Il suo nome è Tsotsi

Media utenti
Titolo originale: Tsotsi
Anno: 2005
Genere: drammatico (colore)
Regia: Gavin Hood
Note: Vincitore dell'Oscar al miglior film straniero nel 2005. Basato sul romanzo omonimo di Athol Fugard.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/02/09 DAL BENEMERITO ELSUP
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Elsup 8/02/09 15:02 - 140 commenti

I gusti di Elsup

Ambientato in una baraccopoli sudafricana, il film narra del cambiamento che avviene nella vita di un giovane delinquente che, lasciate da parte le dolorose esperienze infantili che lo hanno fatto diventare quello che è, si redime. Passato quasi inosservato, risulta un'ottima pellicola.

Matalo! 6/10/11 01:38 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Non sfugge ad una certa sincerità e intensità questo film sudafricano che all'inizio temevo prendesse una piega alla Besson. In realtò le carinerie ruffiane che potevano esser prese tra il protagonista e il paffuto neonato svoltano velocemente in una cruda parabola di redenzione tra il ghetto e la ricca villa, confine marcato tra persone della stessa pelle ma con status enormemente diversi, paradosso assurdo ma reale. Convincente anche se a tratti un po' semplicistico (ma poco). Figure disegnate come paradigmi. Intenso finale nel "confine".
MEMORABILE: La restituzione del neonato.

Galbo 5/04/13 07:09 - 11594 commenti

I gusti di Galbo

Una storia di redenzione ambientata nella difficile realtà sociale del Sudafrica. Il criminale protagonista che cerca di prendersi cura di un neonato ritrovato in una macchina rubata è forse la rappresentazione di un piccolo lume di speranza in un contesto di degrado. Il regista tenta di evitare la retorica narrativa e ci riesce quasi sempre, affidandosi ad una sceneggiatura incisiva e per quanto possibile sobria. Un'ambientazione efficace e un'ottima interpretazione del cast per un film da rivalutare.

Pigro 1/06/13 10:46 - 8366 commenti

I gusti di Pigro

Tra gli slum sudafricani, intrisi di povertà e violenza, può nascere un fiore perfino dalla pianta peggiore, perché è solo una pianta che ha sofferto. Una storia semplice e edificante, o perlomeno di buoni sentimenti: piccolo delinquente ruba un’auto con dentro un neonato, su cui proietta la propria infanzia e di cui vuol diventare padre. Un confronto col proprio passato di dolore che porta drammaticamente a una rapida maturazione verso la responsabilità. Ben girato, ben recitato, ben ambientato. Tra azione e emozione, verso la redenzione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.