LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/10/16 DAL BENEMERITO CAPANNELLE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Capannelle 21/10/16 22:36 - 3741 commenti

I gusti di Capannelle

Siamo in un'aula di tribunale ma l'andamento ed esito del processo contano poco stavolta, perché al centro c'è la figura del giudice capo e di chi arriva a sconvolgere i sentimenti di un uomo apparentemente distaccato e imparziale. Alcuni passaggi a vuoto ma anche una discreta fluidità di racconto. Non male.

Daniela 23/10/16 22:36 - 9623 commenti

I gusti di Daniela

Il Presidente della Corte d'Assise Racine passa per essere un uomo freddo ed intransigente ma dietro l'aspetto riservato ed i modi scostanti cela un animo sensibile e romantico, pronto a rivelarsi quando, nel corso di un processo per infanticidio, ritrova fra i giurati una dottoressa conosciuta in ospedale anni prima... Pochi attori sono in grado come Luchini di far trasparire, attraverso lo sguardo e pochi gesti, i soprassalti del cuore: qui ci riesce alla perfezione con una interpretazione magistrale giustamente premiata che illumina il film anche al di là di alcuni limiti di sceneggiatura.

Kinodrop 29/11/16 19:13 - 1590 commenti

I gusti di Kinodrop

Racine, presidente di corte d'assise, uomo irreprensibile ma ostico e tutto preso dal suo ruolo, durante un dibattimento ritrova tra i giurati una vecchia fiamma che lo induce a riconsiderare la propria vita affettiva. Gran parte della trama si svolge nell'aula giudiziaria con i rituali e le convenzioni proprie dei processi, mentre la vicenda sentimentale prende gradualmente il sopravvento. Anche se la sceneggiatura risente di questo squilibrio, si rimane conquistati soprattutto dalla grande espressività di Luchini e dal fascino della Knudsen.
MEMORABILE: Il tribunale "come teatro".

Galbo 19/01/17 05:52 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

L'evento processuale è un mero pretesto narrativo, sia pure avvincente, per una vicenda che riguarda un sentimento d'amore per lo più platonico tra un austero giudice e la giurata di un suo processo. Notevole la caratterizzazione del personaggio principale, uomo dai sentimenti trattenuti che si scopre capace di un tenero moto amoroso; altrettanto notevole la prova di uno tra i più dotati attori europei, Fabrice Luchini. Incisive le ambientazioni volutamente anonime e che fanno risaltare le azioni e i sentimenti umani. Un ottimo film.

Beffardo57 2/09/17 12:20 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Mentre dirige il gioco processuale delle parti (in Assise) con disincantata umanità, il Presidente della Corte gioca contemporaneamente una sua partita del tutto personale e scende di nuovo in campo dopo l'esaurimento del suo matrimonio, ritrovando casualmente tra i giurati una donna che lo aveva colpito, ma non corrisposto, nel passato. E se il processo esita - con ragione - in una conclusione dubitativa, la vicenda privata si conclude felicemente. Grande Fabrice Luchini, interprete di assoluta discrezione e finezza.

Nando 14/09/17 01:05 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Commedia intimistica e raffinata in cui si narrano le vicende di un presidente di corte d'assise. Luchini, attore molto dotato, regala un'ottima interpretazione fatta di espressioni e sguardi che evidenziano la sua maestria, nonostante la Knudsen lo segua con impegno. Non ci sono grandi colpi di scena ed è questo che rende la pellicola meritevole perché talvolta con la semplicità si riesce a realizzare un buon film.

Pinhead80 15/11/17 18:11 - 4002 commenti

I gusti di Pinhead80

Nonostante la vicenda sia ovviamente legata a eventi processuali, questi non sono così interessanti come invece lo è la storia sentimentale tra i due protagonisti. Bravissimo Luchini a interpretare un personaggio vittima degli stereotipi dei colleghi, capace invece di mostrare grandi sentimenti e un inattaccabile senso del dovere. Ci sono tantissimi giochi di sguardi che valgono più di mille parole e l'umorismo è di quelli intelligenti. Merita sicuramente una visione.

Schramm 23/09/18 17:58 - 2446 commenti

I gusti di Schramm

Se tribunale e teatro sono l’uno metafora dell’altro, fare dettare legge a Racine è proprio il minimo. Rispetto all’injoke, la tragedia affiora quando qualcosa manca, quando per l’amore è non luogo a procedere, o il luogo a cedere. Se la gioca tutta in levare, Vincent, e più sottrae, più riempie; più divide e più moltiplica; meno c’è tumulto e più ce n’è. Il cast lo asseconda: ancor più di un Luchini tutto impeccabile compostezza, una devota riverenza va alla Knudsen che fa dello sguardo l’epicentro del recitare; una principesca Lallier irradia il film intero apparendo due sole volte.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 1/12/16 15:16
    Consigliere massimo - 5284 interventi
    Alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia del 2015 il film ha ricevuto i seguenti premi:
    - migliore interpretazione maschile a Fabrice Luchini
    - migliore sceneggiatura a Christian Vincent.

    Per quanto riguarda il César 2016, massimo riconoscimento attribuito in Francia, il premio di migliore attrice non protagonista è andato a Sidse Babett Knudsen, mentre Luchini ha dovuto accontentarsi della sola candidatura, battuto dal Vincent Lindon di La legge del mercato.
  • Discussione Schramm • 17/09/18 17:37
    Risorse umane - 6724 interventi
    che dire, mi sono perdutamente innamorato di eva lellier. irradia tutto il film pur apparendo due sole volte. mai vista spontaneità interpretativa così superlativa in alcuna delle sue colleghe. ma anche la knudsan, con quel suo affidare tutto al mesmerismo e poco al verbo, sprigiona un calore che in poche altre attrici è riscontrabile, surclassando non solo il pur notevole luchini, ma anche il film stesso.