La carovana dei mormoni

Media utenti
Titolo originale: Wagon Master
Anno: 1950
Genere: western (bianco e nero)
Regia: John Ford
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/08/08 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 11/08/08 22:43 - 4765 commenti

I gusti di Puppigallo

Questo film, a parte gli sconfinati paesaggi ripresi da maestro, si basa tutto sui personaggi, più che sulla storia (i mormoni alla ricerca di una sorta di terra promessa). Ci sono ottime caratterizzazioni (i due protagonisti: simpatici, il capo dei mormoni, uomo tutto d'un pezzo, il "dottore", mezzo ubriaco e cialtrone col suo elisir, ma con guizzi di coraggio e il capo dei fuorilegge, coi suoi ragazzi, uno più bestia dell'altro). In questo modo, la pellicola scivola via liscia, con piccole gag ("Sono un Mormone; il cappello mi nasconde le corna. Ho più mogli di Salomone") e momenti più seri.
MEMORABILE: Il mormone: "Tu ragazzo hai una faccia onesta, anche se tutt'altro che bella". Lo sceriffo alle prese con un cavallo "tranquillo".

Lovejoy 16/12/09 13:39 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Meraviglioso western diretto con la consueta maestria dal grande John Ford. Ben scritto, con una perfetta alternanza tra dramma, azione e commedia e un ritmo esemplare. Cast d'attori notevoli su cui spiccano, su tutti: il giovane ma già bravissimo Ben Johnson e il veterano Ward Bond che, nel ruolo di Wiggs, il capo dei Mormoni, regala una delle sue prove più belle, insieme a quella, di poco successiva, del Rev. Clayton nell'altro grande classico di Ford Sentieri selvaggi. Splendida colonna sonora.

Flazich 18/02/10 17:37 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Ottimo film anche se non è tra quelli che preferisco di John ford. Probabilmente perché manca della giusta tensione nelle scene drammatiche. Forse è stata una scelta del regista per non contrastare troppo con altre scene più leggere. Tra gli interpreti Ward Bond si contraddistingue e regala ancora una volta una prova eccellente delle sue doti. È quasi ridicolo sottolinearlo ma... assolutamente magnifiche le ambientazioni che fanno da sfondo a questo lungo viaggio nel profondo del far west.

Galbo 5/04/13 15:29 - 11768 commenti

I gusti di Galbo

Episodio atipico della filmografia di John Ford, è tuttavia un ottimo western la cui peculiarità è la buona caratterizzazione dei personaggi. I protagonisti sono insolitamente due illustri caratteristi, Ward Bond e Ben Johnson che se la cavano egregiamente, così come il resto del cast. Il film miscela in modo ottimale leggerezza e azione, il tutto nel solido splendido contesto ambientale a cui il maestro Ford ci ha abituato. Notevole.

Saintgifts 9/06/14 08:39 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Dopo aver girato alcuni dei suoi capolavori, Ford torna nella Monument Valley con un lungo girotondo di questa carovana in cerca della terra promessa. La tecnica è quella conosciuta, gli attori sono dei cosiddetti caratteristi (che io definirei lo stesso principali, per la loro bravura e perché diretti da chi sa cosa vuole). La vicenda è sceneggiata in un modo che più classico non si può, con piccoli guizzi di peculiarità come i navajo che invitano a cena gli amici mormoni, ladruncoli al confronto dei bianchi in genere. Mi fermerei ai 3 pallini.

Cotola 11/12/15 16:47 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

Non è tra più conosciuti film di Ford ma, more solito, è uno dei tanti di grande valore di un immenso regista. Qui il "miracolo" consiste nel rendere vitale e coinvolgente, grazie all'inserimento di alcune piccole sorprese, una storia semplice grazie all'approfondimento psicologico dei personaggi. Siamo quasi dinanzi ad un film corale dove ognuno ha la sua particina di rilievo e dove tutto è oliato in modo molto convincente. Così ci si appassiona alle vicende della carovana dei mormoni di cui si seguono i destini. Diversi i momenti divertenti e riusciti. Fordiani o meno, merita il recupero.

Daniela 16/02/18 08:41 - 11075 commenti

I gusti di Daniela

Ancora un viaggio verso la Terra promessa come in Furore, ma dai toni meno tragici, benché non manchino pericoli durante la traversata del deserto, in quanto la drammaticità della situazione risulta smussata da quella vena ironica, presente in quasi tutti i film del regista e qui particolarmente marcata, unitamente all'afflato umanitario che, a parte il gruppetto di banditi, coinvolte tutti i personaggi in campo, indiani compresi. Nessuna star nel cast, ma un gruppo di formidabili caratteristi ben affiatati fra cui spicca Bond, uomo pio che fatica a tenere a freno la lingua.
MEMORABILE: "Chiedo l'onore di guidare il prossimo carro, non contiene nessun oggetto di valore, guidatore compreso" "Vengo con te, vecchio scemo".

Ward Bond HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 16/02/18 09:03
    Gran Burattinaio - 5728 interventi
    Il ruolo muto del figlio maggiore del capo-bandito è interpretato da James Arness, futura icona del western grazie alla grande popolarità conquistata come protagonista di due serie tv: Gunsmoke (1955-1975) e Alla conquista del West (1976-1979).

    Meno noto è il fatto che, ad inizio carriera, Arness avesse vestito i "panni" approssimativi dell'essere vegetale succhiasangue ne La cosa da un altro mondo, ruolo per cui era stato scelto in considerazione dell'altezza fuori dal comune (2 metri ed 1 centimetro).