Indovina chi sposa mia figlia!

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Maria, ihm schmeckt's nicht!
Anno: 2009
Genere: commedia (colore)
Note: Titolo tradotto in italiano: "Maria, a lui non piace!". Dal romanzo "Maria, ihm schmeckt's nicht!" di Jan Weiler.
Numero commenti presenti: 8
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/09/09 DAL BENEMERITO GEPPO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/07/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Geppo 16/09/09 17:09 - 288 commenti

I gusti di Geppo

Come vivono gli italiani in Germania? Ce lo spiega questo divertentissimo film tedesco. Una trama molto godibile con attori bravissimi (soprattutto Lino Banfi che qui recita in "deutsch" doppiandosi da sè, incredibile ma vero!). Il film è la conferma, almeno per me, che Banfi riesce ancora a far ridere. C'è una netta differenza tra gli ultimi film di Banfi interpretati in Italia e questo film tedesco girato con grande maestria. Sergio Rubini, bravo anche lui, appare come partecipazione straordinaria. Sono lieto di inserirlo sul Davinotti.
MEMORABILE: Lino Banfi che parla in tedesco!!!

Capannelle 23/02/10 17:03 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

La Vollmar non fa economia di stereotipi ma li sa affrontare con una certa eleganza. E dobbiamo ammettere che certi comportamenti, certe visioni del privato sopravvivono da noi anche nel 2010. Accompagnati dalle canzonette e dalla gestualità che tanto piacciono all'estero, gli attori si muovono bene e la contrapposizione tra Antonio Marcipane (Banfi) e il futuro genero (Ulmen) regala dei bei momenti. E quando il paese di Campobello gli si stringe letteralmente addosso, è facile provare simpatia per il tedesco.
MEMORABILE: "Lei sa che Machiavelli e Freud erano grandi amici?"

Markus 5/07/10 10:18 - 3310 commenti

I gusti di Markus

Commediola tedesca la cui nota più appariscente è l’impiego di Lino Banfi (nella versione originaria parla in tedesco!), ma anche di Rubini come caratterista. La vicenda narra d’un ragazzo tedesco di buona famiglia che desidera sposare la figlia di immigrati italiani e gradisce farlo nel paesello originario di lei, in Puglia. Una volta arrivato, si scontra con usi e costumi del posto. L’Italia, come al solito, è rappresentata anacronisticamente e dando per scontata la cultura meridionalistica come valida per tutto il paese.

Jandileida 3/07/10 12:55 - 1261 commenti

I gusti di Jandileida

Il sentire Banfi alle prese con la lingua dei nostri amati/odiati "quasi" vicini giustifica da solo la visione del film. Tolta la sorpresa, però, del film resta un po' poco: la prima parte è farcita di luoghi comuni, abbastanza stantii, sugli italiani di Germania e sopratutto sulla tipica famiglia dell'Italia del sud impregnata di superstizioni, il tutto accompagnato da un'irritante motivetto alla "pizza e mandolino" di corelliana memoria. Meglio la seconda parte, dove l'incontro tra due culture viene raccontato più approfonditamente e più seriamente.

Puppigallo 5/07/10 09:35 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Commediola carica di luoghi comuni, di stereotipi, che cerca di elevarsi un po' quando Banfi narra della sua difficile gioventù in terra germanica. Poi però, appena si torna alle vicissitudini di un matrimonio organizzato male, pieno di problemi, si finisce subito nelle pseudogag facili facili, con utilizzo di dialetto, beghe familiari, tradizioni locali, malocchio e chi più ne ha più ne metta. Banfi, comunque, se la cava dignitosamente, senza scivolare troppo nella macchietta e dando al tutto persino una sua dignità. Mentre il Fantozziano promesso sposo tedesco lascia perplessi. Vedibile.
MEMORABILE: Il tedesco parte a razzo e Banfi (che va ai 60): "Ma chi sei, Schumaker!?"; L'ufficio pieno di fancazzisti: "Passate domani". Passano domani ...uguale

Galbo 6/07/10 05:40 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Piuttosto acclamata dagli ammiratori dell'attore pugliese questa incursione tedesca di Lino Banfi conferma la ormai acclarata bravura dello stesso ma anche la mancanza di copioni veramente validi di cui ha sempre sofferto. Questo in particolare si presenta come un vasto campionario di tutti i possibili luoghi comuni dell'italiano all'estero. E' sconfortante pensare che ancora si creda ad una certa immagine dell'Italia e dei nostri connazionali a meno che sia comodo crederlo per motivi commerciali.

