LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Uno dei celebri successi di Adriano Celentano, unico motivo d'esistere per un film mediocre in cui la coprotagonista Ornella Muti, nei panni della principessa Cristina (figlia del re di Saint Tulipe Adolfo Celi), risulta antipatica e presuntuosa. Un po' per colpa di una sceneggiatura poco felice, molto per il suo tipico modo di agire smorfioso da viziata. Se non ci fosse la verve di Celentano, che con i suoi nonsense e le risposte spiazzanti vivacizza molti momenti morti, ci resterebbe una favola moderna di nessun interesse. Invece qualcosa si può salvare: pensiamo al duetto in ambasciata tra Celentano e Adolfo Celi (forse la scenetta più gustosa), al pranzo di gala in cui il ferrotranviere Barnaba stupisce le personalità...Leggi tutto raccontando la barzelletta dell'uccellino di 30 chili che sta sul ramo ("Cosa fa?" "CIIIIIIIIP!"), alla cocciutaggine dell'uomo del popolo (stiamo parlando sempre di Celentano, è ovvio) che non si rassegna ai continui rifiuti della principessa e conferma sempre a tutti il 27 c.m. come data virtuale delle nozze. Insomma, Celentano sa cavare anche da una sceneggiatura infantile e grossolana qualche spunto intelligente (geniale quando disegna l'identikit della principessa alla lavagna), ma nel complesso INNAMORATO PAZZO è una commedia povera di vero umorismo, che nel tentativo di sfruttare la mimica e le “performance danzanti” del molleggiato (che si produce in una divertente modernizzazione dello sketch di Totò direttore d'orchestra) non incide quasi mai, irritando invece per la scarsa validità delle battute e per un finale “strabuono”.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 23/02/07 12:00 - 2016 commenti

I gusti di Fabbiu

La canzone classica "Innamorato Pazzo" che Celentano canta in versione serenata alla nuova bella (perchè ogni film di Celentano è sempre una commedia d'amore), è divertentissima. Il personaggio di Barnaba mi piace molto: sveglio, attento e sicuro di sè. Alcune trovate sono deliziose, come il tuffo di Celentano dal trampolino, e non mi dimenticherò mai la scena in cui appoggia il peluche dello scimmiotto sulla moto e questo mette in moto dicendo "Ci vediamo Barnaba". Sono proprio questi i particolari che amo.

Stubby 10/03/07 21:29 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Celentano è molto bravo come sempre, ha un modo tutto suo di far ridere e solitamente è lui la preda da conquistare. Qui invece la situazione si capovolge. Il suo personaggio è un autentico terremoto e fa sganasciare; ormai alcune scene sono passate alla storia. Le mie preferite sono quando fa da cicerone al museo e quando a tavola racconta la barzelletta dell'uccellino. Non dimentichiamo però il tuffo in piscina...

Il Gobbo 29/10/07 22:21 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Arieccolo. Non c'erano blockbuster che tenessero, al dunque il molleggiato era quello che portava a casa, all'epoca, la maggior porzione di lesso. I motivi restano imperscrutabili, questo filmetto ne conferma l'insondabilità, anche se va riconosciuto a Celentano un impegno massimo, lontano anni luce dalle deliranti performances catatoniche che ne decreteranno il tardo successo televisivo. La stessa cosa non si può dire di Castellano&Pipolo, intenti solo a riscuotere, dopo anni di duro e onesto lavoro in sceneggiatura, il guiderdone.

Undying 28/10/07 11:20 - 3827 commenti

I gusti di Undying

Il titolo calza a pennello: considerato che potrebbe essere affibbiato -per estensione- allo spettatore tipo (maschile) dell'epoca posto di fronte all'innato fascino di un'acerba (ma non troppo: ha 26 anni) Ornella Muti. La presenza dell'indimenticabile James Brooke di Sandokan (Adolfo Celi) rende un minimo di spessore alla pellicola, che non brilla -purtroppo- per originalità e che soffre di un "buonismo" di fondo patetico ed artefatto. Nel cast anche Tiberio Murgia, Franco Diogene e Jimmy il Fenomeno (nei panni del benzinaio).

