La casa del piacere

Media utenti
Anno: 1994
Genere: erotico (colore)
Note: Aka: "211 Days 11 Nights: Part 7 - The House of Pleasure"; "Désirs secrets"; "The House of Pleasure". Musiche di Piero Montanari. Disponibile in VHS (Shendene & Moizzi - I Maestri dell'Erotismo - il Cinema di Joe D'Amato)
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/10/17 DAL BENEMERITO DAIDAE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daidae 14/10/17 16:42 - 2891 commenti

I gusti di Daidae

Classico erotico soft che come molti film del valido regista romano presenta una bella fotografia, erotismo patinato e ambientazioni curate quanto "ricche". La trama è al contrario ovviamente "povera" e ogni scusa è buona per vedere "all'opera" la bella protagonista. Non è niente di speciale ma non è neppure così tremendo; nei Novanta si girò decisamente di molto peggio.
MEMORABILE: Il finale.

Marcolino1 20/05/19 08:44 - 552 commenti

I gusti di Marcolino1

La pellicola fa pendant con un'altra opera del regista, ossia Il labirinto dei sensi: stessa ambientazione in estremo oriente (della quale non si apprezza nulla perché il 95 per cento del girato è chiuso nelle quattro mura), stesso triangolo lei-lui-lui, stesso gusto per il softcore, antipasto per il "piatto forte" dell'hard che però qui non arriva. L'elemento voyeur alla "grande fratello" non aiuta ad aumentare l'interesse, poiché viene introdotto in modo schematicamente freddo e superficiale; il tema del "guardone" conobbe tempi migliori.

Pinhead80 29/03/20 18:26 - 4198 commenti

I gusti di Pinhead80

Modesto softcore girato da Joe D'Amato con quattro lire e poca voglia. Il film è buono solamente per rifarsi gli occhi con il corpo di Irina Kramer nel ruolo di Lady Eleanor Sutton, una moglie che finisce per assecondare i vizi voyeuristici del marito a suon di incontri lussuriosi con estranei. Assistiamo praticamente sempre alle stesse scene e, peggior cosa, alle stesse inquadrature (il salottino dell'atelier, l'esterno della casa, la camera da letto), segnale che si doveva sfornare un prodotto in fretta e furia. D'Amato ha fatto di meglio.
MEMORABILE: "L'invisibile" telecamera posta nel salottino dell'atelier.

Joe D'Amato (Aristide Massaccesi) HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.