Jurassic world

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Jurassic World
Anno: 2015
Genere: animali assassini (colore)
Note: Quarto capitolo della saga iniziata con "Jurassic Park".
Numero commenti presenti: 29
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Sono passati quasi quindici anni dall'ultimo maldestro tentativo di sfruttare il franchise di JURASSIC PARK e col cambio di titolo la formula ritrova almeno una sua freschezza. Ambientando tutto in un grande parco finalmente aperto al pubblico è chiaro che ci si sposta da una dimensione più "privata" ad un grande show che coinvolge migliaia di persone: il grande sogno di un gigantesco spazio dedicato ai dinosauri è diventato realtà, da sfruttare su larga scala e con tutte le attrazioni del caso. Ma il T-rex e i velociraptor non bastano più: la nuova meraviglia si chiama Indominus rex ed è un temibile OGM, combinazione del dna di specie diverse con tutte le controindicazioni...Leggi tutto del caso, a cominciare da un'intelligenza strategica del tutto fuori dal comune. La forma non è molto diversa da quella del buon vecchio T-rex, ma la sagacia e la ferocia ne fanno un'arma mortale incontrollabile: non uccide per cibarsi ma per il piacere di farlo, e quando i soliti fessi lo lasciano fuggire dal recinto hai voglia a fermarlo... Come era facilmente preventivabile la forza di questo quarto capitolo risiede nella sua innegabile spettacolarità. Passati gli anni della meraviglia, della novità di veder muoversi i dinosauri con realismo un tempo inimmaginabile, oggi si percorre soprattutto la via del thriller sanguinario “per ragazzi” inventando una storia ovviamente pretestuosa che fa incontrare il palestratissimo ammaestratore di velociraptor (Pratt) con la responsabile del parco (Howard) proprio mentre a lei spetterebbe il compito di accompagnare nella visita i suoi due nipoti giunti lì. Ma la donna delega i doveri parentali e i due ragazzi finiscono al centro della battaglia, a tu per tu col nuovo mostro protetti (si fa per dire) da una sfera semovente di vetro, utilizzata dai visitatori come mezzo di trasporto. Quando va in scena l'azione c'è da divertirsi: era un bel po' che non riprovavamo la saurofobia... l'enorme potenziale dell'antica formula si mantiene intatto e grazie ai nuovi effetti digitali la quantità di scene memorabili non si conta. Il pubblico meno smaliziato si divertirà “ingenuamente”, gli altri faticheranno a non riconoscere la mediocrità dei personaggi, l'improbabilità di molte situazioni, i buchi di uno script non certo virtuoso. Non convince molto la presenza di un Vincent D'Onofrio in versione “cattivo” e l'utilizzo dei raptor in chiave punitiva appare decisamente tirato per i capelli. Per fortuna nella piscina nuota un colossale mosasauro che vale il prezzo del biglietto e che si ritaglierà un bel ruolo “a sorpresa”. Ottimamente realizzato anche il volo radente dei presunti pterodattili e più in generale tutti i faccia a faccia coi sauri in libera uscita, mentre lo scontro finale è degno erede dei tanti che hanno chiuso per anni i monster-movie soprattutto di matrice giapponese. Insomma, sorvolando sui troppi cliché in sceneggiatura e sul conseguente calo di ritmo quando l'azione latita, il semiesordiente Colin Trevorrow rianima la saga e la prepara a proseguire all'insegna del divertimento puro, sempre più lontana dalle ambizioni primarie di Crichton (nel frattempo defunto) e volta a soddisfare chi spera in primo luogo di vedere i cari estinti divorarsi e spaventare quanti più umani possibile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/06/15 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 13/06/15
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rambo90 12/06/15 02:42 - 6435 commenti

I gusti di Rambo90

Dopo anni di gestazione, finalmente il quarto capitolo di Jurassic Park ha visto la luce, ed è divertente quanto basta. Trevorrow è riuscito a creare uno spettacolo di puro intrattenimento, non esente da difetti (manca vera tensione, il digitale rende i dinosauri troppo "finti") ma che garantisce pura evasione. Il ritmo è a mille, lo scontro finale tra vari dinosauri è spettacolare e la colonna sonora epica come in passato. Pratt se la cava, la Howard è alla sua apparizione migliore, D'Onofrio ottimo. Giocattolo che funziona.
MEMORABILE: Zara; La voliera.

Puppigallo 20/06/15 01:21 - 4525 commenti

I gusti di Puppigallo

Discreto sequel del primo capitolo, che ha dalla sua notevoli effetti, ma che denota anche una certa carenza di idee stimolanti. E' stata intrapresa la via più facile, quella della manipolazione genetica spinta all'estremo. Il problema è, che quando si mostra al pubblico un dinosauro stile mostro di Frankenstein, inevitabilmente ci si allontana dall'essenza di questa fantavisione (avere a che fare con titani del passato e non con mutanti). Anche i raptor sono un po' sminuti nella loro nuova condizione semicontrollata, mentre il mosasauro fa la sua bella figura. Comunque, nel complesso, non male
MEMORABILE: Il predatore alle prese con la "palla da criceto"; Il dinosauro moribondo e l'accerchiamento dei raptor (due rimandi al capostipite); Il "buon" T-rex.

Von Leppe 13/06/15 20:34 - 1050 commenti

I gusti di Von Leppe

Si cerca di innovare la serie con l'introduzione di un nuovo discutibile dinosauro inventato dall'ingegneria genetica, che sembra prendere il posto del vecchio e caro T Rex. La storia non presenta innovazioni degne di nota e quindi se si toglie tutto l'apparato spettacolare e gli effetti, questo film non è superiore ai precedenti seguiti. Ci sono le solite soluzioni popolari e i soliti personaggi. La scienza viene meno. Fotografia assente.
MEMORABILE: I velociraptor ammaestrati.

Ultimo 14/06/15 12:55 - 1384 commenti

I gusti di Ultimo

Giunti al quarto capitolo della saga, il regista Trevorrow realizza un buon prodotto, questa volta ambientato in un immenso parco del centro America, aperto al pubblico e basato su una tecnologia super avanzata. La prova del cast è discreta, ma è quasi superflua davanti alla spettacolarità delle scene con i dinosauri (chiaramente aumentati di qualità grazie all'evolversi della tecnologia). Attenzione al dinosauro "acquatico"! Scorre bene fino alla fine.

Markus 15/06/15 16:33 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Quarto capitolo di una saga che quindici anni fa pareva essersi esaurita; invece bisogna dar atto a Trevorrow d’aver rinverdito la vicenda con ritmo serrato, buoni effetti, un po’ di sangue e personaggi adatti al ruolo che creano feeling con il pubblico (soprattutto con quello di maggior destinazione dell’opera, ovverosia i giovanissimi). I dinosauri allietano e fanno sobbalzare sulla poltrona uno spettatore senza pretesa alcuna tranne quella di ammirare la dovuta professionalità di un prodotto che deve dare emozioni a suon di action milionario.

124c 22/06/15 15:03 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Versione femminista di Jurassic Park, perché è una donna che mette in pericolo i visitatori del nuovo parco, approvando la creazione di un dinosauro mai esistito, ed è sempre quella donna a risolvere tutto salvando anche i due odiosi nipotini. Più che l'Indiana Jones dei poveri Chris Pratt (che sa anche comunicare coi velociraptor) è proprio il personaggio di Dallas Bryce Howard, sempre in tailleur e tacchi a spillo, a essere l'eroina del film. Simpatico, ma i tacchi di lei sarebbero stati tagliati dall'eroe, ai tempi di Kathleen Turner.

Rebis 4/07/15 11:21 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Per gli autori - Spielberg incluso - Jurassic Park ormai è roba da antiquariato. Sarà, ma al netto di una CGI sempre più dettagliata, in oltre due ore di narrazione resta inappagato proprio "il sense of wonder", consegnato agli occhi di un bambino dalla caratterizzazione mediocre: fioccano le occasioni mancate, l'autocensura si impone nei momenti splatter, gli effetti 3D non agguantano e l'autoironia è solo una magra consolazione. Ci si porta a casa: l'hitchcockiano attacco degli pterodattili, il maestoso mesosauro, una scena in notturna con i velociraptor e un finale da "nostalgia per le origini".

Deepred89 9/07/15 14:10 - 3310 commenti

I gusti di Deepred89

Poche variazioni rispetto ai prototipi, ma stavolta la parte preparatoria è diluita, gli attori lasciano il tempo che trovano e i personaggi mancano di carisma (per non parlare di due ragazzini particolarmente insopportabili). C'è il ritmo, c'è la forma (buona l'idea dell'impiego massiccio di campi lunghissimi, con gli umani che sembrano gruppi di piccoli insetti), ci sono i milioni di dollari e si segue discretamente, ma le due ore di durata non lasciano niente se non la puzza di popcorn in sala. 3D eccessivo e straniante.

Taxius 14/07/15 00:39 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Divertente americanata che resuscita dopo 14 anni il franchise dei dinosauri più amati da grandi e piccini. Il film è una pura operazione commerciale e non riesce minimamente a creare nello spettatore quella sensazione di meraviglia e stupore che invece riusciva al capolavoro del 1993. Simpatico Chris Pratt ovvero l'uomo che sussurrava ai velociraptor e brava la Howard, mentre sono odiosi i due nipotini. Ottimi gli effetti speciali, che però danno una sensazione di "finto": erano meglio gli animatronix del primo film. Comunque buono.

Daniela 15/07/15 09:10 - 9643 commenti

I gusti di Daniela

Tutto è bene quel che finisce bene. E' vero, muoiono in tanti (decine? centinaia? sembra importi poco) anche se purtroppo non muore il personaggio più irritante di tutti (suggerimento: fra quelli principali, è il più basso). Però la cinica femmina in carriera riscopre il valore della famiglia, sparge qualche lacrima animalista, soprattutto potrà farsi portare a letto e magari anche impalmare dal bel maschio grezzo della situazione. Di fronte ad una trama puerile e a personaggi tanto stereotipati e/o antipatici, gli effetti speciali mi fanno un baffo. Un quarto capitolo che fa rivalutare il terzo.
MEMORABILE: "Stanno tutti bene","Non è vero, è una bugia". "E' spaventato, si può dire una bugia a chi è spaventato" (certo, ma non gli devi dire che menti!)

Sircharles 19/07/15 13:13 - 92 commenti

I gusti di Sircharles

Il ritorno della saga jurassica risulta tutto sommato dignitoso. Paga un inevitabile tributo all'irrealistica esagerazione dei più moderni effetti speciali, ma avvince con una buona tensione che regge fino alla fine. Caratterizzazione dei personaggi appena accennata (si percepisce un disagio familiare dei protagonisti, bambini, genitori e zia in carriera, ma se ne perdono presto le tracce), ma in fondo quel che conta in certe pellicole è l'azione, no? Howard jr. oggettivamente stupenda, ma anche "sul pezzo".

Nipo 20/07/15 23:19 - 40 commenti

I gusti di Nipo

Bel numero 4. Dinosauri a tutto campo come giusto in questo film, più protagonisti degli umani. Buona la tensione per la scoperta del nuovo incrocio e bella variante per i raptor, che altrimenti sarebbero stati ripetitivi. L'attesa per il rex diventa una bella sorpresa nel finale e finalmente vediamo gli effetti di un pubblico nel parco! Poco interessa la profondità psicologica, qui si vogliono vedere sauri in azione e si viene accontentati in abbondanza! Buoni tocchi di spavento e meraviglia, zero noia.
MEMORABILE: la lotta finale, dalla liberazione del t-rex fino al colpo finale!

Blutarsky 26/07/15 19:11 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Trevorrow costruisce questo nuovo capitolo nel solco dei precedenti come struttura, ma lesina idee in sceneggiatura: pochi spunti interessanti e caratterizzazioni esili (se non irritanti) dei protagonisti; si punta molto di più sull'azione e sulla quantità e varietà di dinosauri sullo schermo. Alla fine non ci si annoia e quando i dinosauri sono in azione a far disastri il film intrattiene con buon ritmo, ma fallisce nel restituirci un po' di quel "sense of wonder" del capostipite e/o rivitalizzare una saga ormai arrivata alla frutta...

Galbo 1/10/15 16:10 - 11451 commenti

I gusti di Galbo

Esaurito con la trilogia originale e con il primo film in particolare l'effetto sorpresa, la scommessa del nuovo capitolo è quella del "sempre più grande e spaventoso". Sopratutto nella seconda parte, Colin Trevorrow (che non è Spielberg e si vede) impartisce alla storia un ritmo elevato e complice qualche creatura d'effetto (quella acquatica in particolare) porta a casa il risultato. La scelta dei due protagonisti adulti si rivela vincente mentre i due ragazzi del cast non hanno esattamente il dono della simpatia. Tutto sommato non male.

Viccrowley 15/10/15 07:44 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Sulle note del famoso theme di John Williams, si torna a visitare la Dinoland creata dalla penna di Crichton dopo più di 20 anni dall'esordio cinematografico. C'è tutto, dalle meraviglie degli SFX ai ragazzini odiosi e saputelli, per arrivare a monster attack tanto spettacolari quanto innocui e anemici e al buonismo d'accatto. Tutto, ma proprio tutto sa di scaduto, fuori tempo massimo e non basta qualche sequenza comunque spettacolare per risollevare qualcosa di fin troppo prevedibile. Solo per fan irriducibili dei lucertoloni preistorici.
MEMORABILE: Lo scontro tra il T-Rex, il Raptor e l'Indominus Rex.

Redeyes 18/10/15 17:48 - 2162 commenti

I gusti di Redeyes

Si sentiva il bisogno di covare un Godzilla, rinchiuderlo in un parco a tema e propinarcelo ad anni di distanza dall'originale? La risposta pare scontata: no. Due ore di azione con due figlioli antipatici e scialbetti e una coppietta tutto sommato godibile fra raptor, T-rex e mutazioni godzilliane. 120 minuti che dicono poco, forse niente e non ci fanno di certo sussultare... Ampiamente perdibile.

Piero68 19/10/15 13:40 - 2781 commenti

I gusti di Piero68

Che la Mecca del cinema abbia ormai esaurito le idee è lampante, ma che si ostini sempre con gli stessi soggetti è da masochisti. Mondo giurassico parte 4, ovvero va in scena il già visto e anche peggio. A questo si aggiunga un parco attori che sono il massimo dell'antipatia (e uso un eufemismo) ed ecco a voi un prodotto davvero scadente destinato a un pubblico giovane ma che ovviamente prova a strizzare l'occhio anche a un target più "maturo". Spiace vedere D'Onofrio, valido caratterista, impelagato in questa macchietta. Terribile è dir poco.

Rigoletto 23/02/16 10:52 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Luci, colori, spettacolo... e morte. Ma il giocattolone sui giganti del passato è un fumettone tanto prodigo di immagini quanto vuoto e povero di idee nei contenuti; a dimostrazione di ciò, le tante (troppe) citazioni dal primo film. Se poi vogliamo passare una serata disimpegnata va benissimo, assolve perfattamente al suo compito, ma né il cast né la storia così come è stata congegnata (tranne in un punto, effettivamente efficace) possono essere oggetto di una seconda visualizzazione se non all'interno dell'intera saga.

Legnanino 1/12/15 00:40 - 16 commenti

I gusti di Legnanino

Essendo l'ultimo film della trilogia era lecito attendersi qualcosa di più interessante, dati i progressi degli effetti speciali. Si vedono meno tipi di dinosauri rispetto ai film precedenti, il che delude. Non c'è corrispondenza fra il grande movimento di eventi e le reazioni e le conseguenze relative alle persone. Finisce con il sembrare un fucile modernissimo, ma scarico. Finale che fa quasi sorridere, con quella corsa coi tacchi altissimi...

Capannelle 15/12/15 00:05 - 3744 commenti

I gusti di Capannelle

Mezz'ora di noia e dialoghi scritti da Topolino, poi qualcosa si muove. Ma lo scatenarsi degli eventi e il gioco delle parti non prende come dovrebbe e viene sminuito da quei bimbi sempre nel mezzo, da quella donna che attraversa l'intero parco con tacchi a spillo e makeup persistente, dal suo toy boy che tutto sa e tutto prevede. Insomma, un episodio troppo plasticato dove solo alcuni lucertoloni si guadagnano la pagnotta.
MEMORABILE: Pochi avranno pianto per la sadica fine dell'assistente.

Guru 1/03/16 11:39 - 348 commenti

I gusti di Guru

La passione per le storie fantastiche sugli animali preistorici creati in laboratorio non mi abbandona! Guardare il film con gli occhi di un bambino mi affascina ancora e pertanto mi ha convinto e mi è piaciuta la sceneggiatura, con tutti i gli effetti speciali e non. La coppia Pratt e Dallas Howard (splendida figlia di Ron) funziona anche nei passaggi tragicomici. Buona la regia.

Mutaforme 14/03/16 14:59 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

I dinosauri creati da Spielberg tornano dopo parecchi anni e non è solo un bel vedere, ma anche una buona storia. Si strizza molto l'occhiolino all'originale, ma non è necessariamente un male; alla fine infatti ci troviamo di fronte a un omaggio piuttosto che a un remake. Buono anche come film d'azione, lo spettatore è sempre coinvolto e non ci sono pause narrative.

Rikycroc77 4/05/16 20:21 - 54 commenti

I gusti di Rikycroc77

Il sequel che tutti i fan stavano aspettando. Trevorrow confeziona il miglior capitolo della saga dopo il capostipite, omaggiandolo con continue citazioni e strizzate d'occhio. Un ritmo incalzante, ottimo cast, regia molto "spielberghiana", colonna sonora da urlo ed effetti speciali pazzeschi. Ma c'è anche tanto amore da parte di un regista che, fan tanto quanto noi, è riuscito a resuscitare una delle saghe più belle di sempre nel migliore dei modi, cogliendo lo spirito del primo capitolo e del romanzo di Crichton. Imperdibile!
MEMORABILE: L'Indominus Rex, un grande villain che racchiude lo spirito del romanzo e una sottile critica alla società moderna; L'epico finale.

Minitina80 18/03/18 22:51 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Ormai sembra un’enorme baraccone a cui basta cambiare di poco il titolo per nascondere sempre la solita sceneggiatura, portata avanti dalle stesse figure scontate. Sembra, infatti, impossibile discostarsi dall’inconveniente che dà il pretesto per le medesime situazioni, ormai standardizzate nella serie. Ovviamente non manca il solito bambino saputello con una situazione familiare in bilico che in fatto di antipatia se la gioca con un po’ con tutti. Se i risultati sono ogni volta questi, poco importa degli effetti speciali.

Jandileida 18/02/17 22:01 - 1276 commenti

I gusti di Jandileida

Ariecco i lucertoloni: a distanza di anni infatti tornano i dinosauri di Spielberg. Questa volta lui non c'è e si spinge molto sul pedale dell'action: i personaggi per esempio sono proprio quanto di più visto si possa pensare per questo genere di film (il bambolo infallibile, la zia piacente col tacco 12, i bimbini, lo scienziato...). Detto questo, però, l'aggeggio funziona: storia tirata e senza pause, il nuovo "cattivo" appunto molto cattivo, effetti speciali ovunque ma molto ben fatti e qualche bell'inseguimento ad alta tensione. Divertente.

Gabigol 19/06/17 17:23 - 418 commenti

I gusti di Gabigol

Impossibile ridare linfa a un brand che non avrebbe mai potuto dire niente di nuovo già dopo il primo capitolo, ma tant'è... Trevorrow propone il parco, fatto e finito, con la sfarzosa CGI caricata sino agli eccessi; l'impostazione fortemente americana del plot (personaggi monodimensionali e sviluppi narrativi triti e ritriti), inoltre, delinea con cura questa bieca "operazione nostalgia" per sbancare il botteghino e fare terra bruciata di tutto e tutti. Intrattenimento davvero spicciolo e neanche così tanto curato.
MEMORABILE: Il Mosasauro (forse l'aspetto migliore del film); La colonna sonora di John Williams.

Lucius 17/07/17 18:48 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Degno seguito dei precedenti film grazie a una computergrafica di ultima generazione a dir poco sbalorditiva, a un cast ispirato e a una sceneggiatura sui generis, il quarto capitolo della saga giurassica arriva a toccare punte inaspettate assicurando grande spettacolo, emozioni e qualche brivido di paura. La parte dei leoni la fanno ancora una volta i dinosauri, realizzati magnificamente: l'effetto è sbalorditivo. Gran bel lavoro di Trevorrow. Emozioni al top per chi non cerca per forza il pelo nell'uovo.

Pigro 11/06/18 07:28 - 7912 commenti

I gusti di Pigro

Torna il parco Jurassic e, con esso, la rivolta del mostro nato stavolta dall’ingegneria genetica. A parte gli effetti speciali, che sono davvero niente male, un ritmo discreto e l’idea dei raptor addomesticati, per il resto siamo di fronte al nulla. O meglio, al trionfo dei cliché, compreso un raffazzonato buonismo animalista nei confronti dei bestioni. Oltre alla mancanza di originalità (e della paura) trionfa ovunque anche il ridicolo, che culmina nella figura dell’eroina che scappa dai dinosauri in tacchi alti (indistruttibili?).

Anthonyvm 26/08/20 23:21 - 2131 commenti

I gusti di Anthonyvm

Quando il dottor Wu si giustifica davanti a Masrani circa la creazione dell'Indominus Rex ("Lo volevate più grosso, più cattivo, con più denti") sembra quasi di sentire l'autoironia dei creatori di fronte ai fan di vecchia data del primo Jurassic Park. In effetti, nella sua esasperazione fantascientifica ed esagerazione sentimentalista, il quarto capitolo si presenta come un grosso "monstrum" fuori controllo, che tuttavia riesce a soffocare le sue notevoli mancanze dietro tonnellate di ottimi effetti visivi e un ritmo che non conosce tempi morti. Sciocco e cafone, ma molto spassoso.
MEMORABILE: Il mosasauro in vasca prende uno squalo bianco al volo come se fosse un pesciolino; L'Indominus fa strage di soldati; I ragazzini sulla sfera mobile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 17/07/15 07:58
    Consigliere - 43735 interventi
    Mah la sceneggiatura non è mai stata il punto forte della serie, ma direi che il fascino trasmesso dal vedere i dinosauri liberarsi in più forme resta ineguagliato e la regia mi è parsa molto più incisiva rispetto, ad esempio, allo scialbissimo numero 3.
  • Discussione Capannelle • 17/07/15 13:38
    Scrivano - 2511 interventi
    Oh mi sono accorto di non aver commentato il #2 (non era male) mentre non so se ho visto il #3.
  • Discussione Ruber • 17/07/15 15:25
    Compilatore d’emergenza - 9013 interventi
    Il primo diretto dal maestro Spielberg,
    rappresentava una novità assoluta, sopratutto negli effetti speciali dei dinosauri, ha portato a conoscere il libro di Crichton, e sopratutto l'aver utilizzato un cast di semi sconosciuti gli ha giovato parecchio, poi gli incassi enormi al botteghino nel mondo hanno solo premiato il tutto. Ma il primo rimarrà nella storia, gli altri sono come per gran parte dei sequel dei filmetti poco originali che sfruttano solo l'idea di base e poi ci mettono qualsiasi cosa pur di raschiare il barile, inventandosi cose assurde. Capisco Spielberg che non vuole rifare un remake dello Squalo, visto il penoso terzo capitolo.
  • Discussione Rebis • 17/07/15 15:31
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    ... però Spielberg è produrre esecutivo di questo quarto capitolo...
  • Discussione Buiomega71 • 17/07/15 17:25
    Pianificazione e progetti - 22102 interventi
    Io adoro il primo (Spielberg non ha fatto altro che riproporre il suo Jaws in chiave "dinosauresca" e Crichton ha dato una nuova versione del suo monumentale Westworld. Mettili insieme a fan faville, eccome se le fanno)

    Ma mi piace pure il secondo, con il T-REX che combina danni in città sul "catastrofismo" alla 1941 (la scena della villetta con piscina e da standing ovation), eppoi vedere David Koepp pappato dal tirannosaurone non ha prezzo (uno dei camei più geniali della storia del cinema)

    Però mi sono fermato lì...
  • Discussione Ruber • 18/07/15 02:34
    Compilatore d’emergenza - 9013 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    ... però Spielberg è produrre esecutivo di questo quarto capitolo...

    si ma non partecipando alla sceneggiatura e non dirigendolo lui non credo neanche che lo supervisioni più di tanto, poi sai i soldi sono soldi...

    Buiomega71 ebbe a dire:
    Io adoro il primo (Spielberg non ha fatto altro che riproporre il suo Jaws in chiave "dinosauresca" e Crichton ha dato una nuova versione del suo monumentale Westworld. Mettili insieme a fan faville, eccome se le fanno)

    Ma mi piace pure il secondo, con il T-REX che combina danni in città sul "catastrofismo" alla 1941 (la scena della villetta con piscina e da standing ovation), eppoi vedere David Koepp pappato dal tirannosaurone non ha prezzo (uno dei camei più geniali della storia del cinema)

    Però mi sono fermato lì...


    Ma io il secondo da quel che ricordo non lo avevo neanche finito di vedere o forse ci ero riuscito a fatica, è raro che sequel su animali assassini e similari funzionino dopo il primo, qualche eccezione c'è ma si contano sulle dita.
    Ultima modifica: 18/07/15 02:53 da Ruber
  • Discussione Nipo • 20/07/15 23:26
    Galoppino - 74 interventi
    Non so dire se preferisco che non l'abbia curato Spielberg, visto che sento ancora i traumi per la delusione della guerra dei mondi e del quarto indiana jones... Alla fine si, preferisco che non ci metta mano!!! Poi, per il resto, da un film che è palesemente un giocattolo non è che mi attendo particolari approfondimenti filosofici o personali, ma voglio vedere l'azione!
  • Discussione Lucius • 17/07/17 18:50
    Scrivano - 8308 interventi
    Nipo ebbe a dire:
    Non so dire se preferisco che non l'abbia curato Spielberg, visto che sento ancora i traumi per la delusione della guerra dei mondi e del quarto indiana jones... Alla fine si, preferisco che non ci metta mano!!! Poi, per il resto, da un film che è palesemente un giocattolo non è che mi attendo particolari approfondimenti filosofici o personali, ma voglio vedere l'azione!

    E infatti di azione ce n'è molta. Grazie Nipo per il tuo commento, che mi ha incuriosito e fatto scoprire quest'avvincente pellicola.
  • Discussione Nipo • 24/07/17 23:10
    Galoppino - 74 interventi
    Lo scontro finale con il t-rex guest della situazione è spettacolare, per non parlare dell'ultimo "colpo di coda" che non mi aspettavo!!!
  • Discussione Zender • 25/07/17 08:08
    Consigliere - 43735 interventi
    Sì, devo dire che anche per me è stata una bella sorpresa: Trevorrow è riuscito a gestire bene soprattutto gli effetti e le inquadrature che riguardano i dinosauri. Poi certo, il colpo di coda è davvero un bel colpo di coda, anche metaforico.