Inserzione pericolosa

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 3/08/07 18:35 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Classico thriller morboso e dalla trama convenzionale, in cui una persona apparentemente fragile ed innocente si insinua nella vita di un'altra, sconvogendogliela e provocando terribili conseguenze. Schroeder comunque dirige con sapienza, costruisce un crescendo di tensione e si avvale di due ottime e bellissime protagoniste (notevole soprattutto la performance della Jason Leigh, perfetta per il ruolo).

Cotola 1/07/08 18:52 - 7749 commenti

I gusti di Cotola

Notevole thriller, decisamente superiore alla media di genere, che può contare sulla notevole regia di Schroeder, su una discreta sceneggiatura (che provoca più di un'inquitudine) e su due attrici al loro meglio. Notevoli le scenografie firmate da Milena Canonero e bella anche la fotografia di Luciano Tovoli. Con un insieme di elementi così riuscito non poteva che venirne fuori davvero un bel film che merita di essere visto.

Redvertigo 17/08/08 11:35 - 78 commenti

I gusti di Redvertigo

L'archittetura della trama rappresenta un po' l'abc del cinema thriller classico e alcune situazioni sono prevedibili, ma l'estrema bravura delle due protagoniste rende la pellicola un prodotto di ottima fattura. Mi soffermerei soprattutto sulla Fonda che qui dà veramente il meglio di sé. Riesce a dare al suo personaggio una vasta gamma di emozioni e sfumature risultando sempre credibile e coinvolgente. La ciliegina sulla torta è la tensione erotica che aleggia per gran parte del film.

Vstringer 30/10/09 15:40 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

La sconosciuta, il doppio, un triangolo implicito: ce ne sarebbe abbastanza per tre film, ma Schroeder riesce ad amalgamare il tutto in una singola trama coerente, dotata di sceneggiatura adeguata e fotografia ben calibrata. Temperatura erotica elevatissima, l'intreccio è morboso: le protagoniste si mostrano con una certa generosità, ma soprattutto sono bravissime nella parte: raramente Bridget Fonda sarà così intensa e raramente Jennifer Jason Leigh troverà un ruolo così funzionale al suo talento. Menzione di merito per il viscido Tobolowsky.
MEMORABILE: Hedra nella camera d'albergo di Sam.

Daniela 23/07/09 08:10 - 9974 commenti

I gusti di Daniela

Una giovane donna, rimasta sola, mette un annuncio sul giornale per cercare una coinquilina con cui dividere le spese dell'appartamento. La scelta cade su una coetanea dall'aspetto timido e gentile. Naturalmente l'apparenza inganna... Un thriller convenzionale nello spunto e anche nello svolgimento, che incrocia il tema dello "sconosciuto alla porta" con quello del "doppio", ma ben diretto e ben interpretato, tanto da risultare comunque avvincente. Bellissima Fonda, ma quella che impressiona di più è la prestazione "mimetica" di Jason Leigh

Tomastich 26/08/09 12:18 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

Più "american thriller" di questo non si può (tanto per citare un famoso slogan di uno spot di detersivi). A parte gli slogan, il film scorre bene grazie a una sceneggiatura senza troppi intoppi e una faccia da schiaffi chiamata Jennifer Jason Leigh (migliorata 3 anni dopo nel classico Dolores Claiborne).

Stefania 23/02/10 01:47 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Non mi ha dato grandi emozioni, questo thriller curato e ben recitato, ma anche prevedibile, con morbosità e sottintesi omoerotici di routine. La vampirizzazione dell'identità di Allison non comunica una tensione profonda, forse perché Hedra, ottima psicotica, non trova, in Allison, una controparte alla sua altezza: la personalità di Allison non è approfondita in maniera interessante, sembra definita soltanto dal suo essere "la vittima di Hedra". Piacerà agli uomini, vedere due belle ragazze che prima si adorano e poi si scannano... Mediocre.

Galbo 27/02/10 07:16 - 11546 commenti

I gusti di Galbo

Film non particolarmente considerato dalla critica ma che andrebbe invece recuperato in quanto rappresenta un buon esempio di thriller con venatura psicologiche. Buona la direzione di Barbet Schroeder che su una sceneggiatura non banale (che ben caratterizza i due personaggi principali) dirige la due brave attrici in un ben congegnato susseguirsi di colpi di scena.

