L'assassino è ancora tra noi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1986
Genere: thriller (colore)
Note: Aka "Firenze! L'assassino è ancora tra noi". Ispirato alle gesta del mostro di Firenze.
Numero commenti presenti: 17
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Girato a velocità supersonica per battere sul tempo il progetto di Cesare Ferrario, che per primo annunciò l'intenzione di fare un film sul Mostro di Firenze, il lavoro dell'ex produttore Camillo Teti superò la censura con un semplice divieto ai 14 anni (la Commissione ravvisò i presunti intenti documentaristici dell'operazione) e uscì nei cinema quando ancora IL MOSTRO DI FIRENZE di Ferrario faticava a passare la censura. In ogni caso il film (uscito in videocassetta come FIRENZE! L’ASSASSINO E’ ANCORA TRA NOI) resta un prodotto assai modesto, che prende spunto dai delitti del mostro (Pacciani non si sapeva...Leggi tutto ancora chi fosse, all’epoca) per raccontare la storia di una studente in criminologia (Mariangela D’Abbaraccio) in atto di presentare una tesi sul caso. Condurrà indagini personali venendo a contatto con uno specialista in autopsie, destinato ben presto a diventare l'indiziato numero uno. Sarà davvero lui, come molte circostanze porterebbero a pensare, l'autore dei tremendi delitti operati ai danni delle coppiette in amore? Il primo omicidio è l'unico realmente avvenuto; gli altri, concentrati in un tempo poco plausibilmente breve, sono inventati per far procedere la vicenda. Che però si trascina stancamente... Vuoi per i limiti del cast, vuoi per la squallida sceneggiatura e il soggetto troppo scarno, il film di Teti si presenta come un thriller di basso rango, con suspense vanamente cercata attraverso le solite scene di agguati misteriosi alla casa della protagonista e un buio quasi costante nelle deludenti sequenze degli omicidi del mostro. Qualche spruzzo di sangue, una buona colonna sonora di Detto Mariano e poco altro. La sensazione è quella del B-movie da quattro soldi.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 26/01/07 13:19 - 1546 commenti

I gusti di Dusso

Inizio interessante, poi il buio più totale! Ad un certo punto sembra un documentario sui guardoni, poi diventa un thriller con la protagonista che crede che il fidanzato sia il mostro di Firenze. Recitato malissimo, presenta tuttavia un'"ottima" scena in cui il mostro infierisce sulla vagina di una delle vittime. Al contrario dell'altro film sul tema (Il mostro di Firenze di Cesare Ferrario), questo c'entra poco o nulla con i delitti del mostro di Firenze, quindi eventuali paragoni sono improponibili.

Undying 2/08/07 18:01 - 3836 commenti

I gusti di Undying

Purtroppo la triste vicenda fiorentina ha cagionato tre aberrazioni cinematografiche: uno è questo squallido thriller (reso soft dalle maglie della censura), l'altro quello (modicamente) più dignitoso diretto da Cesare Ferrario (Il Mostro di Firenze), a seguire un titolo - osteggiato dalla pubblica opinione - (forse) girato e mai compiuto. Resta il fatto che questa pellicola, sceneggiata con l'aiuto di Ernesto Gastaldi (artefice in regia del peggior thriller italiano, Notturno con grida) ha poche frecce al suo arco e le spende malissimo.

Lovejoy 15/02/08 16:44 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Girato subito dopo l'ultimo efferato delitto del misterioso Mostro, parte per narrare le gesta di questo, per anni, inafferrabile serial killer e finisce per raccontare anche altro. Improponibile, girato con la mano sinistra e recitato (ma è una parola veramente troppo grossa da usare in questo caso) da un gruppo di persone lasciate libere di fare ciò che più gli aggrada. Una mattonata micidiale.

Hackett 29/06/08 15:28 - 1797 commenti

I gusti di Hackett

Deludente e a tratti fastidioso tentativo di riportare al cinema la triste saga dei delitti fiorentini avvenuti a cavallo tra gli anni '70 e '80. La vicenda, ancora lontana dai successuvi reali sviluppi, viene narrata coma la banale azione criminale di un maniaco e gli omicidi si perdono in effettacci ai limiti del tollerabile. Recitazione imbarazzante e finale aperto, a monito delle coppiette che osano appartarsi. Inguardabile.

