Incubo sulla città contaminata

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 29/04/07 18:12 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Tra i preferiti visionati nelle Grindhouse da Tarantino, il film di Lenzi spicca sulle consimili produzioni: in primo luogo per una struttura narrativa scorrevole, quindi per una solida messa in scena, ricca di trovate visive supportate da una buona colonna sonora. Primo film dove gli infetti (attenzione: non sono zombi!), sono ipercinetici, prediligono i seni e i glutei delle fanciulle (e te lo credo: c'è anche Sonia Viviani) e sono ghiotti di sangue. Memorabile la sequenza d'accecamento con attizzatoio, ancor'oggi disturbante... Contagioso.
MEMORABILE: Durante le prove di balletto, all'interno di uno studio televisvo, fa irruzione un gruppo di contagiati che si getta sulle ballerine...

Caesars 2/05/07 15:40 - 2671 commenti

I gusti di Caesars

Lenzi è regista che ha spaziato tra innumerevoli generi dirigendo anche pellicole non proprio disdicevoli. In questo caso però il risultato finale è decisamente mediocre e il pregio maggiore di questo film risiede nel suo essere, del tutto involontariamente, anche decisamente divertente (o meglio ridicolo). Questi infetti che hanno bisogno estremo di sangue in certi momenti sembrano degli ubriaconi alla ricerca di una bottiglia di "cancarone". Non basta a salvare il film un colpo di scena finale peraltro non tanto sorprendente.

Puppigallo 3/12/07 18:32 - 4496 commenti

I gusti di Puppigallo

Gli infetti non fanno paura a nessuno (più che altro, fanno ridere) e la sceneggiatura è davvero poca cosa, ma nonostante questo, il buon livello di splatter (la mattanza al balletto, con un bel colpo di scure sulla nuca, o la capatina dei ridicoli infetti all’ospedale, con bevuta della flebo di sangue) e un discreto ritmo, fanno sì che il film si lasci vedere, non potendo inoltre non applaudire il coraggio del regista, che tira dritto fino al finale a "sorpresona", incurante proprio del ridicolo incombente. Attori potabili.
MEMORABILE: Il protagonista: "In una democrazia nessuno può tappare la bocca alla stampa". (La battuta del secolo).

Homesick 8/12/07 17:34 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Pandemica e circolare, questa storia di contaminati sterza tosto verso un classico zombi-movie scarno, ripetitivo e pervaso da splatter. La regia di Lenzi è comunque salda, competente e lascia un’impronta marcata nelle scene d’azione: su tutte, la frenesia di mitragliamenti e coltellate all’aeroporto e la vertiginosa fuga al luna park. A differenza di Romero e Fulci, gli pseudo-zombi lenziani hanno la novità di essere molto forti, rapidi nei movimenti ed ematofagi.
MEMORABILE: L'accecamento e la macellazione di Sonia Viviani.

Cotola 9/12/07 12:03 - 7451 commenti

I gusti di Cotola

Obbrobrio in celluloide di immani proporzioni. Lenzi, qui al suo peggio, scopiazza senza pudore i film zombeschi di Romero, con la differenza che chiama i mostri "contagiati". La sceneggiatura è risibile e imbarazzante, gli attori impresentabili e anche gli effetti speciali sono approssimativi e deludenti se non addirittura dilettanteschi. Circa il finale poi è meglio stendere un velo pietoso: una vera e propria truffa ai limiti del ridicolo. Insomma evitatelo come la peste se non volete essere "contagiati" anche voi...

Deepred89 18/01/08 21:48 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Horrorazzo decisamente deludente. Nonostante non si parli di zombi ma di "contaminati", i riferimenti a Romero e a Fulci sono evidenti. La regia di Lenzi è discreta e riesce a salvare il film dal disastro totale. Discreto anche il cast e incalzanti le musiche di Cipriani. Mediocre quasi tutto il resto. La sceneggiatura si limita a riproporre i vari stereotipi del filone e nonostante qualche idea discreta (l'aereo abbandonato e il finale al luna park) tutto scade nella banalità più totale. Numerosi ma poverissimi gli effetti splatter. Evitabile.

Il Gobbo 21/01/08 21:13 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Oddìo, bruttino è bruttino, il trucco degli zom... ehm, degli infetti (Lenzi sul punto è ipersensibile) è da Esselunga, la fissità del volto di Hugo Stiglitz un fenomeno degno di attenzione scientifica, il resto del cast assemblato a casaccio. Eppure, sarà l'idea degli zom... degli infetti vigorosi e dinamici (che avrà gambe lunghe), sarà la forzosa mancanza di fronzoli, sarà il polso di Mastro Umberto, ma insomma il film funziona, ruvidamente ma funziona. Certo andare oltre i due pallini con rinforzo è impossibile.

Stubby 27/03/08 18:46 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Non è certamente esente da difetti ma è sicuramente una pellicola più che dignitosa e soprattutto con molto ritmo e pochi tempi morti. Il make up degli infetti, che a detta di molti non è dei più riusciti, a me piace moltissimo, così come quasi tutta la pellicola che mi ha lasciato solo un po' perplesso nel finale: l'avrei gradito un po' diverso, anche se Lenzi a questi stratagemmi ha attinto ancora (vedi Le porte dell'inferno).

Ciavazzaro 4/04/08 17:12 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Nonostante sia disprezzato dai più, è uno dei miei cult personali. Un Lenzi comunque ispirato di fronte a un budget non impressionante e con un cast che farà la gioia degli amanti del cinema di genere: Trotter, Ferrer, Omaggio, Rabal, Ugo Bologna (il mio attore cult per eccelenza), Tom Felleghy (altro mostro sacro), Manuel Zarzo, Sonia Viviani, Eduardo Fajardo, Maria Tedeschi non accreditata... qualcosa da aggiungere? gli effetti di sangue e le musiche di Stelvio Cipriani sono cult.
MEMORABILE: Il delirio dentro la stazione televisiva!

Redeyes 8/04/08 09:38 - 2130 commenti

I gusti di Redeyes

Pellicola che, a mio giudizio, ha il grave limite di prendersi sul serio. Voglio dire che un'impostazione maggiormente scanzonata ne avrebbe aumentato il valore. Alcuni passaggi, recitativamente parlando, sono improponibili e spezzano ogni parvenza di ritmo e tensione che poteva essersi creata. Il make-up è quantomeno spiritoso. Qualche tetta all'aria che lascia il tempo che trova (visto il film) e deliziose bevute di sangue (notevole quella maleducata tracannando dalla flebo: non si fa!) Finale rovinato dalla scritta che preannuncia, forse!
MEMORABILE: La bevuta dalla flebo.

Blutarsky 14/04/08 15:21 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Il film è la dimostrazione che l’horror non è mai stato il genere in cui Lenzi si è espresso al meglio. Alcune buone trovate in sceneggiatura (l’aereo con cui arrivano gli “infetti”) si accompagnano ad una mancanza di ritmo, ad un cast lasciato un po’ a se stesso (Mel Ferrer spaesato) e ad una generale impressione di budget molto-limitato (poco riusciti gli effetti gore). Pellicola che viaggia sul sottile confine del ridicolo involontario e in definitiva un film con una fama molto superiore al suo reale valore.

Ghostship 29/05/08 13:43 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Nonostante le precisazioni di Lenzi questo resta un lavoro debitore dei film di Romero (La città verrà distrutta all'alba) che patisce l'assenza di una vera sceneggiatura (con una soluzione finale risibile). Inspiegabile la sua fama di cult visto che non aggiunge nulla ad un filone già all'epoca inflazionato ed ha dei pessimi effetti speciali. L'appassionato può gradire, per carità, ma bisogna essere obbiettivi e guardare il film accettandone la mediocrità, non nascondendola.

Herrkinski 29/07/08 17:44 - 5023 commenti

I gusti di Herrkinski

Grande Horror lenziano che ha recentemente ispirato anche registi di grido come Rodriguez. Il film è un connubio tra zombie-movie e action e la trovata più interessante è proprio quella dei "contaminati": una sorta di zombies (per l'aspetto trucido) iperattivi e intelligenti, che menano (e usano anche armi da fuoco all'occasione) e hanno costante bisogno di sangue per sopravvivere. Il make-up è scadente, ma i numerosi effetti splatter sono efficaci e il ritmo è incessante ed emicranico. Cult assoluto per gli amanti dei B-Movies!
MEMORABILE: Il capezzolo strappato con un grimaldello, la bevuta dalla flebo, i "contaminati" che sparano col mitra!

Daidae 11/04/09 14:03 - 2727 commenti

I gusti di Daidae

Graziosissimo film dell'orrore del buon Lenzi, non privo di difetti e errori grossolani (i contaminati hanno la faccia incrostata e il resto del corpo normale) e con qualche scena che sfiora il ridicolo (il bisturi-shuriken, il televisore). Eppure la buona recitazione e la trama (pesantemente debitrice di La città verrà distrutta all'alba) lo rendono un film interessante. Bella la colonna sonora.
MEMORABILE: La testa che esplode, la flebo, il bisturi

Brainiac 28/04/09 22:05 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

Partendo dal fatto che per me i film di zombie (o affini come in questo caso) non sono mai troppo pochi, devo dire che questo è proprio un cultissimo. La cosa che mi piace di più è che quando scatta l'assedio la sceneggiatura non scompare come in tanti film di genere, anzi, le situazioni sono filmate col giusto realismo (si veda la serrata scena dell'ascensore). Certo, come molti film italiani c'è qualche trashata e qualche lungaggine, ma bisogna considerare il budget a disposizione. Ci sono più trovate qui che nell'intera trilogia di Blade.

Capannelle 18/11/09 23:31 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Fantastici questi zombi che si muovono e combattono come gangster della Magliana! Vestiti di tutto punto ma con la faccia chiusa in quel casco butterato.. come trash ci si diverte, le musiche meritano e ci sono un paio di scene "pregne" (la bevuta della flebo, l'occhio scavato), ma nel complesso è ridicolo. Attori legnosi, sceneggiatura didascalica, ritmo altalenante, location buttate lì alla rinfusa. Vabbè, mancava solo che arrivasse il commissario Merli per arginare questa orda di zombie all'amatriciana.

Losciamano 10/12/09 09:58 - 112 commenti

I gusti di Losciamano

Godibile horror di Umberto Lenzi che colpisce più per il tema politico svolto che per altro. Alcune lacune della sceneggiatura fanno storcere un po' il naso allo spettatore e la noia spesso si fa sentire. Però, ripeto, è un buon film fornito di parecchia inventiva.

Enzus79 8/12/09 11:38 - 1755 commenti

I gusti di Enzus79

Buonissimo horror. Intendiamoci, non è il migliore degli zombi-movie e nemmeno della filmografia di Umberto Lenzi, però mi ha coinvolto, sia per quanto riguarda la storia (scorrevole), le scene di paura ed anche la colonna sonora del buon Stelvio. Certo ci sono momenti al limite del patetico, ma il film si fa piacere per quel che è, non tralasciando tematiche importanti come l'ambiente. Lenzi non è Romero, ma credo che questo film sia proprio un cult.

Rickblaine 12/12/09 09:18 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Al posto degli zombi ci sono i contaminati, ma la pasta è sempre la stessa. I riferimenti ai film di Romero non sono casuali anche se qualche cambiamento è stato apportato (come la velocità dei contaminati, da cui prenderanno spunto successivamente Boyle e qualcun altro). Inutile dire che Lenzi è una garanzia; è il cast a non esserlo.

Buiomega71 17/12/10 13:11 - 2228 commenti

I gusti di Buiomega71

Poveristico, raffazzonato, zeppo di momenti horrocomici, girato da Lenzi in modo confuso e con la mano sinistra: dalle risibili espressioni da comica muta degli infetti si passa alle morti teatrali senza colpi in arrivo alla bruttezza degli SFX, miserissimi. In tutto questo marasma pauperistico qualche buon momento di rara ferocia (la strage dei contaminati agli studi tv stile Soldato blu, l'eye violence ai danni della Omaggio, la testa fracassata del prete) e qualche guizzo di regia (le soggettive esterne della villa). Resta, comunque, un manuale del trash.
MEMORABILE: Bologna a Stiglitz: "Miller, lei è licenziato!", e Stiglitz, impassibile come un gatto di marmo: "Me ne fotto! Sono io che vi pianto!"

Silenzio 26/06/10 18:01 - 59 commenti

I gusti di Silenzio

Gli improbabilissimi "contaminati" di Lenzi si muovono in aeroplano, mitragliano come gangster e assestano sganascioni degni di Spencer & Hill; ci sarebbe di che divertirsi se non fosse che, non appena escono di scena, emergono prepotentemente le voragini della sceneggiatura, il pressapochismo della regia e del montaggio, la pochezza degli interpreti. Curioso in ogni caso l'explicit che diventa incipit. Deliri sociologico-ecologisti in abbondanza nei dialoghi.
MEMORABILE: Il prete contaminato che aggredisce i nostri brandendo un cero pasquale.

Von Leppe 10/01/11 19:18 - 1018 commenti

I gusti di Von Leppe

Film che riesce a piacere malgrado i suoi limiti, e c'è anche un intento ecologico (era molto di moda nel 1980). Il montaggio forse rende il film dispersivo, ma ci sono momenti orrorifici e splatter divertenti. I contaminati non sono zombi veri e propri: si muovono velocemente, usano utensili per uccidere, sembrano organizzati e si nutrono di sangue come i vempiri. L'influenza romeriana è innegabile, ma L'ultimo uomo della terra di Ubaldo Ragona è più vicino nelle atmosfere (specie della città anonima, che sa di periferia).
MEMORABILE: L'uccisione della donna nella cantina della villa.

Manfrin 6/02/12 14:30 - 324 commenti

I gusti di Manfrin

Vicenda simil Zombi che si succede con persino esagerate stragi e l'utilizzo di lame di tutti i tipi pur di creare un orrore e uno splatter ai limiti del ridicolo. Tentativo nel finale addirittura di riservasene un seguito. Per gli amanti del genere.

Ryo 26/12/12 01:17 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Umberto Lenzi il talento lo ha e si vede. Ce la mette tutta per il film e difatti la regia è ottima. Purtroppo la sceneggiatura è piena di buchi e di incongruenze, anche se ci sono dei buoni effetti splatter, e questo film ha il merito di aver "inventato" gli zombi che corrono (usano armi e tendono agguati). Molte le scene comiche-involontarie, ma qualche sequenza è degna di nota. Scarso invece il doppiaggio e dialoghi ridicoli.
MEMORABILE: Il chirurgo lanciatore di bisturi; Il prete che attacca con un enorme candela; Il televisore esplosivo.

Luchi78 11/01/13 14:32 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Tripudio di gole tagliate e pugnalate al costato, umani infetti da una malattia che li rendi mezzi zombiee mezzi vampiri, uso spropositato di mazze di legno per gli scontri tra le due opposte fazioni. Insomma, tutto il film può essere riassunto in questi pochi termini, a quanto pare sufficienti per impressionare le icone del cinema moderno e farne produzioni più elaborate ma dallo stesso contenuto esclusivamente splatter. Ottime come fonte d'ispirazione, ma senza aspettarsi nient'altro.

Sabryna 2/02/13 00:28 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Classico zombie-movie ipersplatter. Da Lenzi c'era da aspettarselo; è tutto lecito in questo grosso calderone dove sangue e nudità talvolta fin troppo gratuite si susseguono senza sosta. Pollice verso per gli effetti e il trucco, sicuramente non dei migliori. Una nota di merito hanno invece gli zombi di turno, i cosiddetti "contaminati", che a differenza di quelli a cui siamo normalmente abituati sono estremamente forti e veloci, sanno manovrare armi e guidare aeroplani. Godibile per gli amanti del genere, ma di certo non memorabile.

Jurgen77 4/02/13 10:10 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Il livello generale è bassino, tuttavia il film ha qualche punto apprezzabile. Seppur spudoratemente copiata dal cult di Romero, la pellicola ha qualche spunto di splatter azzeccato, unitamente all'azione che, come sempre nei film di Lenzi, si regge su buoni livelli. La storia è un po' raffazzonata, gli attori pure, ma qualcosa di apprezzabile c'è.

Maik271 4/02/13 17:14 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Denuncia ecologista in questo curioso horror di Umberto Lenzi; curioso per il semplice fatto che qui gli zombi non hanno le caratteristiche movenze ma sono molto più veloci e per giunta più organizzati rispetto agli altri film del genere. Belle le musiche di Cipriani, azzeccate alcune scene splatter. Non male gli attori principali e ottimo finale. Da rivalutare!

Somai13 6/02/13 04:33 - 11 commenti

I gusti di Somai13

Grande cast, tra cui spicca la bellezza della nostra Maria Rosaria Omaggio, ma delude per la totale assenza di suspance e gli scadenti trucchi (a fronte di un budget non indifferente). L'idea non è male e comunque merita una visione. Violenza gratuita qua e là senza la classe di un Deodato. Lenzi poteva fare sicuramente di più.

Furetto60 6/03/13 11:12 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

A me è piaciuto; anche con una trama esile, comportamenti razionalmente assurdi, attori ingessati, splatter e nudi (la Omaggio è notevole) a risollevare l’attenzione dello spettatore, ma è proprio l’insieme a costituire una sorta di decalogo dei film anni ‘70 girati con spirito avventuriero, utilizzando quello che si poteva (non esclusa una sana capacità di adattamento). E ci si diverte anche, perché certe scene sono davvero assurde!

Dusso 20/03/13 12:18 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Lenzi dirige uno zombesco con una gustosissimo cast e ne esce un film abbastanza divertente per chi ama il cinema di genere, con una commistione di tette e sangue che farà felice un certo tipo di spettatore. La regia è molto veloce mentre la storia fin troppo ripetitiva, ma fortunatamente una certa varietà di location e qualche idea rendono il film godibile (naturalmente va preso per quello che è...).

Disorder 7/01/14 21:53 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Anche se siamo in presenza di una pellicola dall'alto tasso di trash e comicità involontaria, non me la sento di infierire più di tanto. Il make-up degli infetti è tremendo d'accordo, ci sono voragini di sceneggiatura e incongruenze dure da digerire (abbiamo zombi che guidano aerei e manovrano ascensori!) ma la bravura e il gran mestiere di Lenzi consentono di non annoiarsi mai e arrivare alla fine senza problemi. Con qualche soldo in più probabilmente le cose sarebbero state del tutto diverse. Promosso, con qualche riserva.
MEMORABILE: Il chirurgo lanciatore di coltelli; Lo zombi manovratore al lavoro con l'argano; Gli zombi stessi (dei figuranti spalmati di catramina).

Jdelarge 21/01/14 18:26 - 847 commenti

I gusti di Jdelarge

Obiettivamente parlando, con tutta la stima che si può provare nei confronti di uno dei migliori registi italiani di genere come Umberto Lenzi, questo film non riesce neanche a salvarsi "in corner" grazie all'elemento trash. Sia chiaro, trash è trash, ma avrebbe potuto esserlo molto di più tralasciando dialoghi assurdi e completamente scontati che rendono il film inutilmente lento. Il cast fornisce una prova imbarazzante, gli effetti sono dozzinali e si salvano solamente le musiche di Stelvio Cipriani.

Lucius 6/12/14 17:09 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Lo zombie-movie personale di Lenzi non è niente male quanto a struttura narrativa, trama e commento musicale, mentre purtroppo difetta in un settore, quello del make-up, che per questo genere di pellicole è indispensabile. I trucchi infatti sono approssimativi. La storia è incentrata su una fuga radioattiva da una centrale atomica. Trattasi di un prodotto tipico degli anni ottanta, in cui la recitazione purtroppo risulta sotto i limiti di guardia. Uno dei casi in cui la mancata direzione degli attori è lampante. Buone idee e poco impegno.

