Inside Gola Profonda

Media utenti
Titolo originale: Inside Deep Throat
Anno: 2005
Genere: documentario (colore)
Note: Tutti gli interpreti sono nel ruolo di loro stessi. Talora si tratta di interviste o di vecchi filmati, o di repertorio (si vedono anche Jack Nicholson e Warren Beatty) o del film di Damiano (si vedono anche Dolly Sharp e Carol Connors).
Numero commenti presenti: 14

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/06/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 21/06/07 00:16 - 4897 commenti

I gusti di B. Legnani

La cosa più inquietante del film è la brutta bocca di Lindsay, figlia di Linda. Non ha sostituito l'incisivo superiore che ha perso e ostenta la bruttezza che ne deriva. Bel documentario (buoni anche gli extra con le scene tagliate), con molti nomi interessanti: Hefner, Gore Vidal, la Spelvin (appare anche in Scuola di Polizia: la ricordavo diversa...). Si vedono brani del film di Damiano: in uno si nota Carol Connors, madre di Thora Birch. Damiano fa anche buona figura, ma le giustificazioni "alte" che dà al film non sono credibili.
MEMORABILE: Le dichiarazioni di Reems (che, coi capelli grigi e senza baffi, assomiglia a Steve Martin).

Caesars 21/06/07 13:52 - 2914 commenti

I gusti di Caesars

Documentario di un certo interesse che cerca di analizzare i motivi del successo del film di Gerard Damiano e di inquadrarlo nella sua giusta collocazione storica. Interessante scoprire (ne ero del tutto ignaro) che Harry Reems, il protagonista maschile, scontò anche una pena in carcere per il ruolo interpretato nella pellicola. Una domanda: perchè tradurre il titolo in "inside" gola profonda e non in "dentro" gola profonda, oppure lasciare l'originale per intero?

Undying 25/12/07 20:43 - 3834 commenti

I gusti di Undying

Certo che resta un mistero pensare a come un'attrice bruttarella quale Linda Lovelace ed una sceneggiatura delirante come quella alla base di Gola profonda possano essere stati causa della rivoluzione di "usi e costumi", lanciando nel circuito pubblico il cinema a "Luce Rossa". C'è di mezzo la mafia e questo in parte spiega qualcosa, ma l'arcano sul potere (mediatico soprattutto) intrinseco al film di Gerard Damiano rimane uno dei grandi enigmi della storia (non solo cinematografica). Interessante, ad ogni buon conto, il documentario.

Matalo! 30/07/08 19:19 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Un atto dovuto. Interessante anche se un po' celebrativo documentario su uno dei film più famosi mai girati; è anche un ottimo spaccato di storia contemporanea americana là dove il sesso fa sempre paura. È chiaro il perché del successo del film; la cosa giusta al momento giusto e le guerre contro la pellicola ne amplificarono a dismisura il (modesto) valore. Meglio che sia esistito anche se è terribile la collusione con mafia e il trattamento che il marito della Lovelace inflisse alla povera è degno del carcere.

Capannelle 9/01/09 11:30 - 3843 commenti

I gusti di Capannelle

Forma buona grazie alla vivacità di montaggio, sostanza pochina. O meglio, poco credibile quando punta sugli intrecci mafiosi o sui lamenti della Lovelace che dice di essere stata costretta a girare il film. Meglio le riflessioni sull'impatto sociologico che il film ebbe sulla società americana, bisognosa di liberarsi da un vetusto manto di ipocrisia. E tutta la mia solidarietà ad Harry Reems incarcerato a Memphis anche se in fin dei conti gli hanno fatto un favore.
MEMORABILE: Guardatevi la foto segnaletica di Reems in carcere e... domandatevi se non fosse più appropriato inquadrare un'altra parte del suo corpo.

Renato 14/02/09 12:43 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Un documentario sicuramente interessante, che racconta con vari aneddoti com'era il sottobosco della produzione pornografica (che com'è noto era formalmente illegale) anche se non spiega del tutto il mistero del perché Gola profonda ebbe quel clamoroso successo di pubblico. Anche il ruolo della malavita organizzata nella distribuzione del film di Damiano è appena accennato, ma questo è già più ovvio... Molto tristi i racconti che vengono fatti della Lovelace, che a quanto sembra era a dir poco succube del marito.

R.f.e. 28/10/09 11:19 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Gran bel documentario, dal quale esce la figura di una donna (Linda Lovelace) molto fragile e influenzabile, da chiunque: prima - forse e sottolineo "forse" - dal marito, poi dalle femministe incazzate tardi-anni '70, infine dalla famiglia. Una storia davvero triste e deprimente. A me piace pensare che la VERA Linda fosse quella trasgressiva della chiaccherata sulla spiaggia, verso inizio film, piuttosto di quella "imbeccata" dalla femminista virago, stile S.C.U.M., in un'intervista successiva, risalente al periodo in cui rinnegò tutto.

Herrkinski 29/10/09 20:58 - 5638 commenti

I gusti di Herrkinski

Indubbiamente un documentario ben fatto, anche se alla fin fine sembra tanto il materiale bonus di un ipotetico DVD del film in questione. Alcune interviste sono interessanti, in particolare quelle ad Harry Reems, al regista e alla Lovelace, che si dimostra personaggio alquanto schizoide (patetici i suoi "pentimenti"). Belle anche le interviste ad altri personaggi famosi dello spettacolo, che esprimono i loro punti di vista sulla celebre e chiacchieratissima pellicola hard, ma trattasi più di un fenomeno di costume americano che europeo...

Myvincent 21/07/10 08:40 - 2770 commenti

I gusti di Myvincent

The making and the consequences of Deep Throat è la triste storia dei suoi protagonisti: Linda Lovelace, attrice-burattino morta nel 2002 per incidente stradale e senza un dollaro bucato e Harry Reems, capro espiatorio di una feroce campagna giustizialista e che solo l'avvento di Jimmy Carter salverà. Il film non aggiunge molto a ciò che si conosceva, ma ha il pregio di raccontare in modo compatto e svelto una storia che ha fatto la Storia, per essere uscito al momento giusto e nel posto giusto.

Pau 26/07/10 02:21 - 125 commenti

I gusti di Pau

Accurato nel tratteggiare un'epoca, montato con senso del ritmo e del racconto, professionale come sanno essere i documentari HBO, l'opera di Bailey e Barbato pecca un po' nel delineare la psicologia dei protagonisti (del resto non si possono fare miracoli con ottanta minuti o poco più a disposizione). Avrei gradito una maggiore attenzione ai vari snodi giudiziari della vicenda (ma forse gli statunitensi colgono certi passaggi con immediatezza). Come ogni eccesso, anche quello di "morale" può avere effetti pericolosi, sembra ammonire il film.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Giacomovie 18/07/11 23:54 - 1361 commenti

I gusti di Giacomovie

Documentario quasi necessario che spiega con interviste variegate e curate i retroscena del controverso ed epocale Gola profonda. Il montaggio è dinamico, l'incrocio tra documenti e testimonianze a loro supporto è sempre pertinente e viene fatto capire adeguatamente il contesto sociale che nel 1972 portò prima alla consacrazione del film di Damiano e successivamente alla sua demonizzazione. Altro aspetto ben trattato è quello delle ripercussioni che la pellicola ebbe sulle vite di regista ed attori, specie di Linda Lovelace.

Redeyes 23/10/14 08:14 - 2253 commenti

I gusti di Redeyes

Un documentario sul film che ha rivoluzionato il mondo del porno, o così sembrava. Si apprezzano, senza dubbio, l'utilizzo dei filmati d'epoca, le inteviste ai protagonisti e un montaggio piuttosto dinamico. Tutta la ricerca tende, tuttavia, a condannare l'approccio repubblicano al fenomeno (prima con Nixon poi con Reagan) e a esser un po' troppo morbida sul background malavitoso delle produzione. Sicuramente interessante.

Fabbiu 1/09/15 18:54 - 2003 commenti

I gusti di Fabbiu

E' da vedere, se non altro per capire l'effetto sociologico che scaturì dal noto hard Gola profonda e anche per cogliere cosa c'è stato dietro all'evoluzione e all'accettazione della pornografia. Vicende giudiziarie, organizzazioni malavitose e storie di persone a più titoli coinvolte dentro un turbinoso vortice di cambiamento. Documentario ben fatto, con belle immagini di repertorio, diretto in modo fluido.

Leandrino 7/04/21 09:31 - 156 commenti

I gusti di Leandrino

Lo storico hard di Damiano spopola nei cinema americani con atroci conseguenze. La narrazione è accattivante ma spesso superficiale; più riuscita la rievocazione del contesto storico, in cui lotte sociali e politiche cercavano ancora di scardinare certezze morali e asfissianti vincoli ideologici. Un lavoro discreto, senza particolari meriti o mancanze, la quale (giusta) intuizione sembra più quella di mettere in luce - attraverso le vicissitudini legate al film - le contraddizioni interne di una società americana in perenne lotta con sé stessa.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 1/12/11 15:35
    Consigliere - 14185 interventi
    A Novembre 2011 è scomparsa 68enne Andrea True, visibile in questo film. Fu attrice hard, fino al suo sorprendente successo come cantante (More more more).
  • Discussione Buiomega71 • 1/12/11 16:21
    Pianificazione e progetti - 22566 interventi
    Non vorrei ricordare male, ma credo ci fosse nel Gola profonda 2 di Joe Sarno.
  • Discussione B. Legnani • 2/12/11 10:37
    Consigliere - 14185 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Non vorrei ricordare male, ma credo ci fosse nel Gola profonda 2 di Joe Sarno.

    Con lo pseudonimo Inger Kissen.
    ***
    La sua presenza in questo film non rammento a cosa sia dovuta. Forse un'intervista.
    Ultima modifica: 2/12/11 10:37 da B. Legnani
  • Discussione Mauro • 28/09/17 10:44
    Disoccupato - 9913 interventi
    E' scomparso Hugh Hefner, il fondatore di Playboy