Capannelle 10/09/10 12:48 - 3805 commenti

I gusti di Capannelle

Thriller ben fatto dove la sceneggiatura sfrutta bene i possibili incroci tra le due coinquiline a livello di caratterizzazione dei personaggi e presenta con efficacia la modifica degli umori, quella che in definitiva dà sale alla componente thriller del racconto. Perde un po' il senso della misura nel finale. Stranamente poco conosciuto anche a livello di appassionati.

Coyote 1/09/11 18:41 - 185 commenti

I gusti di Coyote

Film dall'atmosfera a tratti disturbante (anche se le ambientazioni paiono un po' fredde), riesce a tenere lo spettatore con il fiato sospeso in più di un'occasione. La parte finale, in teoria la più movimentata, è quella con meno ritmo, perché più stereotipata. Ottime le due protagoniste, rivedibili i comprimari, in particolare il capo porcellone Mitch, uno dei personaggi più "Anni Novanta" che mi sia capitato di vedere in un film.
MEMORABILE: I condotti di ventilazione che conducono il suono, come nell'Inferno di Dario Argento.

Barbet Schroeder HA DIRETTO ANCHE...

Kekkomereq 19/12/11 21:08 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Ragazza bianca e single cerca compagna di stanza e che cosa trova? Una psicopatica killer. Il film è un buon thriller anni '90, anche se il finale è prevedibile. Questo non toglie il fatto che la sceneggiatura sia brillante e con tanti momenti d'azione e di tensione. Le protagoniste recitano da favola, ma è Jennifer Jason Leigh che ruba la scena con la sua interpretazione.

Furetto60 11/03/13 08:32 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Bel thriller di marca nettamente femminile (i maschietti sono solo uno sfondo e non appaiono molto svelti), con protagoniste brave e belle. Forse un po' troppo prolungato il finale, ma senz’altro pregevole lo studio psicologico dei personaggi. Non sarebbe stato male un migliore commento sonoro.
MEMORABILE: I primi piani sul viso della Fonda.

Ducaspezzi 14/07/13 04:24 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Un buon risultato che, senza dubbio, è in grande misura garantito dalle prove convincenti delle due attrici principali. L'apporto della regia è buono ma incostante. Indispettisce e inquieta la Leigh, che ora s'impunta come contorta e obbligata panacea per le debolezze della Fonda e ora fa da spettatrice tragicamente, sinistramente, rancorosamente desolata di fronte alle certezze della coinquilina. Funziona l'ambientazione: l'appartamento e lo stabile relativo non sfigurerebbero come incubatori della Rosemary polanskiana. Eros vellicando va!

Belfagor 9/07/14 12:17 - 2632 commenti

I gusti di Belfagor

Negli anni di Alex Forrest e Annie Wilkes, questo thriller di discreta fattura è rimasto nell'ombra rispetto ad altre pellicole di livello più basso. Il tema dell'ossessione, questa volta con chiari elementi omoerotici, è ben sviluppato grazie all'interpretazione delle due protagoniste. Bisogna superare una prima parte abbastanza monotona, ma quando si entra nel vivo della storia la tensione si fa sentire; merito anche della fotografia di Tovoli. Da recuperare.

124c 23/12/14 16:24 - 2796 commenti

I gusti di 124c

Thriller psicologico ben interpretato da Bridget Fonda e Jennifer Jason Leigh, dove a prevalere è l'interpretazione della seconda, che sa essere credibile sia quando appare sciatta che bella. La sola scena di seduzione della cattiva, che finisce con lei che infila il tacco 12 della sua scarpa nel bulbo oculare del malcapitato fidanzato della Fonda, vale la visione dell'intero film. Seducente la Fonda con i capelli a caschetto, azzeccate le sue scene di nudo e di sesso. Ottima la prova di entrambe le attrici, che se le danno di santa ragione.

Lou 5/05/16 14:15 - 1007 commenti

I gusti di Lou

Thriller al femminile di struttura piuttosto convenzionale, ma con un soggetto ricco di spunti. La normale vita di una ragazza di New York viene alterata e sconvolta dall'arrivo della nuova coinquilina, che si rivela disturbata e psicotica, con atteggiamenti deviati che portano a un crescendo di eventi drammatici. C'è suspense, anche se l'effetto di alcune scene di violenza tra le due ragazze risulta alquanto fasullo e l’ovvio epilogo si fa attendere un po’ troppo.

Faggi 25/07/16 19:45 - 1512 commenti

I gusti di Faggi

Buon thriller che si lascia seguire senza particolari intoppi; rivedendolo a distanza di tempo ho trovato delle leziosità e incertezze su qualche scelta registica e delle perdite di tempo con conseguente calo di tensione emotiva: qualche taglio e più sintesi gli avrebbero giovato. Nell'insieme il prodotto è comunque riuscito, le due protagoniste si muovono bene in scena e restituiscono dei personaggi curiosi in una vicenda dalle tonalità psichiatriche.

Mco 12/08/16 11:45 - 2166 commenti

I gusti di Mco

Occhio a chi ti metti in casa, anche se è giovane e carina. Questa trasposizione del romanzo "SWF seeks same" di John Lutz si avvale di una coppia di attrici perfette nel creare ansia e inquietudine anche tra le solitamente serene mura di casa. La Jason Leigh regala una prestazione notevole come stalker ai limiti del plagio e la Fonda reagisce da par suo. La tensione segue una climax ascendente, sfruttando altresì la location sinistra del palazzo, culminando in un redde rationem dalle tinte quasi horror. I nudi abbondanti non disturbano...
MEMORABILE: Il tacco 12 assassino...

Il ferrini 7/12/16 00:46 - 1782 commenti

I gusti di Il ferrini

Gran bel thriller dalla regia solida e con due attrici molto in parte (soprattutto JJL, alla quale spetta il personaggio più interessante). L'arte visionaria di Schroeder, nata collaborando coi Pink Floyd, trova ampio spazio nelle inquadrature e nei movimenti di macchina che sfidano gli spazi quasi sempre angusti del set. Il crescendo di tensione è gestito magistralmente e mentre piano si completa il folle quadro generale se ne resta inevitabilmente affascinati. Il film è VM14, verosimilmente per le frequenti scene di nudo. Consigliato.
MEMORABILE: Bridget Fonda che scopre lo scatolone col passato della Leigh.

Rambo90 15/07/17 01:55 - 6602 commenti

I gusti di Rambo90

Un buon thriller, dal tema di fondo leggermente abusato ma ben sceneggiato e diretto, con un ottimo senso della tensione, da Schroeder. I caratteri delle protagoniste sono sfaccettati a dovere (un po' meno quello dei comprimari) e il crescendo di pazzia che aleggia nella pellicola è gestito al meglio. Bel duetto d'attrici tra la Fonda e la Leigh, entrambe in parte. Un po' troppo strascicata la parte finale.

Stephen Tobolowsky HA RECITATO ANCHE IN...

Giacomovie 13/04/18 18:28 - 1359 commenti

I gusti di Giacomovie

Allie rimane single e cerca compagnia in una coinquilina che sembra perfetta. La partenza è dimessa ma ben espositiva di un mistero a lenta maturazione, poi la lista degli ingredienti si arricchisce con qualche sussulto, psicologia e scambio d'identità, ma la tensione si fa apprezzare solo nell’ultima parte. Buona la prova del duo protagonista, con Jennifer Jason Leigh che mostra abilità mimetica nello sdoppiare il suo personaggio.

Nicola81 11/06/18 13:00 - 2068 commenti

I gusti di Nicola81

I thriller appartenenti alla categoria "occhio a chi ti metti in casa" non riservano mai chissà quali colpi di scena e questo non fa certo eccezione. Però dietro la prevedibilità si celano una sceneggiatura discretamente costruita e una bella tensione nella parte finale. Ma il vero valore aggiunto risiede nelle bravissime protagoniste (la Leigh vince di misura sulla Fonda, ma solo perché è suo il ruolo più ostico), capaci di delineare al meglio due personaggi psicologicamente assai complessi. Non manca neppure qualche piacevole scena di nudo.
MEMORABILE: Il finale.

Festo! 15/09/18 10:27 - 83 commenti

I gusti di Festo!

Thriller erotico, caratterizzato da scene di sesso e lievi accenni lesbo del quale si poteva fare sinceramente a meno. In generale il film è "scarno": essenziale l'ambientazione, pochi gli attori; lo svolgimento della sceneggiatura risulta in fin dei conti ovvio e i comportamenti dei personaggi talvolta sembrano irreali. Se non altro i protagonisti recitano bene (anche se non sono approfonditi come dovrebbero) e in generale il film ha un suo spirito che non lo fa dimenticare troppo facilmente. Una visione la merita.
MEMORABILE: Il combattimento tra le due protagoniste nell'ascensore; La foto "a metà", nei titoli di coda.

