LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/06/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 28/06/07 22:46 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Tre amici, coetanei, ex-allievi dell'Accedemia d'arte drammatica: uno ha fatto fortuna come teatrante in Brasile, uno è diventato attore di successo, uno è uno scrittore impegnato. Nella variegata carovana del '68 cinematografico italiano c'è posto anche per questo autoritratto à trois, sofferto e interessante, e perfettamente in clima. Prove d'attori da par loro, qualche lungaggine e banalità anch'essa d'epoca, una bella colonna sonora di Morricone. Da riscoprire. Nella scena del party si intravedono Moravia e Sergio Leone.

Gugly 28/02/08 19:10 - 1013 commenti

I gusti di Gugly

Film realizzato secondo le tecniche dell'epoca che tenta un autoritratto di tre compagni fin dalla gioventù; ad un certo punto ognuno punterà davanti a sè una telecamera per buttare fuori tutto quello che ha dentro... Gassman è se stesso, Celi esprime la sua delusione per un'Italia che sperava diversa, Lucignani è il classico intellettuale che non disdegna le donne. Rispetto a lui Gassman è canaglia ma più sincero.

Il Dandi 23/08/12 23:44 - 1744 commenti

I gusti di Il Dandi

Un'autobiografia collettiva per certi versi unica. La nudità dei protagonisti non è che un costume di scena indossato, ma nella lite finale da ubriachi sembra che arrivino a mettersi a nudo davvero (forse oltre le loro stesse intenzioni). Gassman esibisce il suo depresso cinismo, Celi è quello che ne esce più inedito. Film purtroppo mediocre (rallentato e appesantito da vani intellettualismi d'epoca), ma con un suo enorme perché: il voyerismo a cui noi spettatori non possiamo resistere.
MEMORABILE: Gassman a Celi: "tu vuoi il Nobel ma non rinunci all'aria condizionata, vuoi la fuoriserie ma anche la cultura, e ti cachi sotto quando vedi Pasolini"

Rambo90 3/02/14 23:15 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Autobiografia in tre parti, molto particolare nello stile, con forti dubbi sulla sincerità dei caratteri ma accattivante. Il più interessante è Celi, con la sua nostalgia dell'Italia che si trasforma presto in delusione e nostalgia di nuovo (ma del Brasile), Gassman è la canaglia che ben si conosce, Lucignani un insoddisfatto scrittore teatrale tendente all'attivismo politico piuttosto antipatico e represso. Lungaggini ce ne sono a bizzeffe, ma si segue con curiosità, fino al bel confronto finale dove tutto viene detto e sfogato.

Vitgar 10/07/14 23:00 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Film complesso, a volte noioso ed eccessivamente intellettualoide, decisamente specchio del suo tempo. Onestemante ho capito poco del suo reale significato. Si salva la parte finale dove tutti si dicono tutto e l'arrivo del famigerato Luca che mette tutti in apprensione. Buoni gli interpreti, ma francamente delude.

Squash 14/09/14 21:05 - 35 commenti

I gusti di Squash

Lo stesso Gassman definì questo un film di difficile comprensione. Effettivamente i dialoghi per essere compresi dal pubblico devono essere supportati da un certa cultura politica e soprattutto teatrale e questo rende il film forse più adatto agli addetti ai lavori. Qualche elemento di interesse c'è in quanto fotografa momenti di contrasto e confusione politica tipici di quegli anni. Doppiatori inconsueti: Umberto Orsini doppia il figlio di Vittorio e Florinda Bolkan doppia la moglie brasiliana di Adolfo. Da vedere col dizionario...
MEMORABILE: "Fare l'Amleto è più facile!" (affermazione di Gassman condivisa anche da altri attori e Totò, che diceva che è più difficile far ridere che far piangere).

