L'amante di Dracula

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/03/08 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 8/03/08 16:12 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Un professore e il suo assistente scoprono che in convento è segregata Isabel, amata da Dracula e cercata dai misteriosi Paralleli per risvegliare il suddetto... Rollinata recente coi consueti saffismi vampirici, i languori, il surrealismo e la realizzazione tra il dilettantesco e il fascinoso. Malgrado l'orrido doppiaggio e la fotografia patinata (e il riciclaggio un po' stanco di qualche vecchia trovata, come le figure che entrano ed escono da un orologio a pendolo) si lascia guardare

Cotola 10/08/09 17:24 - 7556 commenti

I gusti di Cotola

Compendio del cinema rolliniano: trama abbastanza scombiccherata, dialoghi a tratti deliranti (un po' più verbosi e abbondanti del solito), situazioni spesso surreali (un po' tutta la storia ma soprattutto la parte finale), ritmi dilatati, attori dalla recitazione catatonica, noia, interesse, fascino, divertimento. Non certo la miglior opera del regista francese ma nemmeno la peggiore. Rollin è così: prendere o lasciare.
MEMORABILE: Due suore fumano sigaro e pipa. L'accendino crocefisso. Una vittima: "il tuo Dio ha detto non uccidere". La suora risponde: "Sì, ma io non l'ho sentito".

Swan 5/08/10 09:29 - 2 commenti

I gusti di Swan

Sceneggiatura "surreale", la trama (un professore e l'assistente cercano di evitare che tale Isabella si ricongiunga con il suo amante Dracula, che a quanto sembra è imprigionato con non si sa bene quale arti da un ordine di monache, il che non gli impedisce di materializzarsi a suo piacimento e ucciderne qualcuna di tanto in tanto) sembra solo un pretesto per permettere al regista di mettere in scena le sue visioni oniriche. Grezzo e mal recitato ha però un certo fascino, lirico e morboso.
MEMORABILE: Le risate delle suore dementi; Le scene di Isabella con il mare sullo sfondo.

Ghostship 29/08/11 21:12 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Il penultimo film di Rollin è una variazione sul consueto tema vampiresco caratterizzante buona parte della sua produzione. Si nota una forte vena grottesca e caricaturale nel disegno delle suore, rese folli dalle circostanze delle quali lo spettatore verrà a conoscenza. Continuamente in bilico tra momenti di alta poesia e momenti di rara demenza, questi ultimi voluti ed inseriti consapevolmente (almeno così pare). Tuttavia la recitazione è pessima e questa, purtroppo, non è una novità.

Herrkinski 1/09/11 00:38 - 5202 commenti

I gusti di Herrkinski

Uno degli ultimi film del regista, che sembra omaggiare sè stesso con vari riferimenti ad alcuni dei suoi classici vampireschi degli anni '70. La trama contorta e a tratti incomprensibile, la fotografia retrò ma incredibilmente curata, la capacità di creare scorci paesaggistici di grande fascino, l'aura decadente e gotica, il tono surreale e grottesco di scene e personaggi... I tratti salienti di Rollin ci sono tutti, quindi il film è vivamente consigliato ai suoi fan; ricompare persino la Lahaie. Buone infine le musiche. Gradita sorpresa.
MEMORABILE: La parte al convento; il lungo finale marittimo.

Caesars 26/09/11 09:18 - 2723 commenti

I gusti di Caesars

Primo film (e probabilmente anche ultimo) di Rollin che vedo. Giudizio: tavanata gigante. Mi pare che tutta l'essenza del film sia descritta in una frase di uno dei personaggi che più o meno dice: là troveremo l'assoluta demenza. Ecco, la demenza la fa padrona in questo spettacolo, a cominciare dalla mia che mi sono permesso di buttare un'ora e mezza della mia vita, impiegabile in modo sicuramente più remunerativo. Già non amo i film surreali, ma qui siamo di fronte al peggio del peggio. Alla larga...

Daidae 7/07/13 00:40 - 2747 commenti

I gusti di Daidae

L'idea non era male, ma a parte certe ripetizioni e un non so che di già visto a rovinare il film ci si mettono battute dementi, suore con l'imbuto in testa, situazioni ridicole. Punti forti: le belle musiche col violino, le ambientazioni. Due pallini tenendomi molto largo.
MEMORABILE: Suore che fumano; Accendino a forma di crocefisso; La orca mangia un pezzo della vampira; La suora che non ha sentito il 5° comandamento.

Panza 6/02/15 16:49 - 1501 commenti

I gusti di Panza

Surreale operazione in cui l'horror si fa surreale con atmosfere surreali e grottesche tra suore tabagiste e qualche virata splatter. Rollin dimostra di riuscire a creare momenti vivaci soprattutto nella parte al convento e nell'incontro sotto la torre, ma nel lungo finale in riva al mare si scade concludendo la vicenda in maniera con lungaggini evitabili. Gli attori funzionano così così, penalizzati da un doppiaggio italiano da tv locale. Non completamente riuscito.

Minitina80 28/11/15 14:58 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Uno degli ultimi lavori di Rollin che mantiene inalterato il suo stile non rinunciando alle tematiche a lui care; vampirismo ed erotismo soffus, immersi in un universo fantastico. Sono evidenti alcuni limiti, sia nei mezzi che nella recitazione, ma la solitudine e il fascino del castello e del mare agitato ristabiliscono un minimo di equilibrio. Non male nemmeno il commento musicale, che esalta a dovere alcune sequenze.
MEMORABILE: Suor Pipa e Suor Sigaro.

Faggi 12/10/16 20:23 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

Delirio coi fiocchi e un suo carisma, che è come dire irresistibile ghiottoneria; il tutto per alto tasso di trovate, barocchismi e simpatiche assurdità diffuse. Siamo vicini ai territori del "senza capo né coda", davanti a un prodotto che quasi non sta in piedi e che rischia di franare rovinosamente nel kitch; eppure, per ragioni che mi sfuggono, per la sua follia evidente e sbandierata, per il suo estetismo anarchico e lo humor nero (che a volte si direbbe parodizzante) è assolutamente da vedere.

Trivex 6/09/19 08:34 - 1497 commenti

I gusti di Trivex

Horror per modo di dire, a volte pesantemente grottesco e a tratti scombinato. Si cercano atmosfere "rétro" e si propongono tratti e simboli già visti, sempre all'interno di una cornice un po' folle che il regista utilizza per contenere le proprie opere. Malinconia diffusa anche da musiche tristi e ondivaghe, tra il romanticismo e il dramma di una esistenza forzata e innaturale. La parte razionale è quella dei "cacciatori", ma si tratta di una nicchia all'interno di una dimensione alternativa al raziocinio, anche a quello dell'orrore.
MEMORABILE: L'inizio al cimitero, con la vampira nuda; Il castello e i suoi abitanti.

Siska80 27/09/20 12:05 - 747 commenti

I gusti di Siska80

La cosa più assurda di questo filmetto insapore è la tenacia con cui il regista si prende sul serio, anche se l'arguto spettatore si rende conto fin dalla prima scena dell'aria che tira (il "Parallelo" nanerottolo si fa degustare il collo da una vampira desnuda). Il prosieguo è ancora peggio: tra succhiasangue lesbiche, suore dipendenti dal fumo ed altri personaggi strampalati non si sorride mai, piuttosto ci si annoia a morte e il cast di scarso livello peggiora solo la situazione. Fuori tempo massimo (sembra un B-movie anni Ottanta).
MEMORABILE: L'insopportabile biondina demente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 6/03/09 19:32
    Scrivano - 7630 interventi
    Eppur si muove, disse qualcuno.

    Non solo l'Universo, ma pure il mercato dei DVD, se è vero che, finalmente, il 19 marzo un film di Rollin troverà la via del digitale in Italia.

    La label è la Avofilm ed il prezzo contenuto sotto gli 8 €.

    Sotto: cover annunciata del DVD Avofilm
    Ultima modifica: 6/10/09 20:41 da Undying
  • Homevideo Ciavazzaro • 5/07/09 11:30
    Scrivano - 5604 interventi
    Uscira' il 10 luglio per la Avo Film.
  • Homevideo Ciavazzaro • 5/10/09 09:30
    Scrivano - 5604 interventi
    Kult Video lo dà disponibile,penso che questa sia la volta buona !
  • Homevideo Undying • 6/10/09 20:34
    Scrivano - 7630 interventi
    Non è possibile: hanno utilizzato, per questa edizione Home Video, la stessa locandina de La casa del buon ritorno!

    Sotto: cover a confronto
    Ultima modifica: 6/10/09 20:40 da Undying
  • Homevideo Ciavazzaro • 7/10/09 15:41
    Scrivano - 5604 interventi
    Che edizioni sfortunata !!
  • Discussione B. Legnani • 3/11/14 17:49
    Consigliere - 13906 interventi
    Nonostante la presenza successiva della Lahaie, dopo 5' ho spento. Mi pareva terribile...
  • Discussione Buiomega71 • 3/11/14 18:02
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Nonostante la presenza successiva della Lahaie, dopo 5' ho spento. Mi pareva terribile...

    Mi sorge spontanea la domanda, a questo punto, cosa hai visto di Rollin? Così, per curiosità...
    Ultima modifica: 3/11/14 18:25 da Buiomega71
  • Discussione B. Legnani • 3/11/14 21:58
    Consigliere - 13906 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Nonostante la presenza successiva della Lahaie, dopo 5' ho spento. Mi pareva terribile...

    Mi sorge spontanea la domanda, a questo punto, cosa hai visto di Rollin? Così, per curiosità...


    Fascination e Les raisins de la mort.
    Ultima modifica: 3/11/14 21:58 da B. Legnani
  • Discussione Buiomega71 • 3/11/14 22:06
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Nonostante la presenza successiva della Lahaie, dopo 5' ho spento. Mi pareva terribile...

    Mi sorge spontanea la domanda, a questo punto, cosa hai visto di Rollin? Così, per curiosità...


    Fascination e Les raisins de la mort.


    Ah, ok, quindi conosci la poetica del suo autore (era così per sapere)

    In effetti L'amante di Dracula (tremendo il titolo italiano) e forse la sua deriva verso un cinema ormai che non ha più ragione di essere (anche se, uno degli ultimi, La Notte degli Orologi, con la pornostar Ovidie, ha momenti visivi eccezionali del miglior Rollin dei tempi d'oro) e può apparire, oggi, ridicolo

    Il maestro si ripete (la vampira che esce dal pendolo) e il suo surrealismo gira su se stesso. Eppure a me ha dato ancora qualche brivido (sarà la nostalgia), forse per il troppo amore verso il cantore delle vampire nude che , nel bene e nel male, ha sempre continuato la sua poetica fino all'ultimo senza arrendersi mai.