Galbo 29/10/07 21:43 - 11646 commenti

I gusti di Galbo

Dopo il tutto sommato riuscito Bisbetico domato, la coppia Celentano/Muti torna con questa commedia che ripropone la classica situazione della principessa viziata e dell'uomo di umili origini che fa di tutto per conquistarla. Purtroppo la brillantezza del primo film non si ripete con questo, che si basa su situazioni viste e riviste e poche situazioni brillanti per lo più affidate all'estro di singoli attori tra i quali spicca Adolfo Celi.

G.Godardi 5/11/07 12:30 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Dopo il mediocre ma incredibile successo di pubblico del film precedente, la "coppia carbone" batte il ferro finché è caldo e fa il bis di incassi (anche di più) con una storia che riesuma il cinema dei telefoni bianchi. Tutto costruito e cucito su misura su Celentano, è un film divertentissimo, che pur avendo una "sceneggiatura" risibile, riesce ad arrivare sino alla fine senza cadute di ritmo. La regia della coppia per una volta è più accurata, anche se certi "effetti speciali" sono insopportabili. Deliziosa la Muti finché è muta. Fantastico Adriano.

Lovejoy 25/01/08 18:32 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Tra i più divertenti interpretati da Celentano. Grazie sopratutto ad un copione ispirato e ad una regia efficace della coppia Castellano & Pipolo, qui al loro film migliore di sempre. Grandissimo cast. Celentano e la Muti formavano una coppia davvero affiatata e con tempi comici perfetti (sopratutto il primo). Celi da parte sua fornisce una prova da incorniciare e i suoi duetti con Celentano sono impagabili. Enzo Garinei impeccabile nei panni di un infido segretario.

Pstarvaggi 19/03/08 14:44 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

Uno dei film più leggeri della storia del cinema: per tutta la durata non si ha mai il minimo sospetto che la storia non si concluda col classico happy end. Celentano fa la versione "simpatica" del suo classico personaggio, la Muti nasconde con un’innegabile bellezza una recitazione appena sufficiente e i comprimari, anche quelli nei ruoli minori, sono navigati professionisti. Le gag, salvo rari casi, sono molto infantili, ma il tocco di Castellano e Pipolo rende potabile il tutto.

Renato 15/12/08 16:03 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Carino, con qualche battuta molto divertente ed i soliti giochetti tipici dei film della coppia Castellano e Pipolo (il tuffo in piscina, l'ascensore-autobus); ma il film è meno brioso di altri di quel periodo e Celentano non è sfruttato al meglio (secondo me funzionava di più quando faceva il burbero inattaccabile dalle donne che non il romanticone innamorato). In ogni caso il pubblico sembrò gradire, e parecchio.

Nando 10/07/10 03:56 - 3565 commenti

I gusti di Nando

Un Celentano gigionegiante sciorina la sua naturale vena comica davanti alla Muti ed ad un aristocratico Celi. Commediola anni 80, peraltro campione d'incassi ma priva di risvolto. Si sorride in leggerezza davanti agli strafalcioni del molleggiato che incarta tutti gli astanti. Tuttavia all'epoca si parlava di un ritorno della commedia all'italiana, naufragata nella narrazione popolare.

Enzo Garinei HA RECITATO ANCHE IN...

John trent 6/01/11 10:01 - 326 commenti

I gusti di John trent

Dopo il successone del Bisbetico domato viene riproposta la coppia Celentano/Muti a ruoli invertiti: stavolta è il molleggiato ad essere stracotto e a fare follie pur di conquistare l'altra. Qualche gag è anche carina, ma il risultato è molto deludente; forse uno dei peggiori film del molleggiato. La presenza di Adolfo Celi è comunque stracult. Noioso.
MEMORABILE: "Cosa fa un uccello di 30 kg appollaiato su un ramo?"

Dengus 24/01/11 11:31 - 360 commenti

I gusti di Dengus

Adriano è Adriano! Con un gesto e i soliti nonsense fa ridere; anche questa volta con lui c'è una Muti meno snob della volta precedente, nonostante il sangue blu e molto bella anche acqua e sapone. I buoni sentimenti e il romanticismo dominano, ma le situazioni rendono tutto molto comico e spesso paradossale; è un Molleggiato in splendida forma, in quella che forse è la sua penultima prova migliore (l'ultimo suo film valido è Il burbero), contornato da un buon Celi con il quale dà vita ad un bel siparietto comico; simpatico e pulito, per tutti.
MEMORABILE: La serenata notturna con il suo "cotto cottissimo.. innamorato di quellalà"!