Zio bacco 8/10/14 00:51 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Commedia sulle difficoltà d'incontro fra culture antitetiche, italica e teutonica. Pur apprezzabile, il film si perde in esagerati stereotipi sull'Italia, a torto bollata con le superstizioni di Campobello. La regia non eccelle, malgrado i flashback diano una continuità narrativa. Pregevole Lino Banfi, che recita pure in tedesco, apprezzabili De Vita e Rubini, mentre il genero tedesco (Ulmen) appare troppo ingessato. La sensazione è che l'idea potesse essere sfruttata meglio e con meno esagerazioni (l'ossessiva scaramanzia nausea). Passabile.

Pessoa 10/12/16 01:40 - 1181 commenti

I gusti di Pessoa

Gran bel film della Vollmar che parte dagli stereotipi che da sempre caratterizzano il rapporto fra italiani e tedeschi per smontarli progressivamente in un messaggio intelligente che non cede a conclusioni facili. Il film varrebbe solo per la prova del Lino nazionale, che si conferma, qualora ce ne fosse bisogno, attore di razza e di caratura internazionale, celebrato anche da spettatori e critici germanofoni. Ottime prove anche di Rubini, Ulmen e Tander. Le scivolate nella macchietta a Campobello stridono un po' ma fanno parte del gioco.
MEMORABILE: Christian Ulmer che "mangia" le cozze mentre Rubini lo guarda compiaciuto; La "arricciatura" del polpo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Markus • 6/07/10 14:02
    Scrivano - 4795 interventi
    Il film l'ho visto e commentato, ma anche qua sul forum, m'accodo con chi l'ha ritenuto una mezza delusione. Un film che, almeno nella versione italiana, non ha molto senso e soprattutto non diverte, al massimo può rilassare. Non so quanti film tedeschi hanno girato in Italia, ma i due che ho visto (questo e In fuga a Venezia*) sono terribilmente infarciti di luoghi comuni e spocchiosi. Mi innervosiscono pure.

    *Zender prima o poi dovrà fare lo specialone sulle location veneziane del film.
  • Discussione Geppo • 6/07/10 16:39
    Addetto riparazione hardware - 4020 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Il film l'ho visto e commentato, ma anche qua sul forum, m'accodo con chi l'ha ritenuto una mezza delusione. Un film che, almeno nella versione italiana, non ha molto senso e soprattutto non diverte, al massimo può rilassare. Non so quanti film tedeschi hanno girato in Italia, ma i due che ho visto (questo e In fuga a Venezia*) sono terribilmente infarciti di luoghi comuni e spocchiosi. Mi innervosiscono pure.

    *Zender prima o poi dovrà fare lo specialone sulle location veneziane del film.

    Concordo pienamente con Markus, c'è una netta differenza tra la versione tedesca e quella italiana.
    Ricordo quando vidi la versione tedesca al cinema (in Germania).
    La versione tedesca trasmette sensazioni diverse (avendo l'opportunità di capire tutti i dialoghi parlando entrambe le lingue).
    Lino Banfi è stato molto bravo ad interpretare il suo ruolo in tedesco... vederlo recitare in Deutsch vi assicuro ch'è spettacolare.
  • Discussione Zender • 7/07/10 10:07
    Consigliere - 43620 interventi
    No Jandileida, non mi sembrava come quello de Lacapagira, io capivo tutto qui...

    Markus, non era così interessante come loction In fuga a Venezia. un giorno lo rivedrò e troverò magari le più importanti.

