La conquista del West

Media utenti
Titolo originale: How The West Was Won
Anno: 1962
Genere: western (colore)
Note: Scritto da James R. Webb per il cinema e trasformato nel 1963 in romanzo da Louis L’Amour. La voce narrante è di Spencer Tracy (doppiata in italiano da Mario Pisu).
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/04/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 30/04/07 08:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Spettacolare e monumentale, sia per le specifiche tecniche (primo film in Cinerama) che per il tema proposto (un'epica sintesi dei principali momenti della colonizzazione dell'Ovest. Cast all-stars con ottime caraterizzazioni. Il finale, con le aride terre dell'Ovest che lasciano il posto a strade enormi e intricate, giganteschi ponti in ferro e grattacieli, ci proietta nella caotica America di oggi.
MEMORABILE: Il tragico guado del fiume, la travolgente carica dei bisonti e la tentata rapina al treno.

Lovejoy 21/07/08 13:46 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Rievocazione in parte riuscita delle avventure dei pionieri del west. Nonostante i tre registi coinvolti nell'operazione, tutti di grosso nome (ma è l'episodio di Ford che lascia il segno) e un impressionante cast all star, è una mezza delusione. Storie già viste, personaggi poco interessanti e, sopra ogni cosa, una durata eccessiva. Così così.
MEMORABILE: L'episodio diretto da Ford.

Galbo 19/08/08 05:56 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Film ad episodi dedicato all'epopea della frontiera, La conquista del west ha il "respiro" dei classici del cinema, grazie alla regia di due maestri del genere come Ford e Hathaway. Cast decisamente superlativo per un opera che affronta grandi temi quali la costruzione delle ferrovie e la corsa all'oro e lo fa con stile magnoloquente e una ricostruzione dei fatti decisamente spettacolare con il limite di utilizzare un po' troppo gli stereotipi con personaggi non sempre ben caratterizzati.

G.Godardi 3/03/09 14:54 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Certi film estrapolati dal contesto originario perdono la loro ragione d'essere. Paradigmatico in tal senso è il caso di questa supermegaproduzione nata per contrastare l'egemonia tv tramite l'invenzione del sistema Cinerama: ovvero uno schermo lunghissimo e ricurvo che sullo schermo tv risulta quasi "inguardabile". Giocoforza anche la fruizione del film risulta pregiudicata impedendo l'immersione sensoriale dello spettatore facendo insorgere consequenzialmente parecchi sbadigli. Tuttavia è un film da vedere almeno una volta nella vita.

Saintgifts 23/03/10 23:51 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

La cosa giusta è stata affidare la regia a quattro registi (Richard Thorpe non accreditato). Le diverse conduzioni arricchiscono questo grandioso affresco sull'epopea del West e ne rendono più leggera la durata. È strutturato molto bene e gli episodi scelti e interpretati da quasi tutte le grandi stelle di Hollywood, danno una buona idea dello spirito con cui una grande nazione si è formata. Anche il cinerama, tecnica destinata a durare poco, collabora a valorizzare i grandi spazi di quelle terre, rappresentate anche da una ottima fotografia.

Rambo90 23/05/12 23:56 - 6402 commenti

I gusti di Rambo90

Kolossal western diviso in episodi per rivivere gli anni della conquista del selvaggio west: quattro registi diversi e un cast all-star, ma una storia che cade troppo spesso in personaggi e situazioni risapute. Comunque lo spettacolo c'è, nel cast si distinguono Stewart e Peck, mentre altri come Wayne e Widmark si limitano a piccole apparizioni. Bella la colonna sonora, spettacolari alcune sequenze.

Zelig46 31/10/12 09:40 - 22 commenti

I gusti di Zelig46

Scritto da James Webb e trasformato l'anno dopo in romanzo su Life Magazine da Louis L’Amour, specialista in racconti western. Ottimo esempio di racconto a largo respiro, con scene spettacolari che sullo schermo di ben 29X9 con un angolo di 146° diventavano stupefacenti; purtroppo in tv è fortemente penalizzato. Supersoundtrack di Alfred Newman!
MEMORABILE: Il finale, quando la voce narrante (Spencer Tracy in inglese e Mario Pisù in Italiano) spiega l'America come è oggi con riprese aeree mozzafiato.

Nicola81 6/11/19 22:47 - 1981 commenti

I gusti di Nicola81

Vero e proprio vademecum dell'epopea del West, vista attraverso le vicissitudini (articolate in cinque episodi) di una famiglia di coloni: ci sono i pionieri, la guerra di secessione, gli indiani, i fuorilegge, gli sceriffi, le ballerine da saloon e la ferrovia. Tre registi importanti, un cast stellare, un respiro da kolossal e alcune sequenze altamente spettacolari, ma anche personaggi non sempre ben definiti e alcuni intermezzi canori che allungano inutilmente una durata già considerevole. Bella colonna sonora di Alfred Newman.
MEMORABILE: Il tragico guado del fiume; L'attacco degli indiani alla carovana; La mandria di bisonti contro il cantiere; La rapina al treno.

Puppigallo 8/11/19 13:01 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Epopea western, americana fino al midollo e un po' tronfia, che può schierare un invidiabile parco attori, non tutti sfruttati al meglio, vista la qualità, a volte minore, degli episodi. Eppure, la bella fotografia, i grandi spazi, alcuni dei quali ancora incontaminati e una certa genuinità nel presentarli, fa sì che si seguano le varie vicende, che siano sulla guerra (ben resa), sul cuore, sui pionieri, sui banditi o sull'avanzata della ferrovia, con annessi coloni, senza faticare (nonostante la lunghezza della pellicola). Nel suo genere, pur lasciando i nativi troppo ai margini, riuscito.
MEMORABILE: Durante la guerra, un ruscello si tinge di rosso sangue a causa dei tanti cadaveri (e c'è chi beve); Gli allevatori uccidono i pastori (concorrenti).

