L'ombra del gatto

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/01/10 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 21/01/10 11:11 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Buon thriller-horror con protagonista un vendicativo gatto testimone dell'omicidio della sua padrona, che riuscirà a vendicarsi sugli assassini. L'idea del gatto assassino è buona e in seguito verrà molto sfruttata, la regia di Gilling è ottima, lodevole l'impegno di tutto il cast (cito Morell e la Shelley); da citare la caduta dalle scale della Jackson, il gatto nell'oscurità. Ottimo.

Undying 28/07/10 21:00 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Questione economica al centro di un delitto: testimone l'affettuosa felina Tabatha, gatta di casa legata alla padrona, vittima di un complotto a fini ereditari. Pellicola dalle atmosfere soprannaturali, prodotta dalla Hammer che non ha optato, in questa occasione, per consolidare il budget, qui piuttosto scarso. Per fortuna il talentuoso John Gilling ci mette molta inventiva e riesce a costruire un piccolo gioiello che non difetta né in ritmo, né in atmosfera. Niente male nemmeno gli interpreti.

Cotola 14/11/10 02:51 - 7455 commenti

I gusti di Cotola

La storia è la solita: gatto si vendica di chi ha ucciso la cara padroncina per intascare l'eredità. Niente di originale, è vero. Tuttavia il regista gira con professionalità e bravura, il ritmo è buono, gli attori fanno la loro parte, ma il meglio è rappresentato dalle atmosfere che sono davvero azzeccate. Piccola produzione della Hammer, che si rivela anche meglio di altre ben pellicole ben più celebrate e strombazzate.

Lucius 30/11/14 16:42 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Più che dignitoso. Consta di sequenze degne di nota dal punto di vista filmico e di interessanti soggettive (distorte) del punto di vista del gatto. Assai godibile il parterre di personaggi disposto a tutto pur di accoppare il simpatico felide, che riesce sempre a dileguarsi al momento giusto. La sceneggiatura non brilla certo per acume, ma la regia è di buon livello; idem dicasi per la messa in scena.

Von Leppe 23/11/15 19:07 - 1018 commenti

I gusti di Von Leppe

Parenti serpenti uccidono vecchia per intascare l'eredità. La vicenda costruita intorno al gatto vendicatore non è molto riuscita e risulta in un certo senso prevedibile, mancando quell'alone di mistero che di solito caratterizza la tipica ambientazione poliziesca inglese dell'Ottocento (in cui il film è ambientato). Il gatto non è il solito felino nero inquietante ma un un micione tigrato che attira una certa simpatia. Appena sufficiente l'atmosfera della vecchia magione.

Nicola81 24/05/17 11:34 - 1924 commenti

I gusti di Nicola81

Con la complicità dei domestici, uccide la ricca moglie e ne occulta il corpo, ma il gatto Tobia ha visto tutto... La trama sarà pure improbabile, ma Gilling (già autore dello splendido Le iene di Edimburgo), si conferma a suo agio con le ambientazioni ottocentesche e imprime a questo piccolo thriller un'atmosfera e un ritmo davvero efficaci. E per chi, come me, è amante dei felini, vedere quel bel micio tigrato sfuggire astutamente a tutti i tentativi di farlo fuori, è davvero uno spasso. Corrette le interpretazioni, musiche di Theodorakis.
MEMORABILE: Nella palude; La caduta dalle scale; Il finale.

Rufus68 12/02/20 23:52 - 3049 commenti

I gusti di Rufus68

Appartiene al genere simil-gotico, tendenza complotto di famiglia con eredità incorporata. Nil novum, come si vede. La valenza simbolica è adombrata sin dal titolo poiché la bestiolina in questione, lungi dall'essere il felix ex machina, non fa che rappresentare lo specchio delle colpe dei protagonisti (la nera coscienza, per citare uno d'essi). La narrazione si fa apprezzare per la solida classicità dell'impianto se non che risulta d'un tedio e d'una ripetitività disarmanti. Per cultori.

Claudius 29/03/20 07:26 - 401 commenti

I gusti di Claudius

Produzione Hammer minore rispetto ad altre: la storia non offre spunti originali dato che si tratta del solito gotico (con tutti i cliché quali casa isolata, testamento, delitti e vendetta) ma è comunque ben girata e interpretata soprattutto da Morell e dalla Shelley. Stona con l'insieme la parte sentimentale, ma si riprende grazie alle azzeccate soggettive del gatto. Vale la visione.
MEMORABILE: Il gatto che osserva la casa durante il temporale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.