Daidae 9/02/09 14:54 - 2804 commenti

I gusti di Daidae

Uno schifo oltre i limiti: sembra girato da un 15enne con una cinepresa anni 70. Sfruttando l'onda emotiva dopo i tristi delitti del "mostro di Firenze" Teti ci regala questa fetenzia diretta male e recitata peggio: raramente potrete vedere all'opera attori così inutili e incapaci. Oltretutto si punta troppo sul voyeurismo e alla fine sembra di assistere a un erotico di serie D... Voto artico, sotto lo 0.

Il Dandi 3/03/10 15:05 - 1905 commenti

I gusti di Il Dandi

Cosa dire di un film che nei titoli si dice "realizzato come monito ai giovani e nella speranza di dare aiuto alla polizia" e subito dopo a caratteri più piccoli "Ogni riferimento alla realtà è puramente casuale"? Non solo brutto, diretto e recitato malissimo (che è il peccato minore) ma perfino irritante, nelle sue pretese colte (il finale meta-cinematografico che vorrebbe dannatamente essere cult) e per la totale mancanza di autoironia (che non impedisce comicità involontarie). Mai il verdetto fu così appropriato: Inaccettabile vaccata!

Gestarsh99 23/10/10 20:04 - 1370 commenti

I gusti di Gestarsh99

Primo film ispirato alle tragiche vicende fiorentine, che riuscì ad imporsi tempisticamente sugli altri due di Ferrario e Frajoli. Mentre il successivo Il mostro di Firenze tentava una fanta-inchiesta supportata da basi oggettive, la pellicola di Teti vira invece in direzione del thrilling a forti tinte splatter... in maniera disastrosa! La recitazione, oltretutto già pesantemente inficiata da uno scadente audio in presa diretta, è ad un livello talmente basso da riuscire a strappare in più punti un vero moto di riso, i dialoghi sono puerili ed imbarazzanti, il montaggio trasandato ed impreciso, la regia anonima e impersonale.
MEMORABILE: La disgustosissima scena che vede il maniaco asportare una sezione di pube ad una delle sue vittime (!!!)

Manfrin 11/08/11 11:58 - 333 commenti

I gusti di Manfrin

Decisamente brutto, anche per il delicato argomento affrontato, questo primo tentativo di portare sullo schermo i delitti di Firenze, anche se la città non viene mai nominata ed è con tutta probabilità girato a Roma. Impostato come un thriller, non ci regala né pathos né sussulti. L'unica nota curiosa è che, tra le tante ipotesi sugli omicidi formulate nel film, si arriva molto vicini alla realtà quando la protagonista indaga tra i guardoni.

Il Gobbo 23/02/12 12:39 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Squallidino, piatto, (s)recitato male, senza un minimo di cura (passi le location, comunque cammuffabili meglio, ma che non ci sia uno che parli con accento fiorentino... ), soprattutto con dialoghi atrocissimi. Spiace ci sia coinvolto il valoroso Gastaldi, cui probabilmente si devono gli unici momenti passabili, ancorché derivativi (l'assedio in casa, la seduta spiritica). Indifendibile, un po' come l'esito processuale della vicenda-Mostro.

Markus 23/02/12 08:17 - 3378 commenti

I gusti di Markus

Nonostante il promettente titolo, il film è davvero pessimo e privo di pathos: la regia è scarsa, il montaggio approssimativo, l'interpretazione ai limiti dell'amatoriale e l'aspetto tecnico (audio basso in presa diretta) pure. L'argomento trattato è scottante ma, visto l'anno del girato (dove non c'erano sviluppi processuali attendibili), il film sfrutta il soggetto allora giornalisticamente avvincente per "buttarla" sul thriller (da mezza tacca) ispirato al fattaccio.

Camillo Teti HA DIRETTO ANCHE...

Homesick 4/06/12 18:23 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Da fatti di cronaca nera all’epoca ancora da risolvere (il Mostro di Firenze), ci si inventa un thriller raffazzonando tutta la casistica del genere: una detective improvvisata in costante pericolo, soggettive, false piste e sospetti hitchcockiani, omicidi splatter, qualche nudo e lugubri sviolinate. I mali più grandi del film sono tuttavia la sceneggiatura, moscia e fatua benché vanti la firma di uno specialista come Ernesto Gastaldi, e l’audio in presa diretta, che aggrava le deficienze interpretative dell’impacciato cast. Delitti dovrà affrontare questo temibile concorrente...
MEMORABILE: Da annali del supertrash: il cadavere sul soffitto e i versi del medium durante la seduta spiritica.

