Jungle

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/11/17 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 1/11/17 04:45 - 6164 commenti

I gusti di Herrkinski

Visto il curriculum di McLean ci si aspetterebbe un horror; o magari un cannibal, vista l'ambientazione; invece il regista gira un mix tra avventura e dramma basato su una storia vera di un turista disperso in Amazzonia. Di certo McLean non è nuovo a riprese in ambienti naturali e infatti il film visivamente è un bel vedere; la storia è risaputa ma ben resa da un cast all'altezza. Dura un po' troppo e i flashback erano evitabili; pochi i particolari cruenti, ma resta un survival-movie di discreto impatto che piacerà a chi ama le location selvagge.

Daniela 8/11/17 02:42 - 10921 commenti

I gusti di Daniela

Spinto dal suo spirito inquieto, un giovane israeliano esplora la giungla amazzonica con due amici ed una guida meno esperta di quello che vuol sembrare... Ispirato ad una vicenda avvenuta negli anni '80, il film sconta una prima parte piuttosto noiosa, soprattutto per la poca simpatia che ispirano questi turisti occidentali in cerca d'avventura, poi, quando le cose si mettono male, migliora, trasformandosi in un survival-movie in condizioni difficilissime, reso suggestivo dall'ambientazione. Niente di particolare, ma Radcliffe è convincente e qualche sequenza risulta ben fatta.
MEMORABILE: La zattera va a sbattere contro una roccia nel mezzo alle rapide; Nelle sabbie mobili; Scuotere l'albero per far cadere le formiche rosse

Capannelle 15/11/17 00:14 - 3954 commenti

I gusti di Capannelle

Non è male questo film ispirato a una storia vera e al limite dell'incredibile. Tutto gira intorno a un gruppetto di quattro escursionisti, le cui interazioni risultano credibili per ravvivare il racconto. Arrivati al punto di svolta inizia la lotta per la sopravvivenza che, pur scontando qualche parentesi poco convincente o ripetuta, tiene a galla il film. Validi i quattro protagonisti e attenta la regia a muoversi nel paesaggio selvaggio senza voler strafare.

Puppigallo 7/10/18 19:42 - 4716 commenti

I gusti di Puppigallo

Il problema di quasi tutti i film di questo genere è la gestione del minutaggio, prima dell'entrata nella giungla. E anche qui si deve sorbire un po' di retorica e di discorsi triti sull'illusione della libertà. Poi, fortunatamente, appena la realtà della natura incontaminata e selvaggia fa capolino, la cosa si fa più interessante, pur non offrendo particolari guizzi registici, eccezion fatta per la scena delle rapide, molto ben ripresa e coinvolgente. Nel complesso, non è male, ma non va al di là di un corso gratis di sopravvivenza offerto a uno sprovveduto troppo convinto.
MEMORABILE: L'estrazione del verme sottopelle; L'uovo con sorpresa non liquida.

Piero68 5/03/19 08:30 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

Ispirato a una storia incredibile, il film soffre nella parte iniziale ma poi piano piano, quando arriva la parte adventure, decolla fino a toccare punte quasi da Deodato (le uova, il verme sottopelle, l'uccisione della scimmia...). Ci fosse stato un cast più convincente sarebbe stato davvero un film solido. Così ne esce una pellicola appena sopra la media che soffre davvero troppo la mancanza di un attore di riferimento più scafato.

Nando 7/03/19 11:20 - 3591 commenti

I gusti di Nando

La giungla boliviana è la protagonista di questa vicenda ispirata da fatti reali. La prima parte appare di costruzione e non mostra molto fascino, mentre nella seconda la pellicola emerge con le drammatiche vicende del protagonista, che sarà sempre sull'orlo del baratro in situazioni abbastanza ben tratteggiate. Cast non proprio di primo piano, comunque Radcliffe è discreto.

Taxius 11/05/20 12:47 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Tratto da una storia vera, Jungle racconta l'incredibile avventura di tre ragazzi e della loro ambigua guida che si sono persi nella giungla boliviana. Trattasi di un classico film di sopravvivenza che destina la prima parte alla presentazione dei protagonisti e alla loro voglia di avventura e la seconda invece alla disperazione, ai litigi interni e alla voglia di sopravvivere. Nella prima parte il film arranca, ma nella seconda parte spedito grazie alla bravura di Daniel Redcliffe e ai paesaggi mozzafiato. Assolutamente non male.

Thomas Kretschmann HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 8/11/17 02:46
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    Tratto dal romanzo autobiografico omonimo dell'israeliano Yossi Ghinsberg.
    Notizie sull'autore si trovano qui (in lingua inglese).