L'ultimo tentativo

Media utenti
Titolo originale: Baby, the rain must fall
Anno: 1965
Genere: drammatico (colore)
Note: Soggetto dal lavoro teatrale del 1954 "The Traveling Lady" del drammaturgo e sceneggiatore statunitense Horton Foote.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/05/11 DAL BENEMERITO ATTICUS85
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Atticus85 4/05/11 13:59 - 107 commenti

I gusti di Atticus85

Ritratto disincantato e crudele della profonda provincia americana, tuttavia è uno dei Mulligan meno graffianti di sempre. Poco convincente la sceneggiatura che non riesce a calibrare bene i vari aspetti (sociali, famigliari, drammatici) della vicenda, rendendo il tutto francamente un po evanescente di contenuti e fiacco in termini emotivi. Tuttavia la realizzazione tecnica è lodevole, così come le interpretazioni di McQueen e, soprattutto, della dimessa Remick.

Saintgifts 27/12/11 18:34 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Nonostante un inizio promettente, una buona fotografia bn, le solitarie strade percorse da coaches che vanno da uno Stato all'altro, una Lee Remick perfetta giovane madre piena di speranze, il film non riesce poi a sviluppare nel giusto modo tutta la drammaticità di cui è pervaso. Forse il personaggio non calza molto a Steve McQueen, costretto ad azioni troppo sconclusionate. Forse bisognava puntare molto di più sul personaggio femminile, come nella commedia da cui è tratto il film "The Travelling Lady", il cui autore ha curato la sceneggiatura.

Daniela 11/08/20 08:18 - 9407 commenti

I gusti di Daniela

Rimasta senza lavoro e con luna bimba da mantenere, una giovanne donna si reca nella piccola città del Texas dove sorge il penitenziario in cui è rinchiuso il marito. Scopre che lui è stato già rilasciato sulla parola e che non ha detto a nessuno di avere moglie e figlia... Mesto melodramma del Sud, formalmente curato ma poco coinvolgente: se Remick è troppo dolce e remissiva vista la situazione, McQueen, forse fuori ruolo, non riesce a far percepire la frustrazione derivante da un'infanzia infelice per cui i suoi comportamenti autodistruttivi appaiono solo egoistici e insensati.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.