    Geppo, immagino che sia completamente diverso il film in tedesco, ha ragione Markus: in italiano perde moltissimo, per forza.
    Ultima modifica: 8/07/10 19:46 da Zender
  • Discussione Capannelle • 7/07/10 23:24
    Scrivano - 2506 interventi
    No per favore, non facciamone una questione di doppiaggio, cioè che in tedesco funziona e in italiano no. Ho visto la versione tedesca e spezzoni di quella italiana, non ho visto grandi differenze.
    Concordo con chi parla di stereotipi, pure io li ho citati ma è sicuramente meglio di film similari (matrimonio greco ad esempio), la narrazione scivola via bene e comunque alcuni sterotipi sono TRAGICAMENTE VERI: l'italiano che viaggia in terza corsia a 60 all'ora è vero! La famiglia che buba se non ci si sposa in chiesa e che pensa di sapere tutto E' VERA!
    Poi si può discutere che non tutta l'Italia è così (per fortuna!) ma altrettnto non si può dire che la regista sia tenera coi tedeschi: mi è piaciuta quando la madre del tedesco, passa dalla visione folkloristica (teteschi duri, italiani passionali) alla visione realista (due culture diverse che hanno bisogno di pazienza per capirsi).

    PS tra l'altro ho visto il film con occhio molto critico come ogni volta che vedo assegnare 5 stelle..
    Ultima modifica: 8/07/10 00:54 da Capannelle
  • Discussione Zender • 8/07/10 09:04
    Consigliere - 43620 interventi
    Non dico che sia solo una questione di doppiaggio, ma sentir parlare Banfi in tedesco mi dà molto più l'idea di immigrato "vero" che non dei tedeschi che parlano in italiano con accento crucco in Germania.

    Certo, ci son stereotipi chiaramente riconducibili all'Italia tutta, altri (l'insistenza per il cibo e altri) molto più legati al meridione, a parer mio.
  • Discussione Jandileida • 8/07/10 18:08
    Addetto riparazione hardware - 406 interventi
    Zender scusa è jandileida non greymouser :) Si se non intendevi qualcosa come lacapagira,allora ti confermo che anche nella versione tedesca parlano italiano con un accento pugliese.

    Io l'ho visto in versione tedesca e non mi ha colpito più di tanto: l'unica cosa è che Banfi in tedesco fa ridere parecchio a prescindere cosa che rende il film per un po' interessante,ma per il resto insomma.è vero, come dice Capannelle, che alcuni luoghi comuni hanno sicuramente un fondo di verità (ti assicuro comunque che quelli fissi in terza corsia a 30 km/h si trovano pure in Germania e sopratutto in Belgio,se non peggio) la cosa che più mi ha dato fastidio è che gli stereotipi sono sempre gli stessi dagli anni '50. Quasi che i nostri cuginoni, nonostante il mondo sia cambiato e parecchio, continuino a vederci come quelli con la pasta e il sugo nella valigia,che non sanno stare fermi con le mani mentre parlano e che sperano solo di oziare invece di lavorare.è la mancanza di riflessione (e forse pure un po' di spocchia) non l'utilizzo del luogo comune in sè ad infastdirmi.
  • Discussione Zender • 8/07/10 19:59
    Consigliere - 43620 interventi
    Hai ragione, scusami Jandileida, ho corretto. A me avrebbe colpito appunto sentire Banfi in tedesco, di sicuro.
  • Discussione Capannelle • 8/07/10 22:20
    Scrivano - 2506 interventi
    Jandileida ebbe a dire:
    (ti assicuro comunque che quelli fissi in terza corsia a 30 km/h si trovano pure in Germania e sopratutto in Belgio,se non peggio).
    sono italiani in vacanza.. in germania ho viaggiato per due anni x lavoro e non ho visto comportamenti simili però ne ho visti alcuni che viaggiano a 200 e appena vedono un cartello col limite a 130 tirano un'inchiodata rimanendo in corsia di sorpasso!

    la mancanza di riflessione (e forse pure un po' di spocchia) non l'utilizzo del luogo comune in sè ad infastdirmi.
    in parte hai ragione ma lo fa con un certo stile e vuole rimanere un film leggero non certo un agrodolce
  • Homevideo Detto • 21/10/10 13:26
    Disoccupato - 1 interventi
    Ho visto il film in tedesco, mentre la versione italiana non è ancora disponibile, e a quanto pare non è ancora uscito in dvd. Sapreste dirmi come posso procurarmelo? Grazie mille
    Ultima modifica: 21/10/10 14:12 da Zender
  • Homevideo Zender • 21/10/10 14:12
    Consigliere - 43620 interventi
    L'han fatta in tv qualche tempo fa. La rifaranno.