11 17:47 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Caposaldo della cinematografia sci/fi basato sull’inconciliabile contrasto tra l’idealismo della ricerca scientifica e il pragmatismo dei militari, regolarmente ricordato in tutte le pellicole congeneri. Nelle produzioni della storica Rko sobrietà è sinonimo di qualità: gli effetti speciali non servono – ci penserà invece Carpenter trent’anni dopo con un remake - e il crescendo di angosciante curiosità nei confronti del “diverso” è suggerito dall’isolamento della base militare e dai dialoghi rapidi e densi di un buon collettivo di attori.
MEMORABILE: «Dovunque, scrutate il cielo!».

Von Leppe 21/10/12 16:57 - 1086 commenti

I gusti di Von Leppe

Notevole storia di alieni tra i ghiacci del polo, una trama che rimane fonte d'ispirazione per molti altri film di fantascienza fino ai nostri giorni, tanto da far apparire questo film ancora più invecchiato di quello che è. L'alieno è impressionante, un essere antropomorfo che rappresenta solo un pericolo (un Frankenstein in versione fantascienza). Anche il gruppo di protagonisti americani molto caratterizzati (simbolico il cappello da Cow Boy di Kurt Russell nel remake) sono gli antenati di quelli che ancora vediamo oggi.

Saintgifts 19/09/14 20:15 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Si rimane stupiti dai dialoghi, infiniti, veloci, che provengono da ogni bocca, eppure il film è tutto lì. Un'altra cosa (non quella principale): ogni rappresentante la propria categoria è vestito come fosse nel suo ambiente abituale (il giornalista sfida i ghiacci del Polo con un cappotto di cammello). Notevoli anche i messaggi scambiati tra l'avamposto e il resto del mondo. Insomma, un film affascinante sotto ogni aspetto, dove non sono necessari effetti speciali, tutto è basato sui contrasti e sulla necessaria velocità di ragionamento.
MEMORABILE: La "coltura" messa in atto dallo scienziato (premio Nobel).

Trivex 21/09/15 08:59 - 1554 commenti

I gusti di Trivex

Evidente è la polvere del tempo, su questo grande classico di fantascienza. Sicuramente un po' appannata dagli anni è la tensione sprigionata, comunque percepibile, quando la "cosa" si avvicina, annunciata dalle sue "emanazioni". All'epoca doveva fare davvero impressione, ma oggi il film non va comunque disprezzato per i suoi tanti lustri e la visione mi ha appassionato. Originale ed efficace la location tra i ghiacci, ambiente difficile per un gruppo di uomini isolati dal mondo che si troveranno ad affrontare una minaccia per loro e per il mondo.
MEMORABILE: Il professore che tenta di "dialogare" con la "cosa" e la reazione, non proprio garbata, della "cosa".

Faggi 5/02/16 16:51 - 1514 commenti

I gusti di Faggi

Se non è perfetto poco ci manca. Visto in tenera età (poi rivisto più volte), mi inquietò non poco. Oggi mantiene il suo fascino grazie al ritmo serrato, l'asciuttezza registica, l'ambientazione e il sempreverde mistero della creatura aliena che crea tensione nervosa e narrativa. Ambiguo, genuino e originale, è un classico irresistibile, ben congegnato e fluido. Ne esiste una versione colorizzata di ottimo fascino cromatico che aggiunge un non so che di straniante (anche se l'originale in b/n rimane monoliticamente uno spettacolo inattaccabile).

Mandrakex 30/01/17 18:00 - 87 commenti

I gusti di Mandrakex

Scienziati scoprono presso il Polo Nord un'astronave aliena prigioniera dei ghiacci. I guai iniziano quando per errore si risveglia il suo ostile pilota. Celebre e sopravvalutato sci-fi vecchia maniera, con tanto di minaccia "esterna" e malcelata metafora anticomunista. Alla regia collabora Hawks e lo si vede nei fitti dialoghi da commedia sofisticata. Troppo verbosa la parte centrale: sembra di stare a una noiosa conferenza. Effetti speciali ai minimi sindacali e look dell'alieno assai povero. Buona la resa dei conti finale. Si poteva fare di più.
MEMORABILE: La scoperta della gigantesca navicella ghiacciata; La sortita notturna della creatura nella base; La preparazione della trappola.

Il Gobbo 3/03/17 10:32 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

L'immenso Hawks lascia una zampata anche nel fanta-horror, lontanissimo dai suoi tragitti abituali, con un film seminale anche se ormai un po' impolverato. Nuoce forse un budget non sontuoso, ma l'idea è buona e non manca qualche momento azzeccato, su tutti quello in cui l'alieno, futuro zio Zeb, appioppa finalmente un manrovescio allo scienziato petulante e buonista.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Myvincent 17/04/17 11:12 - 2783 commenti

I gusti di Myvincent

Ancora enigmatico e con un profondo senso di inquietudine, il film è un verboso fanta-horror giocato sulle aspettative ansiogene e le cupe ambientazioni da Polo Nord che, artificiali, ne aumentano le sensazioni claustrofobiche. La "cosa" si vede poco e quando si mostra rassomiglia al Frankenstein di Boris Karloff: cruda, inaspettata anti-materia, pura istintualità sfrenata. Senz'altro un cult-movie imperdibile, a dispetto dell'età.

Rufus68 26/06/17 22:04 - 3343 commenti

I gusti di Rufus68

Unicum della fantascienza cinematografica, dovuto, forse, all'irruzione di Hawks in sede di regia. Il nerbo favoloso della storia (il ritrovamento dell'astronave, la desolazione della location polare), già potente, è declinato nei modi della screwball comedy: una serie di dialoghi fitti e brillanti che amplificano i toni camerateschi (l'avamposto umano che serra le fila contro l'alieno) e alleggeriscono virilmente la tensione (le schermaglie fra il capitano e la ragazza, le battute del giornalista). Una miscela irripetibile.

Modo 17/12/17 00:54 - 846 commenti

I gusti di Modo

Film che sente il peso degli anni ma mantiene ancora intatto tutto il suo fascino. Consideriamo che è degli anni '50. Bisogna entrare nell'ottica dell'epoca, in cui la popolazione era molto ingenua e scorreva negli americani la paura del comunismo e della bomba atomica. Da queste basi nasce il sinistro film che tanto piacque e attrasse John Carpenter che ne fece un grandioso remake. Nonostante sia un B-movie è girato molto bene e la prova degli attori risulta convincente. Bello il bianco e nero mentre la versione riproposta a colori è troppo artificiosa.

Anthonyvm 23/01/19 23:08 - 2610 commenti

I gusti di Anthonyvm

Per certi aspetti (soprattutto legati al periodo, quello della guerra fredda, in cui è stato realizzato) risulta un po' datato, ma il valore iconico di questo cult del fanta-horror trascende i difetti. La minaccia aliena ed estranea ha un'origine vegetale come gli ultracopri di Siegel, si riproduce in fretta ed è quasi invulnerabile. Bellissime le sequenze in cui la cosa fa la sua apparizione: mai dettagliate, spesso scure, ma altamente suggestive. C'è qualche dialogo di troppo (e troppo svelto!) nella prima parte, ma la seconda è ottima. Must!
MEMORABILE: La cosa irrompe nella stanza buia: la sua silhouette si staglia minacciosa e imponente sulla soglia, quindi ha inizio una battaglia infuocata.

Jdelarge 3/12/18 10:49 - 901 commenti

I gusti di Jdelarge

Film ricco di spunti, capace di creare un'atmosfera interessante dall'inizio alla fine anche per merito del bel soggetto di partenza di John W. Campbell. I dialoghi sono ben scritti, con un'ironia che funziona sempre e spiegazioni scientifiche piuttosto credibili. Forse l'eccessiva verbosità priva il film dell'azione che, effettivamente, latita un po'. Quando appare la Cosa, però, si è in territorio cult.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 2/07/09 12:28
    Scrivano - 5622 interventi
    James Arness che interpreta la "cosa" del film fu cosi' imbarazzato dal suo ruolo che decise di non partecipare alla premiere del film.
  • Curiosità Kowalski • 17/04/10 20:23
    Galoppino - 11 interventi
    In una scena uno dei personaggi, quando gli viene chiesto se è in grado di mirare e sparare, afferma di aver imparato guardando Gary Cooper in Il sergente York, un altro film di Hawks.
    Hawks aveva "auto-citato" quel film già in Colpo di fulmine, interpretato dallo stesso Cooper.
  • Curiosità Zelig46 • 2/11/12 19:06
    Galoppino - 94 interventi
    * Quando arrivò in sala doppiaggio in Italia questo film fece impazzire tutti, perchè era parlato con la tecnica dell'overlapping Dialog; nel film infatti ci sono in alcuni momenti 3 o 4 persone che parlano contemporaneamente, e la compagnia che si occupava del doppiaggio rifiutò il film.

    La casa di distribuzione, credendo molto nella pellicola, riunì i migliori doppiatori sulla piazza (infatti "La Cosa da un altro mondo" è un ricco insieme delle più famose voci del doppiaggio italiano dell'epoca).

    ** In origine il film era lungo 150 Min circa, ma vennero poi tagliate quasi tutte le scene dove il mostro si vedeva chiaramente (la tecnica del vedo/non vedo, funziona sempre).

    *** alla sceneggiatura collaborò anche Orson Welles.

    Fonte - Storia del Cinema di Fantascienza
    di G. Mongini-Futuro Saggi Vol 1 Pag . 69/70
  • Homevideo Digital • 28/10/15 09:10
    Portaborse - 3200 interventi
    Dvd (secondo Amazon è un'edizione speciale a due dischi) della Sinister disponibile dal 16/12/2015.
  • Homevideo Xtron • 4/08/16 14:21
    Servizio caffè - 1856 interventi
    Ecco il doppio dvd SINISTER

    Audio italiano e inglese
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 4/3 fullscreen
    Durata 1h23m11s (versione in b/n) 1h19m48s (versione a colori)
    Extra: Commento audio di John Carpenter (sottotitolato), galleria fotografica, trailer, documentario "The man who made movies", locandina originale

    immagine a 21:27



    dvd2 versione a colori

    Ultima modifica: 5/08/16 09:53 da Xtron
  • Homevideo Rebis • 4/08/16 22:17
    Gestione sicurezza - 4304 interventi
    Il commento di John Carpenter è sottotitolato?
  • Homevideo Xtron • 5/08/16 09:53
    Servizio caffè - 1856 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Il commento di John Carpenter è sottotitolato?

    Si
  • Discussione B. Legnani • 12/03/20 16:54
    Consigliere - 14194 interventi
    Mi accorgo che la locandina contiene il nome di Hawks, che in realtà non è accreditato.

    Vedi poster originale: https://www.imdb.com/title/tt0044121/mediaviewer/rm3555078912
  • Discussione Zender • 12/03/20 17:27
    Consigliere - 44424 interventi
    Gli italiani la sapevano lunga già allora :)