Jcvd 20/03/11 20:25 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Un altro dei grandi successi di Celentano e uno di quei film brutti e dalla trama ridicola che eppure ti scopri a vedere sempre con piacere senza annoiarti mai. Adriano è un vero trascinatore e nel ruolo di Barnaba risulta azzeccatissimo. Così come Il bisbetico domato è un successone di pubblico e merita più di uno sguardo.

Mco 10/07/11 23:51 - 2197 commenti

I gusti di Mco

Che dire... Il molleggiato al suo top cinematografico, affiancato da una giovane Ornella che toglie il fiato con avvenenza e spontaneità. Barnaba conquista dal momento in cui esce dal garage con le sue cuffiette e i suoi pattini ai piedi. Si ride molto e c'è spazio per una serie infinita di personaggi minori che hanno comunque fatto la storia della commedia italiana, da Murgia a Diogene, sino al mai troppo rivalutato Jimmy il Fenomeno. Escalation di doppi sensi (mai volgari) e ritmo alto. Pollice su.

Daidae 25/11/11 21:54 - 2854 commenti

I gusti di Daidae

Mezza delusione che salvo per il rotto della cuffia dai 2 pallini che meriterebbe. Inizialmente parte col piede giusto, ma dopo mezz'ora perde tutte le idee e sembra riproporre scene scontatissime. La Muti è solo bella da vedere, Celentano ha fatto di meglio.

Samuel1979 17/10/12 20:08 - 494 commenti

I gusti di Samuel1979

A distanza di un anno il binomio Celentano/Muti si ripete con successo, il film inoltre non è male, ma forse ha il difetto di svelare l'intera trama nei primi minuti. Buona la prova del maestro Celi, ma la scena del tuffo dal trampolino di Barnaba è ciò che ricordo con maggior piacere.

Piero68 29/11/12 09:02 - 2836 commenti

I gusti di Piero68

Uno dei miglior lavori cinematografici del supermolleggiato. O meglio, quello che più di altri viene ricordato e che è passato alla storia per alcune gag veramente indovinate come il ricevimento di gala, lui che guida guardando negli occhi della Muti, la sua "moto", la serenata e tante altre. Peccato che a far perdere dei punti ci sia una sceneggiatura telefonata e un cast di contorno, nonostante i nomi, poco incisivo. Se si esclude Celi, sempre brillante nelle commedie, il resto, Muti compresa, è davvero deludente.

Paulaster 30/11/12 09:47 - 3212 commenti

I gusti di Paulaster

Dualismo tramviere/principessa in salsa romana. Il gioco della parti resta in piedi grazie alla mimica del molleggiato e a una Muti decisamente in forma. Per il resto ci si avvia verso l'happy end tra pause narrative, gag riuscite, infantilismi vari, comprimari navigati e location che danno l'effetto sperato. Molto merito e collante va alla regia sapiente, che con tocchi di mestiere rende credibili le scene.
MEMORABILE: Il tuffo dal trampolino; Il colloquio Celentano/Celi.

Kriminal 5/01/13 19:06 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Secondo film dell'accoppiata Celentano-Muti, con risultati decisamente inferiori rispetto al precedente Bisbetico domato. Una storia intesa come fiaba in chiave moderna ma con andamento troppo scontato e gag enfatizzate del Molleggiato, ormai dedito a tempo pieno al grande schermo, prima di approdare alla TV in pianta stabile. Grandissimo come sempre Adolfo Celi in un ruolo che gli calza a pennello. La Muti sembra un po' incartata in quel ruolo di principessa recitato "a memoria" e in maniera impersonale.
MEMORABILE: "Oggigiorno non c'è tanto da fidarsi di chi fabbrica cannoni" "Ma lei che cosa è?" dice Celi "Io sono autobussiere" dice Celentano al Principe Celi.

Gabrius79 20/09/13 19:31 - 1261 commenti

I gusti di Gabrius79

Tipica commedia diretta da Castellano e Pipolo con un Adriano Celentano scatenato e piuttosto divertente affiancato da una bella e simpatica Ornella Muti qui in veste di principessa. Il film è assai disimpegnato e alcune battute sono decisamente banali. Alcune gag tuttavia restano comunque nella memoria. Gustose presenze di Adolfo Celi e Milla Sannoner nei panni dei genitori della Muti.

