L'angelo con la pistola

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1992
Genere: poliziesco (colore)
Note: Ne esiste anche una versione lunga, per la televisione.
Numero commenti presenti: 10
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La versione televisiva del buon film di Damiano Damiani dura circa tre ore, ma va detto che, grazie ad un ritmo capace di mantenere sempre vivo l'interesse dello spettatore, non ci si annoia affatto. L'idea di Damiani e di Mario Cecchi Gori fonde l'abusata idea del giustiziere solitario tanto cara al cinema italiano (e rielaborata alla luce di un film come CONDANNATO A MORTE PER MANCANZA DI INDIZI con Michael Douglas) con la figura del killer femminile spietata vista in NIKITA. Ne è uscito un action che, seppur povero e non esaltante nell'idea di partenza, gode di una sceneggiatura ben scritta che il nostro...Leggi tutto Damiani orchestra con consumata perizia. Il filone mafioso-banditesco-poliziesco è da sempre quello in cui Damiani eccelle e lo si vede dal sapiente uso della cinepresa. Ottima la direzione degli attori, con una Tahnee Welch (è Lisa/Nikita) in grado di reggere la parte con disinvoltura e un Remo Girone (prelevato da Damiani dalle "Piovre" di Perelli) che, con la sua recitazione insolita, può allo stesso tempo infastidire ma anche suscitare apprezzamento per la volontà di uscire dai canoni. Quello che però, soprattutto, piace del film, è la struttura narrativa, capace nella seconda parte di incastrare bene i personaggi l'uno nell'altro e inventandosi soluzioni, nella storia, forse prevedibili ma molto ben condotte, in modo da riuscire ad appassionare dall'inizio alla fine. E' la figura del commissario (Girone) quella più originale, per il resto siamo dalle parti di molti altri polizieschi all'italiana, con un'Eva Grimaldi (nella parte della prostituta) impacciata anche in un ruolo che sembra perfetto per lei. La confezione è piuttosto televisiva, il prodotto non è eccelso ma funziona. Musiche di Riz Ortolani.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 25/04/09 15:40 - 3833 commenti

I gusti di Undying

Insolito film firmato da un regista abitualmente eccellente. Insolito, si diceva, perché qua il ritmo è molto diluito e la storia (pur sviluppata bene in sceneggiatura) non riesce a tenere alta l'attenzione. Ci si ritrova attratti dalla bellezza (questa sì, superiore alla media) della graziosa Tahnee Welch (d'altronde visto la madre, non poteva uscire qualcosa di meno). Le musiche sono orchestrate con maestria dal bravo Ortolani, ma alla fine ci si dimentica presto d'un prodotto confezionato in tutta fretta per essere poi dato in pasto a qualche canale televisivo, in versione più o meno lunga.

Mco 8/07/09 14:33 - 2179 commenti

I gusti di Mco

Quando si approccia un lungometraggio di più di due ore e mezza la prima cosa a venire in mente è: "Riuscirò a resistere senza interromperne la visione?". In questo caso, la risposta è affermativa, grazie anche alla dinamicità del plot, sempre alquanto innovativo col progredire del minutaggio e alla bravura degli interpreti. La coppia commissario-barista come killers non è roba da tutti i giorni. Se ci si aggiunge che lui è il mitico Girone si intuisce la forza di questa opera. Piacevole anche la Grimaldi (nuda per un nanosecondo).
MEMORABILE: La tortura alla Grimaldi, dentro uno spazio chiuso e claustrofobico.

TomasMilia 3/08/10 15:09 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

L'ho visto nella versione lunga. La storia effettivamente non annoia (sebbene riprenda il tema iper-sfruttato del giustiziere solitario) ma tutto è prevedibile. La regia è buona ma si vede che il prodotto è pronto per essere sfruttato televisivamente. Gli attori sono bravi ma non rimangono certamente impressi a lungo nella memoria dello spettatore. Siamo lontani dai tempi di Pizza Connection o della Piovra. Un film visto e mangiato che dimentichi facilmente.

Nando 30/05/13 17:48 - 3545 commenti

I gusti di Nando

Poliziesco con evidenti venature da fiction sia nei tempi sia nella narrazione, comunque dignitosa. Il desiderio di vendetta di una ragazza abbandonata dalla giustizia ordinaria. Alcune esecuzioni appaiono raffazzonate, nonostante il solido mestiere di Damiani. Valido Girone e sensualissima la Welch, praticamente inutile la Grimaldi.

Furetto60 1/04/14 18:55 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

È il Damiani de La piovra ma nello stesso tempo un Damiani diverso, forse con meno tempo a disposizione, comunque in grado di interpretare un tema tanto scottante quanto abusato (ma purtroppo sempre presente) come quello della giustizia fatta in casa. Il cast è valido, anche nei comprimari, benchè la parte femminile non mi abbia del tutto convinto. L'ambientazione scelta è Genova, vista spesso sfocata per una voluta sovraesposizione della pellicola.

Delpiero89 18/06/14 14:45 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Film del 1992 ma di ispirazione anni '70 diretto dal buon Damiano Damiani. L'esperimento non si può però definire riuscito. Ritmi compassati e attori non entusiasmanti non aiutano. Splendida e adattissima, come sempre, Genova. Appare anche un giovanissimo Maurizio Crozza.

Daidae 30/04/16 19:21 - 2843 commenti

I gusti di Daidae

Bello, ma perde molto nel finale. Il cast è ottimo, quasi impeccabile specie nei protagonisti principali. L'azione è poca visto che è un poliziesco che punta più che altro sul "politico", se così lo vogliamo definire. Damiani ha fatto di meglio ma anche qui alla fine non delude. Peccato per il finale, che non mi ha troppo convinto.
MEMORABILE: Il trucco per fregare gli inseguitori.

124c 27/12/19 13:11 - 2805 commenti

I gusti di 124c

Damiano Damiani prova ad andare oltre La piovra sostituendo la Sicilia con la malinconica Genova, dando in mano a Tanhnee Welch una pistola (che fa tanto giustiziera alla Abel Ferrara che incontra Nikita di Luc Besson) e usando, come commissario in un ruolo alla Placido, proprio l'ex-mafioso Remo Girone. Il risultato è un film che funziona a corrente alternata, con poca azione, qualche volto che in tv troverà fama negli anni a venire (Fiorentini, Crozza e Bocci, per dirne tre) e una Eva Grimaldi - qui nel ruolo di prostituta - poco sfruttata.

Reeves 15/12/20 12:29 - 530 commenti

I gusti di Reeves

Sorta di Nikita all'italiana diretto con mano sicura da Damiano Damiani, che mostra la sua padronanza come regista nelle scene d'azione. La storia in verità è abbastanza scontata e le parti dialogate non sono all'altezza (anche Girone, di solito molto bravo, non sembra particolarmente in forma). Curiosa caratterizzazione per Crozza, belli gli squarci di Genova ma bella (soprattutto) la Welch.

Disorder 2/05/21 16:55 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Quasi non sembra vero di vedere un buon film di genere poliziesco datato 1992, girato da un professionista ancora in palla e con un budget decente: probabilmente un miracolo dovuto al "botto" di Besson e della sua Nikita giusto un paio d'anni prima, che fece riaccendere un po' di interesse per queste produzioni. La pellicola scorre bene; forse si poteva fare qualche sforzo in più per la trama (abbastanza prevedibile), ma tutto sommato si arriva alla fine senza problemi, nonostante la cospicua durata. Brava anche la protagonista. Discreto.

Sergio Fiorentini HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 27/03/10 18:47
    Vice capo scrivano - 1373 interventi
    Dal 6 maggio in dvd per Medusa (non si specifica di quale versione si tratti).
    Ultima modifica: 27/03/10 19:01 da Homesick
  • Homevideo Undying • 16/05/10 16:54
    Scrivano - 7617 interventi
    Homesick ebbe a dire:
    Dal 6 maggio in dvd per Medusa (non si specifica di quale versione si tratti).

    Viene indicata una durata di 110 minuti, quindi probabilmente dovrebbe trattarsi della versione televisiva.
  • Curiosità Samuel1979 • 15/12/15 00:22
    Call center Davinotti - 3152 interventi
    Piccola parte per Maurizio Crozza, nel ruolo di un pezzo grosso colluso con Astarita (Fiorentini):

  • Discussione Caesars • 15/12/15 08:14
    Scrivano - 12689 interventi
    Samuel1979 ebbe a dire:
    Piccola parte per Maurizio Crozza, nel ruolo di un pezzo grosso colluso con Astarita (Fiorentini):



    Quasi irriconoscibile...
    Ultima modifica: 15/12/15 08:21 da Zender