Nicola81 28/01/15 22:23 - 1924 commenti

I gusti di Nicola81

Un piccolo classico del nostro cinema di serie B, che ovviamente va preso con tutte le cautele del caso ma che non annoia e, se vogliamo, diverte pure. Lenzi ha la felice intuizione di sostituire i soliti zombi con dei contaminati, garantisce ritmo e tensione e condisce il tutto con messaggi antimilitaristi e ambientalisti che all'epoca andavano di moda. Il protagonista Stiglitz è un monumento all'inespressività, ma il cast di contorno è buono (la Trotter, Rabal, Ferrer, una bellissima Omaggio). Bella colonna sonora di Cipriani.
MEMORABILE: Il finale, per molti una presa in giro, io l'ho trovato geniale.

Bergelmir 12/04/15 01:56 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Due sono i riferimenti di questo soggetto lenziano: Romero e Cronenberg. Si tratta di un prodotto di imitazione, che sa di già visto in partenza e presenta molti difetti fra cui il trucco, gli effetti speciali, i dialoghi, la fotografia e qualche piccolo pregio, ovvero l'azione e la scrittura che riescono a rendere almeno piacevole la visione. Manca completamente di originalità, arrivando a essere troppo prevedibile proprio nelle scene a maggiore tensione. Di scarso interesse complessivo.

Rebis 8/09/16 22:21 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Non zombie ma mutanti, superuomini potenziati dalle radiazioni atomiche. In pratica, delle comparse con delle croste in faccia che vanno in giro a prendere i figuranti a randellate. Penosa pandemia lenziana ritmata con il rullo compressore e atmosferica come una scatoletta di tonno al naturale. Sequenze raccordate alla meno peggio, esilaranti dialoghi paraecologisti - "Il progresso ci ha dato la Coca Cola e la nucleare..." - e splatter clamorosamente al di sotto del livello di guardia. Chiusura circolare che genera solo il timore di doverselo sorbire da capo.

Myvincent 19/09/16 07:37 - 2520 commenti

I gusti di Myvincent

A causa di radiazioni atomiche l'umanità rischia di trasformarsi brutalmente in esseri obbrobriosi che spargono solo morte. Lenzi crea una variazione originale sul fantomatico tema dei non-viventi (così di moda e commercialmente favorevole allora) confezionando un prodotto di respiro internazionale, com'è sua consuetudine. Diverso dal coevo Paura nella città dei morti viventi, ma non meno efficace e simbolico. Da rivalutare senz'altro: Tarantino lo ha già fatto.

Claudius 6/05/17 10:51 - 400 commenti

I gusti di Claudius

Splatter estremo per una storia che tratta di zombi (pardon contaminati) in cui Lenzi sopperisce alla mancanza di mezzi con una discreta perizia cinematografica! ai tempi la storia poteva anche essere interessante e futuristica, oggi appare invecchiata piuttosto male. Nel reparto attori troviamo comunque nomi di tutto rispetto come Ferrer, Rabal e Bologna.
MEMORABILE: La deorbitazione e lo zombi che guarda in telecamera.

Ronax 8/05/17 01:01 - 897 commenti

I gusti di Ronax

La partenza promette bene, con l'inquietante arrivo dell'aereo fantasma da cui escono frotte di "contaminati", poi il tutto si affloscia su una sceneggiatura piatta e prevedibile per precipitare rovinosamente in un penoso finale che denuncia chiaramente il dilettantismo della sceneggiatura. Ad aggravare la situazione provvedono la piatta banalità dei dialoghi, la desolante inespressività di Hugo Stiglitz e l'immancabile moralina "politically correct". Il fugace nudo di Maria Rosaria Omaggio ravviva per un attimo il morale dello spettatore.
MEMORABILE: I contaminati che si avventano sulle fiale di sangue nella sala oeratoria.

Trivex 3/01/18 10:32 - 1478 commenti

I gusti di Trivex

I contaminati corrono e sparano, tagliano e succhiano il sangue delle loro vittime in un contesto di evidente parsimonia di mezzi. Non mancano di certo le scene "gore", né manca il siparietto di sesso gratuitissimo, perché il genere è il genere e talune disposizioni non si possono eludere. Il cast è piuttosto importante (anche se alcuni nomi sono sulla via del tramonto, purtroppo), mentre la storia si sviluppa senza alcun percorso laterale, trascinandosi verso un finale che non appare sicuramente originale. Un'occhiata gli va data comunque.

Anthonyvm 6/03/18 01:04 - 1774 commenti

I gusti di Anthonyvm

È difficile dare un giudizio a questo genere di film. Tecnicamente e obiettivamente si tratta di prodotti sotto la media, ma non si può negare un ingenuo fascino dato da svariati fattori. Il cast è un calderone di nomi conosciuti, la regia di Lenzi non si mette in discussione, le musiche sono ottime, gli effettaci gore sono dosati con gusto e quando colpiscono fanno la loro porca figura, pur nella loro artigianalità (crani spaccati, seni amputati, occhi infilzati). Forse uno degli zombie-movie italici che preferisco: trash, ma con personalità.
MEMORABILE: Gli attacchi dei contaminati (specialmente nello studio televisivo e in ospedale), che non ciondolano come zombi ma corrono pieni di energia.

Rufus68 7/04/18 10:11 - 3049 commenti

I gusti di Rufus68

Non è l'aspetto formale che convince, come spesso accade a tanti horror italici del tempo. E nemmeno la pregnanza narrativa o concettuale. È la forza nell'evocare il disastro e la marcescenza della società: con mezzi esigui e attori alla buona, Lenzi riesce a offrire allo spettatore la sensazione dell'apocalisse e di un'umanità senza scampo. Nulla di straordinario, beninteso, vista la rozzezza dell'insieme. Apprezzabile il finale ambiguo.

Markus 5/05/18 10:19 - 3252 commenti

I gusti di Markus

Una fuga radioattiva da una centrale atomica trasforma alcuni esseri umani in feroci bestie dal volto sfigurato e affamate... di sangue! Umberto Lenzi ha sempre seguito tutte le "mode" del cinema, di conseguenza non poteva mancare anche quella "zombesca". La povertà di mezzi si scorge soprattutto in una location spagnola (evidentemente costava poco, in quel periodo) spacciata per l'America ma, nel complesso, un'opera di genere che allo spettatore senza troppa pretese e con qualche smaniosa voglia di sano splatter potrà in parte piacere.

Rambo90 3/07/18 02:22 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Non disprezzabile, con un bel senso del ritmo e una dose massiccia di effettacci divertenti. La trama, che vede i contaminati agire come zombi altro non fosse che sono veloci e adoperano armi, è ai minimi termini e fa da pretesto per la moltitudine di ammazzamenti e sparatorie. Cast così così, con il perennemente adombrato protagonista e un vecchio Mel Ferrer a mezzo servizio. Non male la colonna sonora.

Didda23 8/03/19 10:34 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

Opera minore di Lenzi che punta molto sulla resa grafica della vicenda tralasciando quasi completamente la sceneggiatura (oltremodo piatta), che poggia su dialoghi di un pressapochismo imbarazzante. L'intrattenimento alterna momenti riusciti (l'ospedale, il luna park) ad altri che fanno da mero riempitivo. Peccato perché la regia è abile nel confezionare gli attacchi dei contaminati, le musiche tutto sommato sono azzeccate e il make-up minimale non è poi così male. Un'opera che soffre della mancanza di un vero e proprio coinvolgimento.
MEMORABILE: In negativo la prova di Stiglitz (ha sempre la stessa espressione); Nella stazione di rifornimento; Il prefinale al parco divertimenti.

Taxius 18/12/19 11:33 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Lenzi è un maestro dei B-movie ed è anche uno di quelli che con un budget molto limitato è in grado di tirare fuori un qualcosa di quantomeno dignitoso. Questo "Incubo sulla città contaminata" è un film molto semplice, il trucco degli zombi sembra fatto col fango e la stessa trama non è nulla di che, ma a lasciare piacevolmente colpiti è il ritmo frenetico che non lascia spazio a tempi morti e le numerosissime scene splatter, realizzate molto bene. Se non si hanno grandi pretese è un buon passatempo.
MEMORABILE: La gente che urla a squarciagola per tutto il film.

Siska80 23/07/20 12:42 - 502 commenti

I gusti di Siska80

Espressione di un tipo di trash che tuttavia cattura l'attenzione perché ha un che di ansiogeno (anche grazie alle buone musiche di accompagnamento): protagonisti un mix di zombi vampiri che non esitano a usare il mitra oppure a strozzare (il tutto senza una logica, ovviamente). Effetti speciali poco speciali, attori al minimo sindacale, primi piani dei contaminati che vorrebbero far paura ma che mettono solo in risalto l'amatorialità del trucco, finale che vorrebbe essere originale ma è invece prevedibilissimo.
MEMORABILE: Il massacro delle ballerine in diretta tv.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 5/03/15 08:10
    Consigliere - 43512 interventi
    Chissà come se la cava Savini cogli effetti speciali di oggi. Chissà però perché volerlo spacciare come remake. Avrebbe potuto fare un film così senza agganciarsi per forza al film di Lenzi. Potrebbe essere più vicino alla Città verrà distrutta all'alba di Romero, per dire.
  • Discussione Jurgen77 • 15/02/16 10:14
    Fotocopista - 64 interventi
    Stando alle "prove" le prime scene in aeroporto sono girate in Spagna. L 'aereo militare che arriva nelle prime scene è un C -130 Hercules con le insegne e la mimetica dell'aeronautica militare spagnola.

    Vedete i nr.2 fotogrammi dal film:







    e una foto originale del C-130 H in dotazione all'aeronautica militare spagnola:



    Notate inoltre che la coccarda circolare rossa - gialla -rossa, che si vede nel fotogramma del film (racchiusa fra i nr.312 - 84) quando gli zombie scendono dall'aereo, è prorio quella dell'aviazione spagnola!

    Visti i costi operativi altissimi di questo aereo, come abbia fatto Lenzi ad ottenere un C130H dall'aviazione spagnola (seppur per poche sequenze) è per me un mistero...!?
    Ultima modifica: 15/02/16 15:28 da Jurgen77
  • Homevideo Saimo • 28/04/16 11:39
    Disoccupato - 223 interventi
    Segnalo che il BD+DVD della Arrow si trova momentaneamente in offerta a 11 euro su Amazon.it
    http://www.amazon.it/gp/product/B00W7ADVZC/
  • Homevideo Digital • 9/05/17 08:29
    Segretario - 3026 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 20/07/2017.
  • Homevideo Rebis • 9/05/17 14:11
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Uhm... strana questa uscita della Sinister, no?
    Poco in linea anche con il loro catalogo...
  • Homevideo Digital • 13/05/17 08:32
    Segretario - 3026 interventi
    Errata corrige, infatti si tratta del ben più raro film di Val Guest Incubo sulla città! Felice che Amazon si sia sbagliato (tempiodelvideo afferma che si tratta del film inglese del 1963!).
    Ultima modifica: 13/05/17 08:33 da Digital
  • Discussione Caesars • 5/09/18 21:27
    Scrivano - 10475 interventi
    La vicenda di oggi, dell'aereo messo in quarantena a New York, mi ha fatto venire in mente l'incipit del film di Lenzi.
    Ultima modifica: 5/09/18 21:28 da Caesars
  • Homevideo Daidae • 26/12/18 20:19
    Contratto a progetto - 865 interventi
    È uscito in vhs per Avo film,Golden video e Real film
    Ultima modifica: 26/12/18 20:25 da Daidae
  • Homevideo Rocchiola • 26/06/19 11:56
    Call center Davinotti - 1123 interventi
    Per chi fosse interessato, dal 11.07.2019 tornerà disponibile in DVD a cura della Raro Video.
    Ultima modifica: 26/06/19 17:05 da Zender
  • Homevideo Zender • 26/06/19 17:06
    Consigliere - 43512 interventi
    ma esiste già in bluray con l'italiano un po' ovunque...