LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 24/08/07 00:38 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Divertente e, a suo modo, ben scritto (non a caso co-sceneggia Gianviti, abituale collaboratore di Fulci) rappresenta il titolo capofila della nuova corrente d'impiegate (sexy) utilizzate nella commedia "popolare" all'italiana. Ursula Andress ha un fisico che (sor)prende e attira l'attenzione di un gruppo di comprimari di classe (Del Prete, Toffolo, Palance). Il regista (La Nipote, La Gatta in Calore) impone un ritmo quasi drammatico (il vecchio riccastro ammalato che si vuole deceduto per questioni ereditarie), sfumato dall'erotismo.
MEMORABILE: Le continue manate dell'ammalato sul fondoschiena (esposto con divisa attillata) dell'infermiera...

Ciavazzaro 4/07/08 12:48 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Commedia erotica che se non fosse per la presenza della divina Andress (memorabile il suo bagno in piscina desnuda con tanto di pelo all'aria, doppiata da Rita Savagnone), non sarebbe così indimenticabile. A ogni modo ottimo il cast: la regale Paluzzi (doppiata dalla Febbi in veneto) che si spoglia pure (!), Vargas cannoniere (!!), un inaspettato Palance, il bravissimo doppiatore Pisu (scomparso purtroppo poco dopo), Toffolo e Del Prete.
MEMORABILE: Del Prete mostra a un Vargas allibito come deve fare la Andress per sedurre lo zio facendo mossette da omosessuale!!!

Herrkinski 21/11/08 19:11 - 5032 commenti

I gusti di Herrkinski

Divertente commedia di ambientazione veneta, costruita con un certo acume e non sempre stupidotta, a differenza di altri prodotti assimilabili al genere "commedia pecoreccia" dell'epoca. La Andress fa sfoggio del suo fisico statuario senza ritegno e manda in tilt gli ormoni degli altri personaggi, su tutti il simpaticissimo Mario Pisu. Il film si lascia seguire piacevolmente e strappa più di una risata, soprattutto grazie al caratteristico accento veneto e alle colorite espressioni che vedono il termine "mona" sdoganato spesso e volentieri.

B. Legnani 21/02/09 20:41 - 4689 commenti

I gusti di B. Legnani

Brutta eroscommedia ricca di mezzi e malriuscita. Al 30', quando la Andress galleggia in piscina, il film inizia ad affondare inesorabilmente, verso un finale previstissimo e banale (l'infermiera svizzera, lo giuro, non ci risparmia neppure un "Ja, Herr Doktor!"). Del Prete è fuori ruolo, la Andress non recita (ma quando mai le viene richiesto...), Palance fuma il sigaro e basta, deliziosi Vargas e la Confalone, bella la Paluzzi, Toffolo al meglio solo quando prega e flirta con la Romanelli, servetta da tutti trombabile, come da logoro cliché.

Homesick 22/09/10 10:07 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia erotica dal canovaccio frusto e triviale, appena rivitalizzata dalla classe di Del Prete, Vargas e Confalone e dalla fotografia (opera dello specialista Ernesto Guarnieri), lussuosa cornice in cui rilucono gli aristocratici interni della villa veneta e gli scultorei nudi integrali della Andress e della Romanelli insieme ad un inaspettato topless della Paluzzi. Pisu si umilia nell’irritante cliché del vecchio mandrillo, Toffolo è il solito ubriacone e il big americano Palance concede appena un significativo cameo. Produce niente meno che Carlo Ponti.

Zardoz35 9/07/11 12:41 - 246 commenti

I gusti di Zardoz35

Divertente commedia del filone erotico-familiare molto in voga negli anni Settanta. Gli avidi parenti aspettano la dipartita del riccone di turno, ma dovranno fare i conti con l'infermiera, candida solo a parole. È proprio sulle tante nudità della quasi quarantenne Andress che il film riesce a trainare una serie di personaggi grotteschi, resi piacevoli dal dialetto veneto. Ottima l'interpretazione di Del Prete, mentre Toffolo fa l'ubriacone con tanta ironia.

Panza 4/03/14 19:13 - 1488 commenti

I gusti di Panza

I toni samperiani della commedia non sono di certo celati e Rossati con l'insermimento di Lino Toffolo conferma i suoi intenti. Siamo sempre in un cinico ritratto di una borghesia acida che vuole detroniczzare il vecchio per ottenere i soldi, la cosa che conta veramente. Le venature sexy della commedia sono notevoli (i nudi della Andress sono indimenticabili) e pure quando i tre nipoti sono in scena alcune loro battute fanno sorridere. Il finale sulla carta interessante però corrisponde a un decrescere del ritmo che si fa sentire. Non male.

Mco 14/04/14 12:23 - 2137 commenti

I gusti di Mco

Alla base di tutto ci sono sempre i soldi, quelli della cospicua eredità di un malato di cuore. Quale soluzione migliore per goderseli in santa pace se non procurando al medesimo una bella "morte d'amore"? Ursula Andress si mostra in tutto il suo splendore a più riprese in un contesto da commedia di basso lignaggio. Il comparto maschile non è dei peggiori ma si livella alla qualità dell'opus, che non si segnala che per la quantità di epidermide esposta, sebbene i pruriti vengano scatenati a dovere...
MEMORABILE: Lo spogliarello della Andress sul letto.

Manfrin 3/06/15 13:55 - 324 commenti

I gusti di Manfrin

Senz'altro il miglior film di Rossati: simpatico e ben scritto, per niente volgare, oserei dire con un pizzico di commedia dal sapore goldoniano, corroborato da ottimi caratteristi (il gaudente Toffolo è veramente super) e da belle donne, con la Andress, spigliata nonché "spogliata" (forse per la prima volta a questi livelli) di una bellezza esplosiva.

John trent 17/01/16 17:50 - 326 commenti

I gusti di John trent

Dopo il buon successo de La nipote Rossati prosegue nel solco della commedia erotico-familiare e, a distanza di un anno, viene ingaggiato dal produttore Carlo Ponti che gli mette a disposizione un cast di tutto rispetto che comprende due stelle di prima grandezza come la Andress e Jack Palance. Il registro è piuttosto spinto (ci sono i nudi full frontal della Andress e di Carla Romanelli e il rarissimo topless della Paluzzi), ma si ride abbastanza grazie soprattutto a uno scatenato Duilio Del Prete. Gradevole.
MEMORABILE: Ursula Andress che nuota nuda in piscina; Le lezioni di seduzione di Duilio Del Prete; Il topless di Luciana Paluzzi.

Faggi 17/07/16 12:00 - 1486 commenti

I gusti di Faggi

Da adolescente lo trovavo straordinario, ora devo ridimensionare il tutto. Si, perché pur avendo una confezione da soldi (cast, fotografia ecc.), originalità linguistica e sequenze memorabili, divertenti e ben girate, gli manca della follia vera, il cinismo resta in superficie ed è troppo composto. È ovvio che si tratta di un cult della commedia sexy all'italiana e merita di essere visto e rivisto, ma a oggi non è più tra i miei preferiti del genere.

Victorvega 1/10/18 23:49 - 289 commenti

I gusti di Victorvega

A un anno dal precedente La nipote, Rossati torna alle atmosfere della campagna veneta per continuare con il genere della commedia bucolica parentale ed erotica con l'eredità a guidare le vicende. Rispetto al precedente c'è un passo in avanti e la storia prosegue più spedita: merito degli attori e di un copione che fa apprezzare maggiormente la storia. Bravi Del Prete e Toffolo con Vargas, bravi e prigionieri dei soliti ruoli (l'ubriaco e l'autoritario fanatico militarista). Su tutto e tutti una bellissima Andress, che vale gran parte del film.
MEMORABILE: Lo spogliarello tentatore della Andress nei confronti del giovane.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 20/01/08 16:55
    Scrivano - 7634 interventi
    Titolo reperibile in DVD nella (discussa) Serie Z, catalogo Surf Video.

    Qualità video decente (1.85:1) ed audio mono per una versione che raramente vedrete in TV (solitamente è CUT nei passaggi su Mediaset) della durata di 105 minuti.
  • Curiosità Undying • 20/01/08 17:13
    Scrivano - 7634 interventi
    Le Cure (maliziose) dell'Infermiera

    Classe 1936, origine svizzere, un fisico nordico che tiene assieme grazie iperfemminili (un corpo perfetto) a linemanti duri (un volto segnato da tratti severi).
    E' Ursula Andress, presenza pressoché costante nel cinema italiano a partire dal lontano 1954, per un film diretto dal grande Steno (e sceneggiato da Fulci) ovvero la commedia Un Americano a Roma, interpretata da Sordi.
    La graziosa attrice compare brevemente nei panni di Astrid, ma già da prova di fotogenia e classe.

    Tanto che farà presenza in titoli più "artistici" senza mai negare la sua "classe" in commedie o pellicole più "andanti", tra le quali figura, appunto, questa diretta da Nello Rossati, un regista che -prima o poi- noi del Davinotti promettiamo di rivalutare.

    L'Infermiera, infatti, pur essendo ascrivibile alla Commedia Sexy (non a caso il film "figlia" qualcosa come una decina di apocrifi) ne prende le distanze per via di un registro (assunto al crocevia del secondo tempo) quasi drammatico e in perfetto contrasto con la solarità dell'inizio.
    Non è accostabile, per interderci, ai titoli interpretati da Banfi o Vitali, quanto piuttosto sembra risentire del clima presente in Malizia, diretto da Samperi un paio d'anni prima.

    L'attrice, qua già 39enne, presta il suo "poderoso" corpo al ruolo di infermiera, avendo però -in programma- un "doppio gioco" che vede, come obiettivo, l'immancabile "eredità" cui anelano eredi poco affettuosi.

    Una curiosità è che nel cast figura Duilio Del Prete, poi presente (pur in una parte antitetica) anche in Voci dal Profondo, diretto da Fulci nel 1991. Due titoli -di registro diverso (l'uno commedia, l'altro horror)- che sembrano "apparentati" da un soggetto comune...
  • Homevideo Zender • 20/01/08 19:48
    Consigliere - 43514 interventi
    Effettivamente, rispetto alla media delle commedie di quel genere, L'infermiera era parecchio spinto. Prevedibile che sia stato censurato, in tv.
  • Curiosità Undying • 19/08/09 15:55
    Scrivano - 7634 interventi
    Luciana Paluzzi dixit

    "(Ne L'infermiera) è l'unica volta in cui io ho girato una scena nuda, dalla vita in sù, in vita mia.
    Non so come ha fatto in quel momento... (Nello Rossati) è riuscito a convincermi.
    Naturalmente è quello che va a finire su internet..."

    Fonte: Stracult light / 10 agosto 2009
  • Discussione Ciavazzaro • 13/09/09 12:33
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Scheda di doppiaggio

    Ursula Andress e' doppiata da Rita Savagnone
    Luciana Paluzzi e' doppiata da Vittoria Febbi
  • Curiosità Dusso • 30/11/11 21:16
    Segretario - 1620 interventi
    Senta Berger rifiutò il ruolo da protagonista che poi andò alla Andress.
  • Discussione John trent • 24/01/16 13:07
    Servizio caffè - 511 interventi
    Il trailer:

    https://www.youtube.com/watch?v=dROYRGnFQdE