L'erba del vicino è sempre più verde

Media utenti
Titolo originale: The grass is greener
Anno: 1960
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/10/10 DAL BENEMERITO STEFANIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stefania 5/10/10 15:48 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Charles, petroliere texano, potrebbe dire "veni vidi vici": appena entrato nell'atavico castello inglese conquista Hillary, l'annoiata moglie del proprietario, Lord Ryhall... E' pronto persino allo scontro fisico, ma il rivale lo ammazza (di cortesie), invitandolo persino a pranzo e a cena... Ci sono anche un eccentrico maggiordomo e una vivace ragazza londinese: sarà un simpatico week-end! Anatra all'arancia versione british upper class, commedia ultra-sofisticata che scherza sulle differenze culturali tra i ricchi americani e gli aristocratici inglesi. Grant sornione, deliziosa la Simmons.
MEMORABILE: I dialoghi, da manuale, tra il pungente maggiordomo e Lord Ryhall, aristocratico in pigro e felice declino!

Daniela 25/10/11 14:57 - 11075 commenti

I gusti di Daniela

partita a quattro fra lui, lei, l'altro e l'aspirante altra. i primi due sono una coppia inglese matura, aristocratica e spiantata, costretta ad aprire ai turisti una parte del castello avito; l'altro è un americano dai modi spicci, strapieno di dollari, che vorrebbe portarsi via il pezzo più prezioso dell'arredo, ossia la moglie dell'ospite; infine l'altra è una donna spregiudicata, in cerca di sistemazione. le due coppie si mescolano e si ricompongono, sul filo di dialoghi imbevuti d'ironia e savoir faire. Bel cast, con Grant insuperabile.

Pigro 10/04/13 09:56 - 8628 commenti

I gusti di Pigro

Storia in punta di fioretto con dialoghi (teatrali) che dispensano brillantezza a raffica. A difettare è l’esemplarità stilizzata dell’improbabile vicenda (lei s’innamora di un altro e il marito parte alla riconquista): più che raccontare lo scontro sentimental-nazionalista (inglesi vs americani), si fa sfoggio di equilibrismi dialettici da commedia (non) sofisticata, sparsi con garbata ironia e gusto del paradosso. Carino, ma se la cosa migliore è la figura del maggiordomo allora c’è qualcosa che non va: una stucchevolezza che appanna tutto.

Saintgifts 27/05/13 19:05 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Per immaginare il tono di questa commedia basta pensare all'estremità opposta (ma veramente opposta) di dove è collocata una sceneggiata napoletana. Questo per quello che riguarda i toni e i comportamenti, difficili da trovare nella realtà, anche in quella più british. Per quello invece che riguarda la sostanza più spicciola, sono sempre i soldi a condurre il gioco (fino a un certo punto) e a far brillare gli occhi anche alle ladies più sofisticate. Aria di sufficienza nei dialoghi e nelle situazioni, dove i sentimenti sono più colpiti.
MEMORABILE: Jean Simmons e i suoi vestiti.

Galbo 17/07/14 15:27 - 11769 commenti

I gusti di Galbo

Regista assai raffinato, Stanley Donen dirige una bella commedia tratta da un testo teatrale. L'origine "da palcoscenico" è evidente nei dialoghi che costituiscono il punto di forza della pellicola e che mirano a sottolineare soprattutto la differente impostazione culturale e sociale tra due mondi, quello del capitalismo americano e quello della raffinata nobiltà britannica. Perfetti i protagonisti che incarnano al meglio questa dicotomia. Buono il doppiaggio italiano.

Almicione 22/08/15 18:13 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Il dissidio fra la cultura inglese, quieta e conservatrice e quella americana, sicuramente più libertina, genera un dissidio coniugale. Ma non c'è nulla di drammatico e tutto è preso alla leggera dagli stessi protagonisti coinvolti in questa commedia dai toni inglesi. La regia, la fotografia e il montaggio sono impeccabili e la presenza di due mostri sacri come Grant e Mitchum non può che aumentare la qualità della pellicola. Tuttavia, nonostante scappi qualche risata, il film risulta lievemente stucchevole in alcuni punti.
MEMORABILE: Lo split screen della telefonata.

Rambo90 26/08/16 16:44 - 6952 commenti

I gusti di Rambo90

Garbata commedia teatraleggiante, diretta da Donen con il suo stile raffinato e un'attenzione particolare alle differenze tra inglesi e americani. La trama non sorprende più di tanto ma i dialoghi sono ben scritti e si sorride spesso per le battute sferzanti offerte dalla sceneggiatura. Lo spettacolo inoltre è garantito dai quattro interpreti di gran classe radunati, con i rivali Grant e Mitchum particolarmente in palla. Buono.

Paulaster 21/12/16 10:14 - 3415 commenti

I gusti di Paulaster

In un impianto narrativo dai fitti dialoghi si dipana la storia di un innamoramento inatteso. Usando toni politicamente corretti, ciò che non convince appieno è che i figli vengono dimenticati all'istante e la questione del duello risulta come una forzatura per sbrogliare la matassa. Grant ha classe ma l'unico british sembra il maggiordomo e la Kerr non ha la freschezza di una eventuale Hepburn. La struttura comunque regge fino a un finale di rosei chiarimenti.
MEMORABILE: La Kerr che vuole sparare all'amica per il visone.

Jean Simmons HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.