Lucius 9/09/12 00:41 - 2862 commenti

I gusti di Lucius

Non si sa chi reciti peggio: la D'Abbraccio sfiora la sufficienza in un cast dove l'unica attrice spontanea è la bionda nel bar dei guardoni. Improponibile film sulle vicende legate al mostro di Firenze che da un lato indugia sull'orrore dei dialoghi (scadenti) e su quello vero (mostrandoci amputazioni di capezzoli e pube) e dall'altro, immediatamente dopo, in un paradosso educativo, mostra una scritta sui titoli di coda che vorrebbe dare alla pelicola una valenza di legalità. Orrore!

Deepred89 11/09/12 12:48 - 3343 commenti

I gusti di Deepred89

Il Mostro di Firenze c'entra relativamente poco: resta il serial killer di coppiette (ma Firenze?) mentre a fare da cardine abbiamo una vicenda il stile Il sospetto con laureanda impavida e medico dalla vita piena di punti oscuri. Ritmo tutto sommato accettabile, ma storia sconclusionatissima, confezione trasandata (con audio in presa diretta che fa molto telefilm nostrano anni 80), dialoghi pessimi e attori di basso livello. Verso la fine vengono pure piazzate un paio di selvagge scene splatter, ma il livello del film rimane quello che è.
MEMORABILE: La pazzesca e gratuita scena della seduta spiritica, flashback splatter compresi.

Bullseye 29/01/13 21:10 - 24 commenti

I gusti di Bullseye

Brutto giallaccio fuori tempo massimo, con la triste aria da "signori, si chiude" che permeava il cinema di genere nostrano di quegli anni. Ci troviamo di fronte a un instant movie qualunquista, farlocco, exploitativo e becero e di certo (per l'appassionato di morbosità su pellicola) il risultato è scadente. Si salvano la D'Abbraccio e il primo omicidio, veramente inquietante. Per il resto siamo a livelli di un numero di "Attualità Nerïa" della mai troppo compianta Edifumetto.
MEMORABILE: Il primo omicidio.

Giordani 23/10/13 14:20 - 39 commenti

I gusti di Giordani

Film complessivamente scarso; i punti deboli sono numerosissimi: l'opera è chiaramente girata in modo approssimativo (causa anche budget e tempi ristretti), la regia è banale e la recitazione, dialoghi compresi, è pressoché amatoriale. Tuttavia il film ha qualcosa da salvare: il ritmo è piuttosto coincitato, mentre fotografia e audio sono così spogli che (involontariamente) rendono concreta e tangibile la tensione della vicenda.

Cotola 31/12/14 12:44 - 7749 commenti

I gusti di Cotola

Il titolo la dice già lunga su qualità ed intenzioni del film: fare sensazione. Il richiamo al mostro di Firenze è, infatti, uno specchietto per le allodole ed esecrabile è l'indulgere in particolari morbosi francamente evitabili. Per il resto la pellicola è imbarazzante su tutta la linea: regia inesistente, storia patetica, ritmi molto dilatati, dialoghi che gridano vendetta, attori che fanno quel che possono. E del trash (risibile e delirante la didascalia finale), che dire? Meglio tacere.
MEMORABILE: Il morto sul soffitto colante sangue dalla bocca. Le dissezioni del maniaco. La didascalia finale.

Fauno 19/11/16 13:32 - 1970 commenti

I gusti di Fauno

Partendo da un giustificato tentativo di mettere in guardia le coppie che si imboscavano in auto, il regista va ben oltre i traguardi prefissati; fra l'altro almeno un paio di esecuzioni (non li chiamo omicidi) sono molto attinenti ai fatti reali. Ma quel che più importa è che c'era un vero e proprio sottobosco di microcriminalità orientato alla guardoneria a pagamento (con onorari pazzeschi!), i cui utenti erano tanti altri nomi importanti. Il mostro era per ovvii motivi lo spauracchio, ma emergeva da una enorme massa liquida di potenziali scandali.
MEMORABILE: La foto della perizia balistica; I consigli di cambiare argomento di tesi di laurea.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Deepred89 • 12/07/14 15:23
    Comunicazione esterna - 1435 interventi
    Scopro adesso che le scene mancanti dal master Mediaset erano in realtà già mancanti dalla copia censura, dunque eliminate già per l'uscita nelle sale per far circolare il film col solo divieto ai minori di 14 anni. La vhs recupera la copia pre-censura.
  • Homevideo Buiomega71 • 13/07/14 11:26
    Pianificazione e progetti - 22416 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Scopro adesso che le scene mancanti dal master Mediaset erano in realtà già mancanti dalla copia censura, dunque eliminate già per l'uscita nelle sale per far circolare il film col solo divieto ai minori di 14 anni. La vhs recupera la copia pre-censura.

