LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 24/02/07 22:24 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Forse non sono la persona più adatta per parlare dei film di Fulci: amandolo tanto rischierei di essere di parte. Questo film secondo me è uno dei suoi lavori migliori. Tralasciando tutta la storia (molto avvincente e ben raccontata), quello che mi preme dire è che il regista ha confezionato soprattutto un finale che migliore di questo non poteva essere. Apocalittico è la parola giusta.

Caesars 20/03/07 14:19 - 2731 commenti

I gusti di Caesars

Considerato un prodotto men che modesto dalla critica ufficiale (almeno quella dell'epoca) e osannato come un capolavoro dai tanti fans di Lucio Fulci, la verità probabilmente sta nel mezzo. Fulci è regista di solido mestiere che sa come far fruttare i, non molti, soldi a sua disposizione ma la messa in scena non è proprio indimenticabile. Le parti migliori a mio avviso sono il prologo e il finale girato in un posto "altro". Ho visionato la versione televisiva, sicuramente cut in alcune scene.

Undying 22/03/07 19:30 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Capolavoro del regista, nato sulla scia imitativa di Inferno ma superiore (alla resa dei conti, e con il passare degli anni) al modello di riferimento: L'Aldilà nasce da una buona sceneggiatura (opera del grande Dardano Sacchetti) che assimila situazioni da molti classici (Suspiria e Shining in particolare) rielaborandole in maniera molto personale, riuscendo a raggiungere quello stadio di massima "sospensione" della realtà che, sempre più di rado, il cinema propone. Da vedere.

Giapo 23/03/07 16:52 - 232 commenti

I gusti di Giapo

Film davvero controverso: una narrazione assurda, sconclusionata che pare essere solo un pretesto per introdurre scene di una violenza visiva devastante, ci porta improvvisamente nell’aldilà: un incubo senza precedenti, un terrore infinito dove la razionalità è rasa al suolo. Non si può non rimanere suggestionati dalla visionarietà di Fulci in questo film visivamente splendido, grazie ad una fotografia affascinante e le infernali scenografie gotiche reinventate nella vecchia cantina. Un must.

Puppigallo 4/04/07 20:39 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Già l’inizio è stupendo; e getta le basi per un horror inquietante, splatter (fiumi di sangue e non solo) e piuttosto teso, con zombi incorporati. La trama conta davvero poco, ma questo non influisce negativamente su una tale pellicola. Il vero difetto, se così si può chiamare, è che il film finisce proprio mentre sta diventando ancora più interessante. La colonna sonora è la ciliegina sulla torta di questo delirio decisamente riuscito. Segnalo: l’occhio, la vasca, la cieca e il cane, Mirabella ragnileso, la valle infernale. Grande.

Deepred89 16/04/07 13:42 - 3293 commenti

I gusti di Deepred89

Il miglior film di Fulci insieme a Non si sevizia un paperino. La storia, poco originale e un po' confusa, è sicuramente la parte meno interessante. Tutto il resto è grandioso: dalla regia, piena di soluzioni visive stupende, alla bellissima fotografia, molto curata. Ottime anche le musiche di Frizzi e indimenticabili (oltre che realizzate benissimo) le scene splatter. Bravi la McColl e Warbeck.

Rebis 11/11/07 16:09 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Horror dilagante e sensoriale molto compiaciuto dell’inarrestabile manifestarsi dell’atroce in forme ogni volta - se possibile - più devastanti. Disinteressato ai vincoli della logica narrativa si lascia traghettare dall’isteria del flusso immaginativo, fino al debordante e liquido. Notevole la capacità di catturare la fisicità della paura attraverso suoni e luci, più che con il noto effetto splatter (non sempre all’altezza). Compatto e aderente al fine non ha dimostrazioni autoriali scomode (sebbene implicite): semplicemente spaventoso.
MEMORABILE: Una donna e un cane in fondo all'autostrada deserta.

Il Gobbo 16/11/07 09:38 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Facendosi schermo (e scherno?) dell'incoerenza narrativa, il buon Fulcione nostro costruisce una sorta di poema visivo - non originalissimo dato che il soggetto sacche(tte)ggia a destra e a manca - ma davvero suggestivo, fatto di scarti improvvisi, di folgorazioni, di ellissi. A tratti tirato via (il cane... ), a tratti magistrale (il prologo e il finale, per dire), sicuramente bello e riuscito. Fondamentale, e fra gli ultimi reperti di un cinema libero e selvaggio di cui s'è perso lo stampo.

Homesick 28/11/07 17:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Zenith dell’horror metafisico. Pur traendo spunto da Inferno, Fulci costruisce un’opera personale, visionaria, rigorosa e persino delicata nonostante gli eccessi splatter. Troviamo un suggestivo prologo con una scena – la barca sul fiume - da quadro preraffaelita, un pittore maledetto, lo pseudobiblion, i sotterranei cupi e verdastri, Mirabella morente che vede in soggettiva i terribili ragni che gli camminano sugli occhi, musiche corali e solenni di Frizzi, un finale dantesco. Eccellente.
MEMORABILE: La fuga della Monreale, ripetuta mentalmente dalla McColl. Molto autoriale.

Capannelle 30/11/07 13:09 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

Mi aveva impressionato quando uscì, la varietà delle situazioni splatter non andava per il sottile. Peccato che, rivedendolo, non faccia più lo stesso effetto e che la storia e il quadro corale zoppichino sempre di più. Restano in mente alcune sequenze (la mano che esce dal muro, l'autostrada, il finale). Altre scene (es. ragni e acidi) sono infilate dentro a forza, per fare sensazione. Comunque come impatto e anche come musiche (una bella partitura gotica) trova il suo degno posto nel filone horror italico.

Cotola 17/12/07 01:57 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Il miglior film di sempre di uno dei grandi artigiani dell'horror all'italiana. Fulci, infatti, libero dal peso di dare vita ad una sceneggiatura logica e coerente (scritta da un ottimo Sacchetti), riesce a girare una pellicola tesa e molto coinvolgente, ad alto tasso di splatter e dallo spiccato talento visionario. In definitiva un prodotto molto gustoso che si lascia guardare con grande piacere dall'inizio alla fine. Molte le scene che non si dimenticano. Intonate al film e macabramente riuscite le musice di Fabio Frizzi.
MEMORABILE: La scena dei ragni che si "mangiano" Mirabella.

Spectra 24/12/07 10:13 - 84 commenti

I gusti di Spectra

Uno dei film in cui Fulci ha fatto scuola. La storia non è il massimo e la sceneggiatura un po' ingarbugliata il budget per il film è evidentemente limitato (come al solito, ma qui esce tutto il genio di Fulci che riesce a creare una dimensione estremamente cupa per quasi tutto il film avvolgento il tutto in fiumi di sangue ed atmosfere macabre, visionarie e allucinate). Un cult dell'horror italico.

Herrkinski 18/05/08 23:57 - 5214 commenti

I gusti di Herrkinski

Pur traendo spunto da Inferno di Argento, il film di Fulci riesce a superare lo stesso Argento in questo caso. Dopo il bell'inizio virato seppia, Fulci ci conduce in un incubo metafisico ricco di citazioni a ambizioni "alte", a volte azzardate, ma che nel complesso rendono il film affascinante. Sconnesso, a tratti delirante a causa di una sceneggiatura assurda, ma talmente ricco di scene visivamente eccezionali e di una poetica dell'orrido senza eguali da giustificare ogni possibile pecca.

Ghostship 28/05/08 16:45 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Un viaggio allucinato in una sequela di visioni. La sceneggiatura non c'entra, o almeno non c'entra la sceneggiatura così come concepita normalmente. Questo è l'esempio di come l'opera del regista, nella sua visceralità, possa essere quanto di più vicino ad un sogno. La dimensione onirica è l'unica dimensione possibile e tutto avviene come nelle braccia di Morfeo. Cast molto cult con tutti i pregi e difetti del caso: fotografia splendida di Salvati, aulico score di Frizzi e alla telecamera (che vive di improvvise zoommate) Fulci. Amarcord.
MEMORABILE: Il prologo e l'incontro tra la protagonista e la cieca sul ponte.

Samtam90 2/07/08 19:23 - 56 commenti

I gusti di Samtam90

Pur non essendo un capolavoro (lo ritengo inferiore a Non si sevizia un paperino), "L'aldilà" è senza dubbio uno degli apici dell'horror italiano. Fra le note positive la stupenda atmosfera (a partire dal memorabile prologo virato seppia fino ai toni apocalittici delle ultime scene), a cui si aggiunge una grande quantità di splatter. La visionarietà e il talento di Fulci non sono in discussione, seppur a scapito della trama, ma il film non manca di sequenze deboli o addirittura pessime (gli zombi). Vergognosamente cut la versione televisiva.
MEMORABILE: Il prologo, l'autostrada deserta, la scena delle tarantole, la morte della ragazza cieca.

Bruce 19/11/08 09:46 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Eccessivo, visionario e fantastico, con immagini tra Dalì e le copertine degli album concept dei Pink Floyd. Si parte con un bel prologo, virato seppia, della morte terrificante di un pittore, crocefisso con la calce e si finisce con gli zombi e la Divina Commedia. Il tutto perché la MacColl ha l'idea di ristrutturare, per farne un hotel, un edificio abbandonato costruito su una delle sette porte dell'inferno. Calzante la musica di Frizzi. Certamente tra i migliori horror di Fulci.

Enzus79 13/12/08 12:27 - 1829 commenti

I gusti di Enzus79

Scopiazzata del "maestro" Lucio Fulci, che facendo un miscuglio dei migliori horror Usa non ne fa uscire un buon minestrone. Le scene splatter sono quelle riuscite meglio, facendoti dimenticare la mediocrità di questo film. Peccato, perché la storia, se fosse stata pensata meglio dagli sceneggiatori, avrebbe reso l'Italia orgogliosa di un simile prodotto. Purtroppo copiando Shining, Profondo rosso, Amityville horror e Suspiria, fa solo guadagnare soldi ai botteghini.

Rickblaine 13/12/08 12:28 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Lucio Fulci si dimostra un grande del genere. Dopo aver visto "Quella villa accanto al cimitero" rimango soddisfatto di quest'opera. Horror mozzafiato, suspance garantita e cast quasi all'altezza. Si dimostra che le cose in America si fanno diversamente. Molte scene per me rimangono memorabili e resta inutile citarle tutte. Dispiace che Fulci sia apprezzato solo all'estero dalla critica dato che in Italia è comparso solo sugli elenchi telefonici.
MEMORABILE: I ciechi hanno la vista più acuta di voi che vedete; grande il finale!

Patrick78 20/01/09 15:44 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Insulso lavoro di un regista sul quale ho serissimi dubbi e che non è ancora riuscito ad impressionarmi in nessuna sua opera. Partenza discreta con mistero e gore che si mixano abbastanza bene per poi cadere nel ridicolo più evitabile. Sarà pure un cult per molti ma essendo un horror e dovendo creare tensione e paura nello spettatore fallisce in pieno la sua missione. Assurde le sequenze degli zombies per riallacciarsi al suo Paura nella città dei morti viventi. Neanche troppo belli gli effettacci. Da amante dell'horror lo sconsiglio vivamente.

Supercruel 2/03/09 11:30 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Delirio visivo all'insegna della più libera e selvaggia anarchia narrativa. Fulci gira senza alcun freno, fregandosene bellamente della coerenza e mettendo in scena un illogico quanto suggestivo inno all'orrore più puro. Non c'è nemmeno il tempo di chiedersi che cosa stia succedendo: il film è una sequenza memorabile dietro l'altra, in un clima di totale surrealtà. L'occhio estirpato e l'attacco ragnesco ai danni di Michele Mirabella sono puro culto.

Ale56 25/06/09 00:30 - 225 commenti

I gusti di Ale56

Summa qualitativa di Fulci, L'aldilà è davvero quello che si dice "un film straordinario". L'impatto visivo che crea con lo spettatore il regista romano non è poca cosa; una visionarietà mai vista precedentemente in Italia. Alcune scene sono simili all'Inferno Argentiano ma calano qualitativamente a causa delle scarne scenografie, semi-nascoste dal buio. A causa delle tenebre, però, anche alcuni effetti (sopratutto nel seminterrato) non sono visibili. Buonissimi effetti, regia e recitazione fantastiche, musiche oniriche. Davvero un cult.
MEMORABILE: Il finale, il prologo virato in "seppia", i sanguinari omicidi, ragni over Mirabella.

Daidae 17/11/09 22:35 - 2749 commenti

I gusti di Daidae

Uno dei migliori film dell'orrore italiani, quando Fulci era all'apice della sua carriera (opinione personale). Questo film, magistralmente interpretato dai validi Warbeck, Monreale e dalla McCool (una presenza fissa nei film di Fulci di questo periodo) ha poco da invidiare ai più blasonati film di Argento di quel periodo. Molto buono.

Enricottta 17/12/09 17:50 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Inizio film bianco e nero seppia molto bello, ricorda Martin di George Romero, aggancio ai giorni "mostri" con campo lungo, cieca con pastore tedesco d'ordinanza, occhio morto un poco Antonioni Blow up, ma farà scuola e allora dico moolto Fulci. Poi squartamenti, sgozzamenti, acidi, zombi, insomma la boutique dell'horror. Gli spunti per un film del genere sono tantissimi, un gioiellino. Scritto in fretta e si vede da alcune slegature che per altro non scalfiscono minimamente il risultato finale. Il finale suggestivo all'ennesima potenza. Frizzi bravo.
MEMORABILE: La morte "per tarantole" dell'amico Martini (il nome sarà un caso?) è da cineteca la lingua trafitta dalle "manine" dei ragni è schifosamente perfetta.

Trivex 8/01/10 18:56 - 1498 commenti

I gusti di Trivex

Se non fosse per il finale, personalmente non ritenuto all'altezza del resto, questo cult meriterebbe la qualifica di straordinario. È perfettamente riuscito il non semplice tentativo di fornire un prodotto realizzato con cura, elegante e sofisticato, ma con il gore e lo splatter passionale in misura più che adeguata. C'è un campionario horror davvero eterogeneo, quindi può soddisfare la visione di tutti. Magari la sceneggiatura zoppica in qualche frangente ed i collegamenti vanno elaborati, ma i risultati restano. Più deboli gli altri due della triade.

Metuant 10/01/10 15:05 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Grande esempio di horror italiano come non se ne fanno più da tanto, troppo tempo. E questo è un male, perché film del genere dimostrano come il cinema italiano non era fatto solo di neorealismo, film in costume e cose simili, come spesso si sente dire oggigiorno. Altissimo tasso di gore e storia d'effetto; gli unici punti deboli restano il finale (del tutto fuori luogo) e il titolo "...E tu vivrai nel terrore", che suona alquanto ridicolo. Un cult.
MEMORABILE: La crudissima sequenza iniziale virata in seppia.

Jena 13/03/10 20:12 - 1207 commenti

I gusti di Jena

Fulci, regista mediocrissimo neanche lontanamente paragonabile a Dario Argento, è poi divenuto culto per una nicchia di saccenti estimatori. A me continua a risultare assai indigesto e faccio fatica ad arrivare alla fine dei suoi film. Qui, a parte qualche massacro abbastanza fantasioso e crudele, abbiamo un racconto senza capo né coda che miscela e copia malamente Inferno e Zombi in maniera pasticciata e confusa. Degli attori manco parlarne, uno più cane dell'altro. Lascio volentieri Fulci ai suoi estimatori e mi tengo Argento!

Rambo90 18/05/10 21:09 - 6401 commenti

I gusti di Rambo90

Buon horror di Fulci che saccheggia da vari film (Inferno su tutti) e abbonda con omicidi splatter e macabri. La storia non è originale, ma la tensione e il ritmo sono talmente elevati che non si può fare a meno di arrivare alla fine (amara). Il cast è pieno di caratteristi usati dal regista in varie occasioni e si segnala la buona interpretazione di Warbeck come protagonista (nonchè il pessimo Michele Mirabella). Cameo di Fulci nel ruolo del bibliotecario.
MEMORABILE: L'ospedale assediato dagli zombi.

Losciamano 22/05/10 19:18 - 112 commenti

I gusti di Losciamano

"The beyond", è uno dei miglior horror "made in Italy". Il film è di un impressionismo straordinario e palpabile. La follia e l'incredulità nella storia e sopratutto l'anarchia nello stile di Lucio Fulci che aumenta gradevolmente s'impadroniscono dello spettatore e lo catturano fino al finale visionario, bellissimo e "bastardo", perché è come se non ti lasciasse via di scampo, rendendoti la notte non tanto tranquilla e la mattina con la voglia matta di rivedere la pellicola. Capolavoro.

Greymouser 30/05/10 11:35 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Dall'artigianato all'arte, a volte, il passo può essere breve. E' il caso di Fulci in questo "Aldilà", giustamente ritenuto il suo capolavoro, in cui la trama è un pretesto per inscenare un viaggio da incubo le cui stazioni sono costituite da sequenze spaventose e visioni macabre ed angoscianti. Un horror di dimensione metafisica, che si inserisce di diritto nel pantheon delle migliori produzioni di sempre nel cinema dell'orrore.

Myvincent 19/06/10 09:37 - 2579 commenti

I gusti di Myvincent

Estetica horror e trama frantumata in un film che si svolge e si dilata in un breve periodo di tempo, dall'acquisizione dell'hotel infernale da parte della protagonista fino alla scoperta e all'epilogo. Soggetto non originale, attori non straordinari ma non importa, conta l'atmosfera d'angoscioso onirismo.

Nipo 20/06/10 16:01 - 40 commenti

I gusti di Nipo

Il massimo di Fulci; la sua visione del male, anche se supportata da una sceneggiatura che si ispira ad altri, crea un universo assai più senza logica del precedente Inferno argentiano. Il male domina tutto, con una splendida fotografia che ritaglia i volti e le scenografie dal nero, il tutto pervaso da una crudeltà gratuita, ma mai volgare. Elegante nel suo svolgersi, claustrofobico e disperato, senza alcuna via d'uscita. Una delle vette dell'horror italiano. Da vedere.

124c 2/08/10 16:41 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Film dell'orrore di Lucio Fulci di una certa importanza, con la sequenza-shock di Michele Mirabella (ancora lontano dall'essere il garbato presentatore Rai che noi tutti, oggi, conosciamo) divorato dai ragni. Tensione ed effetti speciali dozzinali quanto efficaci fanno di questo film un horror veramente ben fatto. Idolatrato da Quentin Tarantino, "L'aldilà" è passato, nelle tv e nelle VHS italiane, censurato di alcune sequenze. Katherine McColl è molto brava, la segue a ruota David Warbeck.
MEMORABILE: Gli occhi bianchi dei protagonisti.

Von Leppe 22/01/11 16:25 - 1033 commenti

I gusti di Von Leppe

Ambientato nell'umida Lousiana in un vecchio hotel di legno, abbandonato e putrescente, forse è il film diretto da Fulci dove più emerge la sua poetica del marciume. Terrificante il prologo che vede il supplizio del pittore stregone, nell'albergo costruito sopra una delle sette porte dell'inferno: riaprendolo si scatena il male (nel film ci sono situazioni di orrore estreme, che per la violenza ed alcune sequenze, come il finale, creano un'atmosfera surreale).
MEMORABILE: Il quadro del pittore ed il finale.

Sabryna 23/11/10 00:45 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Meraviglioso. Perla fulciana che brilla di luce propria. Stupendo il prologo in stile film d'epoca, ottimi la fotografia e gli scenari. Un Fulci ispirato che gioca con soggettive e oggettive, primi piani e dettagli, fuoco e fuori fuoco. Il regista plasma la camera al suo volere, definendo un capolavoro del thriller/horror con alcuni momenti splatter. Tra i personaggi spicca la figura di Emily, affascinante e misteriosa. Lo stupendo epilogo è quasi poetico e varrebbe da solo la visione di tutto il film.
MEMORABILE: E ora affronterai il male delle tenebre e ciò che in esso vi è di esplorabile.

Mdmaster 17/12/10 20:28 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Uno degli ultimi grandi film di Fulci. Con L'aldilà il regista va oltre i suoi prodotti precedenti e tinge di surreale e infernale un'apparentemente banale storia di ritornanti. Il cast ce la mette tutta e le espressioni risultano credibili, la storia gira piuttosto a vuoto ma poco importa quando assistiamo a una nutrita sequenza di sangue, violenze e lacerazioni di ogni tipo. Un po' di stanca nella parte finale contro gli zombi, ma il tutto viene poi recuperato nella splendida sequenza conclusiva. Buona soundtrack di Frizzi. Splendido.
MEMORABILE: Il prologo tinto di colori seppia; mirabella si scopre non benvoluto dai ragni; mamma e figlia alle prese con i ritornanti.

Buiomega71 11/06/11 17:12 - 2284 commenti

I gusti di Buiomega71

Sequenze di devastante potenza fulciana: l'attacco zombesco all'ospedale (tra l'altro messo "a forza" per volere del produttore De Angelis), la Monreale sbranata "suspirianamente" dal suo cane, le tarantole carnivore, il prologo, si accavallano con uno script che pesca a piene mani dai più classici topoi del genere, Sentinel in primis. Purtroppo non è uno dei migliori film di Fulci, anche se la sua poetica si fa sentire più di una volta. Piuttosto confuso e sgangherato, ma di sicura presa visiva. Ottimi gli sfx splatter di Giannetto De Rossi.
MEMORABILE: Michele Mirabella divorato dalle tarantole; gli zomboni nella morgue; il linciaggio del pittore; il finale apocalittico e visionario.

Mickes2 4/07/11 09:48 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Gran regia di Fulci che utilizza il tema della maledizione imprimendo al film fin da subito un’atmosfera claustrofobica. Plasma a suo piacimento le allucinazioni con un grande tocco evocativo e gusto per l’inquadratura. Alterna affascinanti momenti visionari ad altri puramente horror. Gli effetti gore artigianali non risultano fini a sé stessi, ma donano al film un'ulteriore sensazione di disagio che culmina nello splendido, allucinato finale. Si chiude un occhio sulla sceneggiatura a tratti raffazzonata e sulla recitazione non sempre all'altezza.
MEMORABILE: L'incipit. Il finale. La terrificante sequenza con le tarantole.

Giacomovie 5/09/11 22:05 - 1352 commenti

I gusti di Giacomovie

Fulci ha saputo realizzare con poco un horror denso di surreali allucinazioni, con particolari truculenti che possono mettere alla prova gli stomaci deboli. Ha esaltato il concetto di cinema pragmatico, fatto di sicurezza teorica che trasforma la ricchezza di idee in una sapienza pratica che riesce a colmare i vuoti di sceneggiatura. Le apparenze di una confezione grezza ci sono, non hanno però pregiudicato nel regista le sue viscerali visioni di uno splatter cruento ed effettistico. ***

Storm 1/01/12 13:57 - 1 commenti

I gusti di Storm

Uno dei film, a mio parere, più interessanti non solo della cinematografia di Fulci, né dell'horror in senso lato, bensì del vastissimo territorio del cinema mondiale. Ci mette poco Fulci per farci capire che stiamo assistendo ad un film fuori dal comune, apparentemente banale ad una prima visione, geniale ad una seconda. Questo film non è la rappresentazione di uno scontro tra buoni e cattivi, è la rappresentazione del terrore puro, senza logica e senza via di fuga; e Fulci riesce a farvi immergere totalmente lo spettatore.

Markus 8/03/12 08:40 - 3311 commenti

I gusti di Markus

Tra i migliori horror di Fulci che, particolarmente ispirato, riunisce in un sol colpo la metafisica, i pur sempre graditi zombi e delle micidiali tarantole assassine; il tutto anticipato dal bel prologo - virato in seppia – drammaticamente splatter. Questo film, pur con limiti di budget, riesce a essere un buon prodotto orrorifico pronto per essere esportato e soddisfare le esigenze di un pubblico senza pretese ma con la sana voglia d'intrattenimento (del male).

Bergelmir 7/04/12 07:17 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Opera enigmatica e rappresentativa del Fulci più visionario, che sullo sfondo di una storia vagamente lovecraftiana illustra scenari che si rincorrono l'un l'altro in un turbinio lisergico di malignità e orrori, con più di un debito all'Inferno di Argento. Si trovano qui sequenze davvero geniali insieme a trovate più goffe, ma nel complesso siamo di fronte a un film di indubbio fascino e di straordinaria portata artistica, per quanto difficilmente qualificabile. Horror totale e perentorio.
MEMORABILE: "...Ora affronterai il Mare delle Tenebre e ciò che in esso v'è di esplorabile".

Rigoletto 22/04/12 15:56 - 1607 commenti

I gusti di Rigoletto

Lucio Fulci, con bravura ed intelligenza, continua la sua Trilogia del terrore con una pellicola che presenta molte qualità. Questo film è più "paranormale" del precedente, si ha sempre la sensazione dell'incubo che sembra non finire e non dare scampo. Le scene splatter non mancano e, anzi, sono concepite con fantasia e raffinato gusto per l'orrido. Straordinaria, poi, la crescente tensione impressa. Nel complesso ho trovato più riuscita, più esteticamente compiuta la prima opera, ma è un grande, grandissimo secondo capitolo. ***1/2
MEMORABILE: La scena finale.

Corinne 16/06/12 16:47 - 405 commenti

I gusti di Corinne

Un Fulci magistrale, questo, che sopperisce a una trama tutto sommato scarna e derivativa con un'esplosione di sangue, zombi e putridume, e un finale bellissimo e spietato. Non c'è un attimo di tregua, nessun dialogo riempitivo: l'orrore inizia subito, in un crescendo inesorabile, e le insistite sequente splatter (i ragni, l'acido) riescono ad evitare l'effetto "sequela di efferatezze senza capo né coda" Ho sempre pensato che il massimo Fulci l'abbia dato nel thriller, ma quest'horror è veramente notevole.
MEMORABILE: Il prologo virato seppia; L'aracno-attacco; Il suggestivo finale.

Belfagor 17/01/13 15:20 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Un albergo della Louisiana è stato costruito su una delle sette porte dell'inferno: da qui massacri, orde di zombi, pareti che trasudano sangue, occhi cavati, tarantole carnivore e chi più ne ha più ne metta. In questa atmosfera onirica e surreale Fulci mescola un po' di tutto, dando vita a un film disomogeneo e fin troppo altalenante. Eppure, in questo marasma di esagerazioni, si scorge chiaramente un autentico amore per il genere horror. Molte le sequenze memorabili.
MEMORABILE: Il prologo; Il quadro sanguinante; L'apparizione di Emily sul ponte, accompagnata dal cane.

Jurgen77 29/01/13 08:02 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Il picco massimo raggiunto da Fulci. A metà strada tra fantastico, gotico e clima argentiano, il film è un caposaldo del genere horror italiano. Grande suspance, una bella trama e ben dosata la dose di sangue/splatter. Un mix di case infestate, demonologia e giallo. Ottima anche la colonna sonora. Imperdibile, per i fan del genere.

Tomastich 18/02/13 17:32 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

L'inferno, l'aldilà, la terra. Lucio Fulci compie un operazione di grande livello visivo ed evocativo. Tramite una serie di situazioni che rimarranno impresse nell'occhio (è il caso di dirlo!) dello spettatore Fulci costruisce una lenta discesa agli inferi, senza via d'uscita, senza speranza, senza futuro. Musica geniale di Frizzi e ambientazione fuori dall'ordinario!

Maik271 25/02/13 14:44 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Sicuramente il miglior horror di Fulci insieme a Zombi 2, che ne sfrutterà abbondantemente la parte zombesca del finale. Il soggetto, aiutato da ottimi effetti speciali di Giannetto De Rossi, passa sicuramente in secondo piano di fronte a splendide inquadrature e uccisioni con effetti splatter veramente spettacolari. Gli attori fanno il loro. Finale molto suggestivo e senza speranza.

Albstef90 4/03/13 22:08 - 78 commenti

I gusti di Albstef90

Davvero uno dei migliori e più interessanti titoli del grandissimo Fulci, che qui si conferma definitivamente come il poeta del macabro. La storia è molto accattivante e si sviluppa attraverso continui tocchi di genio del regista: primi piani dei visi inquietanti, inquadrature secche spaventose e il rimettere in gioco gli zombi sempre ottimamente truccati. Quasi tutto il film si svolge all'interno di un hotel chiamato "Sette porte", con continui colpi di scena. Questo è lo stile autoriale secondo Fulci. Ottimo.
MEMORABILE: L'uomo murato vivo; Le tarantole sul corpo del povero Michele Mirabella; Gli zombie; Il sinistro hotel "Sette porte".

Giùan 20/11/13 06:47 - 3019 commenti

I gusti di Giùan

Film talmente “leggendario” per i cultori della nostra amatissima serie B da render sfuggente un giudizio critico oggettivo e scevro da condizionamenti. La verità è che la qualità peculiare de L’aldilà sta appunto nell’eludere un analisi contestuale e razionale (refrattarietà che condivide con gli inizi argentiani), immergendoci progressivamente in una liquidità sensoriale il cui ritmo sincopato alterna dozzinali dabbenaggini narrative a sublimi (anche per la loro ingenuità) epifanie filosofiche. Brutale ed esoterico, comunque inafferrabile.
MEMORABILE: Gli occhi della Mc Call; Le tarantole; Il finale.

Luchi78 11/02/14 11:11 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Quando ti trovi davanti a un film di Fulci sarebbe meglio valutarlo a compartimenti stagni, perché un giudizio complessivo risentirebbe dei troppi "buchi" cinematografici dichiaratamente voluti dal regista. La trama è solo un pretesto per scatenare un'orgia di effetti splatter/horror con cui in pochi oggi si cimenterebbero. Alcuni di essi sono però spinti oltre il limite della pura exploitation risultando fallimentari. Poco male, sedetevi e godetevi la ricerca dello splatter più essenziale (il tutto ovviamente in versione low-cost).

Qpossum 18/05/14 11:19 - 37 commenti

I gusti di Qpossum

Se non si fa l'errore di cercare un filo logico a tuti i costi (ma perché poi si dovrebbe, in un film del genere?), L'Aldilà resta un'esperienza assai godibile. Ci sono diverse ingenuità che possono infastidire, ma qui a contare veramente sono l'atmosfera malsana (ben derivata da Lovecraft) gli SFX (convincenti) e le musiche ben più che adeguate. Almeno un paio di sequenze sono davvero memorabili.
MEMORABILE: L'apparizione di Emily sulla strada deserta.

Nicola81 24/05/14 14:43 - 1981 commenti

I gusti di Nicola81

All'inferno argentiano preferisco questo di Fulci, pur non considerandolo il suo capolavoro horror. Il prologo promette moltissimo, poi abbiamo una tensione costante, alcune singole sequenze azzeccate, ma anche una sceneggiatura debolissima che appare come un semplice pretesto per propinarci svariate scene splatter gratuite e fuori luogo (vedi quella famosissima dei ragni). Splendida la fotografia di Salvati, bella la colonna sonora di Frizzi e persino il cast non demerita, ma personalmente mi ha lasciato con una sensazione di incompiuto.
MEMORABILE: Il prologo; La prima apparizione di Emily; Il finale.

Rufus68 1/10/16 20:04 - 3121 commenti

I gusti di Rufus68

Quasi impossibile valutare in modo distaccato tale opera, un autentico saliscendi ove si alternano picchi davvero affascinanti, pleonasmi splatter (pur tecnicamente riusciti: i ragni, le schegge) e fastidiose lungaggini (gli zombi). Fulci, in odor di Lovecraft, aborre giustamente ogni logica (il male ha leggi incompatibili con quelle terrene) e abbonda di (auto)citazioni sfornando un guazzabuglio sotto la cui superficie s'indovina, però, una sincera angoscia per i destini ultraterreni. Belle musiche di Fabio Frizzi.

Taxius 28/12/16 16:06 - 1645 commenti

I gusti di Taxius

Non è solo il capolavoro di Fulci, è il capolavoro di un genere cinematografico e uno dei più begli horror made in Italy mai girati. Il maestro con un budget misero riesce a creare un vero incubo in terra che più che spaventare inquieta e impressiona all'ennesima potenza. Si parla di un film onirico e non semplice da seguire, lontano dagli altri horror fulciani. Effetti speciali artigianali, ma veri e terribilmente sanguinolenti. Certe scene come l'incontro con Emily sul ponte sono entrate nella storia del cinema.

Viccrowley 27/02/17 20:48 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Incredibile opera fulciana che trascende il genere di appartenenza e si fa capolavoro. Dall'eccezionale incipit virato e girato come un western all'ossessione per l'occhio, unico baluardo che permette all'uomo di provare a distinguere la realtà dall'incubo. Inno assoluto alla putrescenza, ricercata, coccolata e insistita nell'orgia di mostruosità umide e feconde che sbucano da una delle sette Porte dell'Inferno. Pochissima cosa la trama, tutto vive in funzione delle straordinarie trovate visive, ricettacolo senza speranza di orrori senza fine. Inimitabile.
MEMORABILE: L'incipit con la crocifissione del pittore; L'assalto dei ragni; Lo sbranamento di Emily; L'assedio all'ospedale.

Faggi 23/07/17 14:18 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

Il cruento e misterioso prologo, virato in seppia, con forza icastica sgombra il campo dagli equivoci: si navigherà nelle acque dell'horror paranormale: gli appassionati sgraneranno gli occhi. E le promesse saranno mantenute, tra cadaveri vivi, presenze ineffabili, suggestioni metapsichiche e liquidi splatter. Fulci dirige con mano lesta e pupilla vigile, inoltrandosi nel marcio, nell'innominabile, nel domestico stravolto da contingenze estreme allucinate. Bello e definitivo l'epilogo, che chiude il cerchio con cupissimo lirismo.

Luras 4/11/17 17:23 - 142 commenti

I gusti di Luras

Alcune scene raccapriccianti, girate tanto per allungare il brodo, non salvano li livello medio di questo secondo capitolo della famosa Trilogia. Non è pessimo, tutto sommato, dato che si pone lo scopo di incutere terrore e in alcuni frangenti vi riesce. Più che altro impressiona con sequenze quasi stomachevoli, anche inquietanti, data l'ambientazione da camera mortuaria. Certo, poi di paura vera e propria non se ne vede, come tra l'altro manca una vera esplosione della tensione, un qualcosa che faccia spaventare. Nulla più che modesto.

Magi94 19/11/17 20:51 - 689 commenti

I gusti di Magi94

Non sono riuscito a capire la supposta magia e atmosfera di questo film. Non vedo altra estetica se non quella dello splatter (ma posso valutare bene un film solo per questo?), che più che estetica è l'utilizzo abbondante di effettacci brutti ma decisamente efficaci nel ripugnare. Per il resto una trama scopiazzata: l'hotel da Inferno, il cane da Suspiria, gli zombi che compaiono senza motivo dalla moda di quegli anni. Non basta il ben finale nell'Aldilà per farmi rivalutare questa accozzaglia di situazioni splatter senza capo né coda.

Arlec 23/02/18 02:44 - 18 commenti

I gusti di Arlec

Ricordo che da ragazzino la scena delle tarantole mi aveva traumatizzato e per qualche mese avevo vissuto anch’io nel terrore. Rivedendolo a distanza di tanti anni però, non ho potuto fare a meno di notare lo scarso realismo, non solo negli effetti speciali ma anche nei dialoghi e nel comportamento dei personaggi. È vero che il film contiene tutti gli elementi che un appassionato di horror potrebbe desiderare, ma certe ingenuità e trascuratezze nel copione e nella messa in scena non possono al giorno d'oggi passare inosservate.

Anthonyvm 7/05/18 23:14 - 2037 commenti

I gusti di Anthonyvm

Probabilmente il più acclamato horror di Fulci, ma forse il tassello più debole della "trilogia della morte". Il ritmo è lento, i tempi dilatati come in quasi tutti i film di Lucio, fino all'inevitabile esplosione gore. Manca però quel clima rurale e lovecraftiano di Paura nella città dei morti viventi, così come il gusto per la paura di Quella villa accanto al cimitero. Il film sta ben saldo sulle scene splatter da antologia e su un sublime finale apocalittico che non può lasciare indifferenti. Il resto è un po' noiosetto e inutilmente criptico.
MEMORABILE: La tortura iniziale del pittore; La morte di Mirabella; Il segmento in ospedale in pieno stile zombie-movie; Il bellissimo finale, estremamente cupo.

Bubobubo 2/09/18 00:51 - 1223 commenti

I gusti di Bubobubo

Un horror astratto, pittorico, metafisico, l'apice fulciano par excellence: la rappresentazione su tela della Paura inconscia e atavica. Innumerevoli le sequenze chiave, dal truculento epilogo virato seppia allo squillo a vuoto del campanello della stanza 36, dalle carrellate su una provinciale dechirichiana che si getta nel nulla alle sequenze gore (nei sotterranei dell'hotel, in biblioteca, in obitorio) a uno dei finali più belli ed espressivi dell'horror italiano. Sceneggiatura maestosa, musiche perfettamente calzanti.
MEMORABILE: Il finale.

Ira72 29/09/19 19:47 - 953 commenti

I gusti di Ira72

Questo non è un film comune della serie “quattro zombi e via”; è quasi un cult che con un proprio stile, italico e inimitabile, non può essere ignorato, né eguagliato. Colonna sonora magnetica, sospiri alla Suspiria raggelanti, sangue in ogni dove, marcio e marciume ovunque, elementi trash sparsi qua e là che, però, ben ci azzeccano (le tarantole carnivore su tutti). Sceneggiatura visionaria. Epilogo amaro.

Bullseye2 1/02/20 23:28 - 92 commenti

I gusti di Bullseye2

Etereo delirio e splatter oltranzista, pesanti concessioni all'exploitation più eccessiva e surrealismo alla Buñuel/Artaud/Dalì, celestiale poesia e gusto macabro: l'Aldilà marcato Fulci è una terra di mezzo dove gli estremi (in ogni senso) si toccano e si completano tra loro, si sublimano continuamente nella totale assenza di senso logico (magari conoscere un poco l'opera di Lovecraft aiuta senz'altro nella comprensione del film). Più che un film, un'esperienza da vivere, un'opera d'arte assolutamente unica che affascina a ogni visione.
MEMORABILE: Gli omicidi ultragore; Emily, la ragazza non vedente; I tetri e sudici sotterranei; Le visioni dell'etereo "aldilà".

Siska80 24/02/20 12:26 - 760 commenti

I gusti di Siska80

Capolavoro di Fulci (e del macabro in generale), il cui genio fa a gara con le meravigliose, destabilizzanti e a tratti malinconiche musiche di Fabio Frizzi (che costituiscono un horror nell'horror). Ottimo il cast, omicidi cruenti, sangue à gogo, trama avvincente con un valido background (il pittore ingiustamente crocifisso che torna dall'Aldilà per vendicarsi). Il restauro della pellicola ha rovinato l'originaria atmosfera lugubre e svelato alcuni trucchi (le pupille bianche finte).
MEMORABILE: Il ritratto del Salvatore dallo sguardo "vivo" e satanico.

Pinhead80 26/09/20 15:31 - 3970 commenti

I gusti di Pinhead80

Una giovane donna entra in possesso di un vecchio albergo e cerca di rimetterlo a nuovo. Ignorando numerosi avvertimenti che la invitano a lasciar perdere, finisce in un vortice di follia e orrore senza fine. Il film più visionario di Lucio Fulci sfrutta la sceneggiatura di un ispirato Dardano Sacchetti, che pesca nelle cose migliori del cinema horror dell'epoca. Nonostante non ci sia una trama ben definita, la sensazione è quella di scivolare poco alla volta in un mondo parallelo e angosciante che inghiotte ogni cosa. La scena delle tarantole e il finale sono notevoli.
MEMORABILE: La scena delle tarantole ed il finale.

Lupus73 28/09/20 14:13 - 642 commenti

I gusti di Lupus73

Antefatto seppiato nell'oscura Louisiana anni '20, poi nel presente in quell'hotel costruito su una delle sette porte per l'Aldilà. Rammenta l'Inferno argentiano, con la sua trama frastagliata e surreale, ma Fulci non raggiunge quelle vette, imbrigliato in una sceneggiatura più schematica e rigida in cui fanno da padroni i noti SFX horror-gore in macro da raccapriccio (che amplificano oltremodo la scuola di Bava, benché più grezzi e statici) e la ghost story che diventa storia di zombi (altro cardine di Fulci); il tutto finisce per soffocare il simbolismo e l'atmosfera spettrale.
MEMORABILE: La scena del cane lupo (che paga tributo a Suspiria); Il suggestivo antefatto; Gli ambienti dell'hotel.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 16/06/12 22:28
    Scrivano - 7630 interventi
    Corinne ebbe a dire:
    Non l'avevo mica riconosciuto, Fulci bibliotecario...

    E forse non avevi riconosciuto nemmeno Michele Mirabella, ospite nella biblioteca e destinato al supplizio dei ragni...
  • Discussione Corinne • 17/06/12 03:14
    Servizio caffè - 86 interventi
    Undying ebbe a dire:


    E forse non avevi riconosciuto nemmeno Michele Mirabella, ospite nella biblioteca e destinato al supplizio dei ragni...


    Lui sì :D
  • Curiosità Schramm • 21/07/12 01:51
    Risorse umane - 6712 interventi
    Al fine di non interrompere la tensione data dall'atmosfera, il film non venne interrotto da alcun intervallo

    (fonte: vari flani d'epoca)
  • Discussione Caesars • 30/11/15 16:16
    Scrivano - 11049 interventi
    Per chi fosse interessato, qui la prima parte del soggetto originale di Dardano Sacchetti
    http://www.nocturno.it/laldila-il-soggetto-ritrovato/
  • Homevideo Zender • 9/08/17 11:19
    Consigliere - 43620 interventi
    IL FAMOSO PROLOGO IN LOUISIANA (1927)
    Il prologo in Louisiana del film è stato a lungo una chimera, per gli appassionati degli Anni Novanta che cercavano il film in vhs. Si sapeva che era presente solo nell'introvabile vhs Starvideo, ma la cassetta che si beccava in qualsiasi videoteca era quella della Avofilm, che lo tagliava via completamente (e si parla di oltre sei minuti!).



