Il segno di Venere

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Nonostante la presenza nel cast di attori del calibro di Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Tina Pica, Peppino De Filippo e Raf Vallone, le protagoniste vere sono Sophia Loren e Franca Valeri. Soprattutto quest'ultima (coautrice anche della sceneggiatura) si pone come il centro di quasi ogni azione, concentrando su di sé le parti più importanti dell'intera vicenda. Nonostante ciò la sua Cesira esce sconfitta dalla pacifica lotta con la Loren, dimostrando quanto ancora nella società dell'epoca la presenza fisica per una donna fosse preponderante. Tuttavia l’insistere del regista Dino Risi sui due personaggi femminili toglie spazio al resto del cast, confinando attori solitamente usi a ruoli centrali in parti poco incisive: Vittorio De Sica...Leggi tutto ripropone il suo personaggio più tipico e cioè l'artista poeta morto di fame che campa ammaliando con la parola le sue prede. Peppino De Filippo è un fotografo timido ma orgoglioso, incapace di dichiararsi alla “fata bionda” e succubo di un Alberto Sordi invadente come non mai e deciso a rifilargli un’auto rubata. Indimenticabile il balletto che Sordi esegue in pista con la Valeri: ancora una volta dimostra di essere lui il futuro della commedia all'italiana. Mammone, sprezzante, maleducato, il suo personaggio entra di diritto nella galleria delle migliori caratterizzazioni dell’attore. IL SEGNO DI VENERE è forse film poco equilibrato, comunque godibile per l'estrema bravura dei protagonisti e l'innegabile capacità di Risi nel dipingere l'ambiente romano con tutte le sue contraddizioni.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 10/06/08 07:30 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Deliziosa commedia dai toni inconfodibilmente "targati" anni '50, diretta da un giovane ma già impeccabile Dino Risi. Il film si avvale di una brillante sceneggiatura (scritta da nomi illustri tra i quali Zavattini e Flaiano) tutta imperniata sul contrasto fisico e di caratteri tra le due protagoniste femminili e ricco di dialoghi arguti e divertenti. Belle prove di Franca Valeri e Alberto Sordi.

Matalo! 1/08/08 11:42 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Grande, malinconicissima, perdente Franca Valeri, la cui amarezza e fatica di vivere danno un taglio diverso ad una simpatica commedia minore di Risi, ricca di gustose battute. La Loren è bonissima e comunque capace. Il coro di attori che circondano le due è in stato di grazia. Immortale Sordi con la 1100, Peppino "obbiettivo vivente", De Sica scrittore arruffone e morto di fame. Solo Vallone resta un po' tronfio ma comunque ambiguo nell'usare la Valeri per beccarsi la cugina. Piccolo film ma oggi non si sa fare neanche questo.
MEMORABILE: "Sono l'obbiettivo vivente"; Sordi al ristorante, quando telefona a mamma e quando balla alla festa dei pittori ("Exibition!").

Stefania 6/01/10 17:37 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

C'è Roma tra dopoguerra e boom economico, con alcuni dei suoi personaggi esemplari, un po' gentiluomini, un po' cialtroni, tutti a modo loro avidi di vita, di allegria, di futuro. Cose che sembrano precluse a Cesira, segnata da un fisico sgraziato e da un carattere introverso. E non l'aiuta il confronto con la trionfante bellezza della cugina Agnese! Gran duetto tra primedonne in questo film che ha il sapore tutt'altro che buonista caratteristico della grande commedia all'italiana.

Caesars 22/11/10 09:19 - 2671 commenti

I gusti di Caesars

Un bel cast attoriale a servizio di un giovane Dino Risi. Ne esce un prodotto più che dignitoso, che a prima vista può sembrare mancante di originalità ma che ha un retrogusto amarognolo che non lascia del tutto indifferenti. Bravi tutti ma una segnalazione va a Sordi (attore che non amo particolarmente) che riesce a rendere assai bene il suo personaggio di truffatore/ladro/mammone. Tipica commedia anni '50 che si mangia in un sol boccone il 99% dei prodotti italici odierni.

B. Legnani 11/08/10 00:17 - 4688 commenti

I gusti di B. Legnani

Bella commedia in agrodolce, con un cast strepitoso che Risi dirige senza fronzoli, perché non ce ne è il minimo bisogno. Sordi (che fa una sorta di supercazzora!) e De Sica sono teatrali, ma sfruttano i loro tòpoi (il primo è in un ruolo di piccolo balordo). Strepitosa la Valeri, anche sceneggiatrice, ma tutti meriterebbero un cenno. Senza essere un capolavoro, è la testimonianza di come il cinema italiano dell’epoca sapesse sfornare film notevoli su temi apparentemente non originali. ***

Pigro 24/05/11 09:53 - 7728 commenti

I gusti di Pigro

Sublime Franca Valeri nel dar vita a una bruttina quasi stagionata, sfortunata con gli uomini che corrono sempre dietro a qualcun'altra, a cominciare dalla cugina (e che cugina: la Loren!). Le sue battute fulminanti e la sua interpretazione straniata di fallita che sa sempre incassare il colpo, sono il perno di un ottimo film su cui convergono bravi comprimari (su tutti, Sordi in una caratterizzazione al bacio). Il tutto immerso egregiamente in una Roma che fonde il grande slancio del boom con l'eterna arte d'arrangiarsi. Piacevolissimo.

Rambo90 15/01/12 16:47 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Una bellissima commedia malinconica, dove Risi mescola abilmente situazioni amare a risate grasse. La Valeri è bravissima, è lei la vera protagonista del film, perché la Loren è del tutto esornativa e serve più come spalla. Da contorno non vanno dimenticate però le grandi caratterizzazioni di De Sica poeta affabulatore, Sordi ladro e mammone, Peppino "obiettivo vivente" e i battibecchi fra Tina Pica e Virgilio Riento. Un piccolo gioiello della commedia italiana.
MEMORABILE: "In cucina comando io e urlo io!"

Roger 26/02/12 15:34 - 143 commenti

I gusti di Roger

Un giovane ma già pungente Risi per un film divertentissimo ma anche amaro. La bruttezza come peccato imperdonabile (vedasi la Valeri e De Filippo) e la bellezza che muove tutto e a cui si perdona tutto (la Loren e Vallone saranno i soli a "combinare il guaio", eppure verranno festeggiati e benedetti con un matrimonio riparatore). Bravo Sordi, ma grandiosa é la Valeri nel dissimulare le delusioni, frustrazioni e invidie quotidiane.
MEMORABILE: La Loren che diventa subito il centro del festino, mantre il suo accompagnatore De Filippo finisce a preparare panini...

Graf 26/04/12 02:45 - 684 commenti

I gusti di Graf

Primo grande film di Risi e prova generale della commedia all’italiana. Il neorealismo degli affollati condomini cittadini, delle vespe, delle automobili 1400 di cilindrata, dei nuovi balli giovanili, delle osterie romane, delle Case del Passeggero, dei fotoromanzi, dei bus strapieni, dei personaggi presi dal vivo, si fa autorevole materia per una commedia di costume e si pone come controcanto alla storia del destino crudele di Cesira, la dattilografa bruttina, che non riesce mai a trovare marito. Straordinaria parata di stelle. Un film da leccarsi i baffi.
MEMORABILE: La strepitosa bellezza di Sophia Loren, l'accorata bravura di Franca Valeri, il truffatore e scocciatore Sordi, l'irresistibile brontolona Tina Pica...

Daniela 1/12/12 12:35 - 9201 commenti

I gusti di Daniela

Cesira è una modesta dattilografa con molti sogni in testa: vive presso gli zii, insieme ad una cugina molto più avvenente, che finisce per attirare l'attenzione di tutti gli uomini, compreso un vigile del fuoco su cui invece l'altra aveva fatto un pensierino... Commedia amarognola con un cast eccezionale, anche nei ruoli minori (Sordi impagabile), ma che si appoggia quasi interamente sulle spalle di Valeri: è grazie a lei se questa "preziosa ridicola" conserva - al di là delle invidie, le piccinerie, gli incongrui snobbismi - uno spessore umano che la rende credibile, in fondo commovente.
MEMORABILE: Nella sequenza finale, la corsa verso il tram, lo sguardo perduto al di là del finestrino

Furetto60 9/09/13 14:47 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Triste ritratto sui condizionamenti che la società, tramite la famiglia, i colleghi, gli amici e le conoscenze estemporanee, impone alle donne, destinate ad avere le porte aperte se belle e compiacenti, viceversa costrette a una vita squallida se poco attraenti. L’opera è nel complesso drammatica e risente del ruolo affidato a Sordi che, pur simpatico, riduce a improbabile macchietta il suo personaggio, rendendolo stridente con gli altri interpreti e togliendo equilibrio all'insieme. Sottolinerei le prove della Valeri e della Loren.
MEMORABILE: La casa del passeggero; L’eccezionale veduta di viale Libia; Sordi balla con la Valeri: uno spettacolo!

Fafo1970 15/01/14 10:02 - 30 commenti

I gusti di Fafo1970

Commedia godibilissima e pungente con un cast stellare, che si regge in gran parte sulla verve di Sordi e sulla straordinaria interpretazione di Franca Valeri, sconfitta e delusa in amore perché gli uomini le preferiscono la procace cugina interpretata dalla Loren. Tutti sono perfettamente in parte e si intravede uno spartiacque tra neorealismo e commedia.