Pipolo (Giuseppe Moccia) HA DIRETTO ANCHE...

Trivex 13/03/14 14:40 - 1571 commenti

I gusti di Trivex

Film semplice e senza pretese, pervaso da un eccesso di buonismo, comunque funzionale all'indirizzo del prodotto. Personalmente preferisco di gran lunga il "molleggiato" di qualche anno prima, più "cattivo", non invincibile e con una personalità dotata di un effettivo spessore (vedi Ecco noi, per esempio...). Una pellicola comunque per tutti, rilassante e adatta a rammentare il passato da giovani spettatori nella sala del cinema (e magari sperando che il futuro riservi un finale positivo come quello del film).

Deepred89 13/07/14 03:34 - 3391 commenti

I gusti di Deepred89

Sorprendentemente spassoso, secondo chi scrive superiore al precedente Bisbetico domato sia per la simpatia del personaggio della Muti (là piuttosto insopportabile) sia per la regia meno raffazzonata. Le poche gag non riuscite (Celentano Cicerone, gli errori lessicali della Muti) scivolano via in favore della quantità industriale di smorfie e battute elargite da un Celentano in grandissima forma, qui sostenuto da ottimi comprimari, Celi in primis. Banalità e prevedibilità non smorzano il ritmo e il divertimento. Spensierato e godibilissimo.

Redeyes 15/07/14 07:44 - 2265 commenti

I gusti di Redeyes

Ennesimo Molleggiato show, ma qua manca la sostanza. La pellicola si regge sulla fisicità di Celentano che ha dinanzi una sceneggiatura all'acqua di rose, con tanto di principessina (Chiribbio, che Muti!) e Celi nell'ennesimo ruolo da spocchioso ricco, che viaggiano a motore spento. Il buonismo di fondo impregna tutto e le poche gag addolciscono un po' il senso di delusione. Banalotto.

Furetto60 21/07/15 14:33 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Modellata sulla falsariga di Vacanze romane, è una commedia che vive di alcuni momenti divertenti pur non brillando per originalità. L’umorismo surreale e un pochino english di Adriano ancora riescono a far sorridere, mentre la Muti sembra assai ingessata. La presenza di alcuni buoni caratteristi, qui relegati a ruoli di contorno come Adolfo Celi, migliorano il giudizio.
MEMORABILE: Il salto dal trampolino.

Tersilli 26/12/15 22:16 - 61 commenti

I gusti di Tersilli

Un cult della commedia italiana degli anni '80 che prende vagamente spunto dal celeberrimo Vacanze romane. Adriano Celentano è il mattatore assoluto e la Muti è come sempre splendida. Grandissimo Adolfo Celi e Garinei è un'ottima spalla. Numerose le scene cult, su tutte il pranzo in ambasciata. Buone le musiche.
MEMORABILE: Celentano e la storia romana; Celentano e il vigile; Il pranzo in ambasciata.

Il ferrini 21/01/16 23:52 - 1857 commenti

I gusti di Il ferrini

Un cult degli anni '80. Reduci dal successo del Bisbetico domato Celentano e la Muti (qui decisamente più in forma) ci riprovano e fanno di nuovo centro. La commedia è semplicissima e c'è un'ingenuità di fondo che fa quasi tenerezza, però i due funzionano alla perfezione, così come Adolfo Celi. Memorabile il tuffo dal trampolino di Celentano, con quegli "effetti speciali" fatti alla bell'e meglio in tempi rigorosamente analogici, ma anche la serenata "Cotto cottissimo" su musica del Barbiere di Siviglia. Davvero grazioso.
MEMORABILE: "Lei è della linea di Smith?" "No! Io sono della linea del 29".

Herrkinski 31/01/16 00:42 - 5875 commenti

I gusti di Herrkinski

La comicità e il cinema di Celentano sono sempre stati per me molto "hit or miss": se certe mimiche e battute nonsense a tratti strappano la risata, altre volte i suoi lavori risultano pretenziosi e anche un po' noiosi. In questo caso siamo in una situazione 50/50: se alcune gag (incluse quelle fatte con primitivi effetti di montaggio) vanno certamente a segno, il film nel complesso è prevedibile e ripetitivo, con momenti di stanca che non dovrebbero esserci in una commedia. La Muti è adatta al ruolo; bello il cast di caratteristi d'epoca.

