LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 13/06/07 19:23 - 4778 commenti

I gusti di B. Legnani

Leggendaria pellicola, con momenti passati alla storia del cinema italiano. Sordi che ferma le auto è impagabile, uno dei suoi vertici indimenticabili. Esilarante Talarico, nella parte dell’avvocato monarchico (è uno degli esaminatori di Sordi in I complessi). Grande De Sica. Simpaticissima la Merlini. Tutti i comprimari sono al massimo. In questo caso l'imperdibilità del film supera il suo valore.
MEMORABILE: Il debutto con la vestizione e il discorso con il misterioso “usbergo”.

Galbo 15/01/08 20:13 - 11446 commenti

I gusti di Galbo

Indimenticabile commedia diretta dal grande Luigi Zampa, questo film fotografa ottimamente la realtà italiana, come spesso è accaduto alle pellicole dirette dal regista. Forte di una bella sceneggiatura (opera di Sonego, vecchio "complice" del protagonista), capace di fare sorridere attraverso momenti prettamente comici, ma anche di indurre una riflessione sugli eterni cattivi costumi italiani, il film si avvale di due magistrali interpretazioni di Sordi e De Sica, ma anche dell'apporto di grandi caratteristi (si pensi alla famiglia del protagonista).

Lovejoy 21/02/08 15:58 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Titolo imprescindibile, nella carriera dell'indimenticabile attore romano. Grazie ad una sceneggiatura di ferro, con personaggi ben caratterizzati e servito da una regia attenta dell'ottimo Zampa, Alberto Sordi consegna alla storia del cinema un altro personaggio fondamentale. Due o tre scene sono di culto. Da citare almeno quella di Sordi che entra nel bar in divisa. Grandi duetti con De Sica e la Koscina. Ottimo anche il resto del cast.
MEMORABILE: Otello entra nel bar in divisa; primo giorno di lavoro; gli incontri/scontri con il sindaco; l'incontro con la Koscina.

Homesick 2/06/08 08:31 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

"La legge è uguale per tutti": la più grossa fandonia del diritto italiano è messa alla berlina in questa efficace commedia di (mal)costume, nella quale la divisa da vigile urbano è dapprima veicolo di rivincita personale, poi di tutela di scandali, ricatti e connivenze politiche. Il cast assembla grandi talenti del cinema di allora (Sordi, De Sica, Merlini, Pisacane, Bruno, Berni, Talarico) e fa comparire la Koscina e Riva nel ruolo di loro stessi.
MEMORABILE: I disastri stradali combinati da Sordi appena nominato vigile.

Pigro 8/08/08 09:28 - 7899 commenti

I gusti di Pigro

Vigile inflessibile perché le regole sono uguali per tutti... o quasi. Bella caratterizzazione di Alberto Sordi, che si trova cucito su misura un personaggio a cui sa dare un’impronta che rimane nella memoria. Il film in sé non è gran che, la trama poi è inesistente, frammentaria, ma alcune scene (soprattutto quelle del vigile alle prese con i vari automobilisti) valgono la pena, grazie all’estro mattatoriale del nostro.

Matalo! 10/08/08 03:02 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Almeno la prima parte vale alla grande, specie il Sordi nullafacente che se ne esce in vestaglia a infastidire i lavoratori, a tentare di far parcheggiare il camion e via via fino al pernacchione quotidiano. Poi nel secondo tempo, quando il film diventa un po' più serio, perde mordente. Ma il Sordi che vorrei vedere sempre sta qui; magari eccede un po' ma è fantastico. Un ricordo per la appena scomparsa Marisa Merlini. Bellissima oltre ogni dire Sylva Koscina, che Sordi ovviamente chiama Silvia. Sordi ha palesemente le sopracciglia dipinte.
MEMORABILE: "Je recito na bbella poesia"; "Una volta ha dato 'na cortellata a un pigmeo"; il sorriso di Sordi quando lo spernacchiatore lo vede in divisa.

Ciavazzaro 2/10/08 15:27 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottima commedia di Sordi entrata negli annali, caraterizzata da un ottimo cast di attori, tra i quali la mai troppo compianta Marisa Merlini, la Koscina nel ruolo di se stessa (memorabile quando parla di Sordi in diretta televisiva), De Sica sindaco che deve vedersela nientepopodimenoché con il vigile, che viene convinto a candidarsi a sua volta come nuovo primo cittadino! Molto divertente e ben riuscito.

Ford 19/11/08 20:16 - 582 commenti

I gusti di Ford

Grande interpretazione di Sordi in una commedia dai risvolti amari, il fannullone sedotto e abbandonato dalla politica, i maneggi all'ordine del giorno, ieri come oggi, e il finale all'insegna del "tengo famiglia"... Ovviamente il risvolto amaro è ripagato da scene davvero divertenti. Simpaticissima la famiglia di Sordi e perfetto il sindaco fedifrago De Sica.

Brainiac 20/01/09 17:42 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Cosa pretendere di più da una commedia? Questo grandissimo film è uno spaccato sociale di un'intera nazione. Tutti passano dentro il tritacarne messo in piedi da Sordi e Zampa e ne escono per quello che sono (il politico fedifrago, la combriccola del bar, l'attrice, il maresciallo), con i loro vizi e le loro virtù ma inseriti in una commedia che non perde un colpo. Sordi è da standing ovation con le sue manie di grandezza, con la sua incrollabile voglia di riscattarsi e con la ineguagliata capacità nel fotografare un personaggio reale e farlo proprio.

Cangaceiro 16/07/09 13:40 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Uno di quei film italiani passati alla storia. Questo grazie a un Sordi eccelso, straordinario dalla prima all'ultima battuta. La parte iniziale è tremendamente divertente con i ripetuti siparietti familiari (menzione d'onore all'eroico bambino) e il tragicomico approccio all'agognata professione. Nella seconda fase, pur mantenendo l'atmosfera ridanciana, il film smaschera con amarezza il malcostume politico/clientelare della nostra società, oggi, dopo 50 anni ancora più o meno lo stesso. Il cast epocale vede un De Sica delizioso e Talarico fuori controllo.
MEMORABILE: Tra i tantissimi scelgo la prima scena, con il petulante Sordi che gira in vestaglia per il paese.

Capannelle 3/12/09 14:54 - 3741 commenti

I gusti di Capannelle

Bellissima commedia con Sordi mattatore ma anche un nutrito stuolo di spalle, più o meno famose, che reggono benissimo la parte. Citarne alcuni farebbe torto agli altri. Bravo quindi Zampa a far girare bene la ruota, a disegnare l'interno familiare e quelle situazioni dove l'estro dell'Albertone vigile trova terreno fertile. Dal primo ingorgo da districare fino alla "curva della morte" una folgorante carriera per Otello Celletti! Notevole.

Nando 19/05/10 01:46 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Commedia bonaria con riscontri nell'attualità. Sordi interpreta in maniera eccelsa la parte e confeziona gag e momenti di buona comicità, De Sica, dal canto suo, si comporta di conseguenza. Bella l'analisi dei personaggi soprattutto nella famiglia del vigile Celletti.

Gestarsh99 30/12/10 21:39 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

Nei panni del temibile vigile Otello Celletti, l'Albertone nazionale sembrava idealmente deciso ad appendere al chiodo gli oziosi vitellonismi felliniani e i momenti ludico/bambineschi da Americano a Roma, ignaro però che il suo eccesso di zelo avrebbe incocciato un soverchiante De Sica. Un classico di semplicità e leggerezza, diretto con lineare ironia dal maestro della commedia "sociale" Zampa. Trama di poca sostanza ma tutta al servizio della corposa caratterizzazione dei personaggi, con un Sordi sempre più "antipaticamente" italiano alle prese con le inique magagne prevaricatorie del potere medio nostrano.
MEMORABILE: Intimazione perentoria di De Sica al Sordi/vigile: "Tu, quando sei in servizio, non devi guardare in faccia a nessuno! Capito?"... Preso in parola!