    Ottimo, Deep

    Curiosamente la vhs Vivivideo riporta comunque il divieto ai minori di 14 anni
  • Homevideo Deepred89 • 13/07/14 12:04
    Comunicazione esterna - 1435 interventi
    Vero, ma generalmente in quasi tutti i casi analoghi di VM14 ottenuto grazie a tagli più o meno ampi (da titoli d'annata quali Roma violenta e Profondo rosso a roba più recente tipo La terza madre) si mantiene per l'home video il visto censura originale (dunque VM14), nonostante il master effettivo risulti poi quello pre-censura. Poi chiaramente permangono le eccezioni, quali il master pre-censura di Cannibal Ferox VM18 per la Lamberto Forni.
  • Homevideo Caesars • 14/07/14 08:52
    Scrivano - 12045 interventi
    Susa Deep, ma che tagli ci sarebbero stati in Profondo rosso, che poi sarebbero stati reintegrati successivamente? Può darsi che l'età mi stia offuscando le idee, ma a me non risulta sta cosa.
  • Homevideo Deepred89 • 14/07/14 11:32
    Comunicazione esterna - 1435 interventi
    Profondo rosso nella sua copia-censura (quella che passa su Mediaset) è priva di qualche secondo di agonia della Calandra durante l'annegamento (nota che nella copia-tv tenta di rialzarsi solo una volta, nell'uncut due volte) e di un primo piano frontale sul volto sempre della Calandra quando entra Hemmings nella sequenza successiva. Le versioni home video dovrebbero partire tutte da una copia pre-censura.
  • Homevideo Caesars • 14/07/14 11:46
    Scrivano - 12045 interventi
    Grazie della spiegazione Deep.
    Ma sei sicuro che quei fotogrammi mancassero nella copia-censura e quindi nella pellicola che uscì nei cinema nel 1975? Ho visto il film parecchie volte al cinema e non mi sono mai accorto che le versioni video avessero qualcosa in più (ma chiaramente dall'ultima visione in sala alla prima visione in dvd di decenni ne sono passati assai). Non potrebbero essere solo micro tagli televisivi non legati alla copia passata in censura (anche perché non mi sembrano cose che possano cambiare il divieto)?
  • Homevideo Deepred89 • 14/07/14 12:04
    Comunicazione esterna - 1435 interventi
    Dunque, sul sito di Italiataglia è confermato che il film venne tagliato in sede di censura. La produzione (che probabilmente si accordò anticipatamente con la commissione per un divieto ai 14) si vide proposta la possibilità di ottenere tal divieto tramite l'eliminazione dei due dettagli in questione, e così fece.
    Ciò non esclude la possibilità di silenziosi passaggi nelle sale di copie uncut o di riedizioni che reintregrano i dettagli, ma vista la risonanza del film almeno la prima opzione la escluderei.

    In ogni caso si tratta davvero di pochi secondi. Se non fossi incappato nella vhs di un mio amico proprio nel periodo in cui mi guardavo in loop la copia televisiva registrata difficilmente me ne sarei accorto.
  • Homevideo Caesars • 14/07/14 15:59
    Scrivano - 12045 interventi
    Grazie ancora per i dettagli.
  • Homevideo Lodger • 2/05/18 09:04
    Magazziniere - 1495 interventi
    Ho confrontato entrambe le versioni e ho notato 2 tagli:

    1. Nel primo delitto l'assassino affonda il coltello nel pube 3 volte, nella versione IRIS invece lo fa solo una volta. Sono circa 5 secondi.

    2. Nel secondo delitto è tagliata praticamente tutta l'esportazione del pube, dura un minuto buono ed è una scena molto raccapricciante.
    Video confronto (non guardatelo se state mangiando, fa abbastanza vomitare :-þ):
    https://1fichier.com/?tl44o3ezhg


    Probabilmente c'è anche qualche altro taglio visto che la VHS VIVIVIDEO dura 1h:19m:52s mentre la versione IRIS 1h:17m:03s.
    Ultima modifica: 2/05/18 09:06 da Lodger
  • Homevideo Buiomega71 • 12/11/20 19:16
    Pianificazione e progetti - 22416 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Vivivideo

    Edizione: ottobre 1989
    Durata effettiva: 1h, 19m e 52s (unica, per ora, versione uncut pre-censura).

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images54/lassas.jpg[/img]
    Ultima modifica: 12/11/20 20:51 da Zender