Saintgifts 1/02/16 11:35 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un film del genere si può giustificare solo per la notorietà di Celentano in quel momento e il successo (di botteghino) del precedente in coppia con la stessa Muti. La favoletta che molto alla lontana ricorda Vacanze romane (solo l'accostamento mi mette i brividi), riesce a vivere unicamente per le mosse e gli atteggiamenti del molleggiato (che, evidentemente, all'epoca divertivano) e per il bel faccino (e il resto) della Muti. Senz'altro si è visto di peggio nella filmografia italiana, ma qui si è già piuttosto in basso.

Parsifal68 2/02/16 08:39 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un Celentano in stato di grazia e una Muti più affascinante che mai sbancano il botteghino con questa commedia leggera che si lascia guardare ma che poi riponi in un cassetto che non apri più. Quando parliamo del molleggiato è sempre tutto oltre le righe, così una buona intuizione iniziale diventa il pretesto per i suoi frizzi e i suoi lazzi e, come spesso accade, alla fine non ne puoi più. Passabile per l'epoca, oggi fa sorridere.

Ultimo 7/03/16 11:30 - 1466 commenti

I gusti di Ultimo

Un Celentano in grande forma riesce a tenere alto il ritmo in un film che, senza la sua verve, non avrebbe nulla da dire. La vicenda ruota intorno alla storia d'amore impossibile tra un autista di autobus e una principessa (richiamando in parte pellicole come Vacanze romane). Discreta la prima parte, con gag a raffica del Molleggiato; assai mediocre la seconda. La Muti è bella da lasciare senza fiato.
MEMORABILE: Oggi sono arrivato al lavoro tardi, vorrà dire che uscirò in anticipo!; Il primo incontro sul bus.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Il Dandi 27/06/16 00:46 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Secondo Celentano-movie in coppia con la Muti, stavolta a ruoli invertiti (è lui che va dietro a lei). La simpatia di Barnaba (il tranviere adorato dalle vecchiette che prendono il suo bus, ma che conquista anche una tavola di principi, generali e cardinali) è ovviamente l'unica arma del film, con svolgimento tirato per i capelli e gag a misura di bambino. Non funziona nemmeno l'innesto di Adolfo Celi, spaesato come lo sono spesso i giganti di terza età costretti in ruoli minori. Spiace doverlo ammettere, ma vale solo *!
MEMORABILE: Il tuffo dal trampolino; La serenata con orchestra.

Josephtura 28/06/16 16:54 - 179 commenti

I gusti di Josephtura

Film imbarazzante. Storia non tanto ridicola quanto proposta in modo addirittura volgare e sfacciato. Il fim letteralmente "campa" su una ripetizione fastidiosa delle solite gag di Celentano e l'avvenenza della Muti. Almeno fisicamente Celi si impone nel suo ruolo. Per il resto si tratta di un film raffazzonato.

Rambo90 18/02/19 01:20 - 6766 commenti

I gusti di Rambo90

Uno dei Celentano-movie di maggior successo, eppure uno dei meno divertenti. Lo spunto, per quanto già ampiamente sfruttato, poteva dar luogo a momenti veramente spassosi, invece stavolta la sceneggiatura imbastita da Castellano e Pipolo è tutto sommato modesta. La Muti funziona benissimo come principessa, i suoi strafalcioni linguistici fanno sorridere e anche Adriano è un autista simpatico e convincente. Ma mancano gag da ricordare, tranne forse quelle al primo incontro con l'ottimo Celi. E poi i momenti clowneschi qua sono davvero troppi.

Pessoa 18/06/20 14:45 - 1562 commenti

I gusti di Pessoa

La coppia Celentano-Muti torna sullo schermo a ruoli invertiti (questa volta è lui ad essere invaghito di lei) dopo il successo del film dell'anno precedente, alle prese con una sorta di remake di Vacanze romane. Il film è costruito addosso al Molleggiato (la maggior parte delle battute non avrebbero senso dette da un altro) e tenta di sfruttarne il grande successo del momento, ma lo script piuttosto debole ne penalizza il risultato. Si tratta di una favola piuttosto banale in cui si ride grazie alla bravura degli interpreti (Celi il migliore). Tutto sommato divertente...
MEMORABILE: "Gli Italiani non sono più quelli di una volta" (Sannoner); L'identikit di Celentano ai colleghi; "Quando litigo con me stesso sono tremendo".