Paulaster 18/10/18 10:36 - 2994 commenti

I gusti di Paulaster

A un annuncio per condividere un appartamento si presenterà una ragazza con un segreto. Dopo un classico inizio con convenevoli la trama si sofferma sulla doppia personalità e le derive psicologiche. Buon crescendo fino a quando le violenze divengono frequenti e i colpi di scena sovrabbondanti, per il duo femminile. La Jason Leigh interpreta bene la fase psicotica. Qualche inserto softcore sembra voler dare un'impronta torbida ma risulta non troppo sincera.
MEMORABILE: La Fonda legata; Il cane gettato dalla finestra; La discoteca sotterranea.

Maxx g 8/04/20 11:23 - 509 commenti

I gusti di Maxx g

Bel thriller del 1992. Una ragazza mette un'inserzione (ma il titolo originale è diverso) per avere una compagna d'appartamento. Tra le candidate sceglie quella che la ispira maggiormente e tra loro nasce una bella amicizia, che però, come copione comanda, diventa sempre più morbosa... Brave le interpreti, il film si segue col fiato sospeso scena per scena, anche se il prosieguo appare piuttosto prevedibile. Merita una visione, anche per il fascino della Fonda e della Leigh.
MEMORABILE: L'incontro in camera tra Hedy e Sam; Il finale.

Areknames 6/10/20 16:58 - 18 commenti

I gusti di Areknames

Film che si inserisce nel genere, molto in voga nei primi '90, dello sconosciuto che si intrufola nel nido domestico e si rivela poi psicopatico (da Uno sconosciuto alla porta a Abuso di potere, da Giochi d'adulti a La mano sulla culla). Schroeder azzecca la coppia di protagoniste e la messa in scena dell'appartamento in cui si svolge il grosso dell'azione, ma le psicologie e la resa dei conti sono scontate e senza densità. Abbastanza spinto sessualmente, nei limiti di un prodotto comunque mainstream. Sicuramente migliore di film coevi, ma non all'altezza della fama di cui gode.

Anthonyvm 27/10/20 16:02 - 2408 commenti

I gusti di Anthonyvm

Piccolo classico dello stalker-movie, che, dopo Attrazione fatale e La mano sulla culla, rappresenta un caposaldo nel sottogenere delle "femmine ossessive". Merito soprattutto della strabiliante prova della Jason Leigh, che passa da sciatta innocente a predatrice sexy in un climax di follia, crudeltà e perfida macchinazione. Sono numerose le sequenze che restano impresse (sia per gestione della suspense sia per l'effetto disturbante) e che invitano a condonare qualche forzatura in fase di script. Ritmo sempre acceso e climax finale all'altezza, coerentemente dinamico. Niente male.
MEMORABILE: Il cagnolino precipitato dal balcone; Il viscido datore di lavoro della Fonda; L'omicidio con tacco nell'occhio; Lo scontro conclusivo al femminile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Cotola • 16/06/08 13:14
    Consigliere avanzato - 3654 interventi
    La fotografia del film è firmata dal nostro Luciano Tovoli il quale ha raccontato su di essa un aneddoto molto curioso e divertente.
    Pare, infatti, che egli abbia in parte cercato di riprendere, seppure solo a tratti, alcune soluzioni stilistiche utilizzate in Suspiria.
    Nessuno sembrò accorgersi della cosa tranne Bridget Fonda che mentre Schroeder girava una scena che la vedeva protagonista disse che l'illuminazione le ricordava moltissimo il film di Argento. Così Tovoli fu scoperto ma la cosa non dispiacque a Schroeder.
    Pare che la Fonda si sia accorta della cosa poichè, sempre secondo quanto riferito da Tovoli, Suspiria è uno dei film preferiti da lei e dal padre che lo usano come "antidepressivo" nei momenti in cui si sentono giù.
  • Curiosità Buiomega71 • 6/05/15 17:13
    Pianificazione e progetti - 22405 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (lunedì 30 ottobre 1995) di Inserzione pericolosa: