Independence day - Rigenerazione

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Independence Day: Resurgence
Anno: 2016
Genere: fantascienza (colore)
Note: E non "Indipendence day - Rigenerazione".
Numero commenti presenti: 16
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Girare il sequel di un film che ha cambiato il modo d'intendere la fantascienza catastrofica al cinema espone fatalmente al paragone impietoso. L'impatto di INDEPENDENCE DAY - RIGENERAZIONE non poteva essere quello del suo predecessore: nei vent'anni trascorsi da allora la computer grafica ha fatto passi enormi dando la possibilità a produzioni anche minori di raggiungere risultati ragguardevoli, a livello di spettacolarità. Gli spettatori oggi sono più smaliziati, pretendono di più a livello visivo ed Emmerich - al tempo maestro indiscusso del campo - non ha saputo progredire sufficientemente a livello d'inventiva. L'effetto prolungato della metropoli che crolla tra le macerie...Leggi tutto è stravisto (lo è meno quando grattacieli, auto e quant'altro vengono risucchiati verso l'alto), gli scontri in volo tra piccole astronavi non stupiscono più nessuno e le scene all'Area 51 non hanno un briciolo della tensione che si respirava nel modello. Ma ciò che più dispiace dover constatare è che la brillantezza della sceneggiatura, allora vero asso nella manica assieme alla rivoluzionaria grandiosità degli effetti speciali, si perde in dialoghi di nessuna consistenza e si stempera in uno sviluppo che ben poca arguzia conserva nel disegno dei caratteri. Si riprovano a moltiplicare gli scenari osservando quanto accade su una base lunare, in Africa e in un insediamento militare del Nevada. Il nemico si ripresenta con astronavi ancor più gigantesche, ma a colpire maggiormente è ancora la cara vecchia trovata dell'ombra che lentamente dall'alto copre gli ampi panorami che le stan sotto. Ritornano molti dei personaggi di vent'anni prima con agganci che talvolta lasciano perplessi, come a stimolare la nostalgia in chi guarda ma fortunatamente senza pretendere che ci si ricordi granché. Manca l'allegra ribaldaggine di un Will Smith (non certo sostituita dallo stereotipato eroismo di Hemsworth), la divertita retorica di Pullman (recuperato sì, ma più per esigenze di cassetta che di copione) e il ritornato Jeff Goldblum diventa un ricercatore qualsiasi, col padre scrittore a far da ennesimo capopopolo di cui non si sentiva il bisogno e William Fichtner scialbo presidente in pectore. Emmerich non ha perso del tutto l'attitudine, s'intende, per cui non ci si annoia, ma il grande senso di ingenua meraviglia che aveva accompagnato il numero uno non si ritrova proprio: pare di aver a che fare con uno dei tanti epigoni spuntati negli anni come funghi senza un vero perché. Con inserimenti a metà tra INCONTRI RAVVICINATI E TRANSFORMERS come la sfera bianca venuta in nostro soccorso, l'astronave parcheggiata in Africa e via dicendo in un recupero affannoso di idee altrui dovuto all'evidente povertà di spunti che mina alla base il progetto. Come se il sequel fosse un atto dovuto nato senza convinzione. Terribili per scontatezza le battaglie nei cieli, patetici i personaggi, paccottiglia inconsistente le scenografie interne dell'astronave madre, gigeriani fino al midollo gli alieni, inavvertibili a livello mondiale le ripercussioni della nuova minaccia, sceneggiatura tragicamente inferiore alle aspettative. Pura fantaroutine con l'unico vantaggio di poter sfruttare il richiamo d'un titolo epocale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/09/16 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Digital 13/09/16 14:32 - 1121 commenti

I gusti di Digital

Quasi un sequel in chiave parodistica. Sì, perchè le battute sono veramente molte e quando entra in scena il dr Brackish il film diventa ancor più esilarante. Certo, apparentemente ha una patina "seriosa", ma quando si sentono cose come "me lo potevi dire che avevo le chiappe al vento", non si può far altro che piegarsi dal ridere. Inattaccabile dal punto di vista degli effetti speciali, sconta, forse, una durata eccessiva, ma il ritmo è alacre per cui si arriva alla fine senza colpi di sonno. In sintesi, un blockbuster più che dignitoso.

Capannelle 11/09/16 11:29 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Sarebbe lecito aspettarsi di più quando vuoi rinverdire i fasti di un film a suo modo iconico. Se la prima mezz'ora qualcosa aveva fatto intravedere, con le prime schermaglie dialettiche tra gli analisti e la visita alla tribù sudafricana, lo sviluppo della trama abdica a qualsiasi ambizione replicando prevedibili immagini, paternalismi catastrofici e le solite tattiche contro gli alieni. Anche le varianti lunari/cinesi aggiungono poco. Non funziona la leadership di Usher e Hemsworth, Hirsch e Pullman rigenerati come piloti stancano.

Puppigallo 12/09/16 11:15 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Emmerich, malato di gigantismo, ripropone la stessa fantaminestra, anabolizzandola, con l'aggravante di una sceneggiatura di rara pochezza e attori piuttosto insignificanti (Smith è morto, forse dopo aver letto il copione). In più, riesuma lo scienziato, ormai ultramacchietta; e Goldblum, che da come recita, evidentemente non aveva altro sull'agenda. Se poi si aggiungono, effetti anche ben realizzati, ma sprecati, Alieniche scopiazzature e un Presidemente alla riscossa, ecco che l'inutile fantabaracconata è completa. Velo pietoso poi sull'avventuretta del padre di Goldblum. Passare oltre.
MEMORABILE: "La nave atterrerà sull'Atlantico". "Su quale parte?". "Su tutto"; La pioggia di palazzi, navi e aerei; I piloti precipitano in un...Vietnam Alieno.

124c 12/09/16 15:47 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Roland Emmerich, vent'anni dopo, gira la seconda parte del suo Independence day cercando d'aggiornare il suo cinema catastrofico, dove si respirava aria repubblicana della peggiore specie e dove si sbandieravano troppe bandiere americane. Il fatto è che nel 1996 Transformers di Michael Bay non era ancora uscito, tanto che oggi questo secondo capitolo, che strizza l'occhio sia a Aliens scontro finale che al suo Godzilla, risulta roba vista e digerita. Certo, tira fuori dalla salamoia Bill Pullman e Jeff Goldblum, ma non bastano a salvare questo film.
MEMORABILE: Il ruolo di Brent Spinder: in Star Trek - The next generation un androide pacifista, qui uno stralunato scienziato guerrafondaio.

Viccrowley 16/09/16 23:58 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Il primo Independence day è stato una sorta di capostipite, per certo cinema fanta/action con tendenza all'iperbole patriottica e filo americana e senz'altro ha avuto i suoi pregi. Riproporre la solita minestra vent'anni dopo non è comunque perdonabile nemmeno a Emmerich, che pure spinge l'acceleratore a più non posso e scatena addirittura la regina aliena in persona. Tutto sa incredibilmente di vecchio, di già visto in mille film tutti uguali che hanno di diverso solo il titolo. Pessimo il cast di facce nuove e ottimi gli SFX. E vorrei ben vedere.
MEMORABILE: La regina aliena entra nella sua armatura.

Ryo 19/09/16 11:40 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Tutto sommato non male. Paragonato al primo capitolo non sfigura, anzi alza il tiro esagerando con disastri e alieni ancora più enormi. Si sente la mancanza di qualcuno con il forte carisma di Will Smith, ma tutti i personaggi sono ben equilibrati e nessuno prevarica l'altro. Godibili gli effetti speciali. La trama viaggia bene su un tono scanzonato che personalmente non sopporto in molti punti ma che è coerente con l'impronta narrativa del film. Alla fine rimangono aperti vari interrogativi e tutto lascia presagire un terzo capitolo.
MEMORABILE: La marea; Lo scontro con la regina.

Minitina80 19/09/16 08:28 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Emmerich realizza un seguito veramente pietoso riempiendo una sceneggiatura già risibile in partenza di tante scelte mediocri. È un’accozzaglia dei peggiori difetti che un blockbuster di tali proporzioni possa avere. Ovviamente non poteva mancare la solita stucchevole storiella d’amore tra il pilota bello e incompreso con la bella figlia dell’ex-presidente redivivo. Soltanto Michael Bay con Armageddon ha fatto peggio, ma quanto messo su da Emmerich è sullo stesso livello.

Rambo90 20/09/16 02:35 - 6388 commenti

I gusti di Rambo90

Un sequel che mi è piaciuto, senza la freschezza dell'originale ma che sa aggiungere nuovi tocchi a una storia già vista senza renderla stantia. I personaggi del primo ci sono quasi tutti e sono ancora in parte, soprattutto Goldblum e l'esaltato Spiner, mentre i nuovi poco aggiungono, al di là di un Hemsworth più simpatico del fratello Thor. Gli effetti sono ottimi ed Emmerich conferma la sua predilezione per lo spettacolo regalando una seconda parte adrenalinica e molto divertente. Estremamente godibile.

Taxius 21/09/16 20:48 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Vent'anni dopo l'uomo è riuscito a fare sua la tecnologia aliena, girando su astronavi e basi futuristiche. I primi 15 minuti fanno ben sperare, salvo poi sciogliersi subito e mostrare quanto il film sia brutto. Se il primo, pur nel suo essere un'americanata, era comunque realizzato con gusto e con personaggi ben delineati, questo è un'accozzaglia di effetti speciali da videogame. I protagonisti insipidi risultano antipatici e piatti e i vecchi Pullman e Goldblum son messi là tanto per avere un minimo collegamento col primo film.

Siregon 26/09/16 19:10 - 353 commenti

I gusti di Siregon

A vent'anni di distanza dal primo film, Emmerich si lancia in un'operazione nostalgia di cui nessuno sentiva il bisogno. Perdendo per strada il carisma di Will Smith e affidandosi al solo Golblum, unico attore vero in un cast di figurine intercambiabili, frana irreparabilmente sotto i colpi della noia e del deja vu. L'originale, già terribile di suo, ebbe comunque il merito di mostrare un'invasione aliena retro, ma comunque divertente sul grande schermo. Questo è un tv movie con carta di credito illimitata. Pietoso.

Piero68 27/10/16 11:16 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Nonostante Emmerich si cimenti da sempre con mega produzioni e potenziali blockbuster non è ancora riuscito a confezionare un film che convinca fino in fondo. Segno che il regista tedesco è decisamente sopravvalutato. Anche questo ID 2 soffre dei soliti problemi: sceneggiatura scarsa e poco curata, retorica pomposa e irritante e dialoghi di una banalità disarmante. In più perde pure Smith per strada, unico attore che dava un po' di lustro 20 anni fa insieme a Goldblum. Finale terribile che lascia aperta la porta a un terzo capitolo.
MEMORABILE: Il padre di Goldblum, unico sopravvissuto a una mega catastrofe: improbabile e tendenzioso.

Daniela 29/10/16 00:18 - 9510 commenti

I gusti di Daniela

Il lato positivo di vedere un film generalmente stroncato dalla critica è che le aspettive sono talmente basse per cui è difficile restare delusi. Infatti questo tardo sequel mi ha lasciato basita più che delusa: qui non si tratta di bischerate sciolte (in questo anche il primo non scherzava) quanto della puerilità assoluta di trama e dialoghi, infarciti di battutine che, visto il contesto, suscitano fastidio ed imbarazzo, nonché della banalità derivativa della messa in scena, con il risultato imprevisto che, dal punto di vista spettacolare, l'impatto è molto inferiore al film di 20 anni fa.
MEMORABILE: "Tranquilla, non morirà nessuno di noi"; l'incontro babbo/figlio nel deserto; L'epilogo in allegria (sono morti solo 2 o 3 miliardi)

Galbo 27/01/17 05:52 - 11419 commenti

I gusti di Galbo

Un sequel da tanti auspicato ma che sostanzialmente delude le aspettative. Di certo, Emmerich non ha perso il suo "tocco visivo" applicato ai kolossal di fantascienza e il film fornisce in questo senso sequenze degne di nota. Molto carente è invece la sceneggiatura, con personaggi davvero basici e scarsa originalità della storia, tanto che a tratti sembra di assistere ad un remake in peggio del primo film. Notevolmente sotto tono gli attori, vecchie e nuove leve. Evitabile.

Nando 18/07/17 16:42 - 3485 commenti

I gusti di Nando

Non sono un grande amante del genere fantascientifico e questa pellicola non migliora il mio giudizio. Indubbiamente notevoli effetti speciali e interessanti visioni scenografiche, ma lo sviluppo narrativo è abbastanza scontato e si osservano le solite schermaglie tra piloti rivali e insulse vicende sentimentali. Il cast è altisonante ma non sembra del tutto convinto.

Hackett 1/08/17 07:54 - 1728 commenti

I gusti di Hackett

Sequel fuori tempo massimo di un campione del botteghino anni '90. Questo ritorno ai macchiettistici personaggi di Emmerich ha però il sapore dell'operazione disperata, fatta senza eccessiva convinzione e cura. Dove nel primo capitolo l'imponenza degli effetti speciali costituiva un motivo di curiosità, qui l'opulenza e la profusione di computer grafica appaiono l'unico colllante a tenere insieme una trama inesistente farcita di dialoghi patetici.

