LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/09/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 28/09/07 18:29 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Regista un tempo pregevole e mordace, Samperi si cimenta in un patinatissimo psuedo-porno da autore, riciclando tutta una serie di elementi già ampiamente mostrati (da lui stesso e dai colleghi) negli anni '70: peli al vento, lesbismo, rapporti morbosi e perversi, sopraffazioni sessuali, mogli insoddisfatte, suocere fasciste, mariti filocomunisti e via di seguito. Dietro tutto, si cela la decrepita, stantìa critica antiborghese... Ottima comunque la fotografia di Camillo Bazzoni.
MEMORABILE: Il bagno della Guérin e della Michelsen che si guardano il pube riflesso nell'acqua.

Undying 30/09/07 15:09 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Melenso filmetto girato nel periodo dell'opprimente mania dell'eros patinato: del (meno) vedo e (più) non vedo. Vittima di una sceneggiatura ad effetto sedativo, il bravo Salvatore Samperi gira un'inutile pellicola vanificata dalla frustrazione dello spettatore, scatenata da immagini che definire soft è un eufemismo. Di prove attoriali manco a parlarne, essendo della partita le "ginfizziane" Florence Guérin e Katrine Michelsen. I nudi, su cui una simile operazione dovrebbe porre cardine, appaiono troppo falsati. Titolo più idoneo: Bonne nuit!

DeBiasis 30/12/07 14:58 - 4 commenti

I gusti di DeBiasis

Io credo che il film non sia male, benchè tra i minori del regista veneto: ben fotografato, è diretto con uno stile kitch indovinato e una malizia erotica efficace. La Guerin è imbalsamata ma la LarsVontrierana Michelsen è bravetta.

Daidae 30/01/10 06:32 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Bello questo erotico di Samperi, lontano dalla volgarità e dalla esageratezza di certi altri. Belle le due attrici, sopratutto la danese che in versione acqua e sapone è ancora meglio. Non è certo un capolavoro, la critica antiborghese è ridicola, ma come film si lascia apprezzare. Evitate come la peste la versione che ogni tanto passa su mediaset: da quanto è tagliata falsa addirittura la trama!
MEMORABILE: Il finale, il farmacista alluppato.

Vstringer 30/10/09 18:50 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Samperi all'ultimo tentativo di rilancio prima del baratro: conciliare l'eros patinato degli anni '80 con la critica antiborghese dei bei tempi, quest'ultima abbandonata nel disastroso Fotografando Patrizia. "La Bonne" vorrebbe quindi essere uno studio sulla corruzione morale della borghesia nell'Italia degli anni '50, coadiuvato dalle grazie del duo Guerin-Michelsen e da una confezione elegante. Il risultato non è all'altezza delle intenzioni: il film rimane confuso e non proprio indimenticabile. Buona l'idea, ma eravamo fuori tempo massimo.

Stefania 1/03/10 01:28 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Non mi sembra per niente brutto. La parentesi agreste a casa di Angela ha qualcosa di magico, è piacevolmente retorica (visivamente); lo squallore dell'ambiente familiare di Anna è mostrato con dettagli eloquenti, tipo la suocera che insiste a farsi leggere gli annunci funebri! Ridicole invece le beghe politiche del marito, messe lì a dare una patina d'impegno: ma se invece che avvocato fosse stato dentista, era lo stesso! Eroticamente accettabile: ma Angela è secca e slavata, e anche viziosa: soprattutto, ha il vizio di spaccare i piatti per terra!
MEMORABILE: L'orgetta col farmacista non è né mal pensata e assolutamente non è mal filmata, però lui è tristissimo, e poi quella musica magniloquente...

Nando 8/06/10 12:51 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Film eroticamente torbido ambientato nella provincia italiana in cui si affrontano scene lesbo con risultati non certo esaltanti. Tuttavia lo spaccato borghesuccio anni 50 non è del tutto sbagliato, anzi presenta qualche spunto narrativo interessante.

Tarabas 23/06/10 11:05 - 1717 commenti

I gusti di Tarabas

La provincia bianca è sempre un bersaglio comodo; perbenismo, ossessioni, vizi nascosti nei salotti pieni di buone cose di pessimo gusto. Samperi si trovava più a suo agio nella sulfurea Sicilia, la polverosa Vicenza degli anni 50 finisce con l'impolverare anche il regista. Tecnicamente il film non è male, ben fotografato e tutto sommato il rapporto serva-padrona è descritto bene nei suoi ribaltamenti di prospettiva. Certo, ci sarebbero volute attrici migliori.

Giacomovie 22/06/10 09:46 - 1354 commenti

I gusti di Giacomovie

Samperi indovina solo qualche scena di fantasioso erotismo ma per il resto il film non ha nulla da offrire, è monotono ed al suo interno manca anche la basilare coesione tra i cambi di scena. Riesce persino a far rimpiangere il peggior Brass. Fallito anche il tentativo di inserire un po' di tensione. Vale la pena di vederlo solo per ammirare Florence Guerin e Katrine Michelsen (loro sì che sono davvero “bon(n)e”) nei loro giochetti lesbo. Come al solito distensive e piacevoli le musiche di Riz Ortolani. *!

