La casa dei libri

Media utenti
Titolo originale: The Bookshop
Anno: 2017
Genere: drammatico (colore)
Note: Soggetto basato sul romanzo omonimo della scrittrice inglese Penelope Fitzgerald, pubblicato nel 1978.

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/12/18 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 28/12/18 08:51 - 11451 commenti

I gusti di Daniela

Giovane vedova di guerra si trasferisce in una piccola cittadina della costa con l'intenzione di trasformare un edificio abbandonato in una libreria... Confezione curata, cast di pregio, bei paesaggi di Suffolk, una trama fatta apposta per edificare lo spirito e muovere a commozione: il risultato, in barba ai numerosi riconoscimenti ottenuti, è un film che sguazza nella carineria, accentuata dall'insopportabile voce off e da uno stile shabby chic studiato a tavolino (vedere l'interno perfetto della libreria). La stucchevolezza prevale sui pregi formali.

Galbo 1/01/21 19:21 - 11854 commenti

I gusti di Galbo

Una vedova si trasferisce in una piccola città di mare dove apre una graziosa libreria attirandosi le antipatie di alcuni abitanti del luogo. Un film dai toni sommessi che parla agli animi sensibili su sfondi paesaggistici da cartolina e musiche romantiche. Gli attori offrono una prova professionale. Il limite è quello di una confezione un po’ troppo “patinata” che cede spesso alle tentazioni stilistiche a discapito dei contenuti. Si può vedere ma non emoziona più di tanto. 

Isabel Coixet HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Mco • 7/01/19 22:12
    Scrivano - 9918 interventi
    Disponibile dal 28 dicembre 2018 in DVD e BR per Eagle Pictures.
  • Discussione Raremirko • 2/10/21 20:53
    Addetto riparazione hardware - 3819 interventi
    Daniela ha straragione.

    Nulla che colpisce davvero; stile piatto e noioso, sin troppo lineare, dove solo la Mortimer, tra molta formalità, cerca di tenere su tutto il carrozzone.

    Ovviamente è un elogio al libro in quanto tale, che andrebbe pure bene, ma il film perde molto perchè più formale che sostanziale.