Rigoletto 24/01/14 17:48 - 1497 commenti

I gusti di Rigoletto

Davvero una bella commedia: semplice, sciocchina ma godibilissima, con una Valeri sugli scudi attorniata da un cast grandioso; fra i tanti scelgo De Sica, una prova eccellente in un ruolo da furbetto facile da smascherare. Bravi anche Sordi e la Pica, mentre sottotono appare la Loren. Un film, comunque, la cui visione non spiace davvero. ***

Gabrius79 21/02/14 00:47 - 1186 commenti

I gusti di Gabrius79

Buona commedia diretta da Dino Risi condita da sorrisi e sentimenti e da uno stuolo di istrioni del nostro cinema. Certo il risultato (considerando il grande cast) poteva essere migliore, ma si assiste a una serie di momenti godibilissimi dove spiccano per bravura Franca Valeri e Vittorio De Sica. La Loren è bellissima e se la cava piuttosto bene. Sordi e De Filippo in forma.

Lythops 22/11/14 20:04 - 972 commenti

I gusti di Lythops

L'inizio è assolutamente insopportabile, con gli attori prigionieri dei loro ruoli di sempre e, almeno per me avvezzo alle apparizioni televisive degli stessi nei varietà domenicali che vedevo da bambino in tv, difficilmente digeribili. Col tempo (cinematografico) si possono individuare quei tratti di sana psicologia che saranno un segno di distinzione del cinema di Risi. Si tratta di un film però eccessivamente costruito sugli attori, che lavorano su misura per un pubblico di aficionados.

Il Dandi 11/04/18 14:47 - 1744 commenti

I gusti di Il Dandi

Tutti gli uomini su cui la povera Cesira posa gli occhi le voltano le spalle preferendole un'altra (a partire dalla bella cugina Sophia Loren). Risi si destreggia tra la farsa e il realismo poetico, facendo danzare una galleria di personaggi di provata riuscita (l'impacciato Peppino, Vallone forte e gagliardo, Sordi coatto e fanfarone, De Sica poeta spiantato, la Loren straripante e popolaresca) attorno alla vera protagonista, un'impagabile Franca Valeri che sembra quasi l'omologo femminile del timido Marty di Ernest Borgnine. Commedia garbata.
MEMORABILE: I ripetuti tentativi di Sordi di vendere a Peppino un'automobile (evidentemente rubata) accampando scuse per evitare il passaggio di proprietà.

Rufus68 15/07/18 21:30 - 3049 commenti

I gusti di Rufus68

Risi dimostra già il proprio spessore organizzando una commedia agrodolce dove i toni comici più evidenti (e forse voluti dalla produzione) convivono con una visione esistenziale spietata. I protagonisti maschili, cialtroni mammoni e traditori, danno risalto alla malinconica parabola di Cesira, né brutta né bella e troppo candida e intelligente per la meschinità del mondo. Bravissima la Valeri, ovviamente notevole il cast a supporto. C'è anche la Loren.

Modo 17/09/19 12:38 - 820 commenti

I gusti di Modo

Commedia graziosa che nella sua semplicità e malinconia ci regala momenti di grande spessore, avallata da un cast strepitoso. Tutto il film gira intorno alle diversità delle due cugine, una attraente e l'altra bruttina e perdente, che si vede sfuggire tutti gli uomini rimanendo zittella. La Valeri è impareggiabile mentre la Loren assolve il compito senza sbavature. Non dimentichiamoci le parti di un Sordi in palla e soprattutto di un istrionico De Sica. Per essere all'inizio di carriera Risi mostra già tutta la sua grandezza.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 11/06/08 21:30
    Segretario - 4678 interventi
    di questo film, nonostante sia datato, ho apprezzato il fatto che il personaggio della Loren si stato tratteggiato positivamente, ovvero che non ci sia il contrasto netto tra le due cugine, mentre tutto il resto è molto anni 50, compresa la moraletta ipocrita per la serie la donna ci sta ma non lo da a vadere) con matrimonio riparatore incorporato ( e anche Vallone non ci fa una bella figura, Risi touch per eccellenza)
  • Homevideo Homesick • 21/01/10 19:22
    Capo scrivano - 1382 interventi
    Dal 17 febbraio in dvd per 01 Distribution.
  • Musiche Samuel1979 • 1/12/12 09:51
    Call center Davinotti - 2925 interventi
    In una sequenza la Loren intona il brano " Aveva un bavero" (1954, Panzeri - Ripa) .
  • Curiosità Roger • 8/03/15 22:34
    Call center Davinotti - 2794 interventi
    Come ottimizzare i costi di produzione di un film: l'auto che Romolo (Sordi) cerca di piazzare...



    ...è la stessa che porta la sposa davanti alla chiesa (la targa, come facilmente si legge, è la stessa):