Zardoz35 7/11/10 18:52 - 251 commenti

I gusti di Zardoz35

Film girato all'epoca del soft-core patinato anni 80. Il risultato potrebbe essere migliore, il film stenta parecchio a decollare con la Guerin borghese finta moglie perbene e la servetta Michelsen finta ingeua, intenta a stuzzicarle i sensi. Gli uomini fanno la figura dei pollastri, marito politicante di sinistra (in Veneto?) e farmacista in vena di sniffate e perversioni. Risultato: alcune scene erotiche pittosto prevedibili, ma da Samperi ci si aspetterebbe qualcosina di più.
MEMORABILE: La suocera della Guerin che si fa leggere il giornale dalla nuora: "Solo gli annunci dei morti, il resto non mi interessa! "

Pinhead80 13/05/11 20:15 - 4002 commenti

I gusti di Pinhead80

Che Samperi ci sappia fare alla regia era cosa già risaputa e con La bonne ne dà ulteriore conferma. Sin dalle prime battute il regista spinge sul pedale dell'acceleratore in quanto a eros. Rispetto alle atmosfere "casalinghe" e semplici di Malizia, qui abbiamo un pout pourri di elementi agresti/sofisticati, di povertà/ricchezza che rimandano a un erotismo d'altri tempi carico però di una perversione dirompente e voyeuristica. Molto interessante.
MEMORABILE: La Guérin che spia eccitata la Michelsen...

Lucius 24/08/11 01:09 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Volgare softcore lontano decenni, nonostante l'argomento pruriginoso trattato, da alcune ottime opere del regista che qui fa un evidente scivolone nel cattivo gusto, trattando il rapporto lesbo affettivo come fosse uno squallido gioco erotico. Il titolo azzeccato richiama nella sua ritondanza la patinata e disinibita pellicola. E non bastano alcuni guizzi di regia per ovviare al cattivo gusto che permea gran parte del film. Inaccettabile l'accostamento ad una pièce di Genet.
MEMORABILE: La masturbazione delle due donne sullo specchio d'acqua che sembra uscita da un film hard.

Saintgifts 3/04/13 23:31 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Storia non originalissima, ma qui proposta in chiave piuttosto realistica sia dal punto di vista borghese che da quello proletario. La parte forte è quella erotica, in cui Samperi regala momenti che non è giusto classificare softcore e tantomeno patinature: è erotismo lasciato in libertà, o meglio libido che si manifesta a livelli diversi, legati alle diverse posizioni sociali e ai tabù dell'epoca. Quella del farmacista, avanti anni luce rispetto alla bonne (che non è quella che sembrava) e alla signora che chiede solo di essere accesa.
MEMORABILE: Le masturbazioni riflesse nell'accqua, un pezzo da antologia; Il sesso in auto, ovvero come risolvere una situazione in discesa.

Faggi 15/10/18 15:16 - 1508 commenti

I gusti di Faggi

Samperi spara a salve girando questo softcore patinato e innocuo; assimilabile, più o meno, a qualche filmino di Playboy dei più edulcorati e stucchevoli. Il ritmo è da colpo di sonno e l'avvenenza delle primedonne rischia di non poter essere gustata perché tra un passaggio inerte e l'altro intanto ci si è addormentati. Se si è riusciti nell'impresa di restare desti e arrivare sino ai titoli di coda sorgerà, probabilmente, il dubbio che solo se si fosse scelto di realizzare un hard l'operazione avrebbe avuto un minimo di senso.

Ira72 21/10/18 19:49 - 969 commenti

I gusti di Ira72

“La bonne”: il trionfo della mediocrità (marito indaffaratissimo nella carriera e dunque assente, moglie assai piacente rinchiusa con la suocera... che dir suocera è un eufemismo, “serva” quantomai pruriginosa che, tra un servizio e l’altro, si apparta in casa con qualche giovane libidinoso). Eppure. Trattasi, comunque, di un film curato in cui le protagoniste meteore ammiccano morbide alle telecamere con grande nonchalance. Non male il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 16/04/09 20:44
    Scrivano - 7630 interventi
    In DVD dal 24 giugno, label Medusa Video.
  • Discussione Stefania • 1/03/10 14:14
    Portaborse - 606 interventi
    Io tra gli attori accreditati trovo anche Eva Grimaldi. Ma non so dove sia, non l'ho riconosciuta. Vabbé che a quei tempi doveva essere abbastanza giovane... Sicuramente non è la nuova domestica che compare nell'ultima inquadratura, perché mi dicono sia Antonella Ponziani. Chi ha visto Eva Grimaldi?
  • Discussione Stefania • 17/08/10 17:45
    Portaborse - 606 interventi
    Scusa Zender se riprendo il discorso, ma visto che oggi è il Grimaldi day, giornata della riabilitazione della Grimaldi... (Ho letto post su "L'educazione fisica delle fanciulle"). Ti confermo che la suddetta compare tra gli attori accreditati in questo film, puoi eventualmente verificare anche tu ed aggiungerla? Io credo si debba rispetto al lavoro di qualunque attore;)
  • Discussione Zender • 18/08/10 09:38
    Consigliere - 43740 interventi
    Sai Stefania, non è che qui nei cast abbiamo tutti i cast accreditati di tutti i film. Se ne mettono di solito una decina, quindi spesso rischian di rimanere fuori anche nomi imortanti. Poi le aggiunte si fanno "ad personam", come in questo caso. Vado ad aggiungerla.
  • Curiosità Lucius • 24/08/11 01:11
    Scrivano - 8308 interventi
    Il titolo è stato lasciato in francese, ma lo stesso Samperi lo avrebbe tradotto con La serva.

    Fonte: Wikipedia
  • Curiosità Fauno • 15/07/19 00:24
    Contratto a progetto - 2538 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film: