Into the woods

Media utenti
Titolo originale: Into the Woods
Anno: 2014
Genere: fantastico (colore)
Note: Film basato sul musical teatrale omonimo di Stephen Sondheim, rappresentato per la prima volta nel 1987.
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/04/15 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 4/04/15 01:36 - 4714 commenti

I gusti di Puppigallo

Musical favolesco dove vengono collegate più fiabe per raggiungere lo scopo finale. Il problema è che l'interesse per le vicissitudini dei protagonisti è minimo; e nonostante si miri a dare lezioni di vita, facendo anche emergere un certo lato, se non oscuro, comunque non proprio da vissero felici e contenti nel bosco, la pellicola scivola via senza lasciare particolari tracce audiovisive. Tutti si impegnano, ma il risultato resta mediocre e, soprattutto, velocemente dimenticabile.
MEMORABILE: La strega che le canta, nel vero senso della parola, agli altri personaggi, definendoli carini, ovvero né carne né pesce.

124c 7/04/15 17:36 - 2818 commenti

I gusti di 124c

Commedia musicale sulle favole, portata in scena per la prima volta nel 1986. L'idea è geniale, raccontare quel che succede ai personaggi dopo il consueto "e vissero tutti felici e contenti". E ciò che succede è davvero incredibile, un colpo di scena che stravolge ogni cosa conosciuta. Peccato che, per arrivarci, ci voglia troppo tempo. Film con canzoni, come i classici Disney vecchia maniera, solo che i testi sono lasciati in inglese e quindi sottotitolati. Disney che affronta se stessa (la Cenerentola di Branagh) e perde. Comunque bello.

Gabrius79 8/05/15 20:42 - 1280 commenti

I gusti di Gabrius79

Un musical che unisce insieme varie favole ma che a parte le presenze di un'ottima Meryl Streep e di un buffo Johnny Depp regala non pochi sbadigli (anche perchè viene tirato troppo per le lunghe... due ore!). Degni di nota l'ambientazione e alcuni effetti speciali. Musiche sottotitolate ma spesso ripetitive.

Galbo 28/05/15 05:54 - 11727 commenti

I gusti di Galbo

Un film che è anche una dichiarazione programmatica di libertà artistica, nella sua capacità di mescolare i temi di un gruppo di fiabe famose per di più in forma musicale. Una dimostrazione della grande professionalità degli attori americani nel cimentarsi con un genere difficile con grande senso dell'ironia (si veda il personaggio di Chris Pine), assemblato da un professionista del genere come Rob Marshall. Su tutti domina l'immensa Meryl Streep. Il limite è l'eccessiva lunghezza dell'opera, che "pesa" in modo particolare nella seconda parte.

Almicione 12/06/15 23:54 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Una serie di celebri fiabe popolari si incontrano in un bosco medievale per intrecciarsi, mutare e capovolgersi spesso in qualcosa di più moderno, a volte inaspettatamente macabro. Nonostante il genere mi risulti ostico non posso nascondere di avere apprezzato buona parte del film – sebbene risulti troppo lungo e quindi noioso nel finale – e delle canzoni, considerando la presenza di qualche buona voce. Possibile promessa la piccola Crawford e forse il suo è il miglior personaggio.
MEMORABILE: La canzone "Your Fault".

Parsifal68 27/10/16 22:29 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Film apprezzabile solo perché cerca di sperimentare la mescolanza di notissime fiabe europee in un'unica storia ma a mo' di musical (operazione questa, a mio avviso clamorosamente fallita). Lungo, noioso e privo di spunti educativi, ha proprio nelle canzoni, ripetitive e stucchevoli, il suo punto debole. Da segnalare una strepitosa Meryl Streep nel ruolo di un'atipica strega e Johnny Depp in quello di un lupo sardonico. Poco per entusiasmare.

Daniela 10/01/18 13:56 - 10916 commenti

I gusti di Daniela

Una strega costringe una coppia di fornai ad una caccia al tesoro in cui sono coinvolti Cenerentola, Raperonzolo, Cappuccetto Rosso e Jack col suo fagiolo, personaggi che si incontrano e si perdono all'interno di un bosco fatato... Stuzzicante sulla carta, questo collage di fiabe liberamente reinterpretate si rivela indigesto, al di là di qualche suggestione visiva para-burtoniana. L'intreccio fra le varie storie genera confusione, le novità sono discutibili e/o immotivate, soprattutto le canzoni sembrano tutte uguali: difetto questo imperdonabile in un musical. Due ore di noia profonda.

Rob Marshall HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 10/01/18 18:08
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    Film basato sul musical teatrale omonimo di Stephen Sondheim, rappresentato per la prima volta nel 1987.

    Le fiabe classiche richiamate nel corso della vicenda sono Cenerentola, Raperonzolo e Cappuccetto Rosso, tutte create dai fratelli Grimm, ed inoltre Jack ed il fagiolo magico, racconto popolare inglese.