Jin-Roh - Uomini e lupi

Media utenti
Titolo originale: Jin-Roh
Anno: 1999
Genere: animazione (colore)
Cast: (animazione)
Note: Primo episodio dal punto di vista temporale della "Kerberos saga". Ha avuto nel 2018 un remake live-action sudcoreano intitolato "Illang - Uomini e lupi".
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

In attesa di comparire nel box Ultimi commenti: Fabbiu ( 6/12/20 21:53)
TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/05/13 DAL BENEMERITO VICCROWLEY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Viccrowley 4/05/13 02:53 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Mamoru Oshii sceneggia e produce un crudo e disperato affresco ambientato in una Tokyo alternativa di fine anni 60. Echi Dickiani da "La Svastica sul sole" si mischiano a tematiche distopiche nel narrare una cupa rilettura di Cappuccetto Rosso. L'unità speciale Kerberos reprime ogni tentativo di sovvertire l'ordine. Uno di loro riscoprirà la sua umanità  e dovrà  fare una scelta. Potente, cupo apologo sul dualismo violenza/innocenza insito nell'uomo, fa della ribellione il mezzo per ritrovare la luce in fondo al tunnel. Centrando il bersaglio.
MEMORABILE: L'incontro tra Kazuki e Kai sulla tomba della sorella; Le armature dei Kerberos.

Aco 26/04/20 13:28 - 59 commenti

I gusti di Aco

Pur essendo un lungometraggio animato possiede un taglio drammatico e toccante, una cura dei dettagli tipica di un film, con ambienti e scenografie molto curate, specie se si considera che si tratta dell’ultima opera realizzata in tecnologia “analogica” con ridottissimo utilizzo di tecniche digitali. Jin-Roh descrive il clima politico nipponico degli anni sessanta, condizionato dalle contestazioni, portate avanti dalla sinistra e dalla popolazione studentesca, legate alla stipula, avvenuta nel 1960, del “Trattato di mutua cooperazione e sicurezza tra gli Stati Uniti e il Giappone”.

Daniela 21/05/20 05:58 - 9663 commenti

I gusti di Daniela

Negli anni sessanta, il governo si serve di un corpo speciale dotato di armature futuristiche per combattere gli oppositori più radicali che a loro volta reclutano bambine e ragazze per trasportare bombe incendiarie... Film d'animazione ambientato in una realtà alternativa che però contiene vari riferimenti alle proteste realmente verificatesi in quegli anni. Complesso ma non astruso come il remake sud-coreano, colpisce per il pessimismo della rappresentazione, culminante in un finale cupissimo. Interessante la storia, efficace l'animazione, molto bella la ost: nel suo genere, un capolavoro.
MEMORABILE: La storia di Cappuccetto rosso raccontata nel corso della storia

Fabbiu Oggi 17:11 - 1958 commenti

I gusti di Fabbiu

Potrebbe benissimo non essere d'animazione, il film è cupo e triste e ben si presta ad essere narrato con attori in carne ed ossa (come infatti avverrà nel 2018) trattandosi di un dramma con ambientazioni distopiche. L'animazione è di stampo realistico e gioca molto sull'evocazione del climax (in questo caso un trauma nel background del protagonista) focalizzandosi suidettagli, in cui primeggia la rappresentazione delle forze armate (in stile futuristico). Particolarmente efficaci le scene ambientate nei cunicoli fognari.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Aco • 26/04/20 13:29
    Galoppino - 18 interventi
    Molti allegati al DVD tra cui:

    "Speculazioni su Jin-Roh”, Mamoru Oshii (autore), Hiroyuki Okiura (regista), Hajime Mizoguchi (compositore delle musiche) e Hiromasa Ogura (direzione artistica) spiegano in modo dettagliato la genesi del film e molte delle soluzioni tecniche adottate.

    Il sentiero dei lupi – Guida ai segreti di Jin-Roh”, dove viene spiegato l’utilizzo degli effetti speciali, suddividendoli tra digitali (pochi) e analogici (in prevalenza).

    Infine, nel cofanetto è inserito un booklet con informazioni su Oshii e Okiura, l’evoluzione della favola di Cappuccetto Rosso dalle origini ai Fratelli Grimm e i disegni preparatori del film.
  • Curiosità Daniela • 21/05/20 06:04
    Consigliere massimo - 5298 interventi
    Questa film d'animazione ha avuto nel 2018 un remake live-action sudcoreano intitolato Illang - Uomini e lupi, diretto dal regista Kim Ji-woon, nel quale l'ambientazione viene spostata dal Giappone degli anni Sessanta alla Corea del Sud alla vigilia di riunirsi con la Corea del Nord in un futuro prossimo.