Jena 28/10/17 20:28 - 1204 commenti

I gusti di Jena

Sequel fuori tempo massimo. Idee nuove non ce ne sono e allora il buon Roland la butta su un gigantismo ancor più esagerato con situazioni oltre il ridicolo: l'astronave che è grande come un continente o, impagabile, la regina aliena che trotta nel deserto come un cammello. La vecchia guardia è spenta e annoiata (Goldblum, Pullman, mentre Smith ha pensato bene di dileguarsi), ma peggio fanno i nuovi, odiosi e bolsi (Hemsworth II). Alla fine i due vecchi Hirsch e Spiner sono gli unici a crederci. Però si arriva in fondo senza addormentarsi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 20/09/16 22:37
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Seppur non mi trovi d'accordo col voto, il commento di Digital è quello che secondo me ha capito più di tutti l'atmosfera di questo sequel, praticamente farsesca (e se è una cosa involontaria da parte del regista, un bell'esamino di coscienza me lo farei).

    L'umorismo poteva pue andare bene come svolta, ma doveva perlomeno essere supportato da unos cript più solido.

    Tutto sbrigativo e precipitoso, seppur scorrevole.

    Buoni sfx, qualche idea azzeccata, ma è tutto men che mediocre.
  • Discussione Digital • 21/09/16 13:40
    Segretario - 3038 interventi
    Ma è assolutamente una cosa voluta, Rare. Voglio dire è palese che sia una parodia del genere catastrofico/fantascientifico. E ben ha fatto Emmerich a non renderlo serioso, altrimenti sì che sarebbe scaduto nel ridicolo. Insomma, io mi son divertito parecchio per cui l'ho valutato positivamente. :)
  • Discussione Zender • 21/09/16 17:37
    Consigliere - 43607 interventi
    Io questo l'ho pensato e lo penso soprattutto del numero 1, qui mi pare che la cosa sia riuscita molto peggio. Gli intenti erano anche quelli, ma la sceneggiatura mi è parsa decisamente molto meno brillante e i protagonisti imparagonabili.
  • Discussione Raremirko • 24/09/16 22:56
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Io questo l'ho pensato e lo penso soprattutto del numero 1, qui mi pare che la cosa sia riuscita molto peggio. Gli intenti erano anche quelli, ma la sceneggiatura mi è parsa decisamente molto meno brillante e i protagonisti imparagonabili.


    D'accordissimo parola per parola con Zender, era anche questo che volevo dire.
  • Discussione Raremirko • 24/09/16 23:09
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Il primo poi dava anche tensione e timore, qui del tutto assenti.
  • Discussione Raremirko • 25/09/16 21:42
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Senza parlare poi dei vari copia/incolla effettuati, a tratti smebra di vedere il primo film praticamente.
  • Discussione Daniela • 29/10/16 01:18
    Consigliere massimo - 5216 interventi
    Visto stasera, per la precisione era prevista visione di coppia, con il marito sul divano già in fase palpebra calante. Veramente la prima scelta era caduta sul Racconto dei racconti di Garrone, poi mi sono ricordata di aver letto di un ritmo lento, meglio evitare, sennò mi entra in coma. Opto allora per un film di fantascienza con tanti botti, sta a vedere che mi tiene compagnia (il marito, non il film).
    "Cos'è?"
    "Independence day - Rigenerazione"
    "Ma non l'abbiamo già visto?"
    "Questo è il sequel di quello uscito 20 anni fa..."
    "E di che parlava?"
    "Di una astronava gigantesca con alieni tipo Alien ma più piccoli che invadevano la terra e poi c'era Will Smith che li menava..."
    "E come finiva?"
    "Vincevano i terrestri"
    "E questo sequel di che parla?"
    "Gli alieni ci stanno a riprovare."
    Questo è stato tutto lo scambio di battute, dato che, pochi minuti dopo i titoli di testa, dal divano si è levato un sommesso ronzio...
    Quando il film è bello e/o interessante, lo sveglio o almeno ci provo ma in casi come questo meglio un sonnellino ristoratore. Quindi per me visione in solitaria, tristissima.
  • Discussione Zender • 29/10/16 08:12
    Consigliere - 43607 interventi
    Oh beh, se dovessi calcolare le volte che anche Wupa cede durante la visione e dovessi definire triste ogni visione caratterizzata da tale evento sarei veramente infinitamente triste... Su con la vita Dan!
  • Discussione Galbo • 29/10/16 08:26
    Gran Burattinaio - 3763 interventi
    La modalità pisolino la utilizzo spesso quando guardo i film dei Vanzina, anzi li apprezzo di più con un occhio chiuso e l'altro aperto rispetto a quando sono aperti entrambi ;)