Etico 4/12/15 16:15 - 8 commenti

I gusti di Etico

Dove eravate negli anni ’60? Come globuli rossi appena prodotti circolavano idee: taglio inconsueto del racconto, biografie come immagini del tempo, l'impasto/impiastro dell’onirico con la buffoneria. I tre, Celi Gassman e Lucignani c’erano eccome, in rigoroso ordine alfabetico e scala di grandezza recitativa. Ognuno col suo alibi di vite spese a far come gli pareva e gli andava pure bene. I conti con la coscienza arrivano col quarto uomo, il più idealista di tutti, Luca. La bevuta collettiva per poi scoprire la cara morale: “Tutto è vanità”.
MEMORABILE: Celi sogna un rientro dal Brasile con amici all’aeroporto che sembrano (50 anni prima!) i duplicanti di Matrix. “Abbiamo abolito l’indifferenza".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 18/03/08 17:31
    Segretario - 4678 interventi
    Beh, come carriera brasiliana ha anche fondato un teatro.
  • Discussione Zender • 19/03/08 09:43
    Consigliere - 43512 interventi
    Infatti, in Brasile ha fatto molto e bene, solo che non so quanto ciò che ha fatto sia granché conosciuto a noi che stiamo al di qua dell'oceano. O meglio, lo è a chi si è sempre interessato all'attore, ovviamente, ma agli altri credo ben poco...
  • Discussione Gugly • 19/03/08 09:48
    Segretario - 4678 interventi
    Mah...in linea generale può essere interessante il fatto che Celi dopo ben 15 anni senta il bisogno di ritornare in Italia per mettere a frutto l'esperienza maturata in Brasile, ma dato che siamo in Italia, il suo progetto toppa clamorosamente (contenuto della pellicola di cui si sta argomentando).
  • Discussione Zender • 19/03/08 10:10
    Consigliere - 43512 interventi
    Non mi è molto chiaro, in verità, il percorso dell'attore. Quand'è stato in Brasile? Perché io vedo che ha fatto anche film italiani prim adi questo (vedi LE BELLE FAMIGLIE, con Totò), TRE NOTTI D'AMORE, SANDOKAN. Posto quindi che sia tornato in Italia nel 1963, dovrebbe esser partito nel 1949, a 27 anni, ripartendo appunto dopo una quindicina d'anni circa lasciando come testimonianza su pellicola al massimo un paio di film locali... Ti risulta?
  • Discussione Gugly • 19/03/08 10:17
    Segretario - 4678 interventi
    dunque, vediamo un po':
    Nel 1945 venne scritturato per il film Un americano in vacanza di Luigi Zampa e per Proibito rubare di Luigi Comencini; nel 1947, Aldo Fabrizi gli fece una proposta che gli cambiò la vita: la partecipazione al film Emigrantes.

    Partì per il Brasile con il cast e si appassionò di questa terra decidendo di rimanerci per quindici anni. In Brasile, fu considerato il top per le arti cinematografiche: fondò nuovi canoni di sperimentazione teatrale e cinematografica, diresse un teatro, fece il regista sia di teatro che di cinema.

    Fondò il teatro stabile Teatro Brasileiro di Comédia, la compagnia di prosa Carrero-Celi-Autran e la produzione cinematografica Vera Cruz, dove Celi fece le proprie esperienze come regista (Caiçara, 1950; Tico-Tico no Fubà, 1952). In Italia invece l'unico film da lui diretto l'ha firmato con i suoi compagni d'accademia Vittorio Gassman e Luciano Lucignani: l'autobiografico L'alibi (1969).

    Nel 1963 recitò ne L'uomo di Rio e, due anni dopo, venne scritturato per interpretare Emilio Largo in Agente 007 - Thunderball: Operazione tuono.

    Da Wikipedia
  • Discussione Zender • 19/03/08 10:23
    Consigliere - 43512 interventi
    Perfetto. Ottima ricostruzione (di Wiki :)). Hai fatto benissimo a postarla. Ora tutto mi molto più chiaro 8anche se non l'anno esatto in cui tornò in Italia).
  • Discussione Gugly • 19/03/08 10:25
    Segretario - 4678 interventi
    dovrebbe essere primi anni 60; qualche anno dopo infatti viene girato l'alibi; per informazioni più precise ti rimando al documentario oppure all'autobiografia di Gassman
  • Musiche Edo • 25/06/11 22:21
    Galoppino - 680 interventi
    Le musiche sono di Ennio Morricone e sono dirette da Bruno Nicolai.

    La canzone "La canzone della libertà" (di Lucignani-Morricone) è cantata da Sergio Endrigo: si tratta di uno dei rari casi in cui Endrigo interpreta una canzone non scritta da lui.
  • Discussione Squash • 14/09/14 20:38
    Galoppino - 202 interventi
    Celi ebbe l'intuito di capire le potenzialità del Brasile nel dopoguerra ancora alla ricerca di un identità nazionale, il Brasile era sostanzialmente composto da un Portogallo che in Europa si era trovato compresso da tutte nazioni più potenti e che non gli davano spazio, in Brasile invece aveva il posto logisticamente migliore e che ha dato vita a due delle città più belle del mondo.
    Ultima modifica: 16/09/14 18:51 da Squash
  • Discussione Squash • 14/09/14 20:40
    Galoppino - 202 interventi
    Nello stesso periodo un altro valido attore italiano si formava in Brasile: Luciano Salce.