Daniela 24/08/20 23:48 - 9536 commenti

I gusti di Daniela

Monumentale excursus sulla storia americana: Ford dirige l'episodio sulla guerra civile, memore del suo sfortunato La prova del fuoco, Marshall mette in scena la costruzione della ferrovia transcontinentale azzeccando la sequenza più impressionante, mentre a Hathaway spetta negli altri tre episodi allineare alcune figure e situazioni tra le più tipiche della mitologia western. Forte di un formidabile parterre attoriale (con connesso rischio costipazione),  un film indubbiamente spettacolare ma non esente da stereotipi che lo fanno a tratti somigliare ad un album di figurine.
MEMORABILE: La carica dei bisonti, formidabile ed indimenticabile se vista al cinema, con lo schermo panoramico e con un impianto stereo adeguato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 21/10/09 18:34
    Consigliere - 43623 interventi
    ma no certo, ho banalizzato io scherzando. Ho capito bene il tuo ragionamento. Però se posso anche darti ragione su Stewart (ma conosco troppo poco i suoi film extra-Hitchcock, per quanto qualcuno ne abbia visto) non condivido per Manfredi, che invece la sua aria più da piacione secondo me ce l'ha (e anzi non mi stupirei nel vedere una donna che s'innamorasse davvero a prima vista di uno come Manfredi). Ad ogni modo la mia opinione personale è che Stewart effettivamente possa essere fuori ruolo (ma dovrei vedere il film per sincerarmene e avere la stessa impressione): non ce lo vedo molto ma da bravo attore potrebbe pure riuscire a convincermi in quella parte.

    Per Caesars: devi aggiornare la pagina, lì dipende dalla cache del tuo PC.
    Ultima modifica: 21/10/09 18:34 da Zender
  • Discussione Caesars • 22/10/09 08:07
    Scrivano - 11053 interventi
    Continuo a vedere la locandina con Gary Cooper, anche dopo aver spento e riacceso il computer. Mistero!
  • Discussione Zender • 22/10/09 08:16
    Consigliere - 43623 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Continuo a vedere la locandina con Gary Cooper, anche dopo aver spento e riacceso il computer. Mistero!
    Nessun mistero: significa che hai una cache veramente poderosa, che tiene in memoria per molto tempo le vecchie immagini. Ti consiglio di premere contemporaneamente CTRL+F5 o CTRL+F9, ora non ricordo. Uno dei due, comunque. Che non ci sia più Gary Cooper da un bel pezzo è un dato di fatto :)
  • Discussione Caesars • 22/10/09 11:27
    Scrivano - 11053 interventi
    Verissimo... ho seguito il tuo consiglio (a proposito è CTR+F5) e magicamente Gary Cooper è sparito per lasciare posto a "24 Great stars".
    Non immaginavo che la cache potesse resistere anche allo spegnimento del computer (ma quanto ignorante che sono).
  • Discussione Zender • 22/10/09 13:51
    Consigliere - 43623 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Verissimo... ho seguito il tuo consiglio (a proposito è CTR+F5) e magicamente Gary Cooper è sparito per lasciare posto a "24 Great stars".
    Non immaginavo che la cache potesse resistere anche allo spegnimento del computer (ma quanto ignorante che sono).

    Dipende dalle impostazioni del browser: non è escluso che avresti visto Gary Cooper per un altro anno magari, stupendoti che tutti parlassero di queste fantomatiche "24 great stars" :)
  • Homevideo Gestarsh99 • 24/12/11 12:08
    Scrivano - 14810 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Warner Home Video:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francese Spagnolo Tedesco
    Dolby TrueHD 5.1: Inglese
    * Sottotitoli Italiano Francese Spagnolo Tedesco Portoghese Olandese Finlandese Danese Norvegese Svedese Cinese
    * Extra Commento audio
    Cinerama Adventure
    Trailer
  • Homevideo Zelig46 • 1/11/12 19:05
    Galoppino - 94 interventi
    Integro le informazioni fornite da Gestarsh99.

    Questa edizione è formata da 2 dischi
    1) versione film widescreen
    2) versione Smilebox
    La versione Smilebox tenta di riprodurre (in modo forzato) la curvatura di 146° che aveva questa tecnologia del CINERAMA negli anni 60, e ci riesce molto bene, valorizzandosi specialmente sui videoproiettori.

    ecco un esempio di smilebox




    Per quanto riguarda il restauro, hanno fatto miracoli,praticamente sparite le linee di congiunzione delle 3 cineprese con un dettaglio di fotogramma che fa invidia alle produzioni moderne, una vera delizia per gli occhi

    Da segnalare un interessante documentario sulla storia del CINERAMA che riserva qualche sorpresa.

    BD da collezione
  • Homevideo Xtron • 30/12/18 11:24
    Servizio caffè - 1831 interventi
    La durata del film in bluray è di 2h44m40s (inclusi ouverture, intermission, entr'acte ed exit)
    Ultima modifica: 30/12/18 11:49 da Xtron
  • Curiosità Fauno • 4/02/19 00:01
    Compilatore d’emergenza - 2536 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film:

  • Curiosità Daniela • 4/07/20 18:35
    Consigliere massimo - 5233 interventi
    Il film conta un'altra stella della costellazione hollywoodiana, non citata nella scheda qui sul Davinotti perché presente solo in audio nella versione originale: Spencer Tracy, voce narrante, sostituito da Mario Pisu nella versione doppiata in italiano.