Il Dandi 11/01/11 13:58 - 1842 commenti

I gusti di Il Dandi

Dopo Il moralista Sordi e De Sica (stavolta a ruoli invertiti) tornano a sbeffeggiare le ipocrisie del perbenismo democristiano anni '50. Film straordinariamente "italiano", in cui perfino il fanfarone sfaticato Otello Celletti (che quando indossa per la prima volta la divisa conserva le smorfie dell'Americano Nando) sarebbe degno di ergersi a paladino del buon-costume ma gli viene impedito: non già per le sue proprie debolezze, ma colpendolo di riflesso, perché andando a scavare qualche scheletro si trova in tutte le case. Imprescindibile.
MEMORABILE: Anche se avesse detto quella parola che somiglia a "sBronzo", mica è un'offesa: anzi, in tutta Italia indica una persona troppo onesta!

Mco 9/07/11 17:14 - 2157 commenti

I gusti di Mco

Sordi deve piacere, questo lo si sa; vuoi per la sua onnipresente parlata romanesca vuoi per i suoi atteggiamenti, sta di fatto che non mette mai tutti d'accordo. Qui però, come in (forse) poche altre pellicole, risulta difficile non apprezzarlo, in una veste in equilibrio tra serio e faceto, lucido esempio di chi rimane invischiato suo malgrado in ingranaggi più complicati e inoppugnabili. Si ride, ma sempre col retrogusto tipico di un modo di far cinema che all'estero ci hanno sempre invidiato.

Giùan 20/04/12 11:05 - 3044 commenti

I gusti di Giùan

La prima grande riuscita del sodalizio Zampa-Sordi, con l'apporto indispensabile in scrittura di Sonego che, rielaborando un fatto di cronaca, offre al regista la possibilità di scavar (più modestamente ma con maggior incisività rispetto alla trilogia Brancatiana) nelle tare dell'italietta post fascista e all'Albertone di cesellare uno dei suoi immarcescibili personaggi. Di cristallizzata attualità nelle forme, ma quanto è inacidito il contesto paese. Cinematograficamente piace la carburazione lenta della pellicola. Misurato De Sica, tornita Mara Berni.
MEMORABILE: La vestizione; Il duetto con Sylva Koscina.

Rambo90 26/01/12 19:33 - 6425 commenti

I gusti di Rambo90

Bellissima commedia di Zampa in cui, oltre a tante risate, c'è anche un fondo d'amarezza per quella che è la giustizia (tristemente reale) italiana. Bravissimo Sordi vigile ottuso e incorruttibile, contrapposto a un De Sica perfetto nel ruolo del marito traditore e sindaco corruttibilissimo. Il ritmo è veloce, con poche cadute di tono, e non ci si stanca quasi mai. Simpatica la parentesi con la Koscina e Mario Riva. Imperdibile.

Smoker85 7/02/12 14:44 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Uno dei titoli di punta di Sordi, nobilitato anche dalla presenza di un perfetto De Sica, impeccabile nel ruolo del politico ipocrita e sfacciato (ed il fatto che la vicenda non sia tanto invecchiata dopo 50 anni la dice lunga). Albertone sguazza nel ruolo dello scansafatiche ingenuo, genuino ed idealista, incapace di comprendere la malizia e le astuzie di chi lo circonda. Finisce inevitabilmente per esser messo in mezzo a questioni più grandi di lui (lo scontro tra il sindaco ed i monarchici) ed infine decide di adeguarsi. Finale gustosissimo.
MEMORABILE: Otello che entra al bar e nessuno ha il coraggio di fargli la pernacchia; Lo scontro con il sindaco dopo la mancata multa alla Koscina.

Graf 16/04/12 02:58 - 700 commenti

I gusti di Graf

Un buon film di denuncia ma niente di straordinario. Intelligente soggetto di Sonego, regia anonima ma vivace e serrata di Zampa, soddisfacente resa spettacolare però, senza Alberto Sordi, il film non esisterebbe. La pellicola è un mero veicolo per l’attore romano in un ruolo di sfaticato e vanaglorioso che diventa dopo anni di ozio un vigile motociclista. Sordi è il solito mattatore irresistibile che regge l’impalcatura di un film che rischia sempre di debordare nella farsa grossolana e paesana e di annacquare così la sua indubbia vitalità polemica.

Rigoletto 16/10/12 14:57 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Una delle grandi commedie all'italiana di una stagione irripetibile. Sordi è sempre lui, l'italiano medio e l'atteggiamento della giunta comunale non è molto diverso dal peggior "made in Italy". Resta un'altra grande interpretazione, un tassello che va ad inserirsi nel mosaico che meglio di tutti dipinge la realtà nostrana. Ancora oggi Alberto Sordi del Vigile rappresenta il modello di funzionario statale che vorremmo sempre veder combattere le malefatte altrui, ma che non vorremmo mai incontrare sulla strada delle nostre debolezze. ***!

Motorship 2/03/13 18:34 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Non sarà il miglior film del grande Albertone, ma è davvero notevole grazie proprio a un Sordi in formissima e davvero irresistibile. Tante le scene degne di nota, soprattutto nei duetti con un altrettanto grande Vittorio De Sica, col quale si instaura un'alchimia superba. Un film comico, ma anche un'analisi cinica verso il bigottismo e il doppiofaccismo del secondo dopoguerra (il sindaco con amante che non vuol farsi multare è un esempio a tema), dunque non affatto scontato. Da ricordare e da vedere!
MEMORABILE: I duetti con De Sica, soprattutto quelli dopo non aver multato Sylva Koscina.

Modo 13/02/13 12:39 - 829 commenti

I gusti di Modo

Bel film di Sordi. Non fra i "top", ma si guarda con piacere. Alcune battute son veramente degne di nota. Siamo di fronte a una denuncia sociale, ma all'italiana... e sappiamo come va a finire. Ottima, e non poteva essere altrimenti, la prova del sornione De Sica. Uno dei film più conosciuti di Sordi, vale sicuramente la visione.

Kriminal 12/02/13 21:18 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Ottima commedia con un Sordi al massimo della forma che si avvìa a diventare un personaggio a tutto tondo e un De Sica grande nel suo ruolo di sindaco maneggione. Le ingiustizie italiane viste con ironia e fatalismo e un finale "punitivo" nei confronti del sindaco prepotente. C'è una parte drammatica quando vengono fatte le pulci a tutta la famiglia di Sordi a scopo ricattatorio e vengono invitati a una festa d'alto bordo per blandirli. Ottima la prova della Merlini, meritano una menzione i comprimari Nando Bruno, Carlo Pisacane e Fanfulla.
MEMORABILE: Celletti invia in busta al sindaco le schegge della bomba con cui fu ferito in guerra ferendo il sindaco e poi si spoglia davanti alla sua segretaria.

Jurgen77 13/02/13 15:10 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Un Sordi in ottima forma ci descrive la Viterbo di questo "miserabile " del dopoguerra in un Italia piena di bigotti e falsi moralisti. Un bel messaggio di denuncia anche sugli ambienti politici ben rappresentato da De Sica. Alcune scene sono da antologia della filmografia italiana. Comico ma impegnato al tempo stesso. Purtroppo, a distanza di anni, il film è ancora attualissimo...

Puppigallo 13/02/13 18:27 - 4523 commenti

I gusti di Puppigallo

La pellicola in sé non è niente di che (il fesso di turno che, donatogli un minimo di potere, se ne ubriaca e riesce sempre a fare la cosa sbagliata). Ma è solo un pretesto per dare la possibilità a un Sordi decisamente in parte di disegnare un personaggio tanto perdente (almeno all'apparenza), quanto simpatico, anche quando fa il prepotente usando la divisa come scudo. Degna di nota la figura del figlio con più cognizione di lui (l’eroico bambino). Siamo ovviamente più verso la macchietta, sindaco compreso; e la seconda parte non è all'altezza della prima, ma nel complesso non è male.
MEMORABILE: In divisa; Il sindaco parla del protagonista "Ha la fissità tipica dell'ottuso".

Fafo1970 20/11/13 16:45 - 30 commenti

I gusti di Fafo1970

Godibilissima e divertente commedia di costume nella quale Alberto Sordi azzecca uno dei personaggi ormai entrati nell'immaginario collettivo, ossia il famigerato e zelante vigile Otello Celletti, che purtroppo dovrà scontrarsi con personaggi corrotti e astuti. Si può rivedere innumerevoli volte ed è sempre uno spasso. Straordinari De Sica e la Merlini, ma tutto il cast ruota attorno al grande Albertone. Mario Riva e Sylva Koscina nella parte di loro stessi.

Gabrius79 25/11/13 01:59 - 1205 commenti

I gusti di Gabrius79

Un ottimo Sordi al servizio di una gustosa commedia in cui è affiancato da un bravissimo Vittorio De Sica e da un'altrettanto valida Marisa Merlini. I duetti vigile-sindaco sono divertenti e Sordi gigioneggia alla grande. Piacevole il siparietto con Sordi che si trova a tu per tu con la bella Sylva Koscina, la quale a sua volta lo menzionerà all'interno della trasmissione più in voga di quel periodo: "Il musichiere". Simpatico.

Daniela 18/02/14 16:53 - 9625 commenti

I gusti di Daniela

Potera mancare il vigile nelle figure iconiche della galleria sordiana? No, ed infatti ecco il nostro Otello Celletti, perdigiorno che la divisa riveste di autorità agli occhi dei concittadini. Sbaglia due volte Otello: la prima per condiscendenza, la seconda per aver preso alla lettera il richiamo al rigore che gli veniva dal Sindaco, moralista fasullo, altro bel rappresentante del costume nazionale. Due interpreti che sguazzano nei loro ruoli, attorniati da caratteristi di valore come Merlini e Pisacane, per una commedia divertente ed amara diretta da Zampa con consumato mestiere.
MEMORABILE: Il babbo di Otello rivela al figlio la vera storia del suo incontro con il re

Hearty76 16/11/14 22:17 - 227 commenti

I gusti di Hearty76

Che l'Albertone nazionale sia una colonna del nostro cinema è risaputo, ma se c'è un'imperdibile perla per gli estimatori della storia del grande schermo è proprio questa! In un 1960 romano, nell'atmosfera tra dolce indugio e spinta industriale tipica di allora, ecco un'improbabile ma dissacrante "divisa" che ne combina di tutti i colori. Ma nel brillante alternarsi di toni comici e velatamente drammatici, ritroviamo senza sorpresa l'Italia delle ipocrisie e delle prevaricazioni sociali di sempre.

Samuel1979 23/03/15 16:15 - 473 commenti

I gusti di Samuel1979

Divertente commedia diretta da Zampa, che come giusto che sia, oltre a far ridere tocca argomenti importanti e attualissimi quali la corruzione politica (con un lieve accenno alla moda delle “escort”) e il potere della chiesa. Ad un Sordi unico e inarrivabile viene affiancato un De Sica perfetto nella parte del tipico sindaco “all’italiana” e un cast ricco di bravi caratteristi (Bruno, Pisacane e Talarico su tutti).
MEMORABILE: “Ecco, me so' vestito co n’ora d’anticipo, mo' ando vado?"

Saintgifts 23/03/15 19:26 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Se nel 1960 il film faceva ridere o sorridere per le interpretazioni (bel match tra Vittorio De Sica e Alberto Sordi) e non si faceva troppo caso alla commistione tra politica e affari più o meno leciti (la si riteneva nella norma), oggi alla luce di come sia diventata abnorme e generalizzata questa commistione, si rimane più colpiti da quest'aspetto. Ci sono diversi altri motivi che rendono godibile il film, come lo spicchio di vita borgatara, l'influenza crescente della tv e le buone caratterizzazioni di tutto il cast. Ottima la regia.
MEMORABILE: La serietà del meccanico in erba; Il commenda che dice a Sordi: "I milioni ce li teniamo noi".

Alex75 17/09/15 13:34 - 685 commenti

I gusti di Alex75

Pregevole commedia che descrive il malcostume della provincia italiana il cui carattere distintivo è la presenza debordante di Sordi, scatenato nel ruolo di un vigile il cui zelo e la cui inflessibilità (malvisti dai potenti locali) creano situazioni esilaranti. Senza Sordi il film è poca cosa e questo è il suo unico limite, malgrado gli ottimi comprimari (De Sica, Merlini, Berni, Pisacane, Talarico), le apparizioni di Sylva Koscina e Mario Riva e le caratterizzazioni dei personaggi minori.
MEMORABILE: La famiglia Celletti; Otello al lavoro; Il cameo di Sylva Koscina; Il processo.

Elsolina 16/04/15 17:24 - 41 commenti

I gusti di Elsolina

Ennesima eccezionale interpretazione di Sordi, al quale Zampa affida un ruolo in cui l'attore si cala alla perfezione: il mediocre, disoccupato e chiacchierone Otello che, grazie alla sua determinazione e insistenza nei confronti del sindaco (un grandissimo De Sica) riesce a farsi assumere come vigile. Una fusione di grande comicità e pacata riflessione sulla corruzione, che Sordi trasmette con estrema puntualità, in particolar modo quando si rende conto che la sua intransigenza potrebbe fargli perdere il lavoro per cui aveva tanto lottato.
MEMORABILE: "Che ora è?" "Mezzogiorno!" "Ecco, me so vestito co' n'ora d'anticipo e mo 'ndo vado?"

Paulaster 8/05/15 17:06 - 2861 commenti

I gusti di Paulaster

Nell’interpretazione di Sordi si rivedono la tipica spacconeria e pigrizia e insieme il suo contrario, ovvero i modi integerrimi e il rispetto della legge. Inizio con impronta romana popolare preparatorio alla fase in divisa, ricca di spunti divertenti. Dalla candidatura a sindaco al processo la trama s’ingarbuglia perdendo lo smalto iniziale fino a un finale consolatorio. Buoni comprimari a supporto; De Sica appare poco credibile.

Piero68 30/09/15 10:28 - 2780 commenti

I gusti di Piero68

Insieme a Nando Mericoni e Guido Tersilli, quella di Otello Celletti è probabilmente una delle maschere comiche meglio riuscite e più ricordate del grande Sordi. Anche perché dietro la maschera il film riesce comunque a raccontare un'Italia vera con vizi e virtù degli anni 60. Cast di contorno di grande spessore con un De Sica padre capace di recitare con i soli sguardi. Ma ci sono anche le grandissime Merlini e Koscina, senza contare i caratteristi come Pisacane ecc. Zampa dirige in maniera semplice e pulita e questo fa aumentare il gradimento.

Liv 25/10/15 19:07 - 237 commenti

I gusti di Liv

La commedia italiana giunge a maturazione in quegli anni, quando gli italiani frequentano i cinema assiduamente. Sordi dà una delle prove maggiori della sua carriera, tant'è che ci si ricorda del nome del personaggio, che il sindaco (un ottimo De Sica) sente nominare spesso e con apprensione... Tutti gli attori sono a loro agio nella parte e in forma, come anche quelli che interpretano se stessi (la Koscina, Mario Riva). La vicenda "si allarga" fino al finale liberatorio, dove il personaggio di Sordi la fa franca (qui e nei film a venire).
MEMORABILE: Otello che si mostra alla famiglia, dopo essersi vestito da vigile, inquadrato dal basso, maestoso, fino a che non tenta di camminare...

Parsifal68 18/04/16 14:40 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un modesto e ingenuo disoccupato romano diventa vigile e impara, suo malgrado, con chi essere inflessibile e con chi no. Superficialmente rivestito con abiti da commedia, il film in realtà nasconde un amaro e italianissimo stereotipo del "lei non sa chi sono io" che il grande regista Zampa ci regala e nel quale un memorabile Alberto Sordi recita con indimenticabile registro. Ispirato a un fatto accaduto qualche anno prima, ebbe qualche taglio della censura ma anche un meritato successo.
MEMORABILE: La lunga scena con la Koscina.

Ultimo 3/06/16 09:27 - 1383 commenti

I gusti di Ultimo

Pellicola costruita su misura per Sordi, qui in una delle sue interpretazioni più famose di sempre. I momenti da ricordare sono parecchi (in moto a inseguire sindaco; la Koscina; il figlio che ripara l'auto) e si inseriscono in una vicenda non particolarmente complessa ma in grado di descrivere in maniera incisiva la delicata questione dell'abuso di potere (il posto di blocco al sindaco; il rapporto col potere politico: "Lei lo sa che è solo un concubino?"). La sceneggiatura a tratti latita, ma l'originalità di Sordi vale il film.
MEMORABILE: A casa dell'amante del sindaco.

Deepred89 22/06/16 22:46 - 3306 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia di notevole livello, ritmatissima, perfetta sia nei momenti prettamente comici (il primo giorno di Sordi vigile è la verosimile messa su celluloide dell'ipotetico esordio lavorativo da incubo che giace nell'inconscio di molti) che in quelli di critica sociale, di un'amarezza che attanaglia lentamente senza lasciare scampo, fino a quel ribaltamento finale che è un vero colpo di genio. Sordi assolutamente perfetto, ottimo ed espressivo De Sica sindaco fedifrago, simpatica la comparsata della Koscina nei panni di se stessa. Imperdibile.

Stelio 18/08/16 20:03 - 384 commenti

I gusti di Stelio

La massima comicità esprimibile da Alberto Sordi. Probabilmente il grande attore italiano non ha più raggiunto una costanza tale di virtuosismi spassosi in appena 100 minuti. La pellicola di Zampa va segnalata per l'insolita concentrazione di tanti bravi attori, all'epoca non così scontata in ambito comico: Sordi giganteggia ma De Sica, la Merlini e personaggi secondari come quelli interpretati da Nando Bruno, Carlo Pisacane, Lia Zoppelli e l'allora piccolo Franco Di Trocchio non scherzano affatto. Un vero manuale della commedia italiana.

Gugly 11/09/16 10:14 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

MarioPio vuol far carriera e come noto non si ferma davanti a nulla... Film incredibilmente ancora attuale (alcuni stilemi portano direttamente a Fantozzi) dove nella prima parte Sordi giganteggia (memorabile l'incedere in divisa nel bar), mentre verso il finale si va verso una debole deriva melodrammatica riscattata per fortuna dall'ultimissimo sviluppo; per fortuna Sordi non si mangia i comprimari, ovviamente menzione per la canaglia vestita da gentiluomo di De Sica ma in generale nota di merito per tutti. Attenzione alla curva della morte!
MEMORABILE: Il sorriso di Sordi in divisa che ricorda quello di Guglielmo il Dentone; Celletti vede la sorella e capisce che mestiere fa a Milano...

Minitina80 25/09/16 08:24 - 2392 commenti

I gusti di Minitina80

La prima mezz’ora lascia intendere che si tratti della solita commedia rinfrescata dalla verve comica dell’attore di turno, eppure non tarda a prendere una piega quasi inaspettata che ne aumenta lo spessore. È, purtroppo, ispirato a un fatto realmente accaduto che testimonia l’eterno malcostume degli avidi di potere, qui velatamente celato dalla vis comica degli attori, ma dalla satira pungente come uno spillo. Tra le migliori interpretazioni di Sordi, affiancato da un De Sica sempre perfetto e un gruppo di caratteristi davvero bravi.
MEMORABILE: È meglio che ti ci abitui da piccolo alle ingiustizie, perché da grande non ti ci abitui più!

Tomastich 1/11/16 13:17 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Sordi al top immerso in una cornice da Italia pre-boom. Critica sociale inserita in una commedia irresistibile e senza alcun freno. Vittorio De Sica sindaco democristiano e Sordi monarchico sono meravigliosi, così come tutti quei caratteristi che svolgono il ruolo degli assessori: bastava solo la faccia per esprimere un mondo.

Krack113 1/06/18 11:17 - 13 commenti

I gusti di Krack113

La prima parte del film è straordinaria, con un Sordi mai così irresistibilmente cialtrone; perde parecchio in brillantezza dal momento in cui inizia a prevalere una satira politica di grana grossa. Ma tutto si perdona quando per un'ora buona si ride in continuazione, rapiti dalla verace romanità e dalla salacità dei dialoghi dei personaggi. L'"eroico bambino" e il "pio bove" rimarranno nella storia.
MEMORABILE: "E' più duro lavorare o guardare quelli che lavorano?"

Didda23 1/03/19 09:47 - 2297 commenti

I gusti di Didda23

Sordi è meraviglioso nell'incarnare perfettamente lo spirito dell'italiano medio, idealista o realista in base alla convenienza. Attorniato da grandissime maschere, su tutte il fenomenale Pisacane (la versione "ufficiale" dell'incontro con il Re è un pezzo di cinema straordinario). I momenti brillanti (che mischiano abilmente dramma e commedia) sono innumerevoli, peccato per qualche scena eccessivamente lunga (il lungo incontro con la Koscina). Un film che fa riflettere e di incredibile e inaspettata modernità. Gli anni passano, ma rimane attualissimo.
MEMORABILE: Sordi che rispetta alla lettera l'invito all'intransigenza; Gli scheletri nell'armadio; Il processo

Caesars 17/06/20 09:38 - 2761 commenti

I gusti di Caesars

Simpatico, con un Sordi che fornisce un'interpretazione memorabile del suo "italiano medio", ma alla lunga non più riuscito di tanto. Alcune situazioni sono veramente riuscite e Albertone nel ruolo del vigile tutto d'un pezzo (o quasi, se c'è di mezzo Sylva Koscina...) merita da solo la visione del film; purtoppo la parte finale diventa un po' didascalica (anche se purtroppo vera) di un certo andazzo, non solo italiano. Anche la scena dell'ingorgo è tirata troppo per le lunghe: una maggior sintesi avrebbe giovato sicuramente. Un film discreto che può vantare comprimari di lusso.

Victorvega 18/06/20 01:24 - 308 commenti

I gusti di Victorvega

Otello Celletti è uno dei personaggi che si ricordano maggiormente di quel grande attore che è stato Alberto Sordi. Il film è divertentissimo nella sua prima ora, con un Sordi dilagante, ben sostenuto dal restante cast in cui spicca De Sica. La parte finale, dal declassamento in poi, perde un po' di tono e la satira politica e sociale non è all'altezza di tutta la parte in cui emerge la figura dello sfaccendato alle prese con un mestiere in cui può esercitare autorità. Alla fin fine è la storia di un'Italia che fu e grande cinema.
MEMORABILE: Con la Koscina; La multa al sindaco e il conseguente inseguimento.

Ira72 24/06/20 14:30 - 969 commenti

I gusti di Ira72

“Grazie e a buon rendere” risponde lo scansafatiche Otello a chi lo sbeffeggia con pernacchie.  E la resa arriva presto, grazie alla divisa di vigile urbano. Integerrimo ma suscettibile al fascino femminile, il bravo Sordi innesca una serie di siparietti meravigliosi che fanno rimpiangere le pellicole del periodo, quantomai attualissime - ahimè-  in tema di corruzione e poltronismo. Come in buona parte di questi film non si tratta di una comicità sterile e fine a se stessa. Si ride amaro, spesso, per il messaggio celato da frasi all’apparenza guascone. Ennesimo personaggio indovinato.

Siska80 28/06/20 12:25 - 828 commenti

I gusti di Siska80

Bellissimo film di denuncia che si ispira a un fatto di cronaca coevo (il vigile Melone ebbe guai seri per aver multato un pezzo grosso), in cui Sordi è indiscusso mattatore nonostante l'imponente presenza scenica dell'ottimo De Sica e la bravura del cast di contorno. Non manca, ovviamente, l'elemento comico rappresentato dal protagonista, un disoccupato svogliato che riesce a ottenere un lavoro importante soltanto grazie a un colpo di fortuna. Finale che dà soddisfazione (a Otello, ma anche agli spettatori!).
MEMORABILE: Durante il processo la famiglia Celletti viene messa con le spalle al muro.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 27/03/14 14:25
    Consigliere massimo - 5285 interventi
    Curiosità riportata nella scheda di Wikipedia dedicata al film:

    "La pellicola si ispirava ad un fatto di cronaca accaduto nel luglio del 1959, e cioè all'episodio del vigile Ignazio Melone che si era permesso di multare per un sorpasso vietato il questore di Roma Carmelo Marzano (...). Quest'ultimo si era alquanto risentito (...) Ed esattamente come nel film, l'inflessibilità e il rigore morale del solerte vigile vennero poi smontati da poco edificanti scoperte sulla sua famiglia".

    http://it.wikipedia.org/wiki/Il_vigile