Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/12/10 DAL BENEMERITO XAMINI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Myvincent 16/11/11 10:11 - 3189 commenti

I gusti di Myvincent

Titolo buonista per un film di qualità indubbia ma di fin troppa facile presa. I temi sono tanti e mai del tutto approfonditi, ma sopra tutto è raccontata la natura aggressiva dell'uomo che non conosce età anagrafica o latitudini. Una violenza che non porta lontano, evidentemente. Lo stile è un'edulcorazione di Lars Von Trier, di cui la regista è allieva, il contenuto soffice. Bella fotografia.

Xamini 23/01/11 00:08 - 1119 commenti

I gusti di Xamini

Se nel precedente Dopo il matrimonio, le inquadrature e i dettagli la facevano da protagonisti, qui la Bier, pur non dimenticando la propria raffinatezza, prova a giocare un poco di più con trama e personaggi. Ne risulta un quadro un filo più animato, specie a causa di una vicenda dai caratteri forti che, tuttavia, non convince negli snodi principali (finale in particolare). Resta comunque efficace la riflessione sulla violenza e gustoso il comparto visivo.
MEMORABILE: La reazione di Christian al momento del dramma

Jandileida 19/03/11 23:12 - 1385 commenti

I gusti di Jandileida

La Bier è regista capace e misurata che non calca mai la mano e che riesce a non scadere nella banalità o nella lacrimosità forzata. Tuttavia stavolta la storia, pur offrendo interessanti spunti di riflessione sul modo di ognuno di affrontare il dolore e sui rapporti familiari, è troppo prevedibile e non riesce a tenere alta l'attenzione dello spettatore risolvendosi in un happy-end abbastanza edulcorato e molto, forse troppo, pacificatore. La bellissima fotografia e la professionalità del cast danno comunque vita ad una discreta pellicola.

Capannelle 30/03/11 14:47 - 4043 commenti

I gusti di Capannelle

Se alcuni caratteri (quel bambino così risoluto) e snodi della trama sono attaccabili ("big man" che accetta le richieste del dottore, la bomba sotto la macchina), va detto comunque che la Bier sa metterli in scena con bravura. La trama è abbastanza semplice ma interessante nel mettere sotto la lente vizi e angosce del nostro mondo con la consueta durezza e maturità della cinematografia danese.

Cotola 2/06/11 20:05 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

Abbastanza prevedibile sia negli intenti che nelle dinamiche e negli sviluppi narrativi E' forse per questo che non riesce a coinvolgere più di tanto, nonostante avrebbe dovuto e potuto trasmettere un certo pathos. Invece si avverte una certa freddezza, anche se la regista è sobria e misurata: non spinge sul pedale del patetismo e del sensazionalismo, e questo è un bene. Poi c'è quel finale sembra uscito da un altro film e attaccato flebilmente al resto della storia. Deludente.

Rebis 8/07/11 16:12 - 2178 commenti

I gusti di Rebis

La violenza nel mondo degli adulti e dei bambini. I soprusi nei villaggi africani. La natura che prevarica se stessa. Predatori e prede, vittime e carnefici… Le contrapposizioni messe in campo sono facili e schematiche, insufficienti a generare una complessità verosimile. Susanne Bier addizione troppi elementi senza preoccuparsi di farli convergere in una riflessione compiuta, così personaggi e situazioni appaiono troppo sovraccarichi ed esaspera(n)ti. L'enfasi finale con cui ribadisce l'esistenza del male e la necessità del mutuo soccorso lascia tiepidi. Qualche dogmatica (evitabile) zoomata.

Ilcassiere 19/08/11 10:39 - 284 commenti

I gusti di Ilcassiere

Un'amicizia sincera tra due ragazzini, ognuno dei quali vive con il proprio fardello di problemi esistenziali, si trasforma in una pericolosa complicità nel voler porre rimedio alle ingiustizie, usando tutti i mezzi possibili. Anche nelle (apparentemente) migliori famiglie, si può nascondere una rabbia sempre sul punto di esplodere, nelle città danesi come in qualsiasi altra parte del mondo. La storia è interessante, anche se si fa un po' fatica a star dietro ai salti da un continente ad un altro e ben interpretata.

Galbo 14/09/11 06:13 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

La regista danese Susanne Bier dirige una storia di incomprensioni e dissidi coinvolgenti due nuclei familiari, già lacerati al loro interno. La storia non è particolarmente originale ma la Bier la elabora in modo adeguato, scegliendo due piani narrativi diversi (la parte africana e quella europea) forse troppo didascalici ma sicuramente funzionali al racconto, anche se stona un po’ il finale buonista. Bravi i due giovani protagonisti.