    Ebbene, anni dopo, recuperata la Starvideo e confrontatala sia colla vecchia edizione dvd della Anchor Bay e col dvd Noshame, si evidenziano queste differenze. Il dvd Usa parte con un'inquadratura assente nel dvd italiano (e nella vhs Star, che elimina i primi 15 secondi e la dicitura Louisiana 1927):



    Poi si passa alla famosa inquadratura con la dicitura...



    ...che nel dvd Noshame è a colori (nonostante il prologo sia poi virato)!



    Poi, prima dell'arrivo all'hotel, altri 28 secondi tagliati dalla versione Starvideo (in cui si inquadrano i paesani sulle loro barche):



    Quando il gruppo sbarca davanti all'albergo notiamo come nella vhs Starvideo (sopra) si veda bene il verde della barca correttamente virato nella versione in dvd (sotto):




    Poi ecco le prime differenze nel doppiaggio. Le scene con la ragazza che legge il libro (Eibon), nella versione dvd sono infatti state ridoppiate quasi per intero. Ecco cosa si sente nella Starvideo:

    In questo libro sono raccolti tutti i frammenti delle profezie di Eibon che si tramandano da più di 4000 anni. Ora tu affronterai il mare delle tenebre e ciò che in esso v'è di esplorabile.

    Nelle altre versioni, in dvd, il più succinto ridoppiaggio (con voce molto diversa) dice:

    In questo libro sono raccolte tutte le profezie di Eibon che si tramandano da più di 4000 anni.



    Mentre il gruppo raggiunge il condannato al piano superiore, un uomo in penombra nella versione Starvideo dice una frase totalmente cancellata nel ridoppiaggio ("Ora affronterai il male delle tenebre"):



    Davanti al condannato nuovo cambio di doppiaggio: il leader dei paesani prima di infierire su di lui gli sussurra:

    Lurido stregone! Dovevi andartene da questo paese.

    Che nel ridoppiaggio diventa:

    Lurido stregone! Per colpa tua questo paese e quest'albergo saranno maledetti in eterno.



    Comincia il martirio e la ragazza torna in scena per recitare un altro passo dell'Eibon, ma questa volta NON VIENE RIDOPPIATA sul dvd (!), il che significa che la ragazza, a distanza di pochi secondi, si trova ad avere sul dvd due voci diverse!

    E sette terribili porte sono nascoste sulla Terra e nel mare in sette luoghi maledetti. Guai a chi si avvicinerà senza sapere.

    Mentre il gruppo col condannato ridiscende le scale trascinandolo agonizzante il dvd questa volta AGGIUNGE una sua frase minacciosa non presente sulla vhs ("Attenti a quello che fate. Quest'albergo è stato costruito su una delle sette porte del Male. Solo io posso salvarvi"):



    Arrivano gli ultimi passi dell'Eibon e risubentra il ridoppiaggio della lettrice, che nella vhs dice...

    E solo chi conoscerà il grande segreto, lui soltanto avrà la chiave per aprire una delle sette porte del Male.

    ...mentre su dvd chiude con:

    Guai a chi aprirà una delle sette porte dell'inferno perché attraverso quella porta il Male invaderà il mondo.



    Col libro che s'incendia partono a questo punto i titoli di testa sul fuoco, che nella vhs non portan traccia di alcun "...E tu vivrai nel terrore":



    Il prologo virato seppia, nella versione Starvideo ha un viraggio diverso che mantiene come abbiamo visto alcuni colori ma tende comunque al rosso e al giallo. Per vedere il prologo interamente a colori, come mi fa notare Deepred89, è necessario andare tra gli extra del dvd Noshame, dove compare con la dicitura "versione a colori del prologo iniziale per il mercato tedesco", o nel rimontaggio americano intitolato 7 Doors to Death, edito negli Stati Uniti in vhs per la LD Video Production, dove però esso appare mutilato di tutti i dettagli truculenti:




    Come precisa Deepred89, il mistero di tali varianti di doppiaggio e viraggio nel prologo vede in realtà una soluzione semplice: tali differenze erano già presenti nella copia censura del film, depositata presso il Centro sperimentale di cinematografia di Roma. Il doppiaggio è stato in seguito modificato (si suppone) per l’uscita nelle sale cinematografiche italiane, ma tale copia primigenia, il cui titolo era ...E tu vivrai nel terrore! L’aldilà, è comunque stata utilizzata come base per il doppiaggio dell’edizione edita in vhs dalla Star Video. Non si esclude infine che tale doppiaggio primigenio possa essere stato incluso nell’edizione cinematografica svizzera, il che spiegherebbe il suo utilizzo per la vhs Star, edita per l’appunto in Svizzera.
    Ultima modifica: 26/04/19 11:41 da Zender
  • Homevideo Zender • 14/11/18 14:59
    Consigliere - 43620 interventi
    Segnalo che per la Artus è uscita una ottima edizione francese in bluray del film, con traccia italiana e sottotitoli removibili. Qui una recensione e tre immagini che documentano il confronto col più noto bluray Arrow del film:

    http://www.dvdclassik.com/test/blu-ray-l-au-dela-artus-films-collector-blu-ray-dvd-livre

    O anche QUI, confrontato con lo Scotti Prod e il Grindhouse.
    Ultima modifica: 24/11/18 18:22 da Zender
  • Homevideo Ruber • 9/01/19 19:25
    Compilatore d’emergenza - 8999 interventi
    Di questo classico di Fulci ,quale br cosa consigliate: l'Arrow o l'Artus ?
  • Homevideo Ruber • 9/01/19 23:39
    Compilatore d’emergenza - 8999 interventi
    Mi rispondo da solo dove aver visto il link di Zender che compara le due edizioni, e credo sia nettamente migliore quella della Arrow.
  • Homevideo Panto • 16/01/20 12:20
    Disoccupato - 2 interventi
    Ruber io darei uno sguardo anche alla recentissima versione Shameless se non vuoi andare a colpo sicuro sulla migliore in circolazione: la Grindhouse (però Region A) ;)
    Ultima modifica: 16/01/20 12:21 da Panto
  • Homevideo Caveman • 17/01/20 11:32
    Pulizia ai piani - 280 interventi
    Complimenti per il lavoro certosino.