Il processo ai Chicago 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/10/20 DAL BENEMERITO MAGI94
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magi94 6/10/20 00:00 - 689 commenti

I gusti di Magi94

Con la scusa di infilarsi nella politica d'oggi Soskin si prende la "libertà artistica" di riscrivere la storia a suo piacimento: i protagonisti del processo di Chicago, tutti "pulitissimi" anche quando negli estroversi vestiti hippie parlano, ragionano e fanno comizi come se vivessero nel 2020. Le loro stesse motivazioni sono prese e ribaltate: non un riferimento all'antiamericanismo, non uno ai vietcong, ma un elegante discorso un po' melò che parte ribelle e finisce nella retorica nazionale liberal, incarnata dal personaggio di Schultz. Si salva per la buona narrazione.
MEMORABILE: In negativo, uno stereotipato Abbie Hoffman che arriva a dichiarare le istituzioni americane "meravigliose".

Galbo 17/10/20 16:36 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Aron Sorkin dirige una pellicola sul processo che si svolse a Chicago dopo le contestazioni alla convention democratica del 1968. Un’opera al tempo stesso informativa e avvincente e che si avvale di una sceneggiatura molto ben scritta (dello stesso regista) e di un’ottima ricostruzione ambientale, con sequenze coinvolgenti (la ricostruzione degli scontri tra manifestanti e polizia) e una prova eccellente di un cast corale nel quale si segnalano gli ottimi Frank Langella e Mark Rylance.  

Rambo90 19/10/20 16:41 - 6398 commenti

I gusti di Rambo90

Un film effettivamente potente nella sua carica narrativa. Ben diretto, dal giusto ritmo e con una sceneggiatura capace di raccontare i fatti coinvolgendo emotivamente e storicamente lo spettatore. Ogni personaggio, dal più grande al più piccolo, ha la sua dignità narrativa ed è ben abbozzato. Buona la ricostruzione d'epoca e grande lavoro da parte del ricco cast, in cui spiccano Langella, Rylance e Keaton (in un ruolo breve ma che lascia il segno, anche per importanza negli snodi della trama). Da vedere.

Josephtura 23/10/20 12:50 - 153 commenti

I gusti di Josephtura

Confrontato alla realtà dei fatti e ancora di più dei veri protagonisti, il film perde di valore. Come ad esempio Terra e libertà. La storia è però l'incipit per una politicamente scorretta apologia della sinistra americana, tra figli dei fiori e riformisti. Molto valida la sceneggiatura, perfidamente ironica, ben costruite le parti fuori campo di Hoffman e coinvolgente la parte finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 17/10/20 14:19
    Gran Burattinaio - 3764 interventi
    Prodotto e distribuito da Netflix