Pigro 23/03/13 09:38 - 8754 commenti

I gusti di Pigro

La mezz'ora finale che plana paciosamente verso il solito romanzo famigliare vanifica il corpo centrale di un film che sembrava presentarsi come perturbante parabola (luterana?) e interrogazione su un grande tema morale: la risposta civile e nonviolenta all’ingiustizia che ci circonda, vista in parallelo dagli occhi dei ragazzini votati alla vendetta (questo il titolo originale) e dal medico senza frontiere nelle contraddizioni africane. E invece, ecco un ‘semplice’ discorso sul valore della comprensione e della solidarietà, comunque ben fatto.

Kinodrop 21/11/14 17:49 - 2234 commenti

I gusti di Kinodrop

Storia non originale che scorre su due binari, nell'Africa della miseria, delle malattie e della prevaricazione e in una Danimarca sicura e patinata che si interroga su temi etici, sul male, la vendetta, il perdono. Raramente i due piani sono di uguale spessore e di impatto narrativo, con un risultato poco credibile, discontinuo e un tantino snervante. Ottima la prova del cast, nonostante una certa schematicità e freddezza in alcuni dei personaggi. Finale buonista e incongruo rispetto ai drammi evocati. Coinvolgenti le scene in Africa.
MEMORABILE: La prova attoriale dei due giovani protagonisti; La scena della bomba.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Nando 23/02/15 00:13 - 3629 commenti

I gusti di Nando

Pellicola provvista di doppia narrazione in cui il tema della rivalsa, ottenuta in maniera dolorosa ma sostanzialmente giusta, si osserva in due continenti ben distinti. Cinica e pericolosa la vendetta del giovane orfano lacerato familiarmente come il suo pavido complice. Finale forse buonista ma pregno di speranza. Belle le immagini e avvincente lo sviluppo sceneggiativo.

Saintgifts 29/07/15 20:07 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ciò che la Bier ci racconta e su cui ci vuol far riflettere è qualcosa di inestirpabile, qualcosa che le civiltà evolute tentano di controllare (con scarso successo) ma che nello stesso tempo arrivano a esasperare, per non dire a mal interpretare (vedi i professori che difendono il bulletto). Stiamo parlando della parte cattiva dell'uomo. Siamo quasi felici quando Christian punisce il compagno bullo, ma sappiamo che non va bene; o va bene? Quanta letteratura e quanti film coinvolgenti si potrebbero fare se l'umanità diventasse tutta buona?

Daniela 12/10/15 10:40 - 11449 commenti

I gusti di Daniela

Elias, vittima di bulli e con i genitori in procinto di separarsi, viene difeso dal nuovo compagno Christian, che ha perso da poco la madre ed è in cattivi rapporti col padre. L'amicizia fra i due ragazzi dovrà però affrontare molte prove... Attraverso una storia di confronti padri/figli, Bier riflette sul modo di porsi di fronte alla violenza, con un risultato certo empatizzante ma un poco didascalico, sottolineato da un epilogo troppo conciliante. L'ottima confezione e la buona prova complessiva del cast rendono comunque il film meritevole di visione.
MEMORABILE: L'incontro in officina con l'uomo che ha schiaffeggiato il padre di Elias

Thedude94 25/01/22 23:21 - 841 commenti

I gusti di Thedude94

Susanne Bier racconta uno spaccato di Danimarca borghese attraverso lo sguardo di due giovani protagonisti disadattati, che hanno in comune traumi causati volente o nolente dalle rispettive famiglie. Interessante l'idea di sovrapporre alla storia dei ragazzini quella del padre di uno di loro, medico che aiuta i poveri di un villaggio presumibilmente africano. Buona la fotografia, così come ben in parte è il cast. Un film che ha la qualità di presentare una storia di per sé triste ma senza melensaggini o drammi inutili. La regia ha diversi spunti interessanti, in alcune parti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 28/02/11 05:38
    Consigliere massimo - 3905 interventi
    Oscar 2011 come miglior film straniero.
  • Homevideo Galbo • 30/05/11 07:01
    Consigliere massimo - 3905 interventi
    E' uscito in BR e DVD con queste specifiche tecniche (fonte dvd-store.it)
    Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
    Formato audio 2.0 Stereo Dolby Digital: Danese
    5.1 DTS HD: Italiano
    extra
    Trailer
    Photogallery
  • Discussione Daniela • 12/10/15 10:47
    Gran Burattinaio - 5803 interventi
    ancora grazie della dritta Galbo. Con un finale meno accomodante e qualche sottolineatura didascalica di meno sarebbe stato un ottimo film ma anche così merita ampiamente la visione
    Ultima modifica: 12/10/15 10:47 da Daniela
  • Discussione Galbo • 12/10/15 10:52
    Consigliere massimo - 3905 interventi
    Lieto che ti sia piaciuto