L'anno scorso a Marienbad

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: L'année dernière à Marienbad
Anno: 1961
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Leone d'oro al miglior film alla 26ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.
Numero commenti presenti: 15
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un’opera scioccante, originalissima, giustamente premiata con il Leone d'Oro a Venezia nel 1961 (ex-aequo con LA NOTTE di Antonioni), che impressiona per la capacità di comprendere passato e presente in un tempo senza fine e in un luogo (l'albergo barocco con il giardino di fronte) che diventa un teatro tortuoso dove gli attori protagonisti (Giorgio Albertazzi e Delphine Seyrig) si muovono come burattini, spesso immobili o con lo sguardo perso nel vuoto. La macchina da presa, con movimenti lenti e avvolgenti, li segue indugiando nel frattempo sulle colonne, gli stucchi, le enormi porte intarsiate, le prospettive dei corridoi. Definire L’ANNO SCORSO A MARIENBAD un film datato pare improprio,...Leggi tutto quasi una contraddizione, perché il capolavoro di Alain Resnais non ha tempo ed è lento, lentissimo, allo stesso modo in cui lo sarebbe se girato oggi. Per creare un'atmosfera tanto sospesa, quasi impalpabile, non poteva che essere realizzato così. Velocizzarlo corrisponderebbe a snaturalizzarlo, ucciderne le cerebrali implicazioni allegoriche. Fin dai titoli di testa capiamo che stiamo per andare incontro a un'opera sperimentale, quando tra le lugubri partiture d'organo di Francis Seyrig (che domineranno l'intera pellicola lasciando pochissimo spazio ad altri strumenti) si inserisce la voce di Albertazzi che compare e scompare tra le note, ripetendo ossessiva le frasi che commentano poeticamente l’albergo e la sua struttura. Poi piani sequenza estenuanti, volti gelidi, bocche che parlano mentre il commento fuori campo le copre, movimenti surreali dei protagonisti... e l'indimenticabile gioco dei fiammiferi che ritorna nel film più volte; come ritornano le frasi, i pensieri, ciclicamente tutto.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 8/06/07 22:33 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Attenzione, questo film potrebbe sembrare l'epitome della pretenziosa bufala da festival, ma non fatevi ingannare dall'apparenza: per certi versi lo è. Robbe-Grillet scrive un altro dei suoi puzzles concettosi, Resnais lo filma fra barocchismo ed espressionismo da film muto (magari, invece la voce off di Albertazzi è martellante), e si compiace delle sue belle riprese e di qualche giochino (il dettaglio che "chiude" un'inquadratura e apre la successiva). Parafrasando Kezich su Franco&Ciccio, un Alain è poco, due sono troppi? Però affascinatissima esperienza visiva

Cotola 6/08/08 16:36 - 7521 commenti

I gusti di Cotola

Discreto ed interessante film di Resnais, sceneggiato da Robbe-Grillet, che nonostante oggi appaia piuttosto datato, soprattutto per i ritmi molto dilatati della pellicola, a tratti si rivela essere notevolmente affascinante ed ammaliante sia dal punto di vista visivo, sia dal punto di vista narrativo. All'epoca riscosse enorme successo (vinse anche il Leone d'oro a Venezia) e incuriosì molto, come anche oggi, il "misterioso" gioco dei fiammiferi. Merita una visione ma chiaramente non è per tutti i gusti.

Puppigallo 31/03/10 19:17 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Un lento gorgo cinematografico che finisce per ingoiarti. La lunga carrellata iniziale attraverso i corridoi e le stanze del grande albergo, con descrizione ripetuta degli interni, decorati con stucchi, marmi, pietra e la voce che va e viene, fanno sì che lo spettatore incominci a far parte egli stesso del tutto, sentendo sempre più il peso opprimente di quell'ambiente che, col passare dei minuti, si trasformerà in una prigione dell'anima, dei sentimenti più profondi, assumendo l'aspetto di una tetra cattedrale dell'incomunicabilità (lui e lei, così vicini, così lontani). Notevole e originale.
MEMORABILE: "Posso perdere, ma vinco sempre"; Lui a lei: "Evitavate il mio sguardo. Era chiaro che lo facevate apposta e con impegno".

Pigro 29/05/10 09:27 - 7788 commenti

I gusti di Pigro

Un sontuoso grand hotel in cui il tempo sembra immobile, o piuttosto ripetitivo (sempre con minime varianti e slittamenti) o sovrapposto: ha un fascino seduttivo e inquietante l'ambiente-mondo-prigione di questo film in cui la cinepresa si aggira lentamente e sinuosamente come la musica d'organo costante. Così come è suggestivo il filo (falso? vero? che importa?) della memoria con cui un uomo cerca di far ricordare a una donna la passione di un anno prima. Eccelsa traduzione filmica del nouveau roman di Robbe-Grillet (qui sceneggiatore).

Lucius 27/06/10 20:01 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Il tempo si è fermato a Marienbad per uno dei capolavori di Resnais. Ipnotica, immobile, senza tempo, la pellicola sconcerta per la trama dove sembra che non accada nulla e in cui invece accade molto, soprattutto nella memoria dei protagonisti alle prese con i ricordi di un (im)probabile incontro. Una serata teatrale in un hotel affascinante che sembra fermo nel tempo. Un film anticonvenzionale, suggestivo, equivoco e geniale.

Olotiv 11/11/10 11:47 - 19 commenti

I gusti di Olotiv

Compiaciuto esercizio stilistico risolto in modo formalmente perfetto, ma "lungo questi corridoi, attraverso questi saloni, queste gallerie, in questo palazzo d'altri tempi, in questo albergo immenso, lussuoso, lugubre..." lo spettatore rischia di perdersi e poi di annoiarsi. Ma è un film senz'altro unico, di cui poi ci si ricorderà poco o nulla, a parte il gioco dei fiammiferi e le sontuosissime scenografie.

Homesick 8/01/11 11:46 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le percezioni soggettive dell’attimo e della memoria si scompongono in un altrove acronico, fluttuando nel suo dedalo di attese, iterazioni e pluralismi prospettici; un’opera che a visione ultimata suscita interrogativi senza risposta sulla sua natura intima (stream of consciousness? Delusione amorosa? Follia? Sogno? Esercizio stilistico?), ma sa sedurre e rapire con carezzevoli movimenti di macchina, sontuose scenografie barocche e il fascino metafisico dei suoi sfingei personaggi, inesplicati come le regole del gioco dei cerini. Mirifico e unico.
MEMORABILE: “In questo albergo immenso, lussuoso, barocco, lugubre. Dove corridoi senza fine succedono ad altri corridoi, silenziosi, deserti...".

Mickes2 3/03/11 15:03 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Film complicato di non facile intepretazione. Domina la voce fuori campo con la prosa di Alain Robbe-Grillet, si dà molto spazio all'aspetto psicologico ed introspettivo dei protagonisti e meno spazio alla sceneggiatura vera e propria, i dialoghi diretti tra un attore e l'altro non sono molti. Registicamente impeccabile con sequenze direi eccellenti supportate da ottimi attori. Grande gestione dello spazio e del tempo con la mdp che si muove tra gli enormi corridoi di questo albergo, come fosse un occhio che osserva continuamente gli avvenimenti.

Ronax 23/10/11 20:17 - 906 commenti

I gusti di Ronax

Da una sceneggiatura di Robbe-Grillet è inutile aspettarsi una lineare struttura narrativa. Va in scena quella dimensione circolare senza inizio e senza fine che tritura personaggi e situazioni e che sarà la cifra portante di tutto il suo cinema. Resnais vi aggiunge il fascino di un'atmosfera astratta e decadente nello stesso tempo, sinuosamente dipinta dai movimenti della macchina da presa che sfiora ambienti e personaggi per andare sempre oltre, con lo sguardo inesorabilmente perso nel nulla. Volutamente e disperatamente vuoto, ma splendido.
MEMORABILE: La lugubre litania con cui la voce fuori campo di Albertazzi descrive gli ambienti dell'albergo.

Daniela 3/03/14 08:45 - 9393 commenti

I gusti di Daniela

Un-due-tre stella, dove i personaggi, quando non sono immobili, parlano ripetendo sempre le stesse frasi, mantra di parole che replicano all'infinito, al pari degli specchi e dei quadri, l'intreccio di saloni, corridoi, viali di una villa escheriana. Film di grande suggestione visiva, popolato da fantasmi della memoria (l'invenzione di Morel di Bioy-Casares forse non è lontana), in cui però l'eleganza sontuosa di Resnais è appesantita dal mattone costituito dai dialoghi di Robbe-Grillet: ipnotici certo, ma tali da indurre catalessi.
MEMORABILE: Il gioco del 7-5-3-1, perde chi resta con l'ultimo cerino (fiammifero, carta) in mano

Deepred89 23/12/14 23:18 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Spossante mattonata che solo l'assoluta perfezione a livello visivo (ambientazioni comprese) riesce a rendere appena digeribile. Parlare di ritmo narrativo è fuori luogo, ma gran parte delle suggestioni cadono nel vuoto (a colpire nel segno solo il gioco dei fiammiferi) assieme alla ridondante colonna sonora a base di organo e al tutt'altro che evocativo fiume di parole. Il tutto appare sì onirico e insolito, ma anche freddo, compiaciutamente criptico, fastidiosamente intellettuale. Estetica eccellente, ma anche di incommensurabile tedio.

Matalo! 30/04/15 11:16 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Partendo da Bioy Casares e il suo Morel. Film condanna per molti spettatori (tipo mia madre, che lo fugge come la peste), è invece un bel film, seppure un po' lungo. Le idee di Grillet trovano un regista che sa distillarle. Grandiosi salti spazio temporali, recitazione straniata e/o affettata, da feuilleton. Un'esperienza cinematografica "unicum". Le coordinate "normali"di spazio-tempo sono illusioni mentali e il regista usa la sontuosità per dirci in che prigione Panopticon viviamo. La musica atonale è metafora dell'assenza di riferimenti.
MEMORABILE: Il gioco di Marienbad, che fu breve moda negli anni 70.

Bubobubo 26/02/19 13:18 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Spazi, tempi, persone, parole e risate sempre uguali: interni rococò che brillano di una sinistra astrattezza, esterni decadenti permeati di metafisica dechirichiana. Si è persa la memoria di una gelata estiva: cos'è, al confronto, un incontro di corpi e di menti, una promessa amorosa rimandata all'anno successivo (o forse no), un gioco di fiammiferi a cui il gran maestro vince sempre? Si rimane intrappolati in un incubo di immagini e dialoghi soffocanti, senza mai poter dire cosa stia davvero succedendo. Visione certo faticosa, ma illuminante.
MEMORABILE: Il bicchiere in frantumi, raccolto con lentezza esasperante sotto lo sguardo immoto di tutti gli astanti; La porta era davvero chiusa?

Caesars 7/04/20 11:51 - 2692 commenti

I gusti di Caesars

Visione difficile e faticosa ma anche, alla fine, appagante. All'inizio pare di non riuscire a reggere l'ammasso di parole e dettagli visivi senza senso apparente, attori immobili come manichini eccetera; ma se si riesce a "resistere" e a rinunciare al cercare una logica in ciò che si sta vedendo (troppi i simbolismi che affollano la pellicola) si può rimanere affascinati dallo spettacolo cui si assiste. Film "particolare" che pare fatto apposta per tenere lontano il pubblico "medio", impossibile da realizzare al giorno d'oggi. Merita visione.

Paulaster 27/06/20 09:29 - 2781 commenti

I gusti di Paulaster

Un uomo cerca di ricordare a una donna di averla già conosciuta. Opera sperimentale per l'uso continuo dei rimandi temporali, come fosse un flusso di pensieri. Per complicare le cose non tutti i ricordi son lucidi e la protagonista rifiuta le avances. Regia notevole per l'uso degli spazi, per le voci che si sovrappongono alle riprese e per il saper creare un'attesa degli eventi anche nelle fasi statiche. Albertazzi la mette sul serioso e serve per i tempi teatrali dei monologhi ripetuti.
MEMORABILE: Il gioco coi fiammiferi dove non si perde mai; La statua in giardino; Le tre porte per arrivare in camera di lei.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 3/03/14 10:22
    Pianificazione e progetti - 21905 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Non sarà forse il suo migliore, ma è quello con il linguaggio filmico più sensoriale.
    Eppure Robbe-Grillet ha profondamente influenzato la letteratura europea della seconda metà del Novecento, con il suo modo di scrivere.
    In ogni caso ti ringrazio per aver accolto il mio invito, evidentemente non è un film nelle tue corde.Interessante la curiosità postata.
    Io spero sempre un giorno di poter vedere il backstage dell'epoca, creduto perso per cinquant'anni.


    Di Resnais non ho visto nulla (in videoteca ho Marienbad ma non l'ho ancora visto, mentre cerco da una vita il suo Providence, ma senza successo)

    Ma Grillet, almeno per me, e un mezzo geniaccio e il suo Giochi Di Fuoco sfiora il capolavoro!
  • Discussione Lucius • 3/03/14 10:28
    Scrivano - 8325 interventi
    Di Providence ho anche l'lp originale :)
  • Discussione Daniela • 3/03/14 12:18
    Consigliere massimo - 5130 interventi
    Providence: ecco un film che invece ricordo con molto piacere: meravigliosa partitura per straordinari attori, con una colonna sonora di Miklós Rózsa che è forse fra le sue belle di sempre - scrivo "forse" perché la sua filmografia è tanto densa di titoli che è davvero difficile metterli in fila.
    Lo rivedrei molto volentieri ma, come ha osservato pure Buio, non si trova neppure col lanternino.
  • Discussione Lucius • 3/03/14 16:28
    Scrivano - 8325 interventi
    Si infatti, anch'io lo vorrei rivedere.
  • Curiosità Lucius • 2/04/15 15:25
    Scrivano - 8325 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il flyer originale giapponese:

  • Homevideo Caesars • 7/04/20 13:34
    Scrivano - 10708 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Era ora! Proprio adesso che ero riuscito a registrarlo da Iris. Ma vaff... Speriamo si veda male così mi tengo la registrazione :)

    Con un "leggerissimo" ritardo, intervengo sulla questione.
    Il master trasmesso da Iris (almeno la registrazione che ne ho fatto io) è in 16:9 invece che nel giusto rapporto 2.35:1, e la cosa si nota assai, specie nei titoli di testa ma non solo.
    Quindi Zendy, spero che tu abbia preso il dvd.
    Ultima modifica: 7/04/20 13:35 da Caesars
  • Homevideo Zender • 7/04/20 13:42
    Consigliere - 43513 interventi
    Sì sì, preso ormai tempo fa, grazie.
  • Discussione Caesars • 7/04/20 13:47
    Scrivano - 10708 interventi
    Ricordo personale, che potrebbe essere falsato dal troppo tempo passato:
    Verso la prima metà degli anni '70 (presumibilmente nel periodo compreso dal '74 al '76), aspettavo di vedere in TV una partita di calcio (non ricordo quale, probabilmente una coppa europea, che di norma veniva giocata di mercoledì sera) che non andò in onda (forse per uno sciopero dei giornalisti?). Ebbene al suo posto fu trasmesso proprio "L'anno scorso a Marienbad" del quale vidi pochi minuti, dopo i quali spensi la televisione.
    Ieri sera ho posto "rimedio" a questo fatto, vedendomi una registrazione, che feci anni fa da Iris, alla quale non avevo ancora avuto il coraggio di avvicinarmi.
  • Discussione B. Legnani • 7/04/20 13:56
    Consigliere - 13813 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Ricordo personale, che potrebbe essere falsato dal troppo tempo passato:
    Verso la prima metà degli anni '70 (presumibilmente nel periodo compreso dal '74 al '76), aspettavo di vedere in TV una partita di calcio (non ricordo quale, probabilmente una coppa europea, che di norma veniva giocata di mercoledì sera) che non andò in onda (forse per uno sciopero dei giornalisti?). Ebbene al suo posto fu trasmesso proprio "L'anno scorso a Marienbad" del quale vidi pochi minuti, dopo i quali spensi la televisione.
    Ieri sera ho posto "rimedio" a questo fatto, vedendomi una registrazione, che feci anni fa da Iris, alla quale non avevo ancora avuto il coraggio di avvicinarmi.


    Direi che vedere in questo periodo questo film e L'invenzione di Morel di Emidio Greco abbia un certo significato...
  • Discussione Caesars • 7/04/20 14:42
    Scrivano - 10708 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:

    Direi che vedere in questo periodo questo film e L'invenzione di Morel di Emidio Greco abbia un certo significato...


    Probabilmente l'inconscio ha svolto un ruolo non indifferente nella scelta del film da vedere...