Markus 5/10/20 21:08 - 3418 commenti

I gusti di Markus

Squadra che vince non si cambia, sicché per il Natale '81 si riunisce la coppia sbanca botteghino Celentano/Muti reduce dai fasti de Il bisbetico domato. Commedia fin troppo leggera, che dopo diversi film con il "Molleggiato" d'ambientazione settentrionale sposta la scena a Roma per una a dir poco inverosimile sua interpretazione di autista dell'Atac. Ci sono però buone intuizioni (l'arcinota serenata "Cotto, cottissimo...", il "chiribbio" della Muti)  e l'asso nella manica di un Adolfo Celi ormai piegato al cinema commerciale. Discrete le musiche di Bruno Zambrini.

Camibella 3/01/21 23:48 - 277 commenti

I gusti di Camibella

Quando Celentano era campione d'incassi negli anni '80 poteva permettersi di fare qualsiasi personaggio. Dopo Il bisbetico domato torna a recitare in coppia con la bellissima Ornella Muti in un improbabile ruolo di autista di autobus che si innamora di una principessa di un piccolo stato sull'orlo della bancarotta. Qualche simpatica battuta e successo incredibile che nasconde però l'ingenuità di una sceneggiatura tutta volta a soddisfare le manie di grandezze del Molleggiato. Vedibile e poco più.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Geppo • 2/04/08 15:23
    Addetto riparazione hardware - 4236 interventi
    il film incassò ben 21 miliardi di lire di allora (più di 40 milioni di euro di oggi).
  • Musiche Zender • 13/06/08 07:55
    Consigliere - 44631 interventi
    La canzone "Crazy movie" (tratta dal film) è contenuta in un cd ormai fuori catalogo ("Il cinema di Adriano") e pressoché introvabile che raccoglie alcune tra le più significative canzoni composte da Celentano per i suoi film. Eccone la copertina e il retro grazie alla solita, insostituibile, Geppo collection from Germany.

  • Homevideo Geppo • 7/12/08 13:25
    Addetto riparazione hardware - 4236 interventi
    Per la prima volta a confronto le due edizioni del film "Innamorato pazzo", versione italiana Cecchi Gori e il DVD tedesco (con audio italiano e tedesco) Starlight Film.
    Le due versioni sono diverse per quanto riguarda l'intervista a Pipolo contenuta solamente nella versione italiana Cecchi Gori.

    I DVD del suddetto film hanno master uguali.



    DVD tedesco, con audio italiano e tedesco, Starlight Film
    Il titolo, tradotto in italiano, è... DAI LO ZUCCHERO ALLA SCIMMIA (Gib dem Affen Zucker).



    Master: Molto buono
    Audio: Pulito, Dolby Digital 2.0
    Durata: 97 minuti (integrale)
    Video: 1,85:1 anamorfico



    Extra: Intervista a Pipolo, 29 minuti (contenuta solamente nella versione italiana Cecchi Gori).

    Ultima modifica: 24/01/10 08:51 da Zender
  • Musiche Geppo • 4/01/10 17:16
    Addetto riparazione hardware - 4236 interventi
    Ecco il 45 giri originale Clan Celentano di "Crazy movie" tratta dal film "Innamorato pazzo".

    Ultima modifica: 5/01/10 09:24 da Zender
  • Homevideo Geppo • 23/01/10 22:11
    Addetto riparazione hardware - 4236 interventi
    Per gli amanti delle CVR:
    Ecco la rara fascetta VHS CVR cartonata di "Innamorato pazzo" direttamente dalla Geppo Collection.

    Ultima modifica: 24/01/10 08:51 da Zender
  • Discussione Stefano89 • 17/06/11 19:48
    Disoccupato - 5 interventi
    Bisognerebbe trovare il ristorante dove Barnaba e Cristina vanno a mangiare da " Mario ". Il locale sembra essere molto simile a quello in Viaggi di Nozze dove Giovannino va a cena con suo padre.
  • Curiosità Zender • 5/02/15 15:56
    Consigliere - 44631 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Buiomega71 • 19/04/18 19:16
    Pianificazione e progetti - 22884 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (mercoledì 4 aprile 1984) di Innamorato pazzo:

  • Curiosità Lucius • 21/04/19 00:26
    Scrivano - 8612 interventi
    Direttamente dall'archivio cartaceo Lucius, un altro flano originale del film: