Italiani brava gente

Media utenti
Anno: 1964
Genere: guerra (bianco e nero)
Note: Aka "Attack and Retreat", "Oni shli na Vostok", "Italiano brava gente".
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/05/09 DAL BENEMERITO BLSABBATH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Blsabbath 24/05/09 13:06 - 46 commenti

I gusti di Blsabbath

Misconosciuto colossal italo-sovietico: ripercorre la campagna di Russia dell'esercito fascista e le tragiche conseguenze che seguirono al ritiro dei tedeschi da Stalingrado. L'ottima ricostruzione storica e le migliaia di comparse fanno ancora emozionare, segno che il film è invecchiato bene; onnipresente il classico clichè propagandistico "italiani buoni, tedeschi cattivi, sovietici eroici". Molto buona la prova di Pisu, curioso il ruolo di napoletano logorroico assegnato a Peter Falk.
MEMORABILE: L'uccisione della lepre bianca.

Lucius 19/09/10 11:49 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Emozionante come mai è stato un film di guerra, caratterizzato da una regia impegnata socialmente e pregno di amor per la patria, De Santis realizza un altro dei suoi capolavori. La sequenza della ragazza tra i girasoli in corsa in contro direzione ai soldati fa venire la pelle d'oca e basterebbe da sola ad ergere la pellicola tra le opere cinematografiche degne di stare in un ipotetico museo del neorealismo. Antieroico e cameratesco.

Mark 18/06/11 23:58 - 264 commenti

I gusti di Mark

Una piccola perla sepolta dalla polvere che andrebbe riscoperta. Narrazione profonda, struggente, mai così fedele a quella che fu una delle più inutili, criminali, carneficine della nostra storia politica e militare. Sempre un passo indietro e sempre con la dignità schiacciata sotto i tacchi, ma la miseria non è quella degli umani travestiti da soldati bensì di coloro che aberrantemente pretesero di ergersi a loro condottieri e ne facero frattaglie offerte sacrificalmente in nome del Dio delirio.

Ishiwara 28/08/11 17:03 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Un quadro eloquente e realistico di un gruppo di fanti della Torino, mandati in Russia come parte del CSIR prima e dell'ARMIR poi, che fornisce uno spaccato della società italiana alle prese con la guerra. Non ci sono vittorie eroiche, né morti gloriose. Alcuni episodi un po' forzati, ma con le migliori intenzioni. Forse a tratti schematico, ma lontano dalla retorica quanto basta per farne un'ottima opera antimilitarista. Alcuni bei personaggi ed un'ambientazione perfetta. Sopra la media quanto a realismo per l'epoca delle riprese. Buon film.
MEMORABILE: I superarditi (simbolo della vuota pomposità del regime); il camion in ritirata che non si può fermare.

Galbo 31/08/11 19:11 - 11512 commenti

I gusti di Galbo

Film bellico che racconta l'avanzata e la successiva ritirata sul fronte russo nel corso della seconda guerra mondiale. Realizzato con impegno (si tratta di una coproduzione italo-sovietica), appare molto efficace dal punto di vista della ricostruzione ambientale, ma mostra parecchie lacune narrative, con un ritmo che mostra più di una pausa e una regia non impeccabile. Buona la prova del cast.

Capannelle 25/09/12 09:01 - 3777 commenti

I gusti di Capannelle

In generale è un'opera che coniuga bene l'atmosfera tragica della rovinosa storia dell'Armir con le vicende, giocate sul semiserio, dei personaggi coinvolti. Uno schema solito ma applicato con molta cura e avvalendosi di un cast ben affiatato e ben diretto. Molto valida la prima parte, che culmina nella bella scena della contadina sovietica che corre, un po' dispersiva la seconda. Qualche manicheismo di troppo sui tedeschi ma era costume.

Furetto60 14/03/13 08:35 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Il regista è più interessato a evidenziare il rapporto tra i nostri soldati e la popolazione russa, tra cui spiccano improbabili contadini con volti da fotoromanzo, piuttosto che alla ricostruzione delle difficoltà cui si trovarono le truppe all’arrivo dell’inverno e nella successiva drammatica ritirata (ne tornò 1 su 9), come riportato nella vasta letteratura del genere (Bedeschi, Petacco, Rigoni Stern ecc.). I battaglioni delle camicie nere risultano spocchiosi e codardi, gli altri “normali” sono, in fondo, "brava gente". Buona prova di Pisu.
MEMORABILE: Il traffichino che riesce a trovare un passaggio dai tedeschi.

Giùan 29/09/19 15:03 - 3125 commenti

I gusti di Giùan

Punto di non ritorno e in qualche modo anche di "rottura" (dopo girerà solo un film e 1/2), del cinema di De Santis, quello in cui giungono a estrema tensione (e contraddizione) l'afflato neorealista, l'epica socialista e il respiro "hollywoodiano" dello stile registico. Il contrappunto letterario (l'epistolario di alcuni soldati dell'Armir) e il carattere "episodico" della sceneggiatura, appesantiscono sicuramente il film, più forse della sua dichiarata partigianeria. Opera dall'allure polverosa, diretto però con gran senso visivo e scene d'impatto lirico.
MEMORABILE: L'ufficiale medico napoletano che dà l'indirizzo di casa alla ragazza russa; La ritirata nella tempesta di neve col camion che passa sui soldati.

Zampanò 7/01/21 20:10 - 252 commenti

I gusti di Zampanò

L'orrore bianco può anche essere interrotto da sbracature e risatine per nulla marziali. Gli italiani lasciano una valvola alla vita anche nella trappola russa. De Santis, con De Concini, concede questo lusso, e nella narrazione non stona, ma è fermo (e spettacoloso) quando scava la fossa di missili e ghiaccio. Così per gli appiedati stirati dal carrista, per il romano guascone (ottimo Pisu), per il gagà (un ammiccante Falk doppiato da Croccolo!), per l'ingenuo villano di Persiceto e per l'ineffabile ostaggio sovietico. La catastrofe Armir dalla A alla Z. Un dettagliato promemoria.
MEMORABILE: Il giovane chirurgo napoletano: "Tu sei comunista, non credi in Dio, è vero? E quando devi bestemmiare come fai?".

Giuseppe De Santis HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Lucius • 19/09/10 11:51
    Scrivano - 8299 interventi
    Ha ispirato l'attuale nonchè principale festival di riflessione socioculturale.
    Ultima modifica: 19/09/10 13:01 da Lucius
  • Homevideo Lucius • 19/09/10 12:51
    Scrivano - 8299 interventi
    Montato e più volte rimontato, girava in TV una copia con 49 minuti in meno rispetto alla versione originale (156'). Mancava la sequenza più espressiva: quella di centinaia di sbandati che, all'interno di un granaio circondato dal gelo, dormono in piedi, addossati uno all'altro.
    Ultima modifica: 21/05/17 22:11 da Lucius
  • Discussione Lucius • 19/09/10 12:55
    Scrivano - 8299 interventi
    La tecnico narrativa usata in Italiani brava gente recupera la componente letteraria già rivelata in altre opere del regista di Fondi: in questo film torna in auge la voce fuori campo, anche se ad essa non è più affidato il dire esplicito dell’autore, come accadeva in Caccia tragica. Del resto, dopo un quarto di secolo di (dolorosa) presenza nel cinema italiano, De Santis non ha più bisogno di un dire così esplicito, anche perché ormai non ci crede più ed il suo progetto è stato smontato.
    Ultima modifica: 19/09/10 13:00 da Lucius
  • Curiosità Geppo • 7/01/13 00:17
    Addetto riparazione hardware - 4018 interventi
    Qui vediamo il video inedito con il provino di Adriano Celentano per il ruolo da protagonista del film Italiani brava gente di De Santis del 1965.
    Adriano, pur avendolo superato, non lo interpretò perché si era sposato da poco e non voleva lasciare Claudia Mori.


    http://www.youtube.com/watch?v=WQhy4ZcPWfA
  • Homevideo Buiomega71 • 19/02/17 18:55
    Pianificazione e progetti - 22271 interventi
    In dvd per A&R Productions, disponibile dal 23/02/2017

    https://www.amazon.it/Italiani-Brava-Gente-Arthur-Kennedy/dp/B01MUXBX2L/ref=sr_1_147?s=dvd&ie=UTF8&qid=1487526464&sr=1-147
  • Discussione Kanon • 24/02/17 19:22
    Fotocopista - 818 interventi
    Il personaggio del Maggiore Ferro Maria Ferri è mutuato dal libro di Gian Carlo Fusco "Le rose del ventennio" ed in un certo senso (mi) ricorda anche il personaggio di Manfredi in "Café express" (non fosse che esso sia in realtà ispirato ad una vera persona).
  • Homevideo Lucius • 21/03/20 13:23
    Scrivano - 8299 interventi
    Il dvd della A&R.
    Extra: locandine e poster.
    Immagine al min.52.44 del dvd in questione:



    Master russo, come i titoli:

    Ultima modifica: 21/03/20 16:54 da Zender
  • Discussione Lucius • 25/03/20 15:09
    Scrivano - 8299 interventi
    Huck finn ebbe a dire:
    Cercando un po' ho visto che nel 2018 è uscito un documentario che ripercorre le locations del film:

    https://www.imdb.com/title/tt7464924/?ref_=ttpl_pl_tt

    Io non ho idea di come trovarlo, ma magari qualcuno riesce a vederlo (da IMDb risulta che esiste anche una versione in italiano).

    C'è anche una pagina Facebook promozionale, dove è caricato anche qualche spezzone. Magari qualcuno più sgamato di me può contattare gli autori per chiedere informazioni:

    https://it-it.facebook.com/BravaGenteFilm


    Molto difficile accedere a quel documentario. E te lo dice uno di Fondi. Tra l'altro il responsabile dell' Associazione Giuseppe De Santis, non risponde neppure alle email.
    Ultima modifica: 25/03/20 15:09 da Lucius