LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 23/06/08 23:03 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Interessante poliziesco di Damiani, un po' più corrivo dei suoi classici sul piano della denuncia, ma condotto con solido mestiere e buon ritmo al servizio di una trama abbastanza originale e avvincente. Un ottimo Gemma porta sulle spalle buona parte del film, e nonostante l'autodoppiaggio con la sua famigerata voce fornisce una prova da incorniciare. Buono, e con una piccola chicca per appassionati, il breve cameo del mitico Giancarlo Fusco, che ruba la scena nella sequenza della conferenza-stampa.

Cotola 29/07/09 23:14 - 7458 commenti

I gusti di Cotola

Discreto poliziesco firmato da Damiani che, se non regge troppo sul piano della denuncia sociale (a differenza di altri suoi lavori) e della verosimiglianza, riesce però a coinvolgere lo spettatore per la sua intera durata graze ai molti colpi di scena disseminati in esso (alcuni dei quali forse un po' eccessivi). Il regista ha fatto di meglio, ma questo è comunque un solido intrattenimento.

Tomastich 7/09/09 10:04 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Una lenta ed enigmatica partita a scacchi fra lo Stato e le forze dell'ordine. Chi sarà più corrotto ? Manca sull'impronta "sprint" questo buon film di Damiano Damiani: infatti la lentezza è il peggior difetto del film, anche perché Gemma e Balsman sanno tenere la scena come dei vecchi leoni.

Ghostship 4/12/09 19:51 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Splendido film-denuncia di Damiani alla Damiani. Scene crude, personaggi viscidi, costruzione della trama impeccabile, coppia di attori protagonisti di grande spessore con contorno di caratteristi affiatati... Insomma, avrebbe meritato almeno di essere rieditato in dvd; cosa che, inspiegabilmente, a tutt'oggi non è avvenuta.

Homesick 12/05/10 18:03 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Grandi preparativi per La piovra. Il potere tentacolare della mafia, le sue collusioni con l’alta finanza e il clima di diffidenza e sospetto che divide (e indebolisce) le forze dell’ordine scaturiscono da una sceneggiatura sempre più intricata e disorientante, agita da una molteplicità di figure ambigue e potenzialmente corrotte o corruttibili. Dal ferocissimo delitto in apertura al finto ottimismo dell’epilogo, la regia di Damiani si mantiene secca e professionale, dando massimo risalto alle schermaglie tra Gemma e Balsam e alle crisi della labile Trotter.

Nicola81 27/07/10 17:39 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Per me uno film più riusciti di Damiani, che qui anticipa le tematiche de La piovra (connessioni tra criminalità organizzata, politica e alta finanza) ricalcando però lo schema del precedente Io ho paura: un uomo solo che lotta contro una potente organizzazione commettendo molti errori. Trama intricatissima (alla sceneggiatura collaborano Nicola Badalucco, Massimo De Rita e Dino Maiuri), ottima prova dei due protagonisti e girandola di colpi di scena non sempre credibili, ma la tensione regge fino al termine. Belle le musiche di Ortolani.
MEMORABILE: La strage alla centrale di polizia, la conferenza stampa e il finale ottimista ma non troppo...

Bruce 14/02/11 16:35 - 1002 commenti

I gusti di Bruce

Lo penalizzano le tante cadute di ritmo, la mancanza di scene d'azione davvero incisive (tranne la prima), qualche forzatura e semplificazione nel delineare gli intrecci tra la malavita e i notabili. Si rischia così di perdere il filo e l'interesse. La classica occasione mancata, perché Damiani sia bravo e conosca bene la materia.

Uomomite 18/07/11 05:24 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

Non sono mai stato esattamente un fan di Damiano Damiani ma devo ammettere che questo "L'avvertimento" è una pellicola avvincente e straniante. Si, straniante perchè quello che per novanta minuti è (sembra) un film-denuncia serio(so), con un indagine poliziesca ben congeniata (avvincente, per l'appunto), negli ultimi tre, si trasforma in qualcosa a metà tra il fumettone e la farsa. Il cambio di registro ti coglie davvero di sorpresa e il bridido trash è assicurato. Bravo Giuliano Gemma, bravissimo Guido Leontini.

Gestarsh99 11/04/12 14:33 - 1315 commenti

I gusti di Gestarsh99

Damiani prende il largo da una Sicilia già abbondantemente processata per riparare ancora una volta in area capitolina e calare mani e arnesi in quel poliziesco italico ormai prossimo alla sepoltura, rinvigorendolo come un Lazzaro biblico attraverso un curialesco intrico di risvolti illeciti e doppiogiochi opposti ed equivoci, non dissimili dalle stereoscopie sociali tipiche del suo cinema di denuncia (le infiltrazioni criminali, le "agevolazioni", le pressioni, i ricatti sotterranei ad hoc). Gemma non sgarra un'espressione ed è molto meno macchietta che nel palermitano Un uomo in ginocchio.
MEMORABILE: La pistolettata tracheo-mandibolare che stronca il commissario Laganà (Franco Odoardi).

Daidae 20/02/12 01:54 - 2729 commenti

I gusti di Daidae

Damiani qui si stacca (ma non troppo) dal suo stile di denuncia per lasciare un po' di spazio ai canoni classici del poliziesco all'italiana, che proprio nell'80 era già morto. Ottimo cast: Gemma su tutti, bene Balsam, ottimo Leontini che pareva fatto apposta per le parti del cattivo. Da vedere.

Nando 9/05/12 14:46 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Damiani realizza un altro film sulla collusione dei poteri forti con le ingerenze mafiose. La narrazione è decisamente fluida e lineare, alterna momenti drammaticamente crudi ad altri ragionati ed esplicativi. Interpreti solidamente costruttivi e appropriata colonna sonora.

B. Legnani 17/07/12 22:51 - 4691 commenti

I gusti di B. Legnani

Decorosa ma non indimenticabile opera di Damiani (**). La regìa è svelta e sicura, ma deve fare i conti con una sceneggiatura non troppo plausibile e con un cast di seconde linee spesso non all'altezza. Gemma (che si doppia da sè) funziona bene, mentre Balsam (voce di Ivo Garrani) non è certo al suo massimo, ma il carisma insito in alcune sue espressioni riesce a tenerlo in evidenza. Nella sballatissima conferenza-stampa, se non altro, c'è l'amabile Fusco. Tra gli invitati alla festa ci sono (rigorosamente non accreditati) gli immancabili Zanussi, la Canghiari, Perego ed Alias...

Galbo 27/09/12 19:18 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Autore di alcuni buoni film sulla mafia, tra cui la prima serie della Piovra, Damiano Damiani anticipa qui proprio alcuni dei temi forti della celebre produzione televisiva. I rapporti tra finanza e criminalità organizzata e la corruzione del potere sono al centro di una vicenda che ha per protagonista un poliziotto della squadra mobile, non particolarmente originale ma ben raccontata, grazie all'ausilio di una buona sceneggiatura e all'incisiva prova del cast.

Ducaspezzi 27/09/12 18:32 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Damiani non è certo regista che rientri nelle tipicità esplicative del "poliziottesco" e questa pellicola lo conferma. Distante da certe programmatiche rozzezze e superficialità di quel fortunato genere italico, si attesta sempre con saldezza di metodo nel solco della denuncia, riuscendo non di meno ad attrarre sul piano del ritmo e del coinvolgimento narrativo, grazie anche alle caratterizzazioni ed ai discreti spunti psicologici. Il regista gestisce bene qualche foschia nell' intreccio, forse propria del clima dietrologico, per dir così.

Maik271 27/01/13 22:15 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Ottima trama con intreccio tra politica e finanza in un film ben girato e supportato da un eccellente cast in cui spiccano per bravura Martin Balsam e Giuliano Gemma. Per tutta la durata del film si mantiene alto l'interesse e questo è un gran pregio; per contro manca un po' di azione, se si esclude la bella esecuzione nella centrale di polizia. Consigliato a chi ama il genere.

Daniela 9/03/13 14:10 - 9221 commenti

I gusti di Daniela

Un commissario indaga sull'omicidio di un collega, fra piste false, personaggi ambigui, minacce e corruzione. Poliziesco d'impegno civile che vuol mettere il dito sugli intrallazzi che coinvolgono i poteri forti, con una trama complessa ma piuttosto ben costruita, nonostante alcuni passaggi frettolosi o sequenze mal gestite. Poco indovinato invece il cast: Balsam (doppiato da Ivo Garrani) se la cava col mestiere ma Laura Trotter è pessima e Giuliano Gemma, che per l'occasione parla con la propria voce, appare legnoso, a tratti stolido.

Manfrin 14/06/13 10:45 - 324 commenti

I gusti di Manfrin

Robusto film di denuncia su collusioni tra potere finanziario, politico e mafia. La coppia Gemma commissario e Balsam procuratore è azzeccata, così come l'equivoco che li accompagnerà sino al finale. Poche pause, ritmo da poliziesco supportato da un'attenta regia.

Trivex 22/10/13 14:53 - 1480 commenti

I gusti di Trivex

Sarebbe stato notevole, se non fosse per l'eccesso di forza nella sceneggiatura, che spinge alcuni momenti oltremisura o quasi (compreso l'efficace e violentissimo massacro iniziale, però davvero improbabile nella sua ubicazione e nella dinamica). Comunque buono, grazie anche all'estro della coppia commissario-questore, sempre sul filo dell'incerto, sino al finale magistrale, potente e precursore di una dinamica giudiziaria che sarebbe stato opportuno sviluppare, magari in un altro film (sapranno i due "testimoni" sostenere le accuse fino in fondo?).
MEMORABILE: La festa finale; Il violentissimo massacro iniziale.

Fauno 19/01/14 18:46 - 1907 commenti

I gusti di Fauno

Dei tanti bei film di Damiani questo è il migliore: tutto fila liscio, con una tensione che lascia sempre presagire una catastrofe imminente; non per niente il commissario Barresi vede perire miseramente molti fra i suoi collaboratori più stretti in una lotta impari contro i cosiddetti "geni della finanza", nemici quasi invisibili... Ma sarà proprio dopo un'ennesima batosta che si invertirà l'inerzia del film, sottolineando così di non sottavalutare la rinata tenacia di chi voleva mollare e d'improvviso si è accorto di non aver più nulla da perdere...
MEMORABILE: Le due incursioni: quella iniziale alla centrale e quella finale all'hotel, che è un vero trionfo!

Motorship 27/03/14 22:34 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Buon film di Damiani che da una parte anticipa La piovra, dall'altra continua il discorso di denuncia verso la mafia e la sua collusione con lo stato iniziata già da qualche tempo addietro, anche se in maniera più smussata. Il film si avvale di un ritmo notevole e di una tensione presente fino alla fine e la sceneggiatura, sebbene presenti qualche eccesso, è abbastanza funzionale. Ottime prove di Gemma e Leontini, buona quella di Balsam. Finale ottimista ma che fa riflettere, ottima la colonna sonora di Ortolani.
MEMORABILE: Il massacro iniziale; La festa finale; L'omicidio di Franco Odoardi.

Rufus68 12/04/16 23:23 - 3050 commenti

I gusti di Rufus68

L'inizio, scabro e brutale, è da manuale. Il finale, invece, troppo sbrigativo. La vicenda centrale è insidiata da toni troppo televisivi, concilianti. Eppure anche qui Damiani si conferma uno dei pochi autori a riflettere l'Italia nelle sue vicende più oscure. Se lo sviluppo del film concede all'inverosimiglianza, è indubbio che, a tratti, si respiri un'aria malsana, vischiosa, in cui tutto e tutti sembrano confondersi in una melassa di corruttele, tradimenti e doppi giochi. Lodevole.

Faggi 6/07/17 12:30 - 1487 commenti

I gusti di Faggi

Non sono le prove generali per La piovra ma certi passaggi ne sembrano un preludio, sia nel racconto che nel tessuto delle immagini. Tutto il film è sulle spalle del personaggio interpretato da Gemma, capo della mobile alle prese col fango più lordante e con i serpenti più velenosi, ai quali si aggiunge (funzionando particolarmente) l'ambiguità del rapporto con i personaggi interpretati da Balsam e Trotter. Damiani dirige bene e, tolta qualche semplificazione che purtroppo a volte si affaccia nel suo cinema, ci consegna un discreto lavoro.

Ultimo 27/06/17 16:59 - 1348 commenti

I gusti di Ultimo

Discreto poliziesco di Damiani, regista che più volte si è cimentato nel genere (basti ricordare il successo della serie La piovra). Il film scorre senza particolari intoppi grazie a una buona struttura generale e una più che discreta prova degli interpreti (bravo su tutti Giuliano Gemma). La parte finale riserverà più di una sorpresa. Consigliato ai fan del genere poliziesco Anni 70.

Beffardo57 5/09/19 22:07 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Brutto e invecchiato male. Avrebbe potuto essere il racconto dello smarrimento di un inquirente in un labirinto di ambiguità e doppiezze. Invece la vicenda si sviluppa a stento con grevi riferimenti a fatti di cronaca del tempo e la conclusione è quanto mai posticcia e poco convincente. Mediocri gli interpreti, povera la messa in scena, insignificante anche la colonna sonora. Reperto archeologico tra i meno riusciti del cosiddetto cinema d'impegno sociale dell'epoca, non merita più di uno stentatissimo "sei politico". Evitabile.

Minitina80 12/03/20 19:22 - 2304 commenti

I gusti di Minitina80

Un buon lavoro per Damiani nel campo che più gli addice, il poliziesco, ma di quelli che trattano la corruzione tra i poteri istituzionali e la delinquenza. Per quanto appaia un po’ invecchiato nell’aspetto, il risultato è sufficiente. L’unica pecca è rappresentata da una sceneggiatura farraginosa a cui non è facile star dietro. La caratterizzazione dei personaggi secondari e ugualmente rilevanti ai fini dello sbrogliamento della matassa ne risente, perdendosi nel marasma fatto di doppio gioco e vicoli ciechi, annebbiando la visione d’insieme.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gestarsh99 • 13/04/12 14:31
    Scrivano - 14071 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Quasi certamente è lei ma se nel film fa solo questa comparsa accreditarla nel cast a mio personale parere è eccessivo.

    IMDB scheda anche le comparsate senza credits dei caratteristi generici.
    Poi, come ho già sottolineato in precedenza, si tratta di un'interprete assurta a vera e propria icona proverbiale di donna vessata e "sull'orlo di una crisi di nervi". Quindi una sua importanza non secondaria nel Cinema italiano se l'è guadagnata con tutte le scarpe. Un suo gettone di presenza è quantomai d'obbligo.

    Poi è chiaro che la decisione di inserirne o meno il nome spetta sempre a Zender, non essendoci univocità sull'esattezza della sua identità.
  • Musiche Lucius • 15/07/12 16:32
    Scrivano - 8345 interventi
    Il brano "L'avvertimento" (Titoli)
    è incluso nell'lp
    Le colonne sonore di RIZ ORTOLANI
    per i film inchiesta di
    DAMIANO DAMIANI.
  • Discussione Homesick • 11/11/12 08:45
    Capo scrivano - 1381 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire:
    Il fotogramma chiaramente proviene dalla copia del film in mio possesso (in rete non si trova nulla a tal proposito).
    Nessuno, prima del sottoscritto, aveva mai notato questa sua brevissima comparsata. Ricordiamoci poi che siamo in un film del 1980, anno precedente al suo exploit nei 3 film italiani interpretati nel 1981 (tra l'altro gli ultimi della sua breve carriera, stando sempre ad IMDB).

    Che sia lei personalmente ci metto mani, piedi e chiappe sul fuoco, poi naturalmente decidi tu, di conferme inoppugnabili non ne ho, posso solo postare alcuni suoi primi piani tratti da
    Bianco, rosso e verdone:




    Vedo solo ora questo post su Irina Sanpiter. Anche secondo me potrebbe essere lei, a giudicare da mento e capelli.
  • Discussione Gestarsh99 • 12/11/12 19:13
    Scrivano - 14071 interventi
    @ Motorship:

    Di quest'altra comparsata non accreditata che ne pensi?
  • Discussione Motorship • 13/11/12 18:20
    Fotocopista - 278 interventi
    Sembra lei, anche se in questo film sembra più paffuta rispetto a "Rosso bianco e verdone".
    I lineamenti e le caratteristiche fisognomiche corrispondono: ha i capelli ricci castani, ha gli occhi verdi con quel taglio li e lo stesso mento. A meno di somiglianze tra attrici in determinati periodi storici, potrebbe essere lei sicuramente. Il film è dell'80, ma non so se è stato girato nell'80 o nel 79,in quanto il film di Verdone è uscito nelle sale nel gennaio 1981 e girato nell'autunno 1980 (come disse lo stesso Verdone in una sua intervista) e dato che nel fotogramma tratto da questo film di Damiani era più paffuta rispetto a "Rosso bianco e verdone", diciamo che qui sta il dubbio.
    Ecco cos'è.
  • Discussione Motorship • 13/11/12 18:22
    Fotocopista - 278 interventi
    Ora che ci ho visto meglio sono sicuro che sia lei!
  • Discussione Irys • 1/06/16 18:52
    Disoccupato - 2 interventi
    Ciao a tutti, di recente ho visto il film e nella scena del ricevimento di nozze mi è sembrato di riconoscere un giovanissimo Alberto Angela,nel ruolo di un cameriere. Viene ripreso 2, 3 volte. È possibile che sia lui?
  • Discussione Zender • 3/06/16 19:46
    Consigliere - 43516 interventi
    Non lo so, bisognerebbe vedere il fotogramma...
  • Discussione Irys • 7/06/16 21:02
    Disoccupato - 2 interventi
    @Zender tu hai modo di rivederlo?
  • Discussione Zender • 8/06/16 07:44
    Consigliere - 43516 interventi
    Non ho il film.