L'incredibile vita di Norman

Media utenti
Titolo originale: Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer
Anno: 2016
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Oppenheimer Strategies".
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/01/18 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 23/01/18 15:00 - 9214 commenti

I gusti di Daniela

Norman è un anziano ebreo newkorchese che tenta di combinare affari vantando le sue presunte conoscenze con persone ricche e potenti, cosa che lo espone a rifiuti ed umiliazioni fino a quando... Film il cui valore non risiede nella trama, contorta e di modesto interesse, ma nel ritratto del protagonista, interpretato da Gere in modo sensibile e convincente: un uomo che offre il suo aiuto agli altri in maniera anche invadente perché ha bisogno non tanto dei loro soldi quanto del loro apprezzamento per non soccombere alla solitudine.

Capannelle 2/02/18 00:02 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Richard Gere tenta la via del vino, nel senso che invecchiando pare migliorare come recitazione e forse lo deve anche alla abilità di Cedar che sa gestire il materiale umano a disposizione (una menzione anche per l'attore israeliano Lior Ashkenazi). La regia procede sicura e con una certa personalità, fatta eccezione per due parentesi quasi psichedeliche. Un ritratto di persona ambigua e impicciona che suscita empatia, forse semplificata nei suoi agganci col mondo politico ma da apprezzare.

Kinodrop 11/03/20 19:56 - 1461 commenti

I gusti di Kinodrop

Un caso interessante di "snob passivo" che vive la propria identità di luce riflessa attraverso i servizi che offre e la stima di ritorno. Tema di ascendenza ebraica sulla funzione dell'intermediario tra realtà diverse, personaggio perciò ambiguo ma a suo modo generoso, che alla fine rimane prigioniero del suo stesso meccanismo. Gere perfetto in questo ruolo tra il dimesso e il quasi servile, misterioso ma anche autentico, insieme a un cast di rilievo, risolleva una regia sì brillante, ma con qualche pesantezza e lungaggine (quante telefonate!).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 23/01/18 17:45
    Consigliere - 43513 interventi
    Daniela, c'era un motivo particolare per cui avevi messo come data 2017 e non 2016?
  • Discussione Daniela • 23/01/18 19:02
    Consigliere massimo - 5068 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Daniela, c'era un motivo particolare per cui avevi messo come data 2017 e non 2016?

    Scusa, semplice errore di battitura, non faccio copia ed incolla per le date.
  • Discussione Zender • 24/01/18 07:14
    Consigliere - 43513 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Daniela, c'era un motivo particolare per cui avevi messo come data 2017 e non 2016?

    Scusa, semplice errore di battitura, non faccio copia ed incolla per le date.


    Ovviamente non è da farlo. Solo trovavo strano che deliberatamente avessi cambiato la data.
  • Discussione Raremirko • 15/06/18 23:27
    Addetto riparazione hardware - 3449 interventi
    Film grazioso, elegante, dotato di buon e ricco cast, che comunque non mi ha del tutto convinto.

    In sala mi son ritrovato da solo dopo 3/4 di pellicola (4-5 persone han abbandonato, credo per la noia), cosa che non mi capitava da anni.

    In effetti il ritmo o, più semplicemente, la storia non son a livelli elevatissimi e qua e là ho sonnecchiato.

    Comunque buone le prove di tutto il cast (intelligente per Gere accettare ruoli simili, qua è perfetto, per esempio) ed interessante il soggetto israeliano, non sempre affrontato in termini